lunedì 23 novembre 2020

Domande e risposte sui Vaccini Covid 19


Quando si potrà essere vaccinati?

Difficile da dire, secondo le dichiarazione del Ministro Italiano della Salute Speranza (mai nome fu più appropriato), le prime dosi dovrebbero arrivare in Italia a fine Gennaio 2021, circa un milione che su una popolazione di 60.000.000 è pochissimo, più verosimilmente entro Giugno 2021 per tutte le persone più a rischio.

Chi approva i vaccini?

Per quanto riguarda l'Europa è l'Ema cioè Agenzia Europea per i Medicinali

Per quanto riguarda gli Usa è la FDA cioè la Food and Drug Administration 

E' possibile che la maggior parte dei produttori di vaccini COVID-19 inizialmente non richiederà la normale approvazione, che in genere richiede sei o più mesi di studio di follow-up. Al contrario, probabilmente si richiederà un'autorizzazione all'uso di emergenza che consente di rilasciare nuovi farmaci e vaccini durante un'emergenza sanitaria. 

Sono tre le fasi dello studio del vaccino

Fase 1 : Studio del Virus

Fase 2: Test in laboratorio e su animali

Fase 3: Test sulle persone 

- Fase 3a su una decina di volontari adulti e sani

- Fase 3b su centinaia di volontari per diverse fasce d'età, etnia, e patologie pregresse.

- Fase 3c su migliaia di volontari per valutare effetti indesiderati o collaterali.

Sono state scelte scorciatoie per questi vaccini?

La sequenza genetica del virus era gia nota a fine gennaio, in particolare per sviluppare la tecnologia dei vaccini Pfizer e Moderna che si basa su  metodo mRNA , grazie alle nuove tecnologie sviluppate negli ultimi anni si è potuto accelerare il lavoro .

Io penso che a questa domanda dovrebbero rispondere le aziende, che non hanno una grande tradizione alla trasparenza e alla comunicazione. 

La pubblicazione dei dati sugli studi dei vaccini dovrebbe essere fatto a prescindere perchè il Coronavirus Sars Cov 2 riguarda non solo la politica e l'economia, tutta la comunità scientifica e tutti i cittadini.


Se mi vaccino vuole dire che non posso essere infettato?

No, chi farà la vaccinazione vuole dire che ha meno probabilità che si ammali e quindi la necessità di ricorrere ad ospedalizzazione. 

Ciò significa che le persone vaccinate non sono necessariamente immuni all'infezione; ma è più probabile che sperimentino meno sintomi e non si ammalano come quelli che non sono vaccinati.

Solo vaccinando milioni di persone e monitorando come reagiscono i loro sistemi immunitari, gli esperti avranno una migliore conoscenza di ciò che serve per estinguere il COVID-19 o almeno renderlo molto più difficile da diffondere. 

In sintesi il vaccino è uno strumento in più per combattere il COVID-19. 

I vaccini sono tutti uguali?

No,  le aziende applicano diversi metodi e tecnologie. 

Moderna e Pfizer utilizzano la tecnologia mRNA basata sul codice genetico del virus pandemico. 

Mentre il Vaccino della Johnson & Johnson/Janssen, è basato su un adenovirus umano, nel quale è stato innestato un gene in grado di indurre alcune cellule del corpo umano a produrre delle copie della proteina spike, la principale arma del coronavirus. Tale meccanismo dovrebbe indurre il sistema immunitario a riconoscere questa minaccia e a sviluppare delle opportune difese contro il virus del Sars-CoV-2 .

Novavax della partnership Sanofi/GlaxoSmithKline, il vaccino introduce proteine dal virus stesso per innescare una risposta immunitaria.


Dove si potrà essere vaccinati?

Al momento non è dato sapere, ogni paese si doterà di una propria organizzazione, il Ministro della Salute dell'Italia On, Speranza comunicherà presto un piano vaccini.

Si può dedurre che all'inizio è possibile in particolare per il vaccino Pfizer visto che deve avere una conservazione di -75, solo in strutture ospedaliere di un certo livello in modo di garantire la catena del freddo. Man mano che si procederà con l'arrivo di altri vaccini di altre aziende che non necessitano di una catena del freddo si potrà presumibilmente estendere ad ambulatori, medici di base e non è escluso farmacie, che hanno una rete più capillare sul territorio.  

Potrò scegliere quale vaccino fare?

No, al momento questa possibilità è esclusa a meno che non si rendano i vaccini vendibili in farmacia e quindi a scelta dell'acquirente o in base alla disponibilità.

La tendenza è quella di non dare alle persone la possibilità di scelta. Dovuta anche al fatto che non c'è un offerta di vaccino Covid 19 in grado di accogliere tutte le richieste, bisognerà considerarsi fortunati a prescindere dal tipo di vaccino e fabbricante.

Unico problema e che se questi tipi di vaccini arriveranno troppo tardi una certa parte della popolazione potrebbe essersi immunizzata, ad oggi in Italia 1.400.000 hanno contratto il virus, di cui solo 600.000 sono guariti. 

Si dovrà pagare il vaccino Covid 19?

Anche qui è difficile da dire, dovrebbe essere gratuito non è esclusa una tassa o un contributo per la somministrazione se fatta da un ospedale pubblico o una struttura convenzionata mentre sicuramente a pagamento in una struttura privata (come il vaccino antinfluenzale).

Dopo il vaccino si dovrà indossare ancora la mascherina?

Si, i dispositivi di protezione si dovranno ancora adoperare, i vaccini secondo le notizie che vengono fornite possono proteggere dall'ammalarsi della malattia ma non possono impedire di essere infettati dal virus. 

Ciò significa che le misure di salute pubblica come indossare mascherine, prendere le distanze sociali ed evitare assembramenti sono ancora fondamentali per contenere il virus. 

Pertanto  è importante seguire ancora tutte le misure di contenimento del virus. Se sei immunizzato, puoi comunque essere infettato dal virus e quindi trasmetterlo ad altri. 

Quindi indossare una maschera in pubblico, praticare il distanziamento sociale ed evitare assembramenti, rimangono comportamenti fondamentali.

Chi ha gia avuto il Covid può fare il Vaccino?

No, almeno per il momento chi ha già fatto il Covid-19, dovrebbe essere già immune, purtroppo non sappiamo ancora quando dura l'immunità, una volta che la comunità scientifica chiarirà questi dubbi, sapremo se è utile anche per questo gruppo di persone, attualmente in Italia circa 600.000, fare il vaccino.

Quanto tempo dura la protezione del vaccino?

Questo ancora non lo sappiamo i test sono stati fatti da poco non abbiamo dati, potrebbe durare solo qualche mese e un anno (questo è l'auspicio da parte dei ricercatori), mi piacerebbe come per altri vaccini che sia per un tempo molto più lungo.


venerdì 20 novembre 2020

Quanti vaccini per Covid 19?


La scorsa settimana sono stati annunciati i vaccini in fase di approvazione della sperimentazione per il Covid 19, finora 3 : BionTech/Pfizer, Astrazeneca/Oxforrd e Moderna. 

Il 31 luglio l'OMS indicava che c'erano 165 progetti di vaccino in corsa nel mondo di questi ben 26 erano già alla sperimentazione sull'uomo.

2 vaccini finora sono stati utilizzati, più o meno ufficiosamente, CanSino Biolgic sui militari cinesi e in Russia Sputnik V, nonostante tutto ad oggi alcun studio o risultato è stato pubblicato.


Questi dovrebbero essere i sei vaccini in dirittura d'arrivo per la conclusione della sperimentazione e la produzione.

Nome del vaccino : BBIBP

Fabbricante: Sinopharm/Wuhan - Institute of Biological Products

Tipo di vaccino: Inattiva il Virus

Adiuvanti: idrossido di alluminio

Numero di dosi: 2

Dove vengono fatte le sperimentazioni cliniche: Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Brasile

Nome del vaccino : Corona Vac 

Fabbricante: Sinovac Biotech (Cina)

Tipo di vaccino: Inattiva il virus

Adiuvanti: Allume

Numero di dosi 2

Dove vengono svolte le sperimentazioni: Brasile, Indonesia, Bangladesh

Nome del Vaccino: mRNA-1273

Fabbricante. Moderna (USA)

Tipo di vaccino : Frammenti del genoma del Virus (RNA)

Adiuvanti: no

Numero di dosi : 2 (28 giorni di distanza)

Dove vengono svolte le sperimentazioni: Stati Uniti

Temperatura di conservazione: 2-8°C max 30 giorni

Efficacia: 94,5%

Nome del Vaccino: BNT162b1

Fabbricante: Biontech / Pfizer (Germania/ Stati Uniti)

Tipo di vaccino : Frammenti del genoma del Virus (RNA)

Adiuvanti: no

Numero di dosi: 2 (21 giorni di distanza)

Dove vengono svolte le sperimentazioni: Brasile, Stati Uniti, Argentina, Germania

Temperatura di conservazione: -75°C

Efficacia: 90%

Nome del Vaccino: AZD1222 (ChAdOx1ncov-19)

Fabbricante: Università di Oxford / Astrazeneca (Regno Unito/ Svezia)

Tipo di vaccino : Il DNA del Coronavirus introdotto in un altro virus reso innocuo (vettore virale)

Adiuvanti: no

Numero di dosi: 1

Dove vengono svolte le sperimentazioni: Brasile, Stati Uniti, Regno Unito, Sud. Africa, India

Efficacia: 70%

Nome del Vaccino: Ad5-nCoV

Fabbricante: Cansino Biologic/ Beijing Institute of Biotechnology (Cina)

Tipo di vaccino : Il DNA del Coronavirus introdotto in un altro virus reso innocuo (vettore virale)

Adiuvanti: no

Numero di dosi: 1

Dove vengono svolte le sperimentazioni: Arabia Saudita, autorizzato in Cina (Militari)


Non è escluso che in questi giorni qualcuno dei 26 vaccini i fase di sperimentazione  si annunci il completamento positivo della sperimentazione, si vocifera della nuova sperimentazione della face 3 in  Regno Unito del Vaccino Jensen.

Al momento abbiamo solo le comunicazioni delle aziende che sono poche e circoscritte anche se sono a conoscenza sulla sperimentazione di altri vaccini come : Sinovac, Butantan, Novavax ed Elea Phoeni.

Non viene comunicato questi vaccini forniscano un immunità duratura per sempre o è necessario ripetere il vaccino ogni anno come il vaccino anti influenzale.

Non viene comunicato se questi vaccini bloccano replicazione del virus nel corpo e possono impedire il contagio da persona a persona.

Nonostante tutte queste incognite sulla comunicazione, si vede l'Unione Europea siglare contratti e accordi per vaccini che hanno iniziato o inizieranno a breve la fase 3 la sperimentazione clinica, sarà la fame di vaccini, sarà la situazione d'emergenza si siglano possibili accordi commerciali sulle aspettative dei risultati ( esempio vaccino sanofi, curavac, Johnson&johnson).



Dal momento che non si può vaccinare tutti a chi dare la precedenza?

Russia e Cina hanno fatto la loro scelta sembra politica hanno vaccinato dando la precedenza all'esercito, una scelta alquanto originale.

In Europa verrà data precedenza ai sanitari, corpi di polizia e persone più a rischio come il vaccino antinfluenzale probabilmente (anziani e persone a rischio per altre patologie).

In Australia si pensa alle geolocalizzazione tramite il contact tracing che sceglierà le persone più a rischio, che hanno uno stile di vita più a rischio, il dibattito è aperto su chi dare la precedenza quando i vaccini saranno pronti.

Speriamo che non venga seguito l'esempio del vaccino antiinfluenzale 2020 della Lombardia, dove su 10 milioni di persone sono stati acquistati sia per enti pubblici che privati 3 milioni di vaccini, che viene praticato a discrezionalità, tanto che si è creato un mercato nero del vaccino antinfluenzale, anticiperà la borsa nera dei vaccini?

Il costo del vaccino?

Il costo, nessuno si esprime perchè in molte categorie sarà un costo sostenuto dalla spesa medica dello Stato.

Moderna, si scrive sui media di un costo tra i 10 e i 20 dollari a dose, più vicino ai 20, al momento i documenti dei contratti tra Unione Europea e Aziende Farmaceutiche sono stati secretati

Astrazeneca (Oxford) il vaccino europeo secondo la stampa si scrive di 4 o 5 euro.

Il Vaccino Astrazeneca ha recentemente è stata pubblicato un articolo su Lancet.


Sintesi:

La notizia dell'arrivo dei vaccino all'inizio del 2021 è la notizia che tutti aspettavamo, mai in nessuna altro periodo storico c'è stato uno sforzo cosi grande per la ricerca medico scientifica. 

Abbiamo contato imminenti almeno 12, 26 in fase 3 e più di 165 progetti in elaborazione!

Percepisco una certa fretta, questo potrebbe per l'entusiasmo fare saltare tutti i protocolli di sicurezza? Oggi il pensare d'avere a disposizione uno strumento per bloccare il Covid 19, non stimola il tempo di un pensiero o di una riflessione.

Alla base c'è una mancanza di comunicazione al pubblico e alla comunità medico scientifica, non abbiamo notizie e facciamo fatica a sapere se questi vaccini sono in grado di soddisfare i criteri d'efficacia.

L'Unione Europea prenota in anticipo vaccini ancora in fase di sperimentazione per paura di rimanere senza, secreta i contratti con le aziende farmaceutiche ma lancia su twitter la notizia dei contratti, non so quanto questo ci possa rassicurare .

Il fatto che si fanno accordi su tutti i produttori di vaccini possibili, lascia un sbigottiti, dobbiamo comprarli tutti 165? Perchè? Seppure comprendo emergenza e difficoltà, forse vuole dire che l'obiettivo d'avere uno strumento valido per Covid 19 potrebbe essere più lontano di quanto sembra?

Ovviamente spero d'interpretare male questi fatti di cronaca e di sbagliarmi e che da Gennaio potremo tutti tornare ad una vita pre Covid.