venerdì 20 marzo 2009

Dieta vegetariana e cancro

(Immagine di proprietà del sito Canceropole )
Tutte le agenzie fonte di notizie come l’Ansa hanno battuto in settimana e poi ripresa da molti giornali, la notizia: “La dieta vegetariana non fa ammalare di cancro”. In genere non commento questi slogan, ma un paio di persone mi hanno scritto e chiesto un parere in merito, lo scorso anno avevo intervistato 2 ricercatori di fama internazionale D Schereiben e R. Beliveaur in Alimentazione e Cancro.
Bisogna per prima cosa dire che il cancro è una malattia cronica multifattoriale, non è stato ancora trovato un fattore responsabile, si pensa che può essere causato da fattori genetici, ormonali o fattori ambientali come l'esposizione a sostanze tossiche (tabacco, alcool ...) o virus.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista The American Journal of Clinical Nutrition condotto dal professor Timothy Key ha esaminato le abitudini alimentari di 63 500 uomini e donne britannici dal 1990. Esso mostra che l'incidenza del cancro in generale è inferiore di circa l'11% in meno, per coloro che non consumano carne, di tutti i tipi di tumore, ad eccezione di quelli del colon (entrambi i sessi) e della prostata nell'uomo.

I Vegetariani, più che altro hanno uno stile di vita più sano, generalmente non fumano, non bevono alcool, non assumono droghe, praticano attività fisica, tutti i fattori noti per i loro effetti protettivi contro il cancro, questi parametri nella ricerca non sono stati tenuti in conto. Pertanto credo che sia limitativo sostenere che il solo non mangiare carne riduce lo sviluppo del cancro. La novità di questo studio è che i vegetariani hanno la stessa probabilità se non maggiore di soffrire di cancro al colon e al retto, da diversi studi associato all'eccessivo consumo di carni rosse. È noto che il consumo di carne rossa può aumentare il rischio di tumore colon, il consumo di pesce lo può aiutare a ridurre, il consumo di carni bianche è indifferente.

Dovremmo diventare tutti vegetariani? Non necessariamente, però un minore consumo di carne è auspicabile insieme a un maggiore consumo di frutta, verdura e legumi. Io non sono contrario per gli adulti alla dieta vegetariana, sono per un alimentazione consapevole, che sappia riconoscere i plus e i deficit della propria dieta, qualunque essa sia, per cercare di avere un alimentazione il più possibile equilibrata di nutrienti, perchè un alimentazione equilibrata e varia di nutrienti impedisce alle cellule cancerogene di potersi sviluppare e di divenire clinicamente pericolose e aiuta a rinforzare i nostri meccanismi naturali di difesa contro il cancro.

7 commenti:

  1. buongiorno Gunther,
    che dirti... ho cme l'impressione che di ano in anno si cambino le carte in tavole, mangia la carne, non mangiarla, riempiti di vtamine, anzi, no, troppe fanno male... probabilmente dovrremmo semplicemente occuparci un pò di più di ciò che mangiamo, una scelta consapevole, evitando tanti prodotti già pronti o preconfezionati, tornare alla cucina "povera" ce poi è quell che salva le popolazioni meno industrializzate da certe malattie... è che ormai siamo assuefatti alle nostre abiudini e a volte non ci rendiamo conto di quello che rischiamo.
    per contro si dice anche "si vive una volta sola", dobbiamo veramente privarci anche dei piaceri della tavola?
    buon we Gunther!

    RispondiElimina
  2. Siamo onnivori e quindi una sana alimentazione a mo modesto e atecnico parere dovrebbe comprendere un po' di tutto in modo equilibrato.

    Detto questo non sono d'accordo che chi é vegetariano non fuma ecc...

    Io non sono vegetariano e non fumo, non bevo superalcolici, bevo a volte a cena con amici vino ma non mi inciucco di certo. Insomma, a parte addentare qualche "polpaccio di pollo" poi tutto sommato non esiste molta differenza tra me ed un vegetariano.

    E purtroppo la verità é che si può cercare di prevenire con comportamenti sani certe malattie ma ci sono anche esseri umani ammalatisi di tumore ai polmoni senza aver mai fumato. Altri che lavorando in certi settori se lo sono trovato come regalo di "liquidazione" per la pensione...

    Quindi, nessuna demonizzazione. E per questo apperezzo il tuo post e le tue conclusioni.

    Ciao
    Daniele

    RispondiElimina
  3. Che dire?
    Mio padre da sempre vita sana e priva di ogni vizio...eppure a Dicembre ha subito un intervento al colon..

    Buona domenica!^_^

    RispondiElimina
  4. Mmmm, sono certa che qui non era inteso in "quel" senso, ma l'argomento I dati epidemiologici della salute dei vegetariani non fanno testo perchè sono tutti "salutisti" è un baluardo degli anti-vegetariani di cui io non sono affatto convinta.
    A parte che mi fa stupire un articolo scientifico, recente, in cui non si tenga conto perlomeno del fumo e dell'attività fisica!
    Comunque non è vero che tutti i vegetariani sono salutisti! Certo, spesso conducono una vita più sana, ma non sempre; il più delle volte vivono in città esposti agli stessi inquinanti degli altri; lavorano e non tutti magari fanno attività fisica 3 giorni alla settimana; ne conosco di pigri, di forti bevitori, di fumatori e di sovrappeso. Non per dire che essere vegetariani faccia diventare alcolisti sedentari, anzi ;)
    Ma mi sembra una generalizzazione troppo semplice.
    Tra l'altro esistono studi che comparano il rischio di malattie dei vegetariani con campioni di onnivori ugualmente attenti alla salute.
    Poi, ovviamente, i giornali (i giornalisti) sbagliano a semplificare e scrivere titoli esaltati e scorretti, perchè anche se una ricerca dimostra che una certa "fascia" della popolazione si ammala meno, non vuol dire che non si ammala, come dimostrato dal commento sopra il mio.
    Non bisognerebbe dare l'illusione che fare certe scelte di vita garantisce di mettersi al sicuro...

    RispondiElimina
  5. essere vegetariani credo che sia una scelta, mangiar più frutta e verdura aiuta tutti, d aun po di tempo l'informazione però sembra schizzata si dice tutto e il contrario di tutto

    RispondiElimina
  6. io nn credo che ci sia uno stile alimentare univoco. Credo che bisogni eliminare gli abusi, e tornare per quanto si può ad una dieta piu "povera" e una vita piu attiva, evitando i vizi. QUesto sarebbe un notevole passo avanti. Anche se sono molti i fattori che noi nn possaimo controllare....

    RispondiElimina
  7. @ babs è sempre un piacere avere una tua riflessione
    @daniele il cancro ahime non sappaimo ancora bene da cosa dipende per questo invito alla cautela, buon weekend
    @mammafelice, grazie del commento veramente, siete fantastici, una capacità di argomentare che mi piace molto, ho dei lettori meravigliosi
    @mina, grazie so che non sei vegetariana
    @verde pomodoro sono molto daccordo con te

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi