giovedì 10 giugno 2010

Allergia alle Fragole?


Domanda di Carla: Credo di essere allergica alle Fragole, una mia amica mi ha detto che se le lavo con l'aceto non mi fanno allergia, è vero?

Risposta: Procediamo con una cosa per volta, il "credo" non è sufficiente, è importante che un allergia sia diagnosticata da un medico meglio se da un allergologo, altrimenti è molto facile sbagliarsi l'auto diagnosi è sempre molto rischiosa e spesso errata, ci sono persone che conoscono bene il loro corpo e sanno intepretarsi bene i sintomi, mentre altre rischiano di confondersi, per questo è bene andare da un allergologo ed eseguire un prick test, molte persone pensano di essere allergiche al latte e lo escudono dalla propria dieta, con un danno serio per la salute, invece hanno solo un' intolleranza che è molto più facile da gestire, come anche per esempio l'allergia alla fragola è un fatto piuttosto raro.

Spesso quando si parla di allergia alla Fragola, è un modo improprio in molti casi si tratta di una "pseudo allergia" alimentare. Il frutto della fragola è classificato come frutto istamino liberatore, cioè libera la sua istamina nel nostro sistema immunitario, che provoca una reazione che favorisce un infiammazione che spesso di manifesta come un orticaria o rush cutaneo. Altri alimenti istamino liberarori sono : il cioccolato, l'albume d'uovo, pomodori, crostacei, l'elenco degli ingredienti istamino liberatori li ho scritti in fondo al post.

In passato si è sempre utilizzato aceto o vino bianco per pulire bene le fragole, per disinfettarle perché sono molto vicino al terreno, ma da un po' di anni il terreno viene coperto e quindi non sono più direttamente a contatto con la terra, lavarle con aceto e vino c' è anche una motivazione legata all'aroma in quanto l'aggiunta di vino o aceto nel lavaggio delle fragole evita a disperdere il profumo, questo precedimento è più indicato nelle fragoline di bosco che nelle fragole di coltivazione. Purtroppo non esiste alcuna prova in medicina che dimostri che l'aceto possa impedire una reazione allergica.

Nel casi di pseudo allergia o intolleranza e non allergia mi raccomando è possibile inizialmente provare a vedere la reazione del corpo assaggiando del coulis di fragola, cioe della fragola fruttata con un po di zucchero e limone e filtrato senza quello che in gergo si chiamano semini ma che sono i veri frutti. Poi poco a poco mangiarne un po' ogni giorno un po di più, fino a raggiungere una insensibilizzazione alla fragola.

PS: La mia Dr allergologa è tornata dal viaggio di nozze e stiamo preparando i post sulle allergie, a breve quindi quello molto richiesto sulla complessa allergia al nichel, ma anche a tutte le altre vostre domande che potete inserirmi nei commenti o inviarmele per email.

Alimenti che liberano istamina:- Ovomucoide (albume d’uovo)
- Fragole
- Banana
- Buccia della pesca e dell’uva
- Cioccolato
- Pomodoro
- Pesce (sgombro, tonno, sardine) e crostacei
- Frutti di mare
- Salumi piccanti
- Formaggi Grassi esempio gorgonzola

11 commenti:

  1. mio dio!
    non dirmi che forse ho una piccola speranza!
    dopo una fortissima orticaria(da paura come mi è presa!!!non la uguro a nessuno) il dottore mi ha proibito di mangiarne,non ha voluto che facessi nemmeno il test tanto è sicuro che è allergia.
    e io non ho mai avuto dubbia al riguardo è!
    come provo a metterne in bocca un pezzetino...mi sento la lingua che si gonfia e và indietro,verso la gola,mi sento soffocare.
    ma se fosse solo un'intolleranza?????
    se fosse un'intolleranza...attenti potreste avere un estate senza fragole,dovrei recuperare tutte le mangiate perse!!!!!!!!!!!!!
    e per un anno voi senza fragole potete pure starci no per farmi un favore????? ^_^
    gunther appena posso farò il test,giuro,nel frattempo però quelle cosine rosa le tengo lontano dal mio menù ;P

    RispondiElimina
  2. guarda io un tentativo la farei,è sempre importate verificare la fonte dell'allergia. Ma non voglio darti false speranze perchè da quelli che mi descrivi sembra un angiedema tipico di un allergia che colpisce le mucose delle bocca e della gola. Purtroppo la caratteristica di alimenti istamino liberatori è proprio quella di causare sintomi come un allergia, ciao e grazie del contributo

    RispondiElimina
  3. BEnedetta istamina...mi amadre da tantissimi anni soffre di una fortissima intolleranza all'istamina, quella lista la conosco bene, ma in realta' la dieta strettissima che dovrebbe seguire per evitarla del tutto conta una decina di alimenti IN TUTTO. A parte il suo caso molto particolare, qesto e' un post molto utile perche' le allergie sono in fortissima diffusione, tornero' a leggere gli altri :)

    RispondiElimina
  4. io sono allergica alle fragole e ai frutti rossi.... non basta lavarli con l'aceto per evitarmi una bella orticaria :-) tant'è che anche quando li lavo, devo tenere i guantini in lattice se voglio evitare di grattarmi per qualche ora..... sono allergica anche ad altro, ma solo per i frutti rossi ho messo uno stop definitivo in ogni loro forma, naturali, gelato, dolci, yogurt..... ho scoperto però che i mirtilli non mi fanno gli stessi effetti devastanti delle fragole, ogni due anni riesco ad assaggiarli!
    grande G un grazie di cuore.
    bacioni

    b

    RispondiElimina
  5. babs non lo sapevo mi spiace, si chi è allergico alla fragola e possibile che sia sensibile anche ad altri frutti rossi o frutti di bosco. Precauzione anche per gli altri ingredienti istamino liberatori. Ci sono ahimè persone più sensibili rispetto ad altre, quelli dell' allergia al lattice mi hanno mandato un email, raccomandandomi di indicare che ci sono dei guanti sostitutive non al lattice, allo stesso costo prendetela come un informazione di servizio.

    RispondiElimina
  6. caspita le allergie sono una bella scocciatura, golosa come sono spero che non me ne vengano perché credo che possano arrivare anche a una certa età, è vero? un post sull'argomento sarebbe davvero utile, grazie!!!

    RispondiElimina
  7. interessante assai: chissà se riuscirò a linkarti ;-) se lo farò lo saprai... ciao!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post che chiarisce finalmente che bisogna sempre chiarire la "fonte" dell'allergia. Interessantissimo.

    RispondiElimina
  9. Forse sono un pò fuori tema ma quindi bisognerebbe lavare le fragole col aceto? Quest'anno ho coltivato le fragole sul mio orto-sul-balcone, dentro i vasi e sono al contatto con la terra... comunque per qualche fragola non mi faccio problemi. Almeno sono proprio a kilometro 0:). Buon fine settimana, Ancutza.

    RispondiElimina
  10. Sempre interessanti i tuoi post Gunther. Sono d'accordo con te, la diagnostica è dterminante e imprescindibile, l'aceto non garantisce alcuna salvaguardia allergenica.... purtroppo!
    Ti auguro un buon fine settimana. A prestissimo. Deborah

    RispondiElimina
  11. Interessantissimo come sempre,è un piacere per me passare a leggerti.Ciao.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi