martedì 29 ottobre 2013

Chi mangia bio? Un target colto ma soprattutto normopeso

Questi sono tempi in cui si riduce la spesa alimentare, inutile nascondere le difficoltà eppure c'è un gruppo di popolazione che ha deciso di scegliere la qualità del prodotto biologico e acquista prodotti certificati bio, dalla frutta e verdura fresca ai prodotti confezionati.

Sognatori o consumatori responsabili? 
Sono quello che in molti si domandano ma al di là delle polemiche è stata recentemente pubblicata una ricerca che ci fa notare alcune caratteristiche di coloro che acquistano bio che mi hanno molto incuriosito.

Contrariamente a quello che le persone comuni pensano o per lo meno quello che io pensavo, non sono i più ricchi che acquistano bio, ma sono i più colti cioè coloro che hanno un titolo di laurea e la percentuale sale ancora in coloro che hanno fatto un dottorato di ricerca a un master. Bisogna però anche aggiungere che il prodotto bio non è sempre più caro del prodotto convenzionale o per lo meno la differenza si è molto assottigliata.


La salute la principale motivazione d'acquisto
Tuttavia stiamo sempre parlando di un mercato di nicchia, piccole superfici di vendita anche se talvolta è possibile trovarli anche nella grande distribuzione, ci sono anche alcune piccole catene di prodotti bio. Io personalmente li acquisto qualche volta al mercato dei contadini e qualche volta anche al supermercato, qualcosa bio l'acquisto ma non tutto.
Dato curioso è la motivazione d'acquisto che oltre al tema ambientale, la principale motivazione d'acquisto dei prodotti bio è la salute, io personalmente acquisto le mele perchè mi sembrano più buone è una questione di gusto. 

Pesticidi influenzano l'obesità?
Altro dato curioso è che chi mangia bio non è obeso o in sovrappeso, si è registrata tra gli acquirenti una forte minore incidenza dell'Obesità. Questo dato viene interpretato in modo diverso secondo alcuni è dovuto al fatto che i prodotti biologici hanno meno utilizzo dei pesticidi e che questi in qualche modo i pesticidi stimolano l'obesità. Effettivamnte c'è nella letteratura medico scientifico alcuni studi che sottolineano questa possibilità anche se però secondo me ci sono ragioni diverse più legate al target che acquisisce prodotto biologico.


Target che segue uno stile di vita sano e comportamenti corretti.
Da quello che ho potuto notare da osservatore, facendo la spia al supermercato per vedere cosa le persone mettono nel carrello della spesa o chi frequenta i mercatini bio o i piccoli supermercati ho notato che il livello d'istruzione superiore, fa in modo che il target del biologico ha maggiori informazione sull'origine degli alimenti ed è un gruppo molto informato sull'alimentazione di conseguenza consumano più  prodotti non raffinati, frutta, verdura, legumi, cereali integrali, frutta secca, ma consumano meno carne, salumi, latte, bevande zuccherate o alcoliche .

Il tipo di alimentazione seguito da questo target è possibile che porta. secondo alcune fonti, ad acquisire maggiori sostanze nutritive come i polifenoli e beta-carotene (consumano molto frutta e verdura fresca, più delle 5 porzioni consigliate) che sembra possano avere un effetto negativo sulla capacità d'immagazzinare i grassi.
Secondo me però è che il target è un un gruppo che hanno uno stile di vita attivo e una maggiore pratica di almeno un attività fisica costante, che secondo me aiuta molto di più.

Sintesi: indipendentemente dal biologico, è un target molto attento all'alimentazione, alla salute e che ha uno stile di vita attivo che gli permette di avere una bassa percentuale d'Obesità, perchè so che qualcuno scriverà in questi giorni che mangiare biologico fa dimagrire, sappiate che non basta.

Riferimenti: PlosOne Ottobre 2013

58 commenti:

  1. certamente se mangi bio fai una scelta di vita e non è vero che il biologico fa dimagrire. Io uso biologico non comprato ma coltivato ma se poi ad esempio le melanzane te le fai fritte beh allora crolla il dimagrire ahahahhaha bellissimo studio complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. he he he , beata te e che invidia che ti coltivi la verdura

      Elimina
  2. Gunther, che carina questa osservazione sul biologico a tavola. Subito però mi è venuto in mente che può esserci un bias sul link: assenza di pesticidi nel cibo biologico che dovrebbe giustificare la minore obesità di queste persone. Direi invece che molto più semplicemente, potrebbe attribuirsi più che a questo, al fatto che chi sceglie un certo tipo di alimenti, fa molta più attenzione a ciò che mangia, alla qualità, alla provenienza del cibo che consuma e questo di conseguenza riduce di molto il rischio di obesità. Ecco così mi sembra più attendibile la cosa! La difficoltà di trovare correlazioni in certi studi che vengono portati avanti è che bisognerebbe standardizzare i gruppi di studio, ma come sai meglio di me, ciò non è sempre possibile e spesso le conclusioni lasciano un pò il tempo che trovano. Una cosa è certa la consapevolezza del consumatore è ancora molto "oscura", in questo le leggi non aiutano e certo a scegliere con cognizione di causa, e un livello di istruzione superiore può invece essere un gran vantaggio, per fare da soli quelle scelte alimentari sane che invece andrebbero tutelate per legge!
    Sempre grazie Gunther, anche perchè dalla tua chiosa ho intuito il "senso vero di certi studi scientifici"... che vogliono pilotare anche le informazioni scientifiche e siamo sempre lì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ben sappiamo prima decino i risultati e poi il metodo, bisogna cogliere le cose interessanti tra le righe :-)))

      Elimina
  3. In effetti Gunher mentre leggevo pensavo che no, per la mia città non funziona così. innanzitutto perchè a Latina c'è una centrale nucleare, non più in produzione certo, ma pur sempre ancora attiva, come le altre in giro per l'Italia, per cui sarai d'accordo con me se dico che nessuna delle coltivazioni della provincia può essere denominata BIO nel giro di un bel pò di chilometri! Io ho una fissazione, più che altro una curiosità, non riesco a non guardare nei carrelli che mi passano di fianco in supermercato, macellerie, frutterie e simili, se dovessi fare una statistica delle persone che mangiano peggio direi che sono quelli dai 5o anni in sù, per assurdo la cucina della nonna in questo momento non rispecchia l'idea di sano! Le nuove generazioni invece sono sempre più attente, per nostra e loro fortuna :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trovare il bio è difficile dappertutto secondo me, tra l'altro la privincia di latina ha uno dei mercato ortofrutticoli più grandi d'europa.

      mi fa piacere di non essere l'unico voyeur da supermercato, si la generazione avanti alla nostra mangia molto male ma non ha intenzione nemmeno di cambiare, lo vedo io in casa mia :-)

      Elimina
    2. anch'io guardo sempre meticolosamente i carrelli degli altri!
      Su la voyeuse

      Elimina
  4. Si probabilmente questo target di persone è un pò più attento ma non solo a quello che mangia, secondo me, ma anche alle tecniche di cottura, agli accostamenti e poi fa anche attività fisica...ne conosco parecchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, oggi ci sono molte persone informate e che hanno molto cura dell'alimentazione, c'è in generale una maggiore consapevolezza

      Elimina
  5. Io non mangio tutto biologico, anche se cerco di stare attento all'alimentazione.
    Sicuramente vado sul bio per gli agrumi da grattuggiare nei dolci, perché è difficilissimo trovarne di non trattati nei normali supermercati.
    In alcuni è chiarmamente indicato che la buccia non è edibile, in altri ci sono solo delle sigle, in altri è tutto omesso (ma io non mi fido a comprarli lo stesso). Tu che dici? Faccio bene ad aver così paura degli agrumi con la buccia trattata?
    Ciao Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh meglio senza trattata, io non faccio testo perchè adoperò i limoni e le arance di mia suocera, che non sono bio certificate ma prova a metterli qualcosa che ti fucila :-)

      fai bene a non fidarti per grattuggiare glia grumi meglio prenderli bio sempre

      Elimina
  6. Praticamente hai descritto me!! Io compro frutta e verdura da un contadino locale, mette un banchetto una volta alal settimana nella piazza del mio paese, altrimenti vado direttamente da lui, tipo l'altro giorno sono andata a prendermi una cassa di papate rosse e una di mele. Tutto assolutamente biologico e nemmeno a caro prezzo.
    E' vero; mangio meno carne, salumi e bevande zuccherate. Insomma sono proprio io. Devo dire che non credo che tutti i prodotti a marchio biologico lo siano al 100%. Credo che o conosci il posto di coltivazione e quindi vedi con occhi tuoi, o è molto difficile crederci. Ultima cosa credo che si cavalchi molto l'onda e si gonfino un pò troppo i prezzi e non sempre è giustificato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo penso anche io, i prezzi si gonfiano un po bisogna anche dire che il vero bio non rende molto io ho esperienze personali di contadino bio da ridere avevo messo delle carote, cresscevano da dio le foglie, una volta tirate fuori erano delle mini mini carote :-)

      Elimina
  7. Vedo che il giochino "sbircia il carrello altrui" diverte un po' tutti.
    Sono d'accordo con te, la gente più informata probabilmente si alimenta meglio, i pesticidi non penso c'entrino nulla con l'obesità :D
    Non sono del tutto d'accordo invece sull'eccellenza del bio, soprattutto per quel che riguarda la mia regione, altamente industrializzata! Il km. zero in provincia di Milano non mi da molte garanzie di salubrità dei prodotti. Inoltre ho appena comprato due kg di mele...il kg bio era quasi immangiabile, le altre col pesticida...buonissime! ahahahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. he he he certo il km zero a milano, non fa molta pubblicità :-))))
      io prendo le mele svizzere piccole ma piccole però sono buone

      Elimina
  8. La mia compagna ha appena inaugurato un negozio che vende, tra l'altro, prodotti biologici (http://www.facebook.com/vogliadigusto). In effetti la differenza di prezzo tra un prodotto di marca e un prodotto bio si e' molto assotigliata e, a volte, e' praticamente nulla, tenendo conto anche del fatto che il prodotto bio, almeno sulla carta, dovrebbe essere qualitativamente superiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie spero che tanti utenti vengano a vedere

      Elimina
  9. Ciao, io ho un supermercato bio che adoro, passerei le ore a curiosare tra i prodotti...
    Non sono una fissata e di solito compro solo farine e prodotti integrali, frutta che mangio con la buccia, prodotti a base di soia e spesso anche latte e yogurt... Però io sono in carne:(
    Sarà che oltre al cibo bio ingurgito di tutto...
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. he he he ma ci vuole silvia qualcuno che non lo è,:-))
      importante che stai bene e sei felice

      Elimina
  10. La descrizione fatta mi rispecchia, per quanto riguarda l'alimentazione e lo stile di vita, anche se non consumo tutto bio, c'è da dire che qui in maremma c'è una buona scelta di prodotti a km 0. Diverte l'idea di saperti a spiare i carrelli altrui, capita anche a me qualche volta: dimmi cosa mangi e con un'occhiata ti peso;
    Ciao buona serata.
    PS
    Grazie mille per la risposta esaustiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanche io consumo tutto bio, ho fatto comin out come si dice il "voyeur dei carrelli" :-)
      la mia è deformazione professionale

      Grazie a te non sapevo di questa notizia della confettura di mirtilli con i livelli cosi alti di cesio, che spero sia falsa, perchè non va solo nei mirtilli

      Elimina
  11. Infanzia, adolescenza e parte della giovinezza, cresciuta a pane e orto della nonna, poi del papà. Difficile poi abituarsi a prodotti diversi. Ed anche gli attuali bio, a mio parere, poco hanno a che vedere con i tesori coltivati dai nostri nonni. I prezzi, poi, mi sembrano un tantino alti.
    Grazie, Gunther, per i tuoi post informativi, sempre indispensabili!
    un abbraccio
    MGutilissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei stata abituata benissimo secondo me

      Elimina
  12. Trovare cibo bio dove vivo è difficilissimo, e quel poco ha prezzi che definire allucinanti è poco.
    Devo dire che se lo trovo lo compro, perchè alla salute ci tengo ma certo il portafogli soffre :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so lo so immagino come vuole dire lì

      Elimina
  13. Probabilmente chi compra bio non è obeso perchè segue uno stile di vita corretto, si muove, si informa.....hai voglia con tutti quei master e dottorati...spostamenti ne fanno di certo!
    Non sono del tutto convinta, sarà che in qualità di contadina ho un discreto fiuto ed anche qualche pruriginosa informazione riguardo alle certificazioni bio:(
    Continuo a pensare che il buonsenso e l'attenzione valgano più di mille etichette:))!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so lo so non è tutto oro quello che luccica

      Elimina
  14. Anche io compro spesso bio ma molte volte mi chiedo anche quali siano le garanzie sul fatto che quello che si compra sia veramente bio. Ogni tanto qua in italia si legge di truffe su alimenti venduti come bio e che invece erano tutt'altro e non si sa mai bene se fidarsi o no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so e devo dire che mi dispiace dovrebbe fare una migliore campagna d'informazione

      Elimina
  15. Spesso la cultura salva anche la salute: c'è chi dice che il Bio sia una scelta da provilegiare, c'è chi dice che sia più rischioso dei prodotti comuni. Beh, io credo che al di là del cibo come sempre la fa da padrona la testa, la buona informazione e la cura per la salute: in questo tu, amico caro, sei meglio di qualsiasi cibo salutare! Grazie come sempre e.. sono felice che il castagnaccio al lardo ti sia piaciuto :) Spero di tornare presto presto on line, così da non mancare più. Un abbraccio pieno d'affetto e un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non era solo castagnaccio al lardo ma con le pere, uan ricetta veramente molto indovinata, io non parteggio in modo particolare per il bio ma qualche cosa mi piace prenderla, trovo che alcuni prodotti hanno un sapore migliore

      Elimina
  16. Senza aver letto la ricerca, avrei potuto mettere le mani sul fuoco per quanto riguarda la tipologia di persone che acquista bio: sono quelle che si informano di più! Io acquisto settimanalmente e non tutto bio, il mio frigorifero a fine settimana è vuoto e preferisco applicare la regola meno ma più sano anche se qualche eccezione me la concedo. Però hai fatto benissimo a precisare perchè probabilmente tra un po' ci racconteranno che bio fa dimagrarie :-(
    grazie Gunther!

    RispondiElimina
  17. Post interessante e divertente al tempo stesso...ho riso un pochino di me stessa sai??...io compero biologico, anche se non tutto, faccio la spesa 'differenziata' e sono molto attenta, questo si, mi informo e se una cosa non mi convince non la compero più...fare la spesa bene è molto importante secondo me e non è vero che si spende di più..io da quando ho eliminato merendine, biscotti, surgelati, scatolame spendo molto meno e le mie figlie non ne risentono, anzi, cuciniamo insieme, facciamo torte e biscotti con le nostre farine biologiche e con olio di oliva, non di palma o cocco....alimentarsi bene è la prima cosa per preservare la nostra salute, poi sul dimagrimento certo non basta comperare biologico, ma una cosa posso dire, vedo ancora troppi genitori che danno poca importanza al sovrappeso dei loro figli...e questo mi spaventa. Bravo Gunther, per la tua ricerca e condivisione, l'informazione è importante. Baci, Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne parlerò in un prossimo post dell'obesità e dei bambini :-) arrivo he

      Elimina
  18. Ciao Gunther, io vivo a Torino e qui non è difficile trovare frutta e verdura 'bio', ma anche farine, legumi, yogurt e formaggi. Io 'ci voglio credere' nel biologico, voglio credere che gli alimenti che hanno questa indicazione siano effettivamente più sani o almeno un po' più sani degli altri e li acquisto quando li trovo. Mi sembra che spesso però abbiano prezzi ancora un po' esagerati e non riesco a capire se siano effettivamente giustificati da metodi di produzione molto più costosi (o da cos'altro non saprei) oppure no. In ogni caso.. molto simpatico e interessante come sempre il tuo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è poca offerta di prodotti bio e quindi se la richieista è alta, il prezzo sale se poi si aggiunge la speculazione.
      L'agricoltura bio rende anche meno in termini di peso e volume al contadino e richiede più manodopera

      Elimina
  19. Non mi convincono gli studi che correlano i pesticidi all'obesità. Sono più propenso a sposare la tua tesi multifattoriale.

    Quanto al campione io avrei puntato sui ricchi e invece vincono i colti. Bhe, sono contento che almeno a fare scelte alimentari corrette la laurea serva. eh eh eh
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahimè colti non vuole dire ricchi oggi giorno, ciao :-)

      Elimina
  20. Per dimagrire non basta mangiare biologico, vero... altrimenti sarei scheletrica!! Vivo di frutta e verdura a km 0, assolutamente bio e quando sono costretta ad acquistare al super trovo enormi differenze di gusto.
    Interessantissimo post, come sempre!!
    Un abbraccio Gunther e grazie!!!!

    RispondiElimina
  21. eccomi qui...non sono ricca ma mangio bio...preferisco mangiare bio e avere un paio di pantaloni in meno ad esempio....lo faccio per salute mia, della mia famiglia e anche della terra....scegliere bio penso che faccia bene e che inquini meno....e per i prezzi bisogna saper cercare bene nel proprio territorio...
    E infine si sono strattenta all'alimentazione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei un ottimo esempio anche pratico con le tue ricette

      Elimina
  22. effettivamente per acquistare bio bisogna avere fiducia nei marchi che garantiscono l'agricoltura biologica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero che gli scandali non mancano ma magari anche un po più di fiducia, dai

      Elimina
  23. Eccomi qui! Io mangio bio più che posso, KM 0 ecc. Perchè credo fermamente che una cattiva alimentazione aiuti l'insorgere di certe malattie e una giusta alimentazione aiuti a prevenire...normopeso, bio e felice di esserlo!!!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ivana se vuoi seguirmi perchè ti sono simpatico ok, ma se è per mettere la pubblicità, anche no grazie tanto qua non si parla di ricette è un link inutile

      Elimina
  25. Io creco di acquistare prodotti a km zero..... per il bio, c'è da fidarsi!

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro/ Cara anonimo/a che si trincia dietro all'anonimato per insultare il prossimo non mi piace, invece gli studi ci sono eccome, anche se io non li apprezzo abbastanza, a me piace romanticamente pensare che lo facciano perchè sono sensibili all'ambiente e al futuro del pianeta.

      A scanso d'equivoci non ho alcuna intenzione di farle cambiare modalità di consumo, continui cosi

      Elimina
  27. per alcuni alimenti anche io mangio bio, ce li ho nel mio orto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  28. Ciao Gunther,sai..io al momento mi accontenterei di
    non aver paura a comprare prodotti contaminati ..
    qui il Bio vero te lo sogni e quel poco per me..troppo caro!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Anch'io certi prodotti li acquisto solo bio anche se ultimamente se ne sentono di tutti i colori. Comunque, a prescindere dal fatto che siano o meno più sani di quelli che non sono bio, sono sicuramente più buoni, soprattutto la frutta e la verdura.

    RispondiElimina
  30. Sinceramente io compro frutta e verdura bio- da contadini da tanti anni, anche quando non andava tanto di moda...semplicemente perchè la roba è più gustosa (e tante volte anche più bruttina...ma si sa, brutto e buono...:)) e costa come al supermercato, a volte pure meno (vado al mercato , dai contadini) . Bello l'articolo! A presto!

    RispondiElimina
  31. Mi dispiace commentare in ritardo questo tema che mi sta a cuore. Io compro biologico senza essere fissata, andando anche e volentieri da chi non mi mostra bollini e certificazioni più o meno credibili, ma mi mostra la sua volontà, il suo impegno e quanto ci crede in quel che produce. Vivendo in provincia è facile avere accesso a piccoli produttori meritevoli. Il gusto e la freschezza ci guadagnano. Ci terrei a sottolineare che compro bio (ma non solo ed esclusivamente) non perché io creda di salvarmi da malattie o altro del genere. Quello che mi spinge è anche l'ideale di investire in gente che non butta ulteriori veleni nella nostra aria e nella nostra terra già abbondantemente soffocata. Normopeso forse, colta poco, idealista tanto!
    Su

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi