giovedì 31 luglio 2014

A cosa serve sapere l'indice glicemico di un alimento?

Patrizia F, Limbiate: a cosa serve sapere l'indice glicemico di un alimento?

L'indice glicemico (IG) indica la capacità di un alimento a alzare la glicemia (il livello di glucosio nel sangue) dopo il consumo.
Più un alimento ha un indice glicemico elevato, più la glicemia aumenta e più grande è la secrezione dell'insulina, l'ormone che permette la regolazione della glicemia.

Il consumo eccessivo d'alimenti ad alto indice glicemico, manda in crisi il meccanismo di regolazione del nostro organismo, la quantità d'insulina secretata diviene eccessiva e allora si parla di iperinsulinismo, il glucosio viene trasformato in grasso con conseguente aumento di peso e accumulo di massa grassa, ma favorisce anche l'accumulo di colesterolo e trigliceridi che possono condurre a problemi cardiaci e circolatori.

Elevati livelli di glucosio nel sangue può condurre al diabete, in quelle persone a rischio di questa patologia.
Privilegiare alimenti a IG basso è utile per le persone che vogliono perdere peso senza contare le calorie e senza soffrire di fuori pasto e di peluccamento.

Privilegiare IG basso è inoltre utile a coloro che sono diabetici di tipo 2 trattati con farmaci e per le persone che hanno problemi cardio vascolari in quanto questo tipo d'alimentazione protegge il cuore e i vasi sanguigni.

In realtà dovremmo parlare di pasto a indice glicemico basso ma intanto anche solo regolarsi con gli alimenti  con  IG basso aiuta a fare delle scelte senza complicarsi la vita.

Es alimenti IG basso: riso basmati completo, ceci, fagioli bianchi, lenticchie, zucchine, cavolo, spaghetti cotti al dente, ricotta, pane completo, carota, pompelmo, ciliegie, mela, yogurt soia, latte di mandorla.

Es alimenti IG alto: cereali prima colazione, fette biscottate, biscotti, datteri, sciroppo di mais, sciroppo di glucosio, patate al forno, patate fritte, pure di patate, pane bianco, zucchero bianco

20 commenti:

  1. Articolo interessante. Non sapevo che gli spaghetti al dente avessero un basso indice glicemico.
    Buon w.e.

    RispondiElimina
  2. Ottimo articolo, utile perché l'IG è un dato a cui non molte persone badano. Personalmente non ho problemi di peso o diabete, ma ho ricevuto un'educazione alimentare prettamente sportiva, che mi ha sensibilizzato anche sull'IG degli alimenti.
    Buona giornata,
    Rubina

    RispondiElimina
  3. ciao, come sempre l'articolo è interessante, tu sai se esiste una tabella completa degli IG sul web? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sul web è un discorso complicato , io utilizzo quelli di montignac
      www.montignac.com/it/

      Elimina
  4. Ahimè mio padre soffre di diabete quindi siamo ben informati sugli alimenti da evitare, ma il tuo post è e sarà utilissimo!! Un abbraccio e grazie per il post :-)

    RispondiElimina
  5. Caro, carissimo Gunther.. manco da tanto e mi mancava leggerti. Sono sempre un po' più ricca quando passo da te e questo articolo sulla glicemia capita proprio nel momento giusto: grazie! Ti abbraccio e spero di tornare con più frequenza presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo so ma non ti preoccupare sappi che sei sempre la benvenuta

      Elimina
  6. bello bello il tuo post!!!grazie

    RispondiElimina
  7. molto interessante, come sempre grazie per le informazioni, buon we !

    RispondiElimina
  8. Si diventa sempre più consapevoli leggendoti !! Ciao Gunther !!

    RispondiElimina
  9. Io ogni volta che passo da te imparo qualcosa ... interessante questa cosa. Io, da perfetta ignorante in materia, pensavo che il problema dell'indice glicemico, interessasse solo i diabetici ... pensa un pò! Buona domenica e grazie.

    RispondiElimina
  10. sempre interessanti spunti di riflessione e approfondimento :) un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  11. è assolutamente indispensabile sapere l'indice glicemico degli alimenti e per i diabetici è, ovviamente, indispensabile...l'elenco me lo segno, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  12. interessantissimo questo post caro Gunther! me lo segno!

    RispondiElimina
  13. Interessante il tuo artico...buone vacanze...ciao

    RispondiElimina
  14. Post molto interessante caro Gunter, ora lo annoto! Mille grazieeeee
    Ti abbraccio
    ciaooo

    RispondiElimina
  15. Grazie Gunther è sempre interessante leggerti!
    Anch'io uso la tabella di Montignac, anzi per non farmi mancare nulla ho anche alcuni libri di Montignac che giacciono dimenticati assieme a quelli della dieta Dukan, della dieta del supermetabolismo, della dieta....vabbé non sto ad elencarteli tanto io e le diete abbiamo solo amori fugaci. ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Preziosissimo post - grazie -
    terrò presente nella mia dieta giornaliera.
    Michael B

    RispondiElimina
  17. Come sempre i tuoi post sono chiari e completi, facili da comprendere. Mi piacerebbe includere il link al tuo post per qualche prossima ricetta a basso IG, se mi autorizzi.
    Intanto grazie, mi sono salvata il metodo Montignac.
    Un caro saluto!
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci mancherebbe altro , la mia più completa riconoscenza

      Elimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi