mercoledì 22 settembre 2010

Quali sono le acque minerali più ricche di calcio? Quanto costano? La top ten delle acque minerali più ricche di Calcio

Paola Frigerio domanda: Sono intollerante al latte, ho sentito dire che per raggiungere i livelli raccomandati di calcio è possibile bere dell'acqua minerale, è vero? Se si, quale?

Risposta: Per coloro che sono intolleranti al latte ma sarebbe corretto dire intolleranti al lattosio, che è uno zucchero, non producono a sufficienza lattasi, un enzima digestivo essenziale per il corretto assorbimento del lattosio nell'intestino. Il lattosio così passa direttamente nell'intestino e provoca disturbi gastrointestinali. Ho notato spesso nella mia esperienza che gli intolleranti non gradiscono neanche l'idea dei prodotti lattiero caseari, le proposte di yogurt e formaggi stagionati dove i livelli di lattosio sono minimi o nulli non li attrae, pertanto bisogna cercare delle alternative, anche se un intolleranza non è un allergia, bisogna avere una dieta varia e cercare di assimilare le sostanze nutritive da alimenti diversi.

Un alternativa come fonte di calcio sono i legumi (ceci, lenticchie, piselli), soia, le verdure come cavoli, rape, broccoli, spinaci anche i semi si sesamo che possono essere aggiunti facilemente in tante preparazioni, troviamo calcio nell'arancia e nel pesce come acciughe e polpo, anche se il loro contenuto è ridotto rispetto per esempio alle acque minerali ricche di calcio.

Si, le acque minerali ricche di calcio possono essere un alternativa, anche se il mio consiglio è quello di avere più fonti di calcio da più alimenti, si possono anche alternare con delle acque leggermente mineralizzate in particolare in quei soggetti predisposti alla formazione dei calcoli renali. Ovviamente il contenuto di calcio varia a seconda dell'acqua minerale.

Il problema del calcio è una grade diatriba sia a livello medico scientifico sia a livello commerciale da una parte abbiamo la lobby delle aziende del latte dall'altra quella dell'acqua. In realtà il problema dell'assunzione di calcio è più vasto e giornalmente si arricchisce di polemiche, problematiche e di soluzioni.

Quali sono le acque minerali con calcio?

Si possono definire Acque Minerali Calciche solo quelle che superano i 150 mg/l

1) Acqua Minerale Courmayeur 565 mg - 649 mg - Sorgenti Monte Bianco Terme di Courmayeur S.p.A. (Valle d'Aosta) - Group Castel
2) Acqua Minerale Hepar 555 mg . Nestlè Waters, la comunicazione è più incentrata sul contenuto di magnesio che sul contenuto di calcio. (Francia)
3) Acqua Minerale Valser 436 mg - Valser service (Svizzera)
4) Acqua Minerale San Faustino 413 mg- Irologica Umbra srl (Umbria)
5) Acqua Minerale Eau - La Francaise 354 mg (Francia)
6) Acqua Minerale Aproz 352 mg (Svizzera) Aproz Sources Minérales SA- Gruppo Migros
7) Acqua Minerale Lete 317 mg (Campania) - Società generale delle Acque Minerali a r.l
8) Acqua Minerale San Paolo 304 mg - Sorgenti San Paolo srl (Lazio)
9) Acqua Minerale Sangemini 303,3 mg - Sangemini spa (Umbria)
10) Acqua Minerale Lavaredo 298,5 mg- Keiserwasser (Alto Adige)

Manca l'acqua Talians, 596 mg/l, Antica Fonte Darfo Terme Danone, qui il video della pubblicità, che dovrebbe essere al primo posto ma è in stand by da qualche anno, partita con un grande budget di comunicazione non ha trovato il favore dei consumatori ed è stata ritirata dal mercato.

Manca anche l'Acqua Minerale Ferrarelle con 377 mg di calcio/l, semplicemente perchè non era in vendita in nessuno dei supermercati che ho visitato anche se è molto nota, ha più contenuto in calcio dell'acqua Lete più o meno allo stesso prezzo quindi rientra tra le acque calciche con un buon rapporto qualità/prezzo.

Manca per la stessa ragione Acqua Minerale Saint Antonin con 528 mg/l
I valori della fonte sono del Politecnico di Zurigo, differiscono da quelli on line perché presi lo scorso anno, anche se a volte di poco in quanto le analisi vengono effettuate periodicamente e capita spesso che i valori variano come il caso acqua Courmayeur da 649 a 565 o Lavaredo che con 333 mg nella nuova rilevazione sarebbe la 7° e non 10° . Purtroppo queste acque non le troviamo dappertutto molte hanno solo una distribuzione locale, altre come la San Paolo non hanno un sito e la proprietà non è rintracciabile on line. Acqua Courmayeur che viene imbottigliata in Italia è di proprietà del gruppo francese Castel. Segnalo invece altre marche di acqua il cui contenuto di calcio è interessante e che hanno una distribuzione capillare.

Wattwiller 288 mg
Santagata 259 mg
San Pellegrino 208 mg
Vittel 202 mg
Uliveto , 206 mg
Badoit, 190 mg
Kaiserwasser 154 mg

Non vanno snobbate le acque del rubinetto alcune zone di montagna o di altre località contengono valori da 80 a 100 mg/l di calcio, un esempio l'acqua del rubinetto di Parigi che contiene 80 mg/l.




Analisi Prezzo
Il prezzo: il prezzo è stato calcolato per le confezioni da sei in vendita nei supermercati Auchan in Francia, Migros in Svizzera, Esselunga Despar Margherita in Italia, si riferisce a costi medi. In generale possiamo dire che sono care, tutte hanno un costo superiore alle altre acqua minerali dal 50% al 350%. Le più care in assoluto sono Hepar, Eau La francaise e Sangemini.
Eau La Francaise punta molto sulla raffinatezza, l'esclusività e originalità non si trova nei supermercati ma solo nei negozi e supermercati bio e nei store parafarmaceutivi una scelta del canale di vendita esclusivo per sostenere il prezzo alto, mentre Sangemini e Hepar investono molto in marketing e comunicazione sopratutto medico scientifico , stranamente Hepar punta a comunicare non il suo contenuto di calcio ma di magnesio! Quella che costa meno è l'Acqua Minerale Lete.
Rapporto Costo/ mg Calcio : dalla tabella si vede che l'acqua più conveniente nel rapporto con il calcio è l'Acqua Minerale Coumayeur e l'Acqua Lete (indi anche Ferrarelle) forniscono un discreto quantitativo di calcio ad un prezzo più basso rispetto ai concorrenti.

25 commenti:

  1. La sangemini 1 tempo la bevevo e mi piace molto ma x colpa del prezo ho cambiato e devo dire che anche la Radenska nn e male nn ha cosi tanto calcio ma penso che 220 mg possano bastare e ha anche magnesio 95,k+70 sodio e altre proprietà molto importanti.Ad esempio io sn anemica dalla nascita e dovrei fare 1 trattamento molto lungo diciamo a vita cn dell'ferro,calcio,magnesio e altre cose e questa acqua nn e solo molto salutare ma e davvero buona e digeribile x chi ha problemi x digerire...:D

    RispondiElimina
  2. Io per un po' la Sangemini la bevevo al mattiono a digiuno(per assimilare il calcio).Di giorno è troppo pesante per i miei gusti!
    Mi sa che faccio un giro al super poi!

    RispondiElimina
  3. Io invece, avendo già avuto problemi di calcoli, preferisco acque con poco calcio. Quelle da te elencate non le ho mai viste dalle mie parti, tranne che San Gemini e Lete.
    Spesso mi dimentico, ma al mattino appena sveglia mi piace bere un bel bicchiere di acqua. E ti faccio una domanda: su molte bottiglie compare la scritta che 'occorre' bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno. Che ne pensi?

    RispondiElimina
  4. @novellinadelorto, si infatti il punti negativo di sangemini è il prezzo, se non sei intollerante al latte puoi anche prendere un acqua con meno contenuto di calcio
    @saretta, si le acque sono fortemene mineralizzate ma adatte a chi proprio non può assimilare il calcio con altri prodotti, un acqua più leggera va benissimo
    @lu,fai benissimo sugli otto bicchieri io sono un po' scettico preferirei parlare di litri dicmao che due litri d'acqua al giorno sono un bel traguardo, tra l'altro che beve almeno 2 l fi acqua al giorno nel tuo caso quelle leggere poveri di sali minerali e sodio aiuta a perdere anche peso

    RispondiElimina
  5. Ciao Gunther anche io come Paola ho un intolleranza al lattosio, e bevo ormai da diversi anni la Sangemini, inizio al mattino a digiuno e proseguo durante la giornata. senza in effetti preoccuparmi della qualità, mi rincuora ora sapere che non ho scelto male, anche se in effetti è un pò cara.

    Sempre interessante i tuoi post :-)
    a presto
    Rosalba

    RispondiElimina
  6. Ciao Gunther noi abbiamo un problema inverso, dobbiamo bere acque oligominerali per evitare formazioni di calcoli .... Comunque trovo sempre interessanti o tuoi articoli ! Grazie . Un caro saluto

    RispondiElimina
  7. Un post davvero utile e fatto da chi non avendo alcun interesse sicuramente scrive dati reali.

    Sei davvero un punto di riferimento importante nel tuo campo.

    Grazie
    Daniele

    RispondiElimina
  8. Decisamente interessante l'analisi comparativa con quantità e costi.
    Non conoscevo così bene l'argomento e quindi non posso che ringraziarti del consuntivo chiaro condiviso con molte info utili sia dal punto di vista medico/chimico sia di convenienza appunto sul piano dell'acquisto.
    Grazie davvero :)

    RispondiElimina
  9. Ho sempre avuto dubbi sulla relazione calcio/acqua. Adesso mi é tutto un po' piú chiaro..
    2 lt di acqua al giorno..non ce la faró mai...

    RispondiElimina
  10. La Sangemini la bevevo da piccola, poi per lungo tempo in tavola c'è stata la Ferrarelle ma più per il frizzante che per la necessità di calcio. Anzi fu proprio il medico a dirmi che in soggetti predisposti, poteva causare formazione di calcoli. Ora come ora non riuscirei più a berla, la trovo salatissima.
    Molto interssante questo post comparativo. Grazie, a presto

    RispondiElimina
  11. grazie gunther per le tue incredibili indagini sul mercato dell'acqua, io bevo quella del rubinetto e devo dire che non e' niente male. ciao

    RispondiElimina
  12. Io consumo acqua lete/ferrarelle...deduco sia una buona scelta...boh! Sei davvero in gamba, i tuoi articoli sono davvero utili!!!

    RispondiElimina
  13. ho il marito con problemi di calcoli, e queste informazioni sono utilissime, anche se l'urologo stesso ci ha detto: rubinetto forever... mah!! siamo sempre più perplessi. Ora mi stampo questo e alla prima occasione glielo porto!! :-)

    RispondiElimina
  14. @madame bavareisa il post è fatto per una persona che non assume calcio dai prodotti derivati del latte e che quindi deve cercare di assumere calcio in modi diversi. Nel caso dei soggetti predisposti ai calcoli renali è bene che utilizzino delle acque leggermente mineralizzate ,sono il 56% del mercato, cioè residuo fisso tra di 50 mg/l e 500 mg/l che favoriscono la diuresi, perchè hanno poco concentrazione di sali minerali mentre le acqua medio minerali non sono consigliate (residuo fisso tra 500 e 1500 ml)come le acque del post, salvo diversa indicazione medica

    RispondiElimina
  15. Mi piace moltissimo la Sangemini, è un'acqua veramente eccellente, nonostante il suo costo!!! Grazie Gunther per queste importantissime notizie!!! Un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  16. Molto interessante questa comparazione di acque, ma confesso di bere l'acqua del rubinetto, un pò per praticità, un po per non voler riempire di plastica il mondo anche se il mio contributo sarebbe minimo, ma è un modo di pensare che un pò aiuta almeno a porsi le questioni.
    Anch'io sarei un pò intollerante al lattosio, quindi magari comincio a pensare di bere qualche volta un'acqua più adatta. Grazie per le utilissime informazioni

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Questo post mi sembra molto importante. La Sangemini la conoscevo le altre nemmeno sapevo l'esistenza, devo dire un assimilabilità naturale che si fa pagare la Sangemini però

    RispondiElimina
  19. come Viola, anch'io bevo acqua di rubinetto. Credo sia doveroso ricordare che l'acqua imbottigliata fa male all'ambiente oltre che al portafoglio. In più si aggiunga il problema delle bottiglie di plastica che se conservate al sole rilasciano sostanza tossiche ed è veramente difficile sapere dove siano state conservate le bottiglie prima di approdare nelle nostre case...

    RispondiElimina
  20. Bevo l'acqua del rubinetto, che tra l'altro a Roma è buonissima.
    Ogni tanto alterno e acquisto dell'acqua frizzante ma semplicemente perché a volte ho voglia di variare.
    In genere però non mi piace acquistare casse e casse d'acqua in plastica che poi dovrà essere smaltita chissà come.......
    Comunque quando acquisto leggo sempre l'etichetta.
    Grazie delle utlissime informazioni

    RispondiElimina
  21. io non posso soffrire la sangemini, perché per me è troppo salata, però la uso spesso per fare il biberon al bambino, così posso evitare il classico formaggino e privilegiare i legumi, ricchi di ferro. Tra l'altro aiuta il bimbo se stitico (scusate i particolari, che però interessano le mamme).
    Per il calcio, si può anche usare il latte vegetale di soia o riso addizionato di calcio e vitamina D, meglio se bio. Io aggiungo ai biberon anche la crema di mandorle, sempre ricca di calcio. La salsa di sesamo deve piacere ;) mentre quella di mandorle è decisamente più buona!
    Mi hanno segnalato sul blog una mozzarella senza lattosio (mi sembra di capire che sia "delattosizzata", cioé fatta col latte ma privata del lattosio): Free+ marca La Fiorente. Pare che si trovi anche in alcuni supermercati.
    Comunque ricavare il calcio dall'acqua e dai vegetali sembra meglio, perché le proteine animali e il sodio dei latticini ne inibirebbero l'assorbimento e porterebbero più facilmente all'osteoporosi (così dicono i medici che sostengono le diete vegetariane e vegane).
    Grazie mille per le indicazioni

    RispondiElimina
  22. Grazie mille a te puccina di tutte le informazioni che di dai, veramente grazie

    RispondiElimina
  23. Ciao Gunther
    Ho letto con interesse la classifica delle acque con maggior contenuto di calcio, perchè come sai sono intollernate e, anche se non disdegno i formaggi, come ho già scritto in un mio post, preferisco integrare la mia dieta con acqua bicarbonato-calcica. Se volessi seguire un discorso di chilometraggio zero, dovrei bere Uliveto, ma mi piace molto il gusto della Lete e difficilmente me ne privo.
    Grazie mille per le tue relazioni, sono sempre molto interessanti.

    RispondiElimina
  24. sinceramente preferisco le acque con poco calcio,a nzi devo dire che quella che uso non nè ha ma contiene altre sostenze, poche, ma non calcio

    RispondiElimina
  25. argomento interessante,acqua ,salute, ecologia...Anche se forse scomodo, volevo ricordare che oltre la bottiglia di acqua in PET , esiste sempre la bottiglia in vetro.... a rendere. Certamente meno pratica, ma una grande soddisfazione non solo dal punto di vista ecologico ma anche dal punto di vista qualitativo ed estetico.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi