venerdì 18 marzo 2011

Antiossidanti si antiossidanti no, polemiche sull’indice di mortalità, le top ten alimenti antiossidanti naturali

Prodotti con aggiunta di antiossidanti oramai è un mercato piuttosto maturo, è sufficiente entrare in un qualsiasi supermercato per trovare prodotti arricchiti con antiossidanti, e nel reparto salutistico integratori antiossidanti, ma non basta l’altro giorno ero in farmacia e ho visto che c’erano perfino in uno shampoo e in bagnoschiuma! Con questo non si vuole mettere in discussione il probabile ruolo degli antiossidanti, nella prevenzione primaria e secondaria di alcune patologie come la cardiopatia coronaica, carcionogenesi, catarrata, alterazioni neuronali, ma forse meriterebbe una minore enfasi e andrebbe meglio argomentato.

Da quando nel 2007 uno studio dimostrò che gli integratori antiossidanti (Vitamina C , Vitamina E, beta-carotene) causano un aumento del tasso di mortalità, si è andati a cercare prodotti naturali con un alto tasso di antiossidanti come Goji, Acai per aumentare "naturalmente" la percentuali di antiossidanti nei prodotti senza ricorrere a prodotti di sintesi.

Nel 2007, l'analisi di 66 studi clinici, con utilizzo d'integratori antiossidanti (vitamine C e Vitamine E, beta-carotene) e vitamina A, suggeriva che l'assunzione di integratori antiossidanti aumenta la mortalità del 16%. Rispetto a quei dati del 2007 alcuni giorni fa è stata presentata una seconda analisi sui stessi studi, composta da un team di ricercatori del professor Hans Biesalski, Università di Hohenheim arrivando a conclusioni differenti ma che dal mio punto di vista non cambiano la mia opinione personale (non servono quasi a nulla!).

La nuova analisi, rivede il rapporto causa effetto della morte degli stessi risultati di questi 66 studi, e li classifica in risultati positivi, neutri (nessun effetto) o negativi (effetti negativi degli antiossidanti).

Risultati:
il 60% degli studi hanno riscontrato alcun effetto
il 36% una supplementazione di antiossidanti ha trovato un risultato positivo
il 4% ha riportato risultati negativi.

Lo studio tedesco sbandiera la rinnovata positività degli antiossidanti , io sono di parere diverso perche se su 100% il 64 % non è positivo, vuole dire che servono a poco per non dire a nulla, hanno ridotto indice di negatività, non aumenteranno l’indice di mortalità come la tesi Bjelakovic ma nemmeno la diminuisce, anche se il loro ruolo è diverso.

In qualsiasi caso lo studio di Bielsanski, ha messo in evidenza alcuni aspetti qualcuno discutibile come la diminuzione del rischio cardiovascolare di difficile valutazione, in quando la malattia cardiovascolare necessita per la valutazione di tempi più lunghi ed è associata ad altre patologie e ad altri strumenti di prevenzione. Qualche riscontro invece positivo e meno discutibile sono le integrazioni di vitamina E per la diminuzione delle concentrazioni di colesterolo e prevenzione della degenerazione maculare.

Il migliore risultato dell’analisi di Bielsanski, sono relative a due sue osservazioni sottotono
1) A beneficiare dei supplementi antiossidanti sono quelli che ne sono privi (è veramente possibili trovare persone prive degli apporti di vitamina C, Vitamine E , betacarotene? Quindi chi non ha queste carenze non ne beneficia? Una supplementazione di sintesi è giustificata?)
2) Sembra che vi sia una soglia oltre la quale una dose di antiossidanti non ha più un effetto, un dato secondo me che testimonia il limite, la neutralità o meglio delle mancanza di benefici riscontrabili delle supplementazioni di antiossidanti.

Ma quali sono gli alimenti naturali più ricchi di antiossidanti?


1) Acai
2) Goji
3) Noci di pecan
4) Sambuco
5)
Uva secca tipo sultanina
6)
Noci
7)
Carciofi, sia crudi che cotti
8)
Cranberry
9)
Prugne
10) Ribes


Come garantirsi un' apporto corretto di antiossidanti: 5 porzioni di frutta e verdura, frutte e verdura a chilomentri zero/locale a un buon rapporto qualità/prezzo.



Per garantirsi un sufficiente apporto giornaliero di antiossidanti è sufficiente un alimentazione equilibrata e la quantità di 5oo g di frutta e verdura traguardo facilmente raggiungibile le famose cinque porzioni di frutta e verdura (5 porzioni non il massimo, ma consideratelo come il minimo ). Non c'è una RDA per gli antiossidanti, solo per alcuni di essi come la Vitamina C, in letteratura si parla di consigliare un assunzione minima di 5.000 Orac al giorno che come vedete nella tabella è facilmente raggiungibile anche con prodotti poco costosi, locali e bio, come le Mele, Prugne, Carciofi, Noci e Noccioline senza riccorrere a prodotti esotici eccessimente costosi sia in termini monetari che di Co2 e lontani come Acai, Goji, Cranberry d'importazione, che tra l'altro non garantiscono una maggiore prevenzione.



* Orac, Fonte lista Orac, Selection of food 2010 US Department of Agriculture


I due studi :

- 1. Bjelakovic G, Nikolova D, Gluud LL, Simonetti RG, Gluud C. Mortality in randomized trials of antioxidant supplements for primary and secondary prevention: systematic review and meta-analysis. JAMA. 2007 Feb 28;297(8):842-57. Review. Erratum in: JAMA. 2008 Feb 20;299(7):765-6. PubMed PMID: 17327526.


2. Biesalski H. Reexamination of a Meta-Analysis of the Effect of Antioxidant Supplementation on Mortality and Health in Randomized Trials. Nutrients 2010, 2: 929-949; doi:10.3390/nu2090929

14 commenti:

  1. Grazie per queste informazioni preziose!!! Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. La tua opinione sugli integratori è anche la mia: grazie per aver riportato la tabellina.
    Buon fine settimana,

    wenny

    RispondiElimina
  3. Riguardo agli integratori credo la pensiamo allo stesso modo. Se l'alimentazione è il più possibile varia e completa non c'è alcun motivo di ricorrere a supplementazioni. Grazie le sempre dettagliate informazioni. Buon we

    RispondiElimina
  4. davvero interessante...e il suggerimento finale prezioso...5 prozioni di frutta e verdura per tutti! Buona serata

    RispondiElimina
  5. Post davvero interessante . Grazie !
    buona domenica , chiara

    RispondiElimina
  6. Io sono una patita di argomenti simili e guarda un po' davanti a che post mi ritrovo. Complimenti davvero, tornero' a visitarti presto :)

    RispondiElimina
  7. l'argomento è serio e mi piace molto come lo hai trattato, ma complimenti per le foto, quale mercato è? Ginevra?

    RispondiElimina
  8. Analisi equilibrata tesa come sempre a sfatare miti&leggende del 'mondo alimentare' che restituisce una foto più nitida o comunque certamente più completa sull'argomento.
    Questo tuo costante aggiornamento è davvero un contributo prezioso con chi deve 'fare i conti' con una informazione non sempre precisa...per non dire anche maliziosa in qualche caso :))

    RispondiElimina
  9. Utilissime informazioni, grazie per averle condivise con noi. Un aspetto tuttora molto sottovalutato è il valore nutritivo dei prodotti "di casa nostra", spesso snobbati a favore di qualcosa che non solo non è migliore dal punto di vista alimentare, ma non lo è neppure per il consumo e l'impatto ambientale. E fare informazione è fondamentale.

    buon inizio di primavera

    RispondiElimina
  10. Bella la tua controinformazione ossia informazione !! Grazie..bellissimo (e condiviso, spero non ti dispiaccia, anche il post precedente)

    RispondiElimina
  11. NOn smetterò mai di ringraziarti per i tuoi utilissimi e ben spiegati post!!!!! Un abbraccio grande!!!!!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi