venerdì 3 settembre 2010

Andare al supermercato per scegliere alimenti anti diabete


Con questo post inauguro una nuova rubrica e farmela venire in mente sono stati alcuni miei lettori più che chiedermi schermi alimentari da seguire mi chiedevano, quali acquisti fare? Va bene questo prodotto o l'altro?
Le scelte che facciamo al supermercato sono quelle che portiamo in tavola, questo vuole essere un post pratico che non sostituisce le indicazione che vengono date nel centro di cura per il diabete ma vuole aiutare a scegliere i prodotti al supermercato per seguire le indicazioni che vengono fornite nei centri medici, anche se ci sono linee alimentari per i diabetici non sempre queste sono motivate, il loro prezzo non sempre giustifica la scelta, si possono scegliere dei prodotti normali importante è scegliere bene. Cercherò di semplificare al massimo le spiegazioni se per caso c'è qualcosa che non è chiaro fatemi un tirata di orecchie , OK?

Per il diabete mellito (tipo 1) valgono le stesse raccomandazione per la popolazione generale. Nella terapia i cambiamenti nel comportamento alimentare sono spesso necessari in relazione alle abitudini che hanno portato all'eventuale peso in eccesso e al diabete.
Alimentazione ma anche lo stress che aumenta la sensibilità delle cellule di grasso nella dieta per l'azione dell'insulina. La perdita di peso è il primo trattamento per il diabete di tipo 2 pertanto si deve mangiare meno e ridurre i grassi.
A) Ridurre l'apporto calorico medio e limitare l'assunzione di grassi
B) Limitare gli zuccheri rapidi ( lo zucchero, il miele, dolci, bibite), ma preferire zuccheri lenti come quelli contenuti nei carboidrati (es.pane e farinacei)
C) Scegliere i grassi insaturi (pesce, oli vegetali ...) rispetto ai grassi saturi.
D) Garantire la regolarità d' assunzione di cibo in tre pasti.
E) Scegliete carni magre e mangiare pesce 2-3 volte a settimana.
F) Sapere quali sono i cibi più calorici ed evitare di assumerli.
G) Imparare a variare l'alimentazione
H) Attenzione ai grassi "nascosti", imparare a riconoscerli
I) Mangia equilibrato, pianificare la vostra dieta, evitare gli spuntini tra i pasti.
L) Ridurre la quantità di grassi nella vostra dieta, evitando cibi fritti e ridurre il sale e alcol, è possibile sostituire con erbe, spezie o succo di limone e pepe.
L' autosorveglianza della glicemia è fondamentale , capire cosa e quale alimento o abbinamento fa alzare la glicemia, perché al di là delle tabelle e degli schemi esiste una tollerabilità glucidica individuale, questo vuole dire ognuno ha una risposta diversa. All'interno di un' alimentazione equilibrata, prestare attenzione all'indice glicemico e al contenuto di fibre negli alimenti, sono questi i due punti per garantire un passaggio più lento degli zuccheri nel sangue per un' assimilazione più omogenea.
Partiamo dagli zuccheri, il tallone d'achille
1) Sciroppo d'agave, estratto dal cactus ha un potere dolcificante superiore allo zucchero, inoltre contiene ferro, calcio e magnesio

2) Stevia, non è ancora in vendita in Italia mi dispiace, ma non posso non parlarne, è troppo interessante anche se si tratta di un edulcorante troppo discusso, chi ha occassione di andare o in Svizzera o in Francia lo trova in qualsiasi supermercato. Perché questi due edulcoranti naturali sciroppo d'agave e stevia? Perché innalzano meno del saccarosio il glucosio e dolcificano di più.

3) Pompelmo, perché contiene poco zucchero? No, uno studio condotto dai ricercatori della Hebrew University di Gerusalemme, hanno constatato che contiene una sostanza antiossidante, chiamata naringenina, in grado si svolgere lo stesso lavoro di farmaci sintetici utilizzati tradizionalmente contro il diabete di tipo 2 . può aumentare la sensibilità del corpo all’insulina, permettere al fegato di bruciare i grassi anziché immagazzinarli e aiutare a mantenere un peso ottimale. Gli effetti, secondo gli scienziati, sarebbero paragonabili a farmaci dall’azione ipolipemizzante. Io esprimo cautela, non dico di non prendere i farmaci ma di includere anche il pompelmo nelle porzioni di frutta.


4) Cetrioli, hanno un indice glicemico basso e apportano una quantità di fibre interessante


5) Zucchine, hanno un indice glicemico basso e apportano una quantità di fibre interessante

6) Mix di verdure surgelati con melanzane peperoni e zucchine della marca che preferite già pronti importante è che non siano già conditi ma pronti per essere cotti.

7) Grassi, chi ha questi problemi devi limitare l'utilizzo di tutti i grassi, ma non si può cucinare senza grassi tra questi preferire l'olio extravergine d'oliva.

8) Pollo o meglio petto di pollo, un buon apporto proteico, una carne magra, preferibilmente bio


9)Yogurt, meglio orientarsi su uno yogurt magro naturale preferibilemente bio, anche se magro il contenuto di calcio rimane invariato, lo stesso vale per il latte.

10) Soia, perché i prodotti con soia? La soia può se consumata con una certa regolarità abbassare il rischio di malattie cardiache , una delle maggiori complicanze del diabete.

11) Pasta Integrale, la pasta integrale ha un indice glicemico medio ma ha un contenuto di fibre interessante


12) Riso Integrale, ha un indice glicemico più alto della pasta ma per variare l'alimentazione è un ottima alternativa.

13) Wasa quello ricche di fibre, sono tra i prodotti sostitutivi del pane i più ricchi di fibre 24 g per 100 g

14) Legumi in particolare lenticchie ma anche ceci

15) Pesce: in particolare quello ricco di omega 3 come : Salmone ma anche pesce azzurro alici , sgombri, ....

16) Spezie Cannella, I ricercatori del Centre for Applied Health Sciences di Fairlawn, nell’Ohio, hanno notato che dopo una somministrazione d' acqua e cannella, la maggior parte dei pazienti aveva una riduzione dei livelli di zuccheri nel sangue, tuttavia lo studio è ancora all'inizio ma la tolleranza al glucosio della cannella era nota da tempo.

17) Salsa di pomodoro di Pomodoro anzi Coulis di Pomodoro Bjorg, uno dei miei preferiti, senza conservanti ne coloranti, poco sale Per 100 ml :- Valore energetico : 39 kcal / 166 kJ- Protéine : 1,4 g, Glucidi : 8 g- Lipidi : 0,1 g

18) Ketchup Amora Plaisir +, purtroppo non l'ho trovato in Italia, ma in Francia, si tratta di un Ketchup che ha 1/3 delle calorie di un normale Ketchup in pratica 8 kcal per un cucchiaio, ha inoltre poco zucchero (non come gli altri), perché questo ketchup? Perché dà sapore ai piatti è un modo come un altro per insaporire alcune pietanze, sopratutto ne basta poco è difficile consumarne più di un cucchiaio.

Oggi Monica Priore una bella ragazza di 24 anni ha percorso la Napoli Sorrento a nuoto, un ottimo esempio per dimostrare di come si può convivere con il diabete, sopratutto può spronare tante persone con questo problema a fare più attività fisica, chiaro non c'è bisogna di fare la Napoli sorrento ma qualche ora a settimana ne trae beneficio sia il corpo che la mente.

22 commenti:

  1. a mio padre il salmone è ststo severamente vietato...diabete tipo 2.
    come mai invece lo trovo ?
    per il resto tutto ok
    grazie ,come sempre :)

    RispondiElimina
  2. Così fai anche da consigliere medico, bravissimo!!!!!!
    A parte gli scherzi, grazie di dare consigli sempre utilissimi!

    RispondiElimina
  3. @luby, come dico sempre che la dieta deve essere personalizzata, io esprimo dei concetti generali, la tollerabilità glucidica è individuale pertanto è possibile che al tuo papà il salmone abbia un effetto diverso rispetto ad altri.
    Ai diabetici viene consigliato di porre l'attenzione agli omega 3 di cui il salmone ma anche altri pesce com eil pesce azzuro forniscono una discreta quantità, è possibile che nel centro dove tuo papà viene seguito ritengano il salmone per lui un pesce troppo grasso.

    RispondiElimina
  4. @zia elle grazie ma è tutto merito della D.ssa Arianna Banderali Responsabile del centro di riabilitazione nutrizionale di Villa Garda, segue solo le sue dritte
    @Lydia grazie e bentornata dalle vacanze

    RispondiElimina
  5. Qui in Arabia il diabete è la prima causa di morte, ci credi? E tutto dovuto all'alimentazione selvaggia e senza freni o regole iniziata quando qui sono arrivati i vari fast food americani ed i supermercati si sono riempiti delle schifezze che ben conosciamo...
    Lo stevia qui lo vendono, quello che manca è l'educazione, oppure un Gunther che venga a spiegare tutto in arabo ;-)
    Sei sempre utilissimo, grazie!

    RispondiElimina
  6. @araba fenice. Sapevo che era un problema diffuso nella popolazione ma non che fosse la prima causa di morte, non hanno delle buone abitudini alimentari o per lo meno hanno un effetto benessere economico che rischia di stritolarli. Vorrei aprire una clinica in arabia, molti vengono a farsi curare in Italia o in Svizzera ma alla fine non è mai stato possibile.

    RispondiElimina
  7. Molto interessante questo articolo. Qui non abbiamo al mmento problemi specifici, ma siamo un po' tutti attenti all'alimentazione per un motivo o per l'altro (sgarrando ogni tanto per risollevare il morale ^^) e avere un po' di nozioni ben spiegate non può che essere utile! Grazie!

    RispondiElimina
  8. Ottimi consigli Gunther.

    Non sapevo delle prorietà del pompelmo, nonostante non sia diabetico, cercherò di iniziare a mangiarlo.

    Finora imfatti l'avevo snobbato.. eh eh eh

    RispondiElimina
  9. lettore senza ID google?5 settembre 2010 21:55

    Hai sentito dei spinaci, ne ha parlato il corriere della sera?

    RispondiElimina
  10. Bravo Gunther, mi sembra una rubrica davvero interessante e utile!!!

    RispondiElimina
  11. Utile e completo. Complimenti Gunther.

    RispondiElimina
  12. @madame bavareisa, in effeti l'ho preso come esmepio in generale
    @themasterofcook, il pomplemo da anche sazieta mangialo senza spremere non è facile lo so ma da anche molto senso di sazietà e aiuta.
    @senza id google, ma scrivi anche un nome quello che vuoi, mi sono letto l'articolo on line adesso, io come per il pompelmo andrei cauto, io ho scelto cetriolo e zucchine perchè verdure di stagione, fosse stato di stagione i spinaci avrei preso quello, che comunque i spinaci hanno un indice glicemico basso IG 11 poco percettibile, sul fatto che possa rallentare l'evoluzione della malattia ci andrei cauto, possono essere mangiati tranquillamente come altre verdure a foglia verde, i benefici dell'alimentazione non arrivano da un solo alimento ma da un insieme di comportamenti corretti non ne basta uno (secondo me!).
    @ambra, garzi ero un po scettico all'inizio
    @mauro grazie anche a te

    RispondiElimina
  13. Grazie x l"interessantissimo post sul diabete.Ad esempio non sapevo che bere acqua con cannella aiutasse nella dieta x la glicemia.Ho sentito che consumare due ,tre lupini secchi a digiuno,magari spezzettati e avvolti in ostia e poi inghiottiti con acqua,x via del sapore amaro,aiuti anche,Hanno provato persone che conosco x circa 2 mesi e hanno notato l"abbassamento del valore glicemico.Tu sai se i lupini hanno qualche proprietà medicinale?ciao.

    RispondiElimina
  14. ciao gunther , scopro che questo blog e' davvero interessante, non perdero' nessuno dei tuoi post. complimenti.

    RispondiElimina
  15. @cucina di papavero, brava brava la nostra cucina di papavero che non è brava solo a cucinare, si lo avevo letto in un libro di erboristeria di cui non ricordo il nome, infatto il lupino contiene conglutina-gamma, proteina capace di imitare gli effetti dell'insulina. Grazie a uno studio italiano dell'ospedale San Raffaele la glicoproteina esaminata è interessante per il potenziale trattamento del diabete di tipo 2 con dei vantaggi rispetto alla terapia tradizionale, sono in corso però aggiornamenti su questo studio. Diciamo che al momento esiste la terapia tradizionale sperimentata e verificata ma il futuro potrebbe riservarci sorprese grazie proprio a queste nuove ricerche.

    RispondiElimina
  16. @flavio grazie di essere passato anche di qui, questo blog rispetto a ricette vagabonde è più d'elite cioè per ridere scherzare e parlare qualche volta di cose serie

    RispondiElimina
  17. Grazie Gunther come sempre prezioso!!
    ciao!

    RispondiElimina
  18. Grazie per questo post ricco di utilissimi consigli!!! Un carissimo saluto, a presto

    RispondiElimina
  19. Non ho mai molto da commentare, posos solo leggere e apprendere, magari prendere nota.
    Un caro saluto ogni tnato però te lo lascio.

    RispondiElimina
  20. Bravo Gunther, un post molto utile e interessante anche per chi fortunatamente non ha problemi di diabete. Un caro saluto, a presto

    RispondiElimina
  21. anche io sentii dire che il salmone non va d'accordo col diabete ma in effetti non riesco a dare una spiegazione
    sto aprlando del salmone fresco chiaramente, quello affumicato è out comunque
    per fortuna mio padre non lo apprezza e quindi non mi pongo il problema...
    per il resto un super post che ho subito archiviato tra i miei appunti di "pronta beva" grazie mille preziosissimo ocme sempre e anche di più
    ciao nerdmania

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi