mercoledì 6 febbraio 2013

Cordon Bleu. Cosa c'è dentro un Cordon Bleu?

Simonetta S: Cosa c'è dentro un Cordon Bleu?
Teresa C. : Perché il Cordon Bleu si chiama cosi?
Andrea G: Perché ai bambini piacciono i Cordon Bleu?

Quando andiamo al supermercato insieme alle carni di pollo e tacchino, da alcuni anni possiamo trovare i pronti per la cottura a base di carne di pollo e tacchino, sono certo di non sbagliarmi nel dire che il Cordon Bleu è il prodotto più noto e conosciuto.

Da qualche anno le carni bianche di pollo e tacchino, hanno avuto una nuova valutazione in particolare in quei consumatori in cerca di salute e leggerezza cosi i consumi sono tornati a crescere. Nel tentativo di creare del valore aggiunto in più,  le aziende hanno creato una serie di prodotti freschi già pronti solo da cuocere, dai polpettoni, agli arrosti ai cordon bleu. 

La comunicazione di questi prodotti punta sulla leggerezza, sulla salute, sul gusto, sulla facilità di cottura e il risparmio di tempo in cucina. Sarà proprio cosi?


Perchè si chiama Cordon bleu?
Cordon Bleu venivano chiamati i cavalieri dell'Ordine dello Spirito Santo, in Francia, fondato da Enrico III nel 1578 per difendere la figura del Re, l'ordine era rappresentato da  una collana con una croce di Malta, legata da un filo di stoffa di colore bleu, da qui il nome Cordon Bleu, i cavalieri di quest'ordine avevano fama di grandi buongustai, tanto che nel parlare comune fare un pasto molto buono era fare un pasto da Cordon Bleu.

Nel '800 una delle grandi scuole di cucina prese il nome di Cordon Bleu per utilizzare quel buon nome, tra i piatti più noti c'era l'arrosto di vitello presentato alternato fette di vitello con formaggio e prosciutto oppure la costata di vitello tagliata a metà  dove veniva inserita del prosciutto e del formaggio.
Nel tentativo di fare in casa la ricetta per ragioni di costi il vitello fu sostituito dalla più economica carne di pollo, ed ecco di pollo, prosciutto e formaggio per fare un pranzo da "Cordon Bleu".


Perchè ai bambini piacciono i Cordon Bleu?
Mathias: Papà, scrivi dei cordon bleu?
Günther: Si
Mathias: Non parlarne male
Günther: Ma scusa io non gli ho mai comprati i Cordon Bleu,  ma tu dove li mangi?
Mathias: A scuola
Günther: A scuola? In mensa danno i Cordon Bleu!!
Esattamente come piacciono le polpette sono tenere, i bambini fanno fatica a mangiare la carne perché hanno ancora i denti da latte che certo non favoriscono una masticazione dura come a volte può essere la carne, preferiscono alimenti dove fanno meno fatica a masticare. Sopratutto mi sembra che ai bambini piaccia il fritto, infatti mangiano fritto anche il pesce che in genere non apprezzano.

Cosa c'è dentro un Cordon Bleu?
Ma sono veramente un piatto raffinato? Più che un piatto raffinato è un piatto ricco di sapore, da fare in casa è più semplice di quando sembra io lo faccio mettendo sopra il filetto il formaggio e prosciutto e poi ribaltando il filetto di petto di pollo e chiudendolo con uno stecchino  e poi lo cuocio alla piastra o in padella con vino bianco, ahimè quelli acquistati sembrano più delle polpette con in mezzo il formaggio e il prosciutto, su questo blog io ho sempre sconsigliato d'acquistare piatti pronti, ma vediamo punto per punto


1) Qualità della Carne di Pollo e Tacchino
Se noi in casa adoperiamo il filetto di petto di pollo o tacchino, le aziende utilizzano più facilmente della carne tritata di pollo e tacchino dove sembra ci sia dentro un po' di tutto, non è raro trovare negli ingredienti carne separata meccanicamente CSM, che non è indice di qualità, come ben spiegato sia dalla nostra Gianna Ferretti nel post Carne Separata Meccanicamente cos'è e il Fatto alimentare di Roberto La Pira  su cui non torno perchè lo hanno loro spiegato molto bene.

La presenza di carne separata meccanicamente per assurdo si registra la presenza sia nell'etichetta dei prodotti top, quelli più cari che i prodotti della fascia di basso prezzo circostanza alquanto strana, tuttavia voglio solo però rilevare che anche in quelle dove non viene indicato CSM il sospetto aleggia, sono troppo tondi quei cordon bleu per essere dei filetti.

Alcune aziende come Amadori e Fileni puntano sul fatto delle carni italiane, Amadori mette anche la bandiera italiana, va bene ma forse bisognerebbe anche spiegare perchè se è italiano è migliore, un punto che andrebbe argomentato e comunicato meglio.

L'impressione che si ha dall'esterno è che non sia carne di pollo di qualità, ma potrei anche sbagliarmi daltronde quando io faccio le polpette di pollo adopero gli avanzi del pollo arrosto del giorno prima che i miei figli non mangiano e per punizione gli faccio le polpette il giorno dopo (che genitori carogna!).

2) Quantità della Carne di pollo e tacchino
La cosa più divertente è la quantità di carne, se noi lo facciamo in casa un buon 60-70% e filetto di petto di  pollo o tacchino, qui invece la percentuale di quantità di carne varia di molto ed è di gran lunga inferiore e di molto tanto che va dal 36% al 46%, quindi la carne è 1/3 del totale del Cordon Bleu, meno della metà meno del 50% questo è un dato di non poco conto.

Contenuto Cordon Bleu Aia

3) Formaggio
Anche abbiamo visto spesso l'affermazione "formaggio" senza alcuna specificazione, unica che lo specifica è un Cordon Blu surgelato che parla di formaggio Edam, qualcuna indica anche preparazione al formaggio, cioè preparazione al gusto di formaggio e cioè che cosa?
La quantità varia dal 2% al 7,45%, Coop e Fileni sono le uniche aziende che hanno un contenuto di formaggio più alto rispetto al prosciutto delle altre marche.

4) Prosciutto
Nella maggior parte di casi si parla di prosciutto di tacchino o prosciutto di pollo e tacchino solo Cordon Bleu gran risparmio a/r visto in Esselunga parla di prosciutto di maiale, le informazioni sono scarse.
La quantità va dal 5 all'8% rispetto al formaggio è un ingrediente la cui quantità è più costante nei Cordon Bleu.

Contenuto Cordon Bleu Pam

5) Sodio
Quando parliamo di sodio parliamo di sale, ci sono gruppi di popolazione che devono evitare cibi ricchi di sale, solo due aziende indicano il sodio in etichetta il prodotto Coop e Amadori, negli altri è ignoto, tuttavia 0,7 g su 100 g ma siccome 1 cordon bleu è di 125 g è 0,87 g cioè il 33% del sodio giornaliero raccomandato non è poco (OMS raccomanda di non superare il 2,4 g di sodio al giorno)


6) Iodio
Con mia sorpresa mi sono ritrovato in mano un Cordon Bleu fonte di iodio, la cosa mi ha fatto un po' ridere, tra le motivazioni per favorire la carne di pollo quella dello iodio mi mancava, nell'alimentazione lo iodio è più facile associarlo al pesce, ai molluschi, alle alghe al sale marino, specialmente se metti come ingredienti del Cordon Bleu il sale iodato, ma se ci metto l'arancia posso dire che è fonte di Vitamina C? Se ci metto olio di pesce (scherzo ovviamente) posso dire che è fonte di Omega 3?
Non che lo iodio non sia importante, piccole percentuali sono contenuti anche nella carne, però un dato come quello dello Iodio associato al Cordon Bleu andrebbe giustificato e argomentato meglio, posso dire di non averlo compreso così come è presentato.

Ingredienti % Cordon Bleu Aia, Cordon Bleu Fileni, Coop, Amadori, a/r, Pam


7) Etichette
In comune per tutte le aziende caratteri piccoli ma talmente piccoli che ho dovuto portarle a casa e mettere un paio di lenti d'ingrandimento, in particolare Aia, Amadori, a/r, uno sforzo di può anche fare, va bene che dicono la gente non guarda ma se guarda caratteri leggibili per favore anche perché non devo avere la vista da cecchino al supermarket, tra l'atro lo spazio sulla confezione non manca, non lo vuoi mettere davanti che rovina l'immagine, l'etichetta mettila dietro, chi vuole la guarda.

NB nelle tabelle sono stati riportati i maggiori ingredienti in quanto la lista è lunghissima impossibile scriverli tutti in un tabella, inoltre si prestano a una difficoltà di lettura pertanto se c'è qualche errore mi scuso ma non si riuscivano a leggere. 

8) Distribuzione
L'impressione che si ha è che il Cordon bleu sia molto facile da proporre come Privare Label cioè a marchio di supermercato, è facile che si hanno due prodotti nel supermercato 1 private label l'altro di marca esempio
Esselunga a/r e Aia, Coop: Aia e Coop, Pam Aia e Pam, invece Carrefour ha sia Amadori che Fileni.

Elenco principali  ingredienti Cordon bleu Aia , Cordon Bleu Fileni, Cordon Bleu Coop




9) Prezzo
Il prezzo varia molto si va dalle 4,90 euro al Pam alle 15,82 euro al kg di Amadori, non il doppio ma il triplo in più, non stiamo parlando del 20 o 30% in più ma del + 200%, la differenza devo dire che non è molto percettibile, certo in quello più caro c'è qualche grammo in più di carne di pollo e tacchino in più dai 36g di Pam ai 39g di Amadori (il più ricco di carne di pollo e tacchino è Aia con 46%), visto che il prezzo è il triplo andrebbe argomentato con delle motivazioni più convincenti.

Perché io devo acquistare un prodotto che costa il +200%? Perché è più buono, perché è fatto con carne di qualità, perché è più sano, perché è biologico, qualcuno potrebbe dire, bene comunicatelo fatelo sapere anche a noi cosi impariamo a scegliere.

Quello fatta a casa costa di più di alcuni perché fatto con petti di pollo o tacchino, la parte più pregiati mentre i cordon bleu utilizzano un misto di varie parti il cui costo al supermercato va dalle 2,19 alle 6,62 euro al kg io ho considerato il prezzo più alto ma sopratutto la quantità più alta rispetto a quelli in commercio.


Elenco principali ingredienti Cordon Bleu di pollo e tacchino gran risparmio  a/r in vendita all'Esselunga, Cordon Bleu Pam, Corden Bleu Amadori


10) Altro + altri ingredienti (Farina e Acqua)
Per altro io ho inteso la panatura che a casa mia è uovo sbattuto e pangrattato, mentre invece negli ingredienti del Cordon Bleu, quell'altro sono quasi il 50% del prodotto, troviamo di tutto e di più tra i più curiosi sicuramente e la presenza della farina come secondo o terzo ingrediente, anche io quando faccio le polpette per renderle più morbide metto magari del pane imbevuto nel latte ma non è tra gli ingredienti principali.

Il più sorprendete tra gli ingredienti è l'acqua quando questo figura tra i primi ingredienti, deve essere un composto talmente duro che renderelo un po più morbido devo aggiungere acqua e poi amido di frumento per legare? Ma a voi i Cordon Bleu chi li imparati a fare, Diabolik?

Lista ingredienti non finisce qui : proteine del latte, burro, olio vegetale, paprika, curcuma, farina di mais! (un po' di polenta fa sempre bene). Non mancano conservanti, antiossidanti, addensanti, E330 E 301 E 451.

Tabelle nutrizionali surgelati Cordon Bleu classici findus e Cordon bleu classico Aia



11) Prodotto surgelati sono all' avanguardia
Mi sono chiesto se i prodotti surgelati sono migliori, hanno solo carne di pollo e in quantità maggiore rispetto ai prodotti freschi 48% e 51% e quello che noi abbiamo chiamato altro ingredienti ha una percentuale molto più ridotta es Findus carne di pollo + formaggio + prosciutto 65,4 su 100g, mentre la migliore ipotesi di prodotto fresco era 46g su 100g di Aia . Una ha perfino il formaggio Edam tra gli ingredienti (Findus) in una quantità di 9,7 g non riscontrata nei prodotti freschi, non è escluso per il futuro un marketing basato sulla qualità degli ingredienti come formaggio e prosciutto. 
I Cordon Bleu surgelati hanno un migliore rapporto proteine / grassi rispetto ai Cordon Bleu freschi.


12) Profilo nutrizionale
Il valore energetico varia dai 144 Kcal di quello preparato in casa ai 249 Kcal, ricordate che in genere un cordon bleu acquistato pesa 125 g e non 100 g a cui noi facciamo riferimento, quindi dovete valutare almeno il 25% in più. Quello che fa la differenza sono la quantità di grassi aggiunti ma anche la qualità di carne utilizzata, alcuni hanno un contenuto più ricco di carboidrati perchè si sono aggiunta farine e pangrattato.

In poche parole quelli in offerta al supermercato  hanno un valore energetico più alto, più grassi, più carboidrati e anche più sodio di cui abbiamo già parlato. Tenete presente che se optate per la frittura in padella aumenta il contenuto di grassi.

Tra i prodotti in vendita di evidenzia Cordon Bleu Aia per un buon rapporto del valore delle proteine sui lipidi. Resta in fatto che in non ne consiglierei nessuno.

Il consiglio di mangiare carni bianche è spesso indicato perché carni poveri di grassi, in particolare di grassi saturi per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e nei schemi alimentari per il diabete e per il contenuto di alcuni sali minerali e vitamine come fosforo, zinco, selenio, vit. B3, vit. B6, ma queste preparazioni  si caratterizzano per un minore contenuto di carni di pollo e tacchino e sono più ricche di grassi e sodio.


Sintesi: diciamo pure che tra un Cordon Bleu acquistato e quello fatto a casa c'è una certa differenza, sia della qualità che della quantità che del prezzo. Fare un involtino con del prosciutto o formaggio non è una cosa cosi difficile.

La comunicazione dei prodotti a base di carne di pollo e tacchino punta sulla salute e sulla leggerezza, ma in questo caso nel caso nei prodotti già pronti, come i cordon bleu sia la qualità che il profilo nutrizionale sono lontani dalle mie aspettative.

Se proprio non riuscite e vivere senza un Cordon Bleu già pronto valgono consigli di sempre quelli che hanno la lista d'ingrediente più corta, che non ci sia carne separata meccanicamente, che il contenuto di carne di pollo o tacchino sia almeno più del 51% (se lo trovate, io non l'ho trovato).

In questo periodo che le persone hanno bisogno di spendere poco, acquistare prodotti già pronti richiede particolare attenzione, perchè non sempre conviene né dal punto di vista finanziario né dal punto di vista della qualità e del gusto.

La nostra Mara ci fà vedere come si possono fare i Cordon Bleu a casa, grazie

Anche coccomero rosso cordon bleu di Mariangela


Al test cordon bleu ho preso in esame i prodotti.
Cordon Bleu Coop
Cordon Bleu Classico Aia 
Cordon Bleu Fileni
Cordon Bleu di prosciutto e formaggio
Cordon Bleu Pam
Cordon bleu di pollo e tacchino gran risparmio a/r

I prezzi e le etichette sono state rilevate nei supermercati Pam, Coop, Esselunga, Carrefour, Unes sulla piazza di Milano

NB sono stati presi in esami i cordon bleu classici, poichè di questi prodotti ci sono più versioni come quelli con più formaggio o quelli leggiadri cordon bleu oppure per esempio i cordon bleu x 4 di a/r che sono diversi dai cordon bleu classico, si è scelto i cordon bleu classici per avere uniformità di dati.


64 commenti:

  1. Hai ragione da bambina anche a me piacevano i cordon bleu daltronde sono gustosi...e me li facevano anche mangiare...anche i famosi sofficini o i bastoncini di pesce...ma a me da piccola piaceva tutto, e anche ora, mangiavo anche la fettina all'olio. Credo che se li facessi sentire ai miei figli non li mangerebbero...non li hanno neanche mai visti...i miei piccoli carnivori si fanno fuori anche un petto di pollo in due se hanno fame o una quindicina di fettine di roast beef...sono amanti della ciccia, ma cerco di comprare almeno x loro quella più tenera e la taglio a pezzi piccoli in modo che la mastichino bene.Rimango scioccata dal fatto che possano darli alle mense scolastiche....!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma non sarebbe più facile farceli da noi con le nostre belle manine?
    Il fatto è che ci piacciono più se li comperiamo.
    Un caro saluto Gunther e grazie per le tue preziose informazioni

    RispondiElimina
  3. Il solo piatto pronto che ho mangiato a volte da piccola erano i bastoncini di pesce, ma neanche a dire che ci andassi pazza. Alla constatazione che il pesce diminuiva sempre di piu' a favore della panatura, hanno smesso di finire in padella! Oggi siamo talmente ossessionati dalla mancanza di tempo che non si pensa a quanto certi piatti potrebbero essere fatti velocemente anche a casa e in modo sicuramente piu' sano! Non li ho mai comprati e continuo a preferire l'homemade ma il paradossale e' che spopolino nelle mense scolastiche !!!

    RispondiElimina
  4. Mia mamma (quando ero piccola) andava dal macellaio, si faceva tagliare la carne , (manzo, maiale, pollo, in effetti variava molto), e il "cordon bleu" se li faceva lei con le sante manine.
    Devo dire che anche io "me li faccio in casa", anche se molto raramente (arrivero' a 3 volte l'anno!).
    Ma sai, si ritorna al solito discorso, vengono comperati perche' gia' pronti, si mettono in padella e via, per comodita', velocita'. Ma forse e' meglio nn sapere cosa c'e' dentro, vero?
    Un abbraccio gunther!

    RispondiElimina
  5. Che bellissimo post!!!!
    già che mi ci fai pensare...ho giusto in archivio la ricettina e le foto dei cordon bleu, che a dire la verità non faccio da un po'!!!
    Cerco di portarla e poi ti avverto appena è on-line!!!
    un abbraccio!!!
    MARA

    RispondiElimina
  6. a dirla tutta mio figlio di 3 anni non mangia nulla che sia impanato, né carne né pesce e mi toglie la difficoltà alla base; al piccolo non ho ancora proposto i fritti ma mangerebbe anche le gambe del tavolo, impanate con la segatura:-)
    Io trovo i prodotti pronti comodi in caso di necessità, mi becchi in un momento di forte influenza e sono riuscita a preparare a malapena il pranzo al piccolo; quindi li demonizzerei fino a un certo punto: non si possono consumare tutti i giorni, varrebbe la pena non illudersi che siano tanto leggeri, ma io li compro!
    questo argomento è un ottimo spunto di riflessione, come sempre!

    RispondiElimina
  7. Ciao Günther :) io credo che sia perché sono fritti, perché poi analizzandoli dal putno di vista proprio del gusto, credo che possano avere un certo appeal solo per i bambini, parlando da adulta con un gusto non dico affinato ma quasi io avrei difficoltà a mangiarne

    RispondiElimina
  8. Gunther i le tue recensioni sono sempre un esempio di completezza e di semplicità.

    Ammiro molto la tua capacità di analizzare tutti gli aspetti di un prodotto, anche quaelli che di solito vengono tralasciati.

    Le leggo sempre con grandissimo interesse.

    :-)

    RispondiElimina
  9. Ti confesso che proprio ieri sono stata sul punto di comprarli!Sono anni che non li acquisto (a me piaceva il sapore perchè non sapevano da carne il che è tutto dire), basta leggere l'etichetta e la voglia ti passa subito.

    RispondiElimina
  10. I Cordon Bleu erano i preferiti di mio figlio, però in casa li preparavo con la carne di vitello. Quando era un ragazzino, se riusciva, ne ingurgitava quantità spropositate, come quella volta che, ad una cena sociale della squadra di di Hockey, s'era pappato anche quelli dei compagni più inappetenti. Il suo allenatore con gli occhi fuori mi riferì: - Si è mangiato 12 Cordon Bleu!!!
    E non è nemmeno stato male... :O))
    I tuoi articoli caro Gunther sono sempre molto interessanti ed esaustivi, grazie!

    RispondiElimina
  11. Cosa c'è dentro..? Ossignore, Gunther, ho sempre cercato di non chiedermelo.. :D Meglio non porsi certe domande nella vita se non si vogliono altri motivi di stress, ahaha! :D No, a parte gli scherzi.. condivido con te il fatto che non li consiglierei. Io preferisco una bella bistecca di pollo 'nature', e di quelle cose non mi è mai venuta voglia nemmeno da piccola. Tant'è che preferivo comunque gli involtini di prosciutto cotto casalinghi della nonna: una semplice fetta di prosciutto, arrotolata su un pezzetto di formaggio e scaldata sulla piastra. Il mio sgomento deriva dal fatto che a scuola le diano come il pane! Questo si!! Mah, almeno grazie delle notizie 'storiche' :D Un abbraccione!

    RispondiElimina
  12. non compro mai cibi pronti e dopo aver letto il tuo interessantissimo post continuerò a fare i cordon bleu e tutto il resto da me!!!!grazie e un saluto...

    RispondiElimina
  13. Da piccola mi piacevano i sofficini e i bastoncini, ora non li mangio!
    E' da qualche tempo che anche io mi chiedo se ogni tanto noi genitori dovremo controllare il menù delle mense scolastiche. Il mio monello ama il pollo arrosto e la scaloppina di pollo che gli preparo io , non ti dico poi la carne alla brace!
    Però da quando mangia alla mensa della scuola so che mangia le polpette (a casa no) il pesce impanato, a casa per lui niente fritti. Grazie per le tue preziose informazioni!

    RispondiElimina
  14. Adesso ti faccio sorridere...io detesto prosciutto e formaggio assieme però il cordon bleu mi piace perchè fritto o anche in forno e allora...lo disfo. Tiro fuori il prosciutto il formaggio e mangio prima un pezzo di prosciutto poi il formaggio e poi la parte esterna croccante. Dirai come faccio se il formaggiofonde....non fa niente lo tiro fuori attendo che si raffreddi e quindi si solidifica...sono peggio dei bambini.
    Bello il tuo post interessante come sempre ciaooo.

    RispondiElimina
  15. interesting post Gunther fortunately almost I buy only a few things made in stores. But the kids love these parts!!

    RispondiElimina
  16. Isabella Corsini5 febbraio 2013 18:49

    Non ci posso credere hanno meno della metà di carne di pollo e tacchino, solo che noi lo paghiamo come pollo e tacchino

    RispondiElimina
  17. Anche questo post è molto interessante, grazie Gunther.
    Non ho mai comprato i cordon bleu pronti, ma neanche altre preparazioni. Leggo da sempre le etichette, anche se non sempre sono chiare e esaurienti, per scegliere i prodotti da acquistare. Solo un acquisto ponderato ci permette di evitare i prodotti di scarsa
    qualità !

    RispondiElimina
  18. Ciao interessante questo post, anche io mi chiedo sempre cosa c'e' dentro quello che compro.I cordon bleu li mangiavo da piccola ma ora non li compro da secoli, potresti fare un post sui wurstel non riesco a convincere mio marito a non comprarli!

    RispondiElimina
  19. Mai mangiati ne da piccola ne da grande ma chi sa in futuro da anziana, mai dire mai!:) Ciao Gunter, sei sempre bravissimo nel scrivere e spiegare i minimi detagli, complimenti!

    RispondiElimina
  20. Ho letto dai commenti che alcuni lettori sono scioccati dal fatto che nelle mense si servano i cordon bleu.
    Non solo, nelle mense scolastiche si da anche il pangasio, il bonroll e altre derrate a basso costo.
    Del resto finché le amministrazioni comunali faranno le gare d'appalto al ribasso...non può essere che così :(

    Grazie per la tua attenta analisi.

    RispondiElimina
  21. Sinceramente non l'ho mai comprato, non mi piace quindi non ho mai approfondito l'argomento. Però in effetti so che piace molto ai bimbi...sicuro che prima o poi la mia nipotina me li chiederà :)

    RispondiElimina
  22. meglio una bella fetta di pollo sulla griglia e una insalata verde...grazie per i tuoi preziosissimi consigli,buona serata:)

    RispondiElimina
  23. I miei figli li adorano, ma da madre salutista rompiballe non li compro...ci pensano le nonne, come vizio quando vanno a dormire da loro...dovrei sforzarmi e farli a casa...prima o poi li accontenterò...cri

    RispondiElimina
  24. Chiaro che ai bambini piacciono!!!
    Meno chiaro ed abbastanza preoccupante il fatto che vengano serviti in una mensa scolastica.
    La masticazione va allenata proprio da piccoli, non certo succhiando pietre, ma certamente proponendo cibi che offrano resistenza ai denti....la crosta del pane, quasi ideale, una mela idem!
    Se poi consideriamo che talvolta a casa i bimbi mangiano cibo confezionato, se non precotto.....se non pasticci, almeno a scuola un minimo di educazione alimentare l'auspicherei.
    Ma i dietisti che dicono, sono pagati per controllare e bilanciare menù e porzioni.....forse sono cordon bleu "salutisti"??! Speriamo!

    Saluti liguri

    Fabiana

    RispondiElimina
  25. Ecco, faccio molto bene a leggere questi tuoi post caro Gunther perchè io mi sento molto solidale con Mathias e speravo proprio che non parlassi male di questi cordon bleu perchè anche se li mangio rarissimamente...io li adoro!!
    Sarà perchè sono fritti, o perchè trasudano formaggio appena ci affondi dentro la forchetta, sarà perchè sono poco sani o perchè morbidi e succulenti..a me piacevano da piccola e mi piacciono adesso. e sono consapevole del fatto che home made sì per carità sono molto, molto più sani...ma mai così gustosi!!
    Scherzi a parte: grazie di tutte le informazioni, è bello sapere e scegliere consapevolmente!
    (interessante la spiegazione anche dell'origine del nome che non conoscevo proprio!)
    Ti abbraccio, buona serata

    RispondiElimina
  26. Sinceramente io ho qualche problema a digerirli ma mio figlio li adora letteralmente.. Sempre interessanti i tuoi post Gunther complimenti

    RispondiElimina
  27. Sono molto amati in genere vedo, ma non avevo dubbi sui contenuti, anche se non mi sono mai soffermata a leggere gli ingredienti. Conosco diverse persone che li adorano anche grandi, farò leggere il post ;)
    Grazie :)

    RispondiElimina
  28. sai che molte volte non facciamo caso a certe cose , arriviamo al supermercato e mettiamo nel carrello per fare contenti nostri figli , grazie per averci illustrato la situozzione buona giornata

    RispondiElimina
  29. caspita ! E' proprio vero che non si sa mai abbastanza su quello che mangiamo, grazie per le preziose info, buona giornata!

    RispondiElimina
  30. Interessante la storia sulle origini del cordon bleu.
    E' ovvio che ci siano gli scarti nella carne utilizzata, tutto ciò che viene levato dai tagli più pregiati per renderli più belli esteticamente.
    Il cordon bleu è una cosa già poco salutare se fatta in casa, da quello che ne so io, in quanto associa carne e formaggio e la carne insieme al formaggio non si riesce a digerire correttamente (ma tu ne saprai molto più di me in merito).

    RispondiElimina
  31. Non sono un'appassionata di cordon bleu, ma le notizie storiche in proposito sono interessantissime!

    RispondiElimina
  32. Non acquisto quasi mai questi prodotti già pronti, ma confesso che non ero a conoscenza di molte delle informazioni che ci hai fornito: un post davvero utile, grazie!

    RispondiElimina
  33. Sei bravissimo a divulgare queste informazioni importanti!
    Io non vado matta per i prodotti pronti e non li compro mai!
    Ti auguro una felice giornata! :)

    RispondiElimina
  34. Ciao Gunther!!! Ho mantenuto la promessa!!!
    Ecco i miei Cordon Bleu Maison!!!

    http://chegustosa.blogspot.it/2013/02/come-nasce-un-post-cordon-bleu-maison.html

    Un abbraccio, MARA

    RispondiElimina
  35. E' la prima volta che passo di qui ... trovo il tuo blog bellissimo, post accurati, interessanti e circostanziati :) Penso proprio che ne farò un'abitudine!

    RispondiElimina
  36. Un post eccellente, come sempre i tuoi articoli fanno ragionare, fanno pensare e informano. Per fortuna sono un pò come te, non compro quasi mai i cibi pronti....ne tantomeno i cordon bleu...ma sempre meglio motivare ancora di più le mie scelte quando ne parlo con altre donne/casalinghe/moglie...grazie

    RispondiElimina
  37. Come sempre GRAZIE! Farò girare questo tuo post alle mie amiche mamme...magari capiranno finalmente che a fare un cordon bleu IN CASA ci vuole poco e si guadagna tutto in salute, pure se, per una volta, si fa fritto :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  38. Ma che blog interessante ... complimenti. Ti leggerò con calma perchè merita di essere approfondito.
    Meno male che sei passato da me altrimenti non ti avrei beccato, grazie

    RispondiElimina
  39. Post davvero super interessante Gunther, grazie per il tuo lavoro, non smetterò mai di dirtelo..io già non amo acquistare cose pronte, tu mi confermi che faccio bene. Io condivido in FB perché le persone sappiano cosa NON comperare!
    Ciao! Roberta

    RispondiElimina
  40. Post interessante ed esplicativo, ammetto che da giovane li compravo anche io ma ormai da anni me li preparo da sola e spesso li faccio con la carne di maiale, si chiamano 'ljublijanske' e sono tipiche del carso Triestino/sloveno.
    Complimenti per il blog, condividerò questo post su facebook e twitter. Grazie Kris

    RispondiElimina
  41. Non mi attiramo per nulla, e ci credi che non li ho mai acquistati?!?!?! Li faccio io in versione casalinga, certo non saranno perfetti, ma almeno sono genuini! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  42. Ma grazie Gunther!!! sei gentilissimo!!!!

    RispondiElimina
  43. Un post veramente completo ed esauriente, che mi riconferma nella ferma volontà di fare a meno di questo genere di prodotti!
    Grazie, a presto!

    RispondiElimina
  44. Parole sante, faccio leggere a mio figlio è grande e come gli piacciono!!
    !!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  45. Interessante la storia della nascita del cordon bleu, non la conoscevo.
    Hai ragione meglio quelli fatti a casa, ne ho comprati una sola volta ai miei figli quando erano piccoli, e il contenuto e il sapore non son piaciuti. L'interno sembrava spugnoso, non certo come una fetta di petto di pollo.
    La mia mamma li faceva con fette di vitello che poi metteva nel sughetto,ma li chiamava "parigine",forse perchè non sapeva ancora della moda dei cordon bleu...
    Ciao Gunther e grazie, è sempre un piacere leggerti.
    Buona serata, a presto!

    RispondiElimina
  46. Sono tranquilla, non compro cordon bleu e non fanno neanche parte del menù scolastico di mia figlia.
    Preparato in casa è tutta un'altra cosa!!
    Un abbraccio Gunther!!!

    RispondiElimina
  47. ebbene si, lo ammetto, non più tardi di circa 3 anni fa, quando non sapevo molto cucinare, li comperavo, li mangiavo e mi piacevano pure!! Poi ho smesso, al massimo, ora, me li preparo a casa io...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  48. Anch'io preferisco prepararli in casa, naturalmente!!! Grazie per il post molto interessante e ricco di informazioni!!! Bravissimo!!!

    RispondiElimina
  49. Anche i miai bambini li adorano, e devo dire la verità, preferiscono quelli comprati a quelli fatti da me!!! Che rabbia, però io li ignoro e continuo a farli e lascio alle serate di soli uomini quelli comprati! Grazie mille per l'articolo interessantissimo.

    RispondiElimina
  50. mamma mia dove andremo a finire!! non ti dico falsità a dire che piaciono anche a me ma ora quasi quasi ci ripenso!!!

    RispondiElimina
  51. Sono appetibili è vero, ma costano troppo. Purtroppo anche io come te ho il brutto vizio di leggere ed informarmi e le cose acquistabili sono veramente poche...

    RispondiElimina
  52. Posso dire che non li ho mai presi?
    Preferisco la cucina casalinga più sana , genuina ed economica.
    Grazie comunque delle tue preziose informazioni che da soli non saremmo andati a cercare!!!!
    Buona giornata
    Monica

    RispondiElimina
  53. Ai bambini piccoli picciono come le patatine fritte , e alla mensa li adorano perchè a casa non li mangiano. Nella maggior parte dei casi quando diventano grandi, comprendono che il cibo casalingo è decisamente migliore e li evitano.
    Ti faccio l'esempio di mio nipote fino a 10 anni mangiava tutti quei cibi definiti spazzatura, ora ha 18 anni ed è molto esigente in materia di cibo. Grande la tua recensione hai fatto centro. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  54. Ai bambini piccoli picciono come le patatine fritte , e alla mensa li adorano perchè a casa non li mangiano. Nella maggior parte dei casi quando diventano grandi, comprendono che il cibo casalingo è decisamente migliore e li evitano.
    Ti faccio l'esempio di mio nipote fino a 10 anni mangiava tutti quei cibi definiti spazzatura, ora ha 18 anni ed è molto esigente in materia di cibo. Grande la tua recensione hai fatto centro. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  55. Ciao Guther grazie come sempre della precisione e della accuratezza delle tue informzioni. E' sempre un piacere leggere i tuoi post e sono d'accordo: molto meglio farli da soli in casa, penso che il cibo casalingo sia sempre il migliore. A presto!

    RispondiElimina
  56. Non li ho mai visti in Inghilterra,ma prodotti simili(Chicken Kiev),vengono preparati nella stessa maniera.
    L'unico ingrediente che mi "attrae" e' la curcuma!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  57. Mi capita raramente comprarli per questione di tempo, di solito preferisco prepararli io almeno so la qualità degli ingredienti! Buon fine settimana, ciao!

    RispondiElimina
  58. Non mangiando carne non è un prodotto che mi interessa ma, devo farti doverosi complimenti per l'ennesima eccellente analisi e divulgazione.Buon we!
    Sara :)

    RispondiElimina
  59. post dettagliatissimo come sempre e per molti aspetti anche molto interessante ma io preferisco sempre l'home made!
    buon fine settimana
    Alice

    RispondiElimina
  60. io non li ho mai assaggiati, però il tuo articolo è davvero molto interessante.

    RispondiElimina
  61. Sei stato molto chiaro. Quell' "altro" è inquietante

    RispondiElimina
  62. Io già guardo con sospetto la carne non impanata,figuriamoci quella farcita.... dopo aver letto questo post ho un motivo in piu per evitarla!!! interessantissimo come sempre.
    Francesca

    RispondiElimina
  63. La mia risposta a quanto letto è facciamoli a casa i cordon bleu http://www.saleepepequantobasta.com/2013/01/cordon-bleu-alla-mortadella.html

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi