venerdì 18 febbraio 2011

Coca Cola protagonista della cronaca e delle news ( nuovi studi su possibili effetti su ictus e cancro su tutte le bevande cola?)


Non è solo Nutella di Ferrero a essere volutamente protagonista della cronaca e delle news, c'è anche Coca Cola, l'arte di fare parlare di sè senza fare pubblicità. Tutti i media in questi giorni non hanno parlato d'altro, che della formula svelata, in realtà sono anni che ogni tanto arriva qualcuno che svela la formula della Coca Cola. Ad arte Coca cola sà come trasformare le comunicazioni da negative a positive. Un esempio è lo spot Canadese la pubblicità del marchio Coca Cola, dove vengono elencati i valori positivi l'attenzione all'ambiente, l'educazione alimentare, il consumo responsabile, attraverso la voce di un bambino che ha il papà che lavora in Coca cola (più washing di cosi).




La notizia della formula rilevata ha messo in secondo piano due news arrivate dagli Stati Uniti due studi che potrebbero dare più problemi non solo a Coca Cola ma a Pepsi e tutte le bevanda di Cola.

Il primo un report da medici ricercatori presso l'Università di Miami, che collega il consumo di bevande alla soda nella dieta all'aumento del rischio di ictus, studio che è stato consegnato alla FDA.

Il secondo invece più importante formulato dal CSPI (centro scientifico per interesse pubblico )sostiene che il colorante al caramello utilizzati nella Coca-Cola e Pepsi bevande a base di cola rilascia una tossina che è collegata allo sviluppo del cancro.

Il CSPI ha consegnato la documentazione alla FDA per vietare la colorazione artificiale marrone, affermando che "le reazioni chimiche risultato la formazione di 2-methylimidazole e 4 methylimidazole, che in studi condotti condotti in laboratorio ha dimostrato lo sviluppo del cancro al polmone, fegato, o il cancro alla tiroide e lo sviluppo di leucemie.

Il CSPI ha proposto una normativa in California per aggiungere l'obbligatorietà nelle etichette di avvertimento che il consumo del prodotto può generare il cancro, questo per Coca Cola, Pepsi e altre bevande che contengono tale sostanza. C'è il tentativo di alcuni senatori di fare approvare una legge che limiti questo colorante a 16 microgrammi per prodotto, fate conto che una Coca Cola ne contiene 200 microgrammi.

Bene precisare che "colorante caramello" non significa "colorato con caramello" sono due cose distinte nelle etichette.

Staremo a vedere cosa succede, sarà sufficiente cambiare il colorante, ma aspettiamo di sapere quale sarà parere della Fda in merito ....

NB devo chiarire
: non voglio creare un falso allarmismo, ho riportato quanto i media americani hanno già detto, inclusa il canale ABC news, a dire il vero in serata le aziende americane respingono il contenuto del CSPI, allegati i link ai comunicati dei due istituti, già altre volte le bibite alla Cola sono state oggetto di studi negativi a cui la Fda, non ha prestato interesse, nella peggiore delle ipotesi cambieranno il tipo di colorante o la Fda dirà che i studi non sono sufficientemente validi.

Attualmente ci sono quattro tipi di caramello colorante approvato dalla Food and Drug Administration e il CSPI vuole che la FDA vieti i due fatti con ammoniaca conosciuti come 2-MI e 4 MI.

Come ha detto il Prof. Meristemi nel commento e gli altri blogger, le bevande alla Cola, meritano attenzione sia sull'uso che sull'abuso per il contenuto di zucchero e caffeina, quindi non parliamo del consumo occasionale ma più che altro dell'abuso, come vi ho fatto vedere nel video del New York heath Department, se volete il
mio invito a portare un po' meno a tavola la felicita degli altri, ma la vostra! :-))

Fonte notizie: Center for scienze in the public interest, Università di Miami Miller School of Medicine, Courier Journal, Time Healthland, Pepsi Cola, Coca Cola,

32 commenti:

  1. wow la coca cola e molto ma dico molto salutare per la nostra vita....ma dico stiamo scherzando...!! ok che non faccio abbuso di coca cola perchè non mi e mai piaciuta ma mio figlio e mio marito ne vanno pazzi ma ovviamente gli e la faccio vedere e bere sempre con il cannocchiale perchè non ho mai pensato che una cosa chimica che non si e mai saputo il loro ingrediente preciso avrebbe fatto bene quindi pscologicamente mi sono sempre rifiutato di berla e di offrirla....già la vita e piena di salute che non amiamo e poi vogliamo aumentare con le sostanze diciamo tra virgolrette quasi nociva....
    grazie gunther sempre più interessante...
    si starà a vedere adesso cosa succede con la cronaca..
    baci da lia ebuon w.e.

    RispondiElimina
  2. "colorante caramello" o "colorato con caramello" ho sempre pensato fosse lo stesso. Grazie per la precisazione. Non che faccia largo consumo di Coca Cola ma starò ancora più attenta a leggere le etichette in generale. Buon we

    RispondiElimina
  3. scritte per questo,scritte per quello,scritte per quell'altro...tra un pò i prodotti dovrebbero avere un manuale allegato!
    non facciamo prima a scrivere sempre e solo "attenzione vi fà male" e ci togliamo il dente?
    poi a mia coscenza compero o no!
    noi non siamo chimici o simili,e tutti quei nomi strani ci allertano a prescindere!
    coca-cola compresa...perchè nessuno ci crede che ci sia dentro del vero caramello e anche se ci fosse... fà male anche quello!quindi....la sritta che metterei io sarebbe più pratica no?

    RispondiElimina
  4. Ti dico solo che ho appena inoltrato questa notizia a tutti i miei contatti.
    Grazie G!

    wenny

    RispondiElimina
  5. Interessante come sempre, grazie.

    RispondiElimina
  6. Sempre rivolti al cuore del problema e soprattutto sempre documentate le tue "istantanee".
    E'sempre un bene avere anche un risvolto della medaglia nell'informazione alimentare. Adesso tocca stare alla finestra...ma il grazie è tutto rivolto al tuo costante mantenerci aggiornati :)))

    RispondiElimina
  7. oh cacchio.... per fortuna ne berremo due litri all'anno perchè non la compero mai quando i bambini vallo alle feste non posso mica dire di no.... ma quante cose che scopri che sai! grazie! baci

    RispondiElimina
  8. Questo colorante caramello che lo troviamo anche in qualche aceto balsamico...

    RispondiElimina
  9. Non finirò mai di ringraziare il mio fidanzato che, anni fa, mi convinse a non bere più cocacola(andavo matta x la light)guarda te che schifezza, altro che lime!

    RispondiElimina
  10. Queste sostanze nocive non sono "il colorante", ma impurità che si formano durante la sua produzione sia "artificiale" che "naturale", ad esempio durante le tostature. Se il "colorante caramello" fosse prodotto in modo diverso o se fosse adeguatamente purificato, il problema non sussisterebbe.

    L'eccesso di zuccheri e di caffeina è in realtà molto più dannoso per la salute rispetto alle tracce di metilimidazoli ed una bistecca ben cotta o il fondo di una pizza leggermente bruciata contengono quantità di provati cangerogeni molto superiore.

    RispondiElimina
  11. Carissimo Gunther, grazie per queste preziose notizie, fortunatamente né io e né i miei familiari amiamo la coca cola!! Un abbraccio e buon we

    RispondiElimina
  12. e gia' "colorante caramello" non significa "colorato con caramello", cosa che invece io avevo sempre dato per scontato, anyway la coca la bevo un paio di volte all'anno, e in India ho notato che mettono il caramello nel pane e poi scrivono che e' integrale, chissa' che caramello mettono, qui mancano le leggi e anche quando ci sono nessuno le segue perche' non ci sono controlli, a parte alcune NGO che sollevano i vari casi all'attenzione pubblica, grazie Gunther!

    RispondiElimina
  13. ops gunther scusami ho letto il commento che mi hai lasciato sui carciofi...e vero hai ragion ma la si può sostituyire con del salame tipo napoli...perdonata...!?
    o altrimenti x rimediare al errore di non aver scritto che si può sostituire con il salame tipo napoli vuol dire che ti invierò un pò di salsiccia fatta da me :)
    un abbraccio da lia

    RispondiElimina
  14. Quando sento queste noitizie mi rallegro del fatto che io beva solo acqua.........
    Grazie Gunther, non avevo sentito nulla in proposito. Leggere i tuoi post è sempre altamente istruttivo

    RispondiElimina
  15. Che bello il video canadese, un autentita chicca, meno se ne beve è meglio è anche se devo dire la verità mi piace, cosa ne pensi della formual svelata?

    RispondiElimina
  16. Grazie Gunther!!! diffondo questo articolo tra i miei amici che amano la coca cola

    RispondiElimina
  17. A quanto dice Meristemi, quindi, tutto è collegato sempre ad un problema di tipo economico. Magari salti la bella fase di purificazione (quindi un processo produttivo che ha sicuramente il suo costo) ed è così che un additivo che forse sarebbe innocuo diventa nocivo.
    Troppe poche cose si sanno quando mangi o bevi una cosa. Io insisto sempre: lista ingredienti breve e che sia senza "E" e senza troppe cose "ambigue". Sarò troppo radicale? Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  18. Concordo con Mauro circa l'elenco ingredienti più breve possibile!

    Ho letto più sopra del colorante nell'aceto balsamico (che poi è tipo balsamico)
    Hai notizie su questo prodotto? Se ne trova ovunque e a prezzi bassissimi.

    A proposito della Coca Cola, lasciamola sullo scaffale del super!
    Grazie per il post!

    RispondiElimina
  19. Come ti ho detto precedentemente io mi ritengo fortunata perchè bevo solo acqua! Ho assaggiato qualche volta la coca cola ,non sono un'aliena, e mio figlio qualche volta la beve. Ma in famiglia ,tranne mio marito che beve a tavola un bicchiere di vino rosso(Che fa con gli amici e che tutti trovano molto buono)di solito si beve acqua.Anche se in tutte queste bevande ,alla fine non si sa che cosa ci sia dentro effettivamente, un amico medico mi ha detto che quando i suoi figli avevano vomito o acetone invece di farmaci gli faceva bere della coca cola.Buon fine settimana

    RispondiElimina
  20. Gunther, mi si è raggelato il sangue nelle vene.
    Io sono astemia e quando mi capita di andare fuori per aperitivi o di uscire con amici bevo la coca cola, non bevendo nè birra, nè vino o cocktails

    RispondiElimina
  21. bhe la cocacola non fa proprio bene e sfido chiunque dimostrare il contrario...forse giusto come prodotto farmaceutico...o sgrassante...
    buona serata

    RispondiElimina
  22. HOO e io che mi stavo già convincendo che era la ricetta della felicita!!!
    ho smesso di berla anni fa quando ho visto mio fratello che la usava per togliere la ruggine alle fiocine che schifo povero stomaco sono rimasta scioccata da allora mai più :))

    RispondiElimina
  23. Grazie di queste precisazioni, utilissime le tue informazioni!!!!!!!!

    RispondiElimina
  24. Appena ho avuto uno straccio di collegamato sono corsa a leggerti e come sempre interessantissimo post.
    Che dire..faccio outing, la cocacola mi piace , ma riconosco che crea addizione, ingrassa (la bevo "intera", non light) e il sospetto che tanto sana non sia lo ho.
    La migliore strategia é non comprarla ....
    Pensa che dalle parti in cui sono ora ne bevono tutti a litrate, pensa in alcune feste per bambini non c'e' l'acqua! Anche questo fa parte della cultura alimentare.....

    RispondiElimina
  25. Ciao Gunther,
    ci sarebbe da fare volantinaggio con il tuo post!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  26. Come sempre occorre valutare i "dosaggi", non sono una nutrizionista, ma da mamma e consumatrice attenta non ho mai introdotto alimenti ad "uso quotidiano", attenendomi al consiglio di assaggiare tutto senza mai fissarsi su consumi reiterati e frequenti. Una coca-cola ogni tanto non ammazza nessuno (spero). Diverso il caso di chi la introduce nella dieta quotidiana: gli americani ne sono i maestri di questo genere di eccessi e scivoloni. Basta pensare solo alla misura industriale con il quali lì è servita la bevanda della felicità.

    Cmq è sempre bene sapere sempre e nel caso ridurre ulteriormente il consumo ad una volta ogni morte di papa!!
    Grazie :-)

    RispondiElimina
  27. staremo a vedere...cmq spesso è l'utilizzo che si fa delle cose a fare la differenza..
    a me poi non piacciono le bevande gassate :-)

    RispondiElimina
  28. Giusto per sdrammatizzare (una situazione che purtroppo attacca da tutti i lati, perché sono certa che ormai non esista più cibo o bevanda che possa essere considerata davvero "sana") una soluzione ci sarebbe per la questione colorante: imbottigliare la coca cola senza coloranti in una bottiglia marrone e berla esclusivamente in bicchieri marroni (marrone coca cola, of course) :P

    Fra l'altro io sono una forte bevitrice di acqua naturale per cui la cosa non mi tocca moltissimo, però è anche vero che adesso mi è venuta voglia di coca cola!!!! Argh :-D

    Un bacione!

    RispondiElimina
  29. Quando ero piccola i miei genitori avevano appeso in cucina un foglio con i coloranti e conservanti cancerogeni. Ognuno di noi figli era responsabilizzato. Si dovevano leggere le etichette, capire, seleionzare, scartare, anche quello che ti piaceva.
    Ora invece ti fregano ancora prima e falsano la lista degli ingredienti, mistificano e impapocchiano, tanto il popolo è bue. E poi avranno anche la coscienza pulita, c'è di peggio , ci sono le centrali nucleari e l'amianto, l'arsenico nell'acqua e i pesticidi, cosa sarà mai una coca ?
    Già è così che ci hanno contornati di veleni, con scelte, leggi, giochi di potere tutti sopra le nostre teste e questi veleni ce li portiamo pure a tavola, this is real happiness...
    W informazione libera e critica, per queste vengo qui a leggere.

    RispondiElimina
  30. A me la cocacola piace un sacco pero' cerco di berne di rado, sono convinta che tutte le cose riportate siano reali.
    Come sono convinta che ci siano troppi zuccheri nei succhi di frutta per darne da bere ai bimbi a profusione e sono pure molto scettica sui nuovi succhi "pieni" di vitamine antiossidanti ecc.
    Ciao a presto :)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi