giovedì 15 aprile 2010

Masticare ci aiuta a mangiare meno


Sull’Obesità oggi si scrive e si racconta molto anche troppo, spesso per farsi pubblicità, per raccogliere l’attenzione: nuove molecole, nuovi farmaci, nuove teorie. Invece io prediligo un approccio più semplice, meno urlato ma molto ben documentato, per questo ho apprezzato molto la lettura del libro di Dr. A. Cocaul, sull’importanza della masticazione nella prevenzione dell’Obesità "le regime mastication".

Ho diverso volte notato che le persone in sovrappeso o obese mangiano molto velocemente, io sto finendo il primo piatto loro sono già al caffè, alcune letteralmente buttano giù senza masticare, da una parte comprendo che i sentimenti di rabbia, ansia, tristezza ci spingono a rifugiarsi nel cibo e mangiare troppo velocemente e avidamente, ma questo atteggiamento ci impedisce di gustare il cibo.

Il meccanismo che spiega Cocaul si basa sull’'istamina, che è un neurotrasmettitore che invia il messaggio ai neuroni nel cervello di sazietà. Secondo il dottor Cocaul, la masticazione innesca nel cervello attraverso il nervo trigemino, il rilascio di istamina, che causa la sensazione di stomaco pieno, più o meno dopo venti minuti. Più si mastica, più si ha l'impressione di essere sazi. Meno si mastica e minore è la sensazione di essere sazi. (In teoria gomma da masticare sarebbe un buon modo per controllare il suo appetito).

La masticazione oltre a meglio controllare il senso di sazietà e l’introduzione di cibo aiuta ad avere una migliore digestione in quanto una buona masticazione riduce il lavoro del transito intestinale evita quindi il gonfiore, la pesantezza di stomaco e irritazione del colon. Aiuta il sonno, in quanto evita che l’apparato digestivo lavori durante la notte. Questo potrebbe i più indurre a pensare ad una squilibrata con alimenti più duri e fibrosi, invece no è sufficiente associare gli alimenti con un basso indice da masticare e un alto indice di masticare e io aggiungerei anche di imparare a masticare lentamente concentrarsi sul cibo per gustarlo al meglio.

Il consiglio è quello di evitare alimenti troppo morbidi almeno che non vi sia un problema legato ad una patologia, cibi più morbidi, si mangiano più velocemente ma in qualsiasi caso solo dopo venti minuti il cervello riesce a mandare un messaggio di sazietà. Un cibo morbido richiede meno energia al nostro fisico per essere digerito

Alcuni alimenti a basso indice di masticazione : banana, uova, pane bianco, patate, avocado, polenta, scodella di cereali con latte, prosciutto, bastoncini di pesce, lasagne ...

Alcuni moderato indice di masticazione : melone, pesca, uva, pera, pomodori, salsiccia, salmone, sardine, tonno, riso bianco, pizza, torte salate ...

Alcuni alimenti ad alto indice di masticazione: le mele, ananas, prugne, carote crude, cetrioli, fagioli rossi, riso, cereali, bar, pollame, carni bianche, crostacei, fagioli, ...

Sicuramente l’obesità è una patologia complessa, però devo dire che questo approccio non mi dispiace, ha un suo valore, se inserito all’interno di un alimentazione equilibrata e uno stile di vita sano. Credo se ci si abituerà a mangiare lentamente e scegliendo dei cibi che favoriscano la masticazione, questo in un periodo di lungo termine può portare benefici non trascurabili per il controllo del peso.
Immagine diverterte presa da : mumuland.centerblog.net/selezionata da sabine

25 commenti:

  1. Noooo!!!hai toccato un tasto per me dolentissimo,sono veloce ,me lo dicono in tanti e lo sò da me.. che devo masticare bene e che la digestione comincia dalla bocca ...ma è più forte di me e per rallentare poso la forchetta sul piatto ad ogni boccone e conto..conto....Adesso che l'hai scritto anche tu dovrò allenarmi a farlo sempre A presto!!

    RispondiElimina
  2. io faccio sempre un emaculpa per il fatto di mangiare veloce, anche se poi sono io che la pago(digerisco male).Da un po' mi sto sforzando di masticare a lungo e la differenza si sente!
    Il problema è che siamo sempre di fretta;ho sentito che se alcuinianni fa dedicavamo un'ora al pranzo, oggi 15 minuti...
    Bel post!

    RispondiElimina
  3. Secondo me dipende anche da persona a persona, conosco gente magrissima che mangia alla velocità della luce e gente sovrappeso che mangia stile bradipo. Generalizzando forse è vero, ma più che al semplice obeso o sovrappeso occorre vedere chi soffre di disturbi dell'alimentazione o chi semplicemente mangia così. Io sono sovrappeso da sempre e sto benissimo così, non sono un budino molle e mi piace fare del movimento e riconosco che ci sono periodi, come quello che purtroppo sto vivendo ora, in cui la rabbia, la delusione, la tristezza, il nervosismo sono alle stelle ed ecco che allora tutto si riflette anche sul come mangio. Ma come dicevo prima, conosco gente che è uno stecchino ambulante ed è nevrina e fa tutto alla velocità di speedy gonzales. Forse aveva ragione Rosanne Barr l'altra sera in uno show che ho visto, in cui diceva che siamo tutti depressi e nervosi e problematici perchè è il mondo che fa schifo e noi agiamo di conseguenza.

    RispondiElimina
  4. Anche per me è un tasto dolente!!! Con la vita frenetica che conduciamo, siamo costretti anche a consumare velocemente il nostro pasto! Invece è necessario il ripristino di una lenta masticazione, una sana abitudine! Un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Caro Gunter,
    io sono sempre stata lentissima a mangiare (mia madre diceva che sembrava che masticassi perfino la minestra...), ma il tuo messaggio è chiarissimo. Se penso a quanti cibi "morbidi" mangiano i bambini, ci sarebbe da riflettere... e non poco. Perciò grazie per questo post, l'ennesimo di una lunga serie che non ho mai smesso di leggere (anche se non sempre ho il tempo di commentare...). E per quella vignetta deliziosa, dal significato ambivalente: perché - ad essere magnanimi - si potrebbe pensare che la signora si è finalmente decisa a fare un po' di addominali!
    A presto

    Sabrine

    RispondiElimina
  6. Una teoria molto interessante, anche se non è valida in tutti i casi nel senso che so anch'io di persone molto magre ma che mangiano alla velocità della luce..ovviamente in queste cose contano molti altri fattori..
    Dal mio canto posso dire che sono lentissima. O meglio, io mastico e mangio alla velocità che 'fa per me', ma sono sempre l'ultima a finire...c'è da dire che, come dice questa tesi, dormo come un sassolino... :)

    Nadia - ALTE FORCHETTE -

    RispondiElimina
  7. @nadia sei l'eccezione che conferma la regola
    @sabrina alla signora che faceva gli addominali non ci avevo pensato
    @lady boheme vita frenetica anche io ahimè
    @tuby si è individuale hai visto nadia?
    @saretta, si il pranzo dura sempre meno ingugitiamo più che mangiare
    @nitte, un po di allenamento non guasta, i mie figli odiano stare a tavola e quindi cercano di mangiare alla svelta cosi fanno altro, che difficoltà educarli!!

    RispondiElimina
  8. Anche io mangio come un razzo! E poi mangio distrattamente, leggendo o facendo altre cose contemporaneamente. Abitudine pessima!!!
    Il tuo articolo mi ha fatto riflettere, ma so già che non metterò in pratica i preziosi consigli...magari ci provo eh?

    La vignetta è carinissima :DDDDD

    RispondiElimina
  9. Effettivamente come sottolineavi anche tu in altri post l'obesità è il risultato di una serie di fattori concomitanti e contingenti tutavia porre l'attenzione sui singoli elementi che contribuiscono a prevenirlo in forma generica non può che essere un sano richiamo a quel famoso buon senso che vale molto più di tante e tante cure aposteriori.
    Devo dire anche che "la signora che fa gli addominali" individuata da Sabrine è stata un ulteriore chicca al post...meritevole come sempre di offrire spunti interessanti!
    Grazie Gunther :)

    RispondiElimina
  10. Sono pienamente d'accordo con te. Masticare a lungo e soprattutto mangiare ( non schifezze!!) senza fretta può aiutare il metabolismo ad assimilare tutte le sostanze in modo migliore. Poi vabbé, capita di avere gli occhi più grandi della bocca :).
    Ciao. Lisa

    RispondiElimina
  11. Va bene, allora la mia dieta comincerà proprio dalla masticazione lenta. Magari risolvessi così...
    Concediamoci un'illusione...
    Anna

    p.s. bella la vignetta, dove l'hai presa?

    RispondiElimina
  12. Gunther non mollare...anche se i bambini sono più tosti del marmo :D.
    In ogni caso è vero e molte riviste scientifiche hanno trattato il caso. Anche io avevo il vizio di avventarmi sul cibo, soprattutto dopo una dura giornata di lavoro. Ma con la volontà si ottiene tutto e la velocità ora è quasi dimezzata...si metabolizza anche meglio ciò che si mangia, oltretutto.

    RispondiElimina
  13. evidentemente la mia istamina me la sono persa strada facendo negli anni. so che potrei adirarmi le ire di alcuni ma io mangio quasi in modo compulsivo, tracanno in perfetto stile troglotida, ho fame praticamente sempre e le mie ganasce sono sempre in movimento. Sono magra al limite dell'anoressia e non ingrasso quasi mai. Però a mia discolpa c'è da dire che non ho una vita facile e non mi fermo un attimo.
    Con mia figlia invece è un dramma, ogni bicchiere di acqua son 3 etti in più. Ci stiamo provando insieme a regolamentare i tempi del pasto ma è difficile, le cattive abitudini... approfitterò di questi ottimi spunti per metterci più impegno.

    RispondiElimina
  14. Grazie dei tuoi approfondimenti, sono sempre interessanti e fanno riflettere.
    Per noi la tavola è anche il luogo dove ci si confronta, un po' come la sauna in Finlandia, e il ritmo si rallenta, certo abbiamo più tempo di prima ...
    C'è da dire che mangio lentamente...ma sono sovrappeso ! Uffa ! Un'occasione sprecata.
    un caro saluto
    Rossella

    RispondiElimina
  15. mannaggia io mangio velocissima...tutti a casa mia lo facevano...era normale...ed erano grassi...io ho migliorato molto...ma davvero è uno sforzo duro..ancora ora nei momenti di stress ...senza rendermene conto mangio veloce...non è semplice cambiare

    RispondiElimina
  16. avevo già sentito questa teoria. io sono sempre l'ultima a finire di mangiare, sono una "falsa magra", 3-4 kg di troppo.
    Penso che sia soggettivo, ma in generale è vero che mangiare distrattamente porta ad assumere più cibo.
    Bellissima la vignetta...potrei provare anch'io quando sono giù...
    Ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
  17. la vignetta è spassosisima, no notato ultimamente hai notato ch ei cibi già pronti sono più morbidi?

    RispondiElimina
  18. E' si concordo.. penso proprio che questa teoria abbia ragione:)
    Io mangio troppo velocemente e il mio pancino ne risente:)
    Che carino l'indice di masticazione dei cibi... me lo studio!
    ciao
    vale

    RispondiElimina
  19. capirai, è una lotta giornaliera: mio marito si ingozza e io puntualmente lo sgrido.......Il brutto è che psicologicamente mette fretta pure a me!!!!

    RispondiElimina
  20. Un articolo molto interessante. Al di là di tutto, obesità o non, masticare a lungo un cibo è sempre meglio. Buona serata

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. E' tutto vero!

    E non bisogna farsi confondere dal fatto che esistono persone magre che mangiano in maniera velocissima, perché sono due discorsi diversi.

    Da un lato abbiamo le persone che mangiano velocemente (possono essere magre o obese)

    Da un altro abbiamo le persone con un metabolismo lentissimo (obese) e persone con un metabolismo velocissimo (magre)

    La differenza fra chi è magro e mangia veloce, e chi è obeso e mangia veloce, sta solo nel fatto che chi è magro è aiutato dal fatto di avere un metabolismo che funziona come si deve.
    Questo però non impedisce al magro di avere gli stessi problemi di "trasmissione neuronale" che ha l'obeso.
    Entrambi mangiano tanto perché al cervello non si dà il tempo di ricevere il messaggio di sazietà.
    Un pasto dovrebbe durare venti minuti affinché questo avvenga.

    Il magro è avvantaggiato, mangia velocemente ma non ne paga le conseguenze (in termini di taglia) ;-)

    RispondiElimina
  23. Complimenti per il blog!
    Tutti mi chiedono come faccio ad essere così magra. Oltre a seguire un regime alimentare coretto, il mio segreto è proprio il mangiar lentamente. Mangio cose che richiedono un certo impegno e che non siano troppo morbide : carote, carne, pasta al dente e tante verdure oltre alla frutta.
    E poi ci vuole molta volontà, sacrificio e il non sfogare nel cibo le proprie ansie e frustrazioni.
    Controllare i propri istinti dà forza e aumenta la stima si sè. Nella vita non vi fate mancare niente, un pò di tutto non fa male e il mangiare tutto senza limite che fa ingrassare.

    Impegnatevi tutti.

    RispondiElimina
  24. Sto curiosando nel tuo blog..è proprio vero..da quando ho iniziato a mangiare più lentamente mi sazio prima e mi sento meglio!
    Bisognerebbe spiegare un paio di cosette a quelle mamme che pur di vedere mangiare i propri figli gli fanno mangiare quello che vogliono senza guardare la qualità!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi