lunedì 8 marzo 2010

Un otto marzo per tutta la vita


Un otto marzo auguri a tutte le mie lettrici, un post un po' diverso dagli altri, per abbracciare una lettrice particolare, si chiama Chiara* e qualche giorno fa mi fa mandato un e mail :

Ho 29 anni, il mio medico mi ha diagnosticato una menopausa precoce, fra tre mesi mi devo sposare, avevo già in mente di fare una famiglia, è una vita che lo desideravo. Non me la sento più di sposarmi, mi sento una donna senza futuro, non c'è una terapia, una medicina nuova qualcosa che può aiutarmi?

Grazie della fiducia, è qualche giorno che cerco di trovare le parole giuste, ho fatto controllare gli esami che mi hai mandato da due ginecologi, la diagnosi che ti hanno fatto è una diagnosi corretta. Non c’è purtroppo nessuna terapia, nessuna medicina . Di menopausa precoce sono colpite il 5,3% delle donne prima dei quaranta anni. Le cause sono di tre tipi, una genetica, se per esempio mamme e nonne hanno avuto una menopausa precoce è un segnale oppure il trattamento da chemioterapia, ma un 33% non sono ancora note. L'esame che viene richiesto dal medico è il dosaggio dell' ormone FSH (quando il valore dell'FSH sale sopra 30 m U/ml significa che l'ovaio fa più fatica a rispondere agli stimoli ormonali, e che quindi la menopausa è in arrivo).

Però attenzione l’insufficienza ovarica precoce può essere reversibile nel 10 % dei casi. Io credo che il tuo ginecologo te ne abbia parlato, ma in questo periodo è più facile che tu possa avere una gravidanza. L'intervallo di tempo è più o meno di due anni prima che l'attività ovarica termini.

Per cui basta piangere va invece affrontata la situazione . Non sottovalutare il tuo compagno non stà insieme a te solo per per avere dei figli e una famiglia, sta insieme a te perchè ti vuole bene, io penso che la cosa migliore che puoi fare e parlarne con lui, non sto dicendo che sia facile, se non lo fai ora potresti in futuro pertirtene. A volte la vita ci mette di fronte a delle situazione estreme, ma non bisogna subirle bisogna anzi avere la forza di volontà di reagire.

Essere donna non vuole dire solo essere mamma, ma tante cose insieme, non ti devi sottostimare è qualche anno che seguo il tuo blog sempre attento ricco, sei una persona che da molto alle persone che sono vicine e anche agli sconosciuti come me, i ruoli nella vita possono essere tanti.

Se non riuscirai a diventare mamma nei prossimi due anni, esistono anche altre modalità per diventarlo, oltre alla possibilità delle fecondazione assistita tramite ovulo di un'altra donna che viene fecondato dallo sperma del tuo compagno e inserito nel tuo utero, esiste l'adozione come diceva una pubblicità che ho visto in televisione "ci sono figli che vengono fuori dal grembo di una mamma e altri dal cuore di una mamma".

Un abbraccio
Gunther

* il nome Chiara ovviamente è modificato, ma se qualcuno di voi vuole dire qualcosa a Chiara che a me è magari sfuggito per disattenzione lo faccio gliene sono grato
Per sapere di più su menopausa precoce : Alessandra Graziottin, Menopausaprecoce.it

14 commenti:

  1. Mi spiace per 'Chiara'. Ma come hai detto tu, Gunther, una madre non è semplicemente colei che ti partorisce in fin dei conti questo è anche 'facile', per così dire, ma una madre è soprattutto la donna che ti cresce, ti ama, ti accompagna nel tuo percorso iniziale della vita e ti fa capire chi sei e dove vuoi andare e ti sta vicino in ogni decisione e momento. E forse una come Chiara potrà essere una madre ancora migliore di molte altre, proprio per il suo dolore.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. La vita ci pone di fronte le sue prove, a volte è come un test e abbiamo due strade difronte: irrigidirci e pensare che qualcuno o qualcosa ce l'ha con noi, o passato il primo momento di shock, pensare alle possibili soluzioni e far diventare i fatti che ci sono accaduti cone una "occasione". Occasione per fare meglio, per nuotare contro la corrente, risalire la china essere migliori e raggiungere altre mete.
    Nel tempo ho imparato a trovare la "miglior risposta possibile" che mi permettesse di restare in pace con me stessa, il mondo e anche di non dichiararmi sconfitta.

    Ecco Chiara non dichiararti sconfitta, la vita non si attende da te questa risposta, ti mette alla prova e ti lascia un piccolo margine usalo fino in fondo.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. un abbraccio affetuoso ance se solo virtualmente lo mndo davero di cuore a Chiara!!io non sono per niente brava con le parole,tidico solo di non demordere,ance se non riuscirai mai ad avere dei figli tuoi naturali,sono sicura che se hai amore da dare,sicuramente avrai a chi darlo!!ti faccio tanissimi auguri!!

    RispondiElimina
  4. Un grosso abbraccio a "Chiara"!!

    RispondiElimina
  5. Bravo Gunther,certe cose hanno una valenza più forte se dette da un uomo. A Chiara dico di non disperare ma di essere forte. Le consiglio di parlarne con la sua dolce metà perchè è dalla forza delle donne e dal vero amore che nascono le vere gioie e le belle sorprese. Non saprei darti consigli migliori di Gunther!MAI Perdere la speranza e poi meglio provarci che ....arrendersi! Un grosso bacio Chiara

    RispondiElimina
  6. Mi spiace davvero molto per questa ragazza; certo non è facile accettare questa situazione ma credo che tutti i consigli che tu le hai dato siano ottimi consigli. Ci sono tanti bambini nel mondo che hanno bisogno di una mamma e donna meravigliosa, come lo è certamente "Chiara". Un augurio particolare a lei e un abbraccio grande per dirti di non disperare.

    RispondiElimina
  7. spero che un domani ci sia la festa dell'uomo...dedicato a tutti coloro che hanno fatto le guerre come partigiani, ai lavoratori ai minatori, ai marinai... e con loro festeggiare tutte le donne che hanno sofferto con loro...insomma una festa unica...io cucinerò per tutti loro

    RispondiElimina
  8. Chiara, nessuna più di me ti può capire!
    Sappi però che, come dice giustamente Gunther, non siamo nate solo per fare figli e questo il tuo compagno lo sa, e sono sicura che ti amerà di più.
    Un abbraccio cara e vedrai che il sereno ci sarà anche per te.

    RispondiElimina
  9. La vita non va mai come noi l'avevamo programmata. A volte va meglio, molte volte va peggio. E ti ritrovi a dover affrontare problemi e difficoltà che mai avresti immaginato. Un abbraccio virtuale a Chiara, che ha tutta la mia comprensione e la mia solidarietà.
    Complimenti Gunther, riesci ad affrontare anche argomenti tanto delicati e tanto "femminili" con un tatto ed una delicatezza senza pari.

    RispondiElimina
  10. Innanzitutto grazie per gli auguri Gunther.
    Il mio pensiero va poi a Chiara, posso capire come ci si sente, ho sofferto di una brutta malattia e per tre lunghi anni c'è stato il rischio che non potessi avere figli. Ricordo di essermi sentita diversa dalle altre ragazze, non riuscivo a sentirmi donna.
    Però le tue parole Gunther non potevano essere più azzeccate, una donna non è solo colei che diventa mamma, Chiara potrà dare tanto amore alle persone che la circondano, è questa la forza delle donne.

    Termino facendo un grosso in bocca al lupo a Chiara e ringraziando te Gunther che ci hai reso partecipi di questa storia.

    A presto.
    Baci
    Elsa

    RispondiElimina
  11. trovato per caso non posso fare a meno di mandare un messaggio a Chiara.
    hai ragione, ora ti sembra che nulla abbia più un senso. ma un senso ci sarà. sei donna comunque, perchè noi non siamo donne una volta al mese, anche se ti mancheranno tanto le mestruazioni, sarai madre comunque perche potrai essere madre di figli non voluti e sarai la migliore delle madri. potrai chiedere l'affido, l'adozione. ora devi essere la compagna del tuo compagno e non far mancare a lui il suo amore, e non far mancare a te il tuo amore. e poi...prova a cambiare alimentazione e prendi la curcuma. io per un anno ho allontanato la menopausa grazie alla curcuma. una abbraccio. silvia

    RispondiElimina
  12. Carissima Chiara,

    io trovo la tua reazione abbastanza naturale perché è evidente che alla tua età e con tutti i progetti che hai tra breve una notizia del genere è inaspettata e traumatizzante. Però come dicono giustamnte tutti, una prova grande d'amore è anche quella di condividere un dolore con chi ami e così facendo diventa più leggero da portare.

    A una mia amica è successa la stessa cosa, dopo vicende varie anche abbastanza travagliate a quasi 40 anni trova finalmente l'uomo con cui vuole metter su famiglia e stessa cosa tua. Con l'ovodonazione hanno avuto un bambino meraviglioso con due occhioni bellissimi, e sono felici con la loro bella famiglia, addirittura vorrebbero riprovare.

    Secondo me anche tu, passato il primo momentaccio e fatta mente locale, ti accorgerai che questo non è l'impedimento ad avere la famiglia che vuoi con l'uomo che ami.

    Il punto magari è un altro: noi donne siamo così abituate a far coincidere fertilità, femminilità, il nostro ruolo nel mondo e altre cose con la maternità anche potenziale, che magari è questo che ti fa mettere te stessa in discussione. Ma non farlo, noi siamo persone e siamo tutte molto di più che la somma dei ruoli che la vita ci offre.

    Capisco che in questo momento per te sia facile scivolare nell'equivoco, ma tieni presente che non è così. Tu sei giovane e hai ancora moltissimo tempo per diventare la donna adulta che hai sempre voluto essere, forse addirittura quella che non sai ancora di poter essere. È la vita che ci mette alla prova e tutta la vita è una scia di sorprese. Ad alcune bisogna abituarsi perché sul momento non sappiamo se siano belle o brutte, ma il fatto stesso di vivere è un miracolo bellissimo, non permettere a niente e nessuno di rovinartelo.

    Con affetto,
    Barbara

    RispondiElimina
  13. Ringrazio veramente tutti e tutte per le parole e il pensiero

    RispondiElimina
  14. Complimenti per il bellissimo post e per le tue parole.
    In bocca al lupo a "Chiara" mi associo alle belle parole di tutte le altre attente commentatrici.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi