martedì 6 agosto 2013

I nuovi gusti trend del gelato 2013: pesca, fico, fior d'arancio, latte di mandorla e...

Come di consuetudine ogni anno eccoci al nostro post dedicato al gelato, il vero street food dell'estate, in tempo di crisi si rinuncia ad entrare in un bar o in un ristorante, ma nessuno rinuncia a un cono di gelato. 

Vediamo aprire tanti punti vendita di gelati un po' ovunque tanto che fare gelati sembra divenuta una delle attività più renumerative, il costo medio va dai 20 ai 25 euro al kg, le coppe o i coni, si fa fatica in alcune città a trovarli a due euro spesso si parte da 2,50 per due gusti. Tutto gelato di qualità?

L'apertura di tante nuove gelaterie artigianali ha fatto venire a galla molte perplessità sull'artigianalità del gelato e la qualità, anche perché i punti vendita vengono forniti di prodotti già pronti preparati altrove o semilavorati a livello industriale che poco si coniuga con la ricerca di un gelato artigianale, spesso si tratta di un gelato industriale o rifinito con ultima lavorazione nel punto vendita, parlare di gelato artigianale è molto discutibile.


Lo dico perché questo ha anche portato a una omologazione del gusto, nonostante le diverse scritte sul gusto ma il sapore rimane identico, sembrano tutti uguali. 
La qualità degli ingredienti non sembra molto interessare, sono fatti con latte in polvere o latte fresco? Lista ingredienti sempre difficile da trovare nei punti vendita, sui gusti per esempio predomina la fantasia,  facciamo un esempio, pistacchio di Bronte, pistacchio di Sicilia, pistacchio Orientale, pistacchio Turco, pistacchio Iraniano ma il maggior produttore di pistacchio sono gli Stati Uniti e casualmente l'Europa è uno dei maggiori importatori, delle preparazioni al pistacchio per gelato, ma non sarà allora tutto pistacchio americano?
Qualcuno ci può certificare che le comunicazioni siano veritiere.

Scusate la mia polemica ma vorrei più trasparenza negli ingredienti dei gelati e anche dei gusti, visto anche il prezzo, non bastano i poster con la scritta lampone dell'azienda Bonga Bunga della provincia di Mondovì, esporti gelato in tutto il mondo e ci si chiede ma quanto sarà grande l'azienda?  Ma come fai a dirti naturale con quel colore fucsia di lampone che di naturale non ha nulla? Produci lampone in tutte le stagioni dell'anno, ti crescono anche sotto la neve, ma che varietà di lamponi sono?

Giusto per fare capire che noi consumatori non siamo tanto oche, scusate la digressione.

Veniamo invece alle tendenze dei gusti, che vede la ri - scoperta dei gusti di frutta a noi più noti e conosciuti, si prendono le distanze dai gusti più esotici e lontani dalla filosofia verde e dal km zero ma anche qualche esempio per prendere spunto per fare un gelato a casa che sarà sempre il migliore di tutti.


1) Pesca
I gusti alla frutta sono tanti e ogni tanto c'è un gusto che va più degli altri, la pesca è il frutto dell'estate per antonomasia, quest'anno sembra catturare l'attenzione più del solito, il gusto pesca, anche nella versione pesca noce, pesca bianca, pesca gialla, pesca vigna (un varietà di pesca) come L'Angelys, molte gli abbinamenti come pesca e gelsomino (Alperel), pesca e foglie di menta, pesca melba (pesca e lampone), i nostri cari amici dell'azienda Albero dei Gelati hanno invece proposta il gusto pesca bio con lambrusco biodinamico (il mio preferito), il meno interessante Grom propone pesca ed amaretti con pezzi di cioccolato, il parigino La Tropicale Glacier propone l'abbinamento di gusto pesca e campari.
Interessanti anche le versioni sorbetto di Baci sotto zero (piazzale Siena 18, Milano )e Il gelato ecologico (via Ravizza 5, Milano) .


2) Fico
Riscoperta dei gusto del fico, perchè rappresenta l'Agosto e il Settembre con il suo gusto molto dolce e marcato, qualche esempio : Le botteghe di Leonardo a Milano, interessante anche la versione di Amorino Mascarpone e fico

3) Latte di mandorla
Si, non tanto il latte di mandorla ma le mandorle messe a macerare nel latte, sicuramente una proposta interessante, in particolar modo se abbinato a un sorbetto ai frutti di bosco come il lampone, tra le proposte più intererssanti: Alperel, Raimo, Berthillon

4) Fior d'arancio
Il gusto dell'arancio rispetto al limone non trova molti estimatori, mentre il sapore più delicato e dolce del fior d'arancio cattura i consumatori più raffinati e in particolare i francesi e i consumatori di gelati medio orientali, viene proposta dalla nuova gelateria italiana a Parigi Mary Gelateria, mentre La tropicale glacier propone fior d'arancio e pistacchio.


5) Mandarino
Incide molto la stagionalità, cosi molti utilizzano il succo surgelato oppure lo si trova solo fino a primavera, segnalo la versione sorbetto de La tropicale glacier ha proposto il mandarino in più declinazioni, mandarino e pepe di Timut, mandarino e zenzero, mandarino e rum.

6) Il sapore dei dolci in gelato: Tarte Tatin, Tarte au citron, Paris Brest, Saint Honorè, Tiramisù
Si moltiplicano i gelato al sapore di un dolce, dalla torta di mele al tiramisù, ha iniziato la celebre pasticceria di Parigi di Pierre Conticini La Patisserie des reves, con gelato Paris Brest, Saint-Honorè poi quelli del Magnum con gelato alla torta di mele e tiramisù, tutte le declinazioni saranno possibile, tutto si fa gelato in qualche modo, sembra essere questo il messaggio.Altri esempi: pane  e nutella, dulche de leche, riso e vaniglia della La Gelateria della Musica.


7) Erbe aromatiche: fiore di timo, rosmarino, verbena
Profumo delle erbe nel gelato, per esempio l'azienda Alperel che seguo da diversi anni propone fiori timo, kiwi fiore di cactus, lampone e basilico, pesca gelsomino, miele e lavanda, oppure anche la verbena di L'Angelys.

8) I più originali da Glaze Glazed: Rehab, Bohemian Raspberry, Skimo e Blue Colette Edition
Ve lo ricordate Glace Glazed il fantasmino gelato? Ne ho parlato lo scorso anno, hanno colpito nel segno anche quest'anno accanto alle novità dello scorso anno (Vaniglia del Madagascar e semi di canapa, Arancia e aceto balsamico, Cioccolato wasabi e zenzero), Rehab (sorbetto all barbabietola, mela, finocchio, rum e zenzero), Bohemian Raspberry (lampone e sommacco), Skimo (absinto, mango e shiso) e Blue colette con latticello e klamath un alga, la novità sia per uso del latticello che dell'alga per il gelato.

9) Glaces Pierre Geronimi: Limone nero dell'Iran, Torrone erotico, sapore dimenticato della Violetta, Fragola extatica
L'universo del mondo dei gelati è composto da tanti artigiani, tutti con una proprio tecnica speciale, uno di questi è Pierre Geronimi che si trova in Corsica nel villaggio di Sagone, chiamato anche il tecnico del Sorbetto, il suo sorbetto più famoso pesca e verbena, se capitate in Corsica non perdetevelo.


10) Gelato Cailler
Una notizia invece di carattere locale, il cantone Ticino è un posto piccolo piccolo, la famosa fabbrica di gelato Cailler ha trasformato le sue tavolette in gelato, con la marca Frisco, della famosa serie che tutto può diventare gelato, il risultato è cosi cosi, ma anche meno meno, ma è unica notizia locale che posso dare!

PS: sono in vacanza e mi devo connettere con la chiavetta che va'  a corrente alternata ricambierò le visite e rispondo alle domande al mio ritorno a casa, faccio quel che posso da qui ma è dura, per caricare una pagina mi ci mette 30 minuti.

Post Correlati:



36 commenti:

  1. Mamma mia, che post! Io stravedo per il gelato, persino d'inverno, quindi figurati! Ma è anche vero che le gelaterie 'buone' e artigianali sono veramente pochissime.. spesso tante gelaterie usano polveri e preparati e mi dispiace dirlo: la differenza si sente eccome, dato che tutti gusti paiono avere lo 'stesso sapore base'.. però conosco l'Albero dei Gelati e lo trovo magnifico!! :D Così come una gelateria qui a Solaro.. la migliore della zona, perchè usa ingredienti biologici e di qualità.. e il sapore è eccezionale!! Un abbraccio forte forte e quel gelatino alla pesca e lambrusco mi sa che lo assaggerò ;))

    RispondiElimina
  2. Ciao Günther, sei volenteroso a scrivere in vacanza!
    Interessante passerella di gelati, dovrò tenere a mente quello in Corsica per le prox vacanze.
    Il gelato buono si trova, ma bisogna scremare... non vorrei citare il già (a te) noto Cesare che non gli manca niente. Ma confesso che il gelato più buono della mia vita, oso, è stato quello che ho mangiato sull'isola di Salina (Eolie). Avevano solo 4 gusti, ne ho assaggiati 2: pesca e nocciola, indimenticabile. Infatti è passato un quarto di secolo!
    Buone ferie!

    RispondiElimina
  3. Ciao Günther,
    Anche a Milano negli ultimi anni c'è stato un boom di aperture di nuove gelaterie. Secondo me perché è un'attività che se ben avviata puó essere ad elevata redditività: le materie prime non costano molto, le apparecchiature non sono molte e anche la tecnica da imparare non è complicata. Ovviamente poi se questo lo paragoniamo ad una pasticceria artigianale...
    Comunque se si cerca, ci sono anche degli ottimi gelatai!

    RispondiElimina
  4. Adoro il gelato.. spesso si vedono delle splendide vasche di gelati ma poi il gusto non rispecchia affatto la presentazione.
    Io da quando ho l'accessorio gelatiera del mio robot li preparo sovente in casa, pochi ingredienti che ti fanno percepire il vero gusto del gelato che scegli di preparare e mangiare!buona vacanza

    RispondiElimina
  5. Mi trovi perfettamente d'accordo: hanno tutti lo stesso sapore salvo poche eccezioni!
    Da quando ho iniziato a farmelo da me, nonostante io non abbia una gelatiera, in quanto a sapore non c'è paragone.
    Goditi le meritate vacanze tanto noi non scappiamo mica ;)

    RispondiElimina
  6. personalmente se voglio un vero gelato artigianale so dove andare, latte vero, frutta vera e tutto a 2 euro. Il resto per me è pubblicità ingannevole....Ciao e buone vacanze...

    RispondiElimina
  7. Grazie per il magnifico post!!!! Felici vacanze

    RispondiElimina
  8. Carissimo, come al solito un post molto interessante, nuovi gusti e vecchi alla ribalta, hai ragione. Quest'anno la nutrizionista mi ha tolto il gelato e quindi soffro un po'. Ma come ti scrissi l'anno scorso non scorderò mai un gelato mangiato in Puglia l'anno scorso. Sapeva realmente dei gusti indicati. Se in vacanza troverò una gelateria che mi ispira, assaggerò un gelato, magari con dei gusti nuovi. Un saluto

    RispondiElimina
  9. my favourite i love ice cream and gelato.

    RispondiElimina
  10. Sempre preziosissimi i tuoi post, Günther. Anche dalle mie parti è un continuo fiorire di nuove gelaterie che sinceramente non ho ancora visitato. C'è poco da fare: materie prime biologiche e di qualità danno vita al vero gelato!
    Un caro saluto e buone vacanze!

    RispondiElimina
  11. anche qui abbiamo tantissime varietà di gusti :) l'ultimo che ho provato è stato caipiroska alla fragola... :P

    RispondiElimina
  12. Il gelato è davvero l'unico dolce (insieme al cioccolato) alla cui tentazione non resisto. Il solo motivo per cui evito l'acquisto della gelatiera è che rischierei di farne indigestione! Però sono molto diffidente nei confronto delle gelaterie cosiddette "artigianali", spuntate negli ultimi anni come funghi. Soprattutto non prenderei mai un gelato in quelle gelaterie in cui le vaschette sono in bella mostra in vetrina stracolme 30cm al di fuori del frezer. Sarei contenta se mi spiegassero cosa c'è di naturale e artigianale in un gelato che regge a T ambiente senza liquefarsi. Per quanto curiosa di provare qualcuno dei gusti che hai nominato, difficilmente tradirei la mia gelateria di fiducia, piccina piccina, con un ristretto assortimento ma sapore vero :) Buone vacanze e a presto ^__^

    RispondiElimina
  13. ahahahaha...uno spasso questo post Gunther...anch'io penso che i gelati ARTIGIANALI siano davvero un miraggio ormai..sarebbe meglio attrezzarsi con la gelatiera ed arrangiarsi come per tante altre cose (mi manca ma mi sa che provvedo!) ...io sono abbastanza tradizionale però con i gusti..certe stranezze non mi fanno nessuna voglia....Buone vacanze Gunther, anche noi partiamo fine settimana e non so se riuscirò a connettermi...ci leggiamo a fine agosto!! CIAO! Roberta ;-)

    RispondiElimina
  14. ho presente quell'azienda e quei gelati che dicono di essere così naturali...assaggiati...il peggior gelato...io per salvare l'artigianale ora me li faccio sempre da sola...quasi tutte le sere :D
    buone vacanze

    RispondiElimina
  15. Ne prendo uno scoop di ognuno, adoro i gelati, poi con questo caldo...!!!

    www.hungrycaramella.blogspot.com

    RispondiElimina
  16. Wow...mi hai fatto venire proprio voglia di un bel gelato :) anche se io continuo a fare il tifo per i soliti gusti classici

    RispondiElimina
  17. Con questo grande caldo i gelati/sorbetti a base di frutta nn mi dispiacciono, mentre quelli al "sapore" di dolce di mele o tarte tatin, ecc. nn mi attirano proprio. Comunque mi pare che il gelato sia un po in decadenza nella mia famiglia, nn e' molto richiesto. Pensa, questa estate nn mi e' riuscito fare il gelato una sola volta....che periodaccio che sto passando!
    E per quanto riguarda le gelaterie artigianali...bisogna stare con gli occhi ben aperti, a volte mi domando se vengono attuate tutte le norme igieniche !
    P.s. ho visto fare dei tortellini artigianali in un negozio di alimentari.......da brivido !

    RispondiElimina
  18. sono monotona lo so ... menta stracciatellata e melone ormai da 10 anni ... le gelaterie sarebbero rovinate con me. Fa sempre piacere seguirti carissimo e buona estate

    RispondiElimina
  19. adoro i gelati alla frutta e preferibilmente, tempo permettendo, li faccio in casa... so cosa ci metto e sono anche più light... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  20. D'estate frequento una gelateria artigianale che fa delle coppe stratosferiche! Un gelato alla settimana...non me lo toglie nessuno!!
    E poi, un "péché mignon"...che sarà mai! :D (Anche mio figlio è ad Amsterdam!!)

    RispondiElimina
  21. adoro leggere le nuove tendenze sui gelati più che quelle sul pret a porter
    mi piace il cappello che hai fatto all'articolo
    intelligente e ironico

    buone vacanze caro Gunther

    RispondiElimina
  22. qui a Trieste abbiamo delle buone gelaterie artigianali e non manco di mangiare spesso qualche coppetta in barba alla dieta!Scelgo però dei gusti classici...Buona estate Gunther !

    RispondiElimina
  23. Prendo sempre spunto per i miei sorbetti dalle tue novità ! Grazie e buone vacanze !!!

    RispondiElimina
  24. Grazie per questo post "rinfrescante" e buone vacanze! :-)

    RispondiElimina
  25. Gli ultimi gusti della gelateria artigianale che frequento: Gelato al panforte, alla crema nobile al cioccolato piccante,al ginger e stracciatella...gusti nuovi ma che fanno lievitare il prezzo,buoni ma cari.
    Buone vacanze!

    RispondiElimina
  26. Ottime riflessioni sull'origine degli ingredienti Gunther!!!!
    E poi non sapevo che il mio paese (Mondovì) fosse diventato provincia! :D :D
    Cmq, a proposito di coloranti, pensavo a cosa mi era stata detta da un insegnante del settore alimentare riguardo l'uso di coloranti naturali e artificiali nel gelato di fragola e lampone. Il problema stava nel pH, che rendeva il colorante rosa e viola in base al suo valore acido o basico...quindi ti potevi trovare il gelato alla fragola viola!!!
    Allora il colorante naturale in questione fu sostituito con quello artificiale.
    W il gelato artigianale senza coloranti, in ogni caso!
    E poi quei gelati industriali carichi di grassi e zuccheri che ti mettono solo sete! Che odio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Sam, ma guarda caso sei di Mondovì, chi l'avrebbe mai detto!

      Ovviamente l'azienda bunga bonga della provincia di mondovi era un esempio di un nome di fantasia, qualsiasi riferimento con circostanze e fatti reali è del tutto casuale, ogni lettore trova il riferimento che vuole.

      Indipendentemente se artificiale e naturale il colorante è colorante e l'azienda famosa in questione dichiara di non usare coloranti e additivi sia naturali che artificiali, lo dicono loro, sottolineandolo molto!

      Non è solo il lampone, hai mai visto il colore del loro pistacchio? E dell'albicocca? Certi loro gusti hanno dei colori che tutto sono che tranne naturali, magari fosse solo il fucsia del lampone!!

      l'altro giorno sono passato a Bressanone dove il galataio vero artigiano mi ha dato il gelato al lampone era di un rosso delicato un po' sbiadito, non c'era colorante ma quanti consumatori lo capiscono?

      Elimina
  27. Andare in una gelateria e scoprire nuovi gusti è per una veria passione, l'ultimo gusto che ho provato è il gelato alla chesse cake alle ciliege ed era ottimo . grazie per le tue dettagliate info. Buona giornata Daniela

    RispondiElimina
  28. ma li hai assaggiati tutti i gelati di cui parli!?!?!? ;)))) Post molto interessante, soprattutto sulla presunta artigianalità dei gelati. Ti confermo per esperienza che si usano dei preparati, magari con un po' di latte e panna... uova non credo. Goditi le vacanze e non preoccuparti di rispondere, tanto fra un po' si torna alla routina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutti tutti no, a dire il vero, ma un buon 90% si, nessuno segreto vado alle degustazioni durante le fiere del settore e quindi sono agevolato nello scrivere ma a volte capita anche di fare n viaggio per provare qualcosa di nuovo se interessante, sono solo un po' matto

      Elimina
  29. Caspita quanti gusti, preferisco gelaterie meno assortite ma realmente artigianali!! Ho la gelatiera e quando posso il gelato lo preparo in casa, ho acquistato anche la centrifuga grande aiuto per preparare ghiaccioli e sorbetti davvero naturali!!!
    Un abbraccio, a presto!!!

    RispondiElimina
  30. Hai proprio ragione, sulla definizione di artigianale ci sarebbe da discutere un sacco. Bellissimo post come sempre. Un bacione e buone vacanze!!

    RispondiElimina
  31. Mancavo da tanto. Con te su tutta la linea soprattutto sull'omologazione dei sapori tramite i semilavorati che oggi credo tocchino una vastissima percentuale delle gelaterie cosiddette artigianali.

    Riflettevo inoltre sul fatto che ancora non ho conosciuto gelaterie che facciano il gelato Fresco vale a dire senza l'uso del pastorizzatore ma solo del mantecatore.

    Sarebbe molto interessante approfondire questa cosa poichè il pastorizzatore ha chiaramente la funzione di allungare vita al prodotto e renderlo senza dubbio più cremoso nel tempo. Ma...domanda di chi conosce solo superficialmente il mestiere del gelataio e vuole capirne di più: a che serve se lo fai in giornata o addirittura più volte al giorno?

    Un saluto!

    RispondiElimina
  32. Che bello rientrare qui dopo tanto e vedere che questo blog ha sempre dei contenuti fantastici.

    Sull'omologazione del gusto sono con te su tutta la linea. La grande qualità del gelato artigianale italiano dovrebbe essere protetta dall'uso dei mix e preparati, ma credo che facendo così l'80% delle gelaterie non potrebbero più mettere l'agognata scritta "artigianale" sulla propria insegna.

    Per quanto riguarda invece la produzione ti chiedo se per caso esiste ancora qualche gelateria che fa il gelato "Fresco", vale a dire senza l'uso del pastorizzatore per fare le basi ma solo lavorando l'impasto con il mantecatore che miscela e da ariosità e niente di più (mentre il pastorizzatore dovrebbe allungare la scadenza e anche migliorare la cremosità).

    Sarebbe interessante approfondire questa cosa! :)

    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai perfettamente ragione questi che fanno cosi sono pochissimi ne conosco solo uno a milano, una piccola gelateria in piazza piola un autentico gelataio di vecchia generazione una mosca bianca.

      quella che mi dai è un ottimo spunto tecnico, ma non tutti i gelatai ci danno le informazione già è difficile avere gli ingredienti, immagina il dichiarare la lavorazione

      sarebbe corretto fare la differenza in base alla lavorazione, ricordo di averne parlato qualche anno fà della differenza della lavorazione ma vediamo se l'anno prossimo si può fare qualcosa, conto anche sulla tua collaborazione?

      Elimina
  33. Se posso esserti d'aiuto lo farò molto volentieri.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi