venerdì 8 giugno 2012

Quali sono le piante anti dolore? Piante analgesiche efficaci e ben tollerate per dolori di testa, artrite e artrosi

Domanda di Patrizia F.: Volevo sapere se ci sono delle piante contro i dolori? Quali sono? Dove si acquistano?

Gentile Patrizia, quando parliamo in genere di piante antidolore, bisogna andare cauti, in quanto bisogna comprendere bene la parola dolore, per esempio ci sono dolori causati da uno stato infiammatorio o dolori causati da uno stato spastico o nevralgico, due azioni differenti che non rispondono alla stessa sostanza. Ci sono diversi rimedi fitoterapici ma nessuno va bene per tutti i dolori.
Il loro compito è quello di attenuare la sensibilità al dolore, alcuni hanno un azione diretta come vedremo nel Tanacetum parthenium altri hanno azioni indiretta come il Salice.

L'uso delle piante e dei loro derivati possono essere molto utili nella prevenzione e nel trattamento di patologie croniche in associazione con farmaci e non. 
Il mio consiglio è sempre quello prima d'intraprendere qualsiasi terapia di parlarne con il vostro medico di cura, perché è vero che dalle piante si può trovare giovamento, ma l'improvvisazione può non essere utile come si pensa, alcuni rimedi fitoterapici possono avere delle reazioni con alcuni farmaci che assumete quotidianamente come gli anticoagulanti.

La fitoterapia può fornire un contributo scientificamente provato per esempio nei casi di artrosi, artrite reumatoide e male di testa.
La differenza tra uso di un prodotto fitoterapico o l'uso di  un prodotto farmaceutico, in teoria perchè poi non è sempre così, è che in genere il prodotto fitoterapico ha un largo spettro di sostanze attive e si presta a più indicazioni mentre il farmaco, ha un principio attivo per una o due indicazioni. 

Il male di testa: le camomille e la menta piperita

Grande Camomilla o Partenio : Tanacetum parthenium o chiamata anche Chrysanthemum parthenium, attenzione la comune camomilla è Matricaria recutita ha anche lei diverse proprietà analgesiche ma più blande, in realtà la questione è controversa, ho fatto anche diverse ricerche in merito è secondo alcuni sono la stessa pianta secondo altri no. Nella realtà sono due piante delle stessa famiglia le astaraceae, in Francia le chiamano piccola camomilla (Matricaria recutita) e grande camomilla (Tanacetum parthenium).
Oms, che riconosce proprietà di profilassi dell'emicrania, si riferisce a Tanacetum parthenium. Le sue proprietà derivano dai composti bi- o triciclici chiamati sesquiterpeni, come il partenolide, il costunolide, l'artemorina e la santamarina, che sono dal gusto amaro ma che aiutano a modulare le funzioni del sistema della serotonina, da cui la loro proprietà di prevenzione dell'emicrania.

Posologia: si può prendere 3 volte al giorno, lasciare infusione di 2 o 3 foglie fresche nell'acqua 500ml come una tisana, ma solo se conoscete la pianta bene oppure senza disperdervi nelle montagne e nelle colline, potete trovare le foglie secche in Erboristeria  ci sono piccoli filtri già pronti da 125 a 250mg. per i più formali si possono trovare anche in capsule. Seguire le indicazioni sulle confezioni, si suggerisce il trattamento prolungato per almeno 2-3 mesi.
Controindicazioni: Non è consigliabile uso alle donne in gravidanza, in allattamento e ai bambini piccoli.


Nella camomilla classicaMatricaria recutita invece vengono raccolti i fiori e non le foglie, è dotata anche lei di proprietà analgesiche, molto più blande rispetto alla grande camomilla, vengono raccolti i fiori  e poi seccati una parte si usano per farne tisane, altri vengono utilizzate per raccogliere olii essenziali. impacchi, creme e lozioni. Viene utilizzata come rimedio calmante per sciatica, trigemino, torcicollo, reumatismi. Nell'antichità veniva adoperata dalla farmacopea araba per disturbi premestruali, da qui il nomignolo d'erba femminile, l'uso invece come mal di testa risale al XIX° secolo. In Germania il Ministero della salute ne ha approvato l'uso per la cura degli spasmi e dei processi infiammatori coinvolgenti il tratto gastro-intestinale. 

Posologia: senza disperdervi per i prati in fiore, è sufficiente andare al supermercato o anche in erboristeria per prodotti più ricercati, 1-2 sacchetti infusione al giorno di camomille al giorno al bisogno.
Controindicazioni: attenzione alle allergie chi è allergico ad una delle piante della famiglia della Astaraceae è allergica anche alle nostre due camomille, come per esempio echinacea e il tarassaco o dente di leone.


Menta Piperita, un altra pianta a cui sono state riconosciute proprietà coadiuvanti per la profilassi del male di testa è la menta piperita o meglio l'olio essenziale di menta piperita, riduce i sintomi del dolore, nausea e attenua la sensibilità alla luce e al buio tipica delle emicranie. 
Posologia: si applica qualche goccia nella zona dolorosa e si pratica un massaggio lento e dolce. Raccogliere menta e farvi olio essenziale in casa, io personalmente non lo consiglio. Ricordo che in Piemonte c'è la Cooperativa Erbe Aromatiche Pancalieri, altrimenti lo si può acquistare in erboristeria ma anche in Farmacia. Non si conoscono contrindicazioni.

Mal di testa e alimentazione: chi è sensibile al male di testa deve stare particolarmente attento a:
- Frequenza e distribuzione dei pasti all'interno della giornata, piccoli pasti leggeri ma frequenti per evitare di appesantire lo stomaco, evitare cibi troppo elaborati con cotture troppo prolungate e ricchi di grassi.
- Vini bianchi che contengono solfiti che possono facilmente stimolare l'emicrania.
- Formaggi  (formaggi erborinati, pecorino, emmenthaler) e cioccolato, entrambi contengono tiramina, è una molecola responsabile di molte intolleranza alimentari che generano per l'appunto il male di testa, tuttavia poche persone associano il male di testa con l'intolleranza alimentare.
- Glutammato, è un esaltatore del gusto che troviamo presente in molti prodotti già pronti, prodotti in scatola e prodotti congelati, è responsabile di molti mal di testa, detto anche sindrome da ristorante cinese. In realtà ci sono un gruppo di persone con una mutazione genetica che tendono ad accumulare il glutammato e il male di testa è il disturbo più evidente.

Reumatismi , dolori articolari: Salice (Salix alba)
Il suo nome è di origine celtica, vuole dire vicino all'acqua, nell'antichità la presenza del salice era sinonimo di torrente d'acqua dolce. L'uso del salice è piuttosto antico, la polvere di corteccia di salice veniva adoperata in Cina già nell'antichità per la cura dei dolori reumatici, pertanto non deve stupire se la pianta viene nominata sia nei testi egizi che nei testi greci d' Ippocrate. Solo nel '800 venne estratto dal salice bianco o meglio salix alba la salicina precursore se cosi si può dire dell'Acido acetilsalicilico, quello che noi oggi chiamiamo familiarmente aspirina.

Posologia: Tranquilli non dovete abbattere alberi lungo i fiumi per procurarvi la polvere di salix alba e mangiare la corteccia in loco che è un po' dura ma commestibile, è sufficiente recarvi in erboristeria o farmacia , un ciclo completo di salix alba da 1 a 3 mesi per i decotti da 5 a 10 g, ci sono dei preparati gia pronti anche in semplici compresse.
Controindicazioni: Attenzione ci sono diverse controindicazioni calcoli biliari, deficienza di glucosio-6-fosfato-deidrogenasi, la stipsi, l'anemia sideropenica e l'allergia ai salicilati.


Artrite Reumatoide: Curcuma
Qualcuno più attento ricorderà che della curcuma abbiamo già parlato, quando abbiamo parlato degli alimenti anticancro, dove il ruolo sia preventivo che terapeutico è riconosciuto, sopratutto nel caso di cancro al pancreas e il cancro colon rettale. L'uso alimentare della Curcuma ma sopratutto terapeutico ci arriva dalla tradizionale medicina ayurvedica, in India utilizzano la curcuma nell'alimentazione per migliorare la digestione ma anche nelle malattie infiammatorie croniche in particolare l'artrite reumatoide, secondo alcuni studi 2g di curcuma ha lo stesso effetto dell'ibruprofene da 800mg, aspetto positivo della curcuma è che non genera problemi d'ulcera gastrica.

Posologia: Non serve andare in India a grattare il rizoma di curcuma è sufficiente andare in erboristeria o in farmacia da 1,5 a 3 g al giorno, cicli da 15-20g, si provano in comode capsule da prendere con acqua che si sciolgono nello stomaco, quindi non altera nemmeno il senso del gusto.
Controindicazioni: calcolosi o ostruzione biliare, le donne in gravidanza e in allattamento.
Esempio prodotto curcuma con Naturactive

50 commenti:

  1. Grazie per tutte le informazioni. Ora conosco il rimedio naturale per alcuni dolori :)

    RispondiElimina
  2. Interessante! Io ho spesso mal di testa. Terro' a mente i tuoi consigli. Buona giornata ^_^

    RispondiElimina
  3. Camomilla e menta piperita contro il mal di testa mi mancavano. Fortunatamente non soffro spesso di emicrania ma può sempre tornare utile visto che per i farmaci tradizionali non ho troppa simpatia e se posso…li evito! L’unico dubbio che mi resta sulla camomilla è: non mi verrà un secondo mal di testa da insonnia? A me non fa dormire! Paradosso lo so ma è così!

    RispondiElimina
  4. @Federica
    effetto insonnia della camomilla può dipendere dalla quantità, oppure troppo tempo delle camomilla infusa, l'effetto comunque per insonnia è blando

    RispondiElimina
  5. Un post veramente interessante, i rimedi naturali sono i migliori.Grazie.

    RispondiElimina
  6. Caro Gunther fai sempre post interessantissimi grazie

    RispondiElimina
  7. Ciao gunther, grazie per l'affetto e la comprensione mostrati nel commento che mi hai scritto. Un abbraccio, Frà

    RispondiElimina
  8. La natura ci offre i migliori rimedi!Grazie per questo utilissomo post!
    Saluti da Grecia,caro!

    RispondiElimina
  9. bellissimo post, bravo ! Grazie per le info...

    RispondiElimina
  10. Bellissima la pianta della cucruma ne avevo acquistata una ma ho sbagliato qualcosa......
    terro` presente per mio marito che soffre speso di mal di testa.
    francesca

    RispondiElimina
  11. Belle notizie interessanti! Mi ha sempre affascinato l'utilizzo delle piante per alcuni rimedi di tipo naturale. Ho una bella pianta di menta piperita... la guarderò con altri occhi da oggi in poi... Peccato che non saprei come ricavarne l'olio essenziale per il mio mal di testa!!! Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  12. complimenti, molto ben scritto ed interesante. me lo sono segnato.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  13. Che bel post sulle proprietà delle piante! Molto utile!
    Grazie ;-)

    RispondiElimina
  14. sono felice di vedere un post sulle erbe officinali, ne coltivo alcune altre le acquisto per preparare alcuni liquori (il mio animo di chimico è sempre lì).
    grazie per le tue descrizioni così precise

    RispondiElimina
  15. Ciao Gunther!
    Molto interessante il tuo blog, pieno di informazioni utili!
    A presto!

    RispondiElimina
  16. Isabella Corsini7 giugno 2012 14:38

    Piccola camomilla e grande camomilla per piccolo e grande male di testa, per il male di testa small e il male di testa extralarge che ridere,
    sono fortunata che non ne ho bisogno però è molto utile, lo dirò a mia mamma per i dolori articolari, non si sa mai

    RispondiElimina
  17. Grazie per tutte le preziose informazioni!!!! Un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  18. Wow che post, grazie per le informazioni!! Io soffro di terribili emicranie che durano giorni e non passano con nessun analgesico...seguirò sicuramente i tuoi consigli!!

    RispondiElimina
  19. I tuoi post mi fanno davvero sentire un troglodita ignorante...
    Ho letto un paio di volte per fissare un paio di "dritte". Spero di non farle mia ma nel frattempo meglio cercare di ricordarle :P ehehehehee

    RispondiElimina
  20. Adoro curarmi con le piante se possibile. Ottimo post (come sempre!) e ci sono tante cose che non conoscevo e che ora so! Grazie. Ciao!

    RispondiElimina
  21. Mi hai illuminata!
    Soffro di emicranie come la mia mamma.
    Vedendo lei che fin da che ci vivo si è curata con lt di novalgina io ho optato per il...
    Mi tengo il mal di testa!

    Proprio quando esplodo e arrivo al pianto ingurgido l unica medicina che prendo in vita mia... L aspirina.
    In dieci minuti sparisce tutto.
    E sono certa che il fatto di non prendere medicine mi porta a far pSsare ogni male in pochissimo tempo per hè il mio corpo non è assuefatto.
    Ora voglio provare con qualche tisana alla menta senza esagerare ovvio, ma ad accenni del malessere ci provo.
    Alle perse mi son goduta una tisana ;D

    Ps mi hai fatto morir dal ridere con le frasi " non c e bisogno di Andar per campi...ecc..."
    Ah ah ah
    Ne soffrono milioni di persone immagino la scena del tutti chinati a raccoglier fogliette, fiorelli e cortecce :)))))

    RispondiElimina
  22. Questo post è davvero interessantissimo. Non sapevo nulla sull'argomento e ho letto tutto veramente con molto interesse

    RispondiElimina
  23. Ciao Gunther grazie per questo poost
    che devo leggere attentamente perchè ha delle cose interessanti per i miei dolori
    buona serata

    RispondiElimina
  24. post archiviato!!Sempre interessante..
    adoro menta e camomilla,ma questa non mi fa dormire...boh..
    ciao

    RispondiElimina
  25. Sono daccordo con te ,anche io faccio uso di prodotti fitoterapici come l'artiglio del diavolo e il salice.
    Grazie per le tue preziose informazioni.
    Buona serata

    RispondiElimina
  26. non conoscevo questi rimedi naturali,ultimamente per dei dolori muscolari faccio uso di una pomata all'arnica...Mi segno il post, grazie!

    RispondiElimina
  27. complimenti che bel blog interessante!!! Io soffro di cefalee e tempo fa comprai i fiori di camomilla per fare delle tisane al solo scopo di depurare il corpo dai troppi antidolorifici. Un po' per pigrizia non l'ho mai preparate... adesso ho una motivazione più forte!!

    RispondiElimina
  28. amando la fitoterapia tante nozioni c'è le ho, ma non ho tempo e voglia di prepararci dei post, ti ammiro per questo. :)

    RispondiElimina
  29. davvero interessante, molte cose non le conoscevo. Grazie per questo post

    RispondiElimina
  30. E' un argomento interessante... complimenti per l'ironia con cui sdrammatizzi i post!!!
    A presto

    RispondiElimina
  31. Cade a fagiolo questo post con la mamma e la suocera che in questo periodo come non mai accusano forti dolori alle articolazioni....

    RispondiElimina
  32. è veramente interessantissimo questo tuo articolo (come tutti gli altri del resto). Riflettevo amaramente solo su una cosa: che se ne parlo con il mio medico di base mi sento rispondere che lui alle cure di acqua fresca non crede e trova logico e normale prescrivere farmaci su farmaci anche quando non servono, per ogni cosa più banale.
    Questo credo sia il motivo percui in italia è così diffusa l'autocura: per fortuna non tutti i medici di base sono così, magari ce ne saranno di più aperti e disponibili, ma personalmente, pur avendone cambiati tanti, ancora ne devo trovare uno!
    Ecco allora che articoli come il tuo diventano ancora più preziosi e utili!
    (mi piace moltissimo quella pianta di menta)
    Ciao, buona giornata!

    RispondiElimina
  33. Dico sempre...quanto si impara...sempre. Una buon giornata e grazie per questi post. Ciao.

    RispondiElimina
  34. Grazie per tutte queste preziose informazioni. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  35. come sempre i tuoi post sono interessantissimi. ogni volta ci stupisci con argomenti diversi che si allacciano comunque ai nostri principali interessi, sempre attento a tutto! davvero bravissimo!

    ps. mi darò alla menta ed alla curcuma con maggiore impegno....ahahah

    RispondiElimina
  36. Mi unisco al coro!!
    Grazie davvero per questo post interessante e soprattutto utile.
    Un abbraccio e felice fine settimana!!!

    RispondiElimina
  37. Come sempre ci regali post superinteressanti!!Io poi appassionata di piante e rimedi naturali non posso che apprezzare!!!Un bacio

    RispondiElimina
  38. Bellissimo, molto utile ed interessante,come al solito...ma come fai?:). Anche io amo molto le piante e i rimedi naturali ma giustamente come dici anche tu bisogna fare attenzione visto che possono anche creare certi problemi. Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  39. Anche l'ARNICA è miracolosa, in ogni sua formulazione !
    Un saluto a Venezia.
    Giunela

    RispondiElimina
  40. grazie per avermi fatto scoprire tante cose buon fine settimana

    RispondiElimina
  41. Soffro di emicrania da più di 10 anni. Ho provato: prodotti di erboristeria, omeopatia, agopuntura, shiatsu, eliminando i cibi che citavi tu e forse altro di cui non ricordo. Assumo triptani quando ho un attacco ed è l'unica cosa che mi aiuta a contenerli. Ho avuto un grande benificio quando un anno e mezzo fa ho completamente eliminato dalla mia alimentazione gli affettati, i cibi raffinati (pasta, pane, cereali, ecc.) e quasi completamente la carne rossa.
    Grazie per il tuo post

    RispondiElimina
  42. Gunther questo tuo posto mi ha fatto riflettere su quanto siamo ormai abituati a prendere pastiglie per ogni cosa. Non sempre sono utili e bisognerebbe limitarsi a prenderle solo quando sono necessarie. Per il resto la natura ci aiuta molto.. :-)

    RispondiElimina
  43. sei strepitoso, questo si che è un posto veramente utile, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  44. io credo che dovremmo imparare di più dalla natura, i farmaci hanno effetti collaterali pesanti per un uso prolungato come le patologie che hai inserito specie per gli antiinfiammatori, provare la fitoterapia credo sia importante

    RispondiElimina
  45. è utilissimo questo post....ho preso appunti...grazie

    RispondiElimina
  46. Post sempre interessanti!!
    un caro saluto
    ci rileggiamo a settembre
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  47. Grazie Gunther..notizie per me
    interessantissime!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  48. Ma grazie!!! Trovo questo articolo estremamente utile ed interessante!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  49. Fantastiche le erbe...e le loro innumerevoli proprietà!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi