venerdì 6 marzo 2009

Una nuova frutta dall'amazzonia: Acai Berry

Dal Sudamerica arriva moltissima frutta, sotto forma di succhi concentrati e polpa di frutta, ad un prezzo relativamente basso, se fino a qualche anno arrivavano arance, mango, maracuja, ananas, banane, la nuova ricerca di un alimentazione sana, naturale, ricca di frutta e la richiesta di novità ha spinto ad apprezzare anche frutti meno noti, prima è stata la volta dell’acerola ricercato per alto contenuto di vitamina C che “rinforzava” le bevande e i succhi di frutta , da qualche anno sempre dal Brasile, è la volta dell’acai (si pronuncia assaì) o noto anche come Acai Berry, per la sua fama si antiossidante.
Acai è il frutto di una varietà di palme che cresce in Amazzonia (nome botanico: Euterpe Oleracea Mart), dal colore viola dal gusto che ricorda un po’ il cioccolato, chiamato anche acai berry ricorda molto il nostro mirtillo o il cranberry. In Amazzonia esistono circa tremila varietà di frutta di cui solo poche sono note in Europa. Il frutto veniva mangiato solo dagli indigeni fino a qualche anno fa, per la sua facile reperibilità e il basso costo, una sorta di zuppa fatta di manioca e acai è considerato un riempi stomaco. Le sue proprietà sono legate per lo più a leggende indios su cui si favoleggia molto.

Ana Vania Carvalho dell' Istituto di Agronomia Brasiliano dice “ i primi risultati mostrano che è ACAI è ricco di antiossidanti, che possono fornire un contributo contro l’invecchiamento, è ricco di fibra, ed è un alimento ad alta energia, che si adatta a una dieta per uno sportivo, non sono stati fatti studi sugli effetti dell'Acai sugli esseri umani". Altre virtù che gli sono attribuite non sono basate su alcun studio scientifico è frutto di marketing, io aggiungo cattivo marketing. Proprietà che invece sono al momento presunte sono : la ricchezza di acidi oleici monoinstauri, che secondo alcuni potrebbero avere effetti benefici per combattere il cancro e nella prevenzione dell’arteriosclerosi, contribuire ad aumentare le lipoproteine del metabolismo e velocizzare l’integrità del sistema immunitario. Oramai Acai o Acai Berry viene pubblicizzato per curare l'obesità o dimagrire, per curare lo stress, per aumentare la potenza sessuale, di tutto di più, non c'è nulla di vero o di scientificamente dimostrato e dimostrabile.
A inserirlo nella loro alimentazione sono stati prima i surfisti brasiliani all’interno dei frullati, ma il suo successo popolare è dovuto all' associazione della dieta dei giocatori della squadra nazionale di calcio brasiliana, l’anno dopo è stato utilizzato come ingrediente per i gelati e sorbetti sulle spiagge di Ipanema, poi è divenuto un succo da bere, ingrediente per dolciumi e alcolici. Le principali marche di bevande a base di soda stanno creando delle bevande nuove ma sopratutto visto le proprietà è entrato a fare parte dei Smoothie come Mysmoothie e Innocentdrink , più come ingrediente che "arricchisce" in termini esotici e nutritivi. Negli Stati Uniti che non mancano di iniziative, il Mona Vie un "acai blend" (?) che costa come uno Chateaux Margheau, qui il video della storia del prodotto qui (da notare la grande enfasi nelle immagini e nelle parole).
È come un onda che ha prima coperto il Sudamerica poi gli Stati Uniti e ora arriverà in Europa. Sono molto fieri i brasiliani di questo frutto, tanto che ne vogliono incrementare la produzione si parla di un progetto progetto per impiantare 1 miliardo di alberi. La fama dell’acai sta conquistando anche altri paesi sudamericani come Colombia, intenzionati ad investire in piantagioni. Personalmente andrei cauto perché i consumatori di acai, per la maggior parte sportivi o praticanti e i fan dell'alimentazione sana e naturale sono due target piuttosto volubili, sempre alla ricerca di “super alimenti”, con un ciclo di vita breve, quattro anni fa la papaya, poi l'aloe, il cranberry, il melograno e ora l'acai, strategie a lungo termine potrebbero essere economicamente svantaggiose e la monocoltura dannosa per l'ambiente.

Video un reportage americano sul Acai Berry , la tabella nutrizionale, Interessanti su questo argomento le riflessioni di Meristemi che colgo e condivido.

10 commenti:

  1. http://meristemi.wordpress.com/2009/01/16/la-maledizione-della-panacea/

    :-)

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo questa frutta... C'è sempre qualcosa da imparare, per fortuna!!!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. L'acai è buonissimo, in America mangiavo le "acai bowl", delle coppe immense ripiene di una sorta di sorbetto all'acai e con topping di granola e banana. Ne andavo pazza.
    E' anche un frutto molto energetico che va bene per gli sportivi.
    Peccato che qui non lo si trovi (o almeno, non ancora!).
    tra l'altro non è nemmeno l'unico frutto/pianta a non essere arrivato qui da noi...
    Castagna

    RispondiElimina
  4. non conosco questo frutto, ora le proprietà antiossidanti vanno di moda anche s epenso che la frase "rallenta invecchiamento" andrebbe spiegata meglio

    RispondiElimina
  5. Quante cose interessanti che si imparano da questi parti! Caro Gunther bè io l'acai no lo conoscevo... Grazi eper le info!

    RispondiElimina
  6. Sarà buona ma sulle proprietà miracolose sono un attimo più attento.

    RispondiElimina
  7. Ciao, grazie di essere passato dal mio blog.
    Oddio come mi mancano le mie belle frutte tropicali fresche fresche. Cosa darei per un po' di cupuaçu o anche una sola goiaba.
    L'açai è una bomba di calorie e per questo non l'ho mai mangiato.
    Ti dico una cosa, la qualità e il sapore delle frutte tropicali che troviamo qui in Italia non c'entrano niente con quelle in Brasile, Per esempio il mango e le banane, che sono raccolti ancora verdi e perciò perdono almeno il 50% del sapore e della dolcezza. Ma pazienza, meglio di niente.
    Ciao,
    Pati

    RispondiElimina
  8. @meristemi grazie il problema è proprio quello.
    @carolina grazie
    @castagna e albicocca grazie della vostra testimonianza
    @anna di parla di rallentamento invecchiamento delle cellule non di invecchiamento biolofico
    @grazie kitty's
    @daniele si ai miracoli meglio non credere mai come fa la chiesa
    @patrizia un immenso grazie della tua testimonianza ci speravo non sai quanto, la frutta tropicale qui non è buona, perde tutta la sua parte zuccherina, un grande ringraziamento cosi imparo anche come si scrive

    RispondiElimina
  9. A questo proposito: http://www.myxocai.com/

    RispondiElimina
  10. è molto interessante il fatto che abbia proprietà energetiche che sicuramente possono essere un contributo naturale all'attività fisica. Mi piacerebbe molto assaggiarlo, ma confesso di non avere la minima idea di dove poterlo trovare, sicuramente supermercati e negozi di frutta e verdura (almeno della mia zona) ne sono sprovvisti. Qualcuno sa indicarmi dove trovarlo?

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi