mercoledì 16 novembre 2011

1 grammo di sale in quali alimenti lo posso trovare?

Domanda di Enrica B. di Novara: ho difficoltà a regolarmi con il sale nei prodotti che acquisto, nelle confezioni non viene scritto, potresti fare qualche esempio? Tipo dove trovo 1 grammo di sale? In quale alimento? In quanto peso?

Risposta : Ho diverse volte affrontato il problema del sale nell'alimentazione è intervenuta anche una lettrice Antonina G. che ci ha spigato le difficoltà che ha dovuto affrontare quanto al marito in seguito a dei problemi di salute ha dovuto limitare il quantitativo di sale.

L'assunzione giornaliera media di sale in Europa : 10 g/die. Fabbisogno fisiologico di sale: meno di 2 g /die. Fabbisogno giornaliero suggerito dall' OMS: 6 g/die o 2,4 g di sodio.

Il 80% dell'assunzione di sale, non arriva dall'aggiunta che facciamo a tavola in cucina ma dagli alimenti già pronti., non c'è una grande consapevolezza di quanto sale introduciamo. Il sale viene aggiunto non solo come conservante, magari ci fosse solo il sale negli alimenti già pronti, ma l'industria alimentare lo utilizza in grande quantità per dare maggiore palabilità, non è raro incontro percentuali di sale alto in prodotti insospettabili come dolci.

Ricordiamo che l'eccesso di sale favorisce l'aumento della pressione arteriosa, lo sviluppo delle malattie cardiovascolari, inoltre l'eccesso di sale è uno dei fattori a rischio per l'osteoporosi, esistono anche dei studi che collegano l'eccesso di sale ad un possibile rischio di malattie renali.

Non voglio creare allarmismo non è questa l'intenzione ma solo una maggiore consapevolezza sulle scelte, cercare di non abusarne.

Questo non servirebbe se le aziende dichiarassero il contentenuto di sale o sodio, cosa non ancora obbligatoria è bene dichiararlo ma certo aiuterebbero molto di più quei soggetti che per ragioni non dipendenti dalla propria volontà devono limitare l'apporto di sale.

Desidero anche indicare che ci sono molte aziende distributrici che lo fanno nella maggior parte dei prodotti private label, cioè a loro marchio in Svizzera Migros, in Italia : Coop e Esselunga .

NB Nota metodologica (prima che mi arrivi qualche saputello quindicenne): la mancanza dei dati sulle confezioni mi ha costretto a utilizzare diversi dati di diversi istituti di Nutrizione, Italia, Francia, Germania, c'è un grande abisso tra paese e paese tra prodotti stessi e i diversi marchi , per cui la confusione non è grande ma immensa, potrebbero essereci sul mercato prodotti con livelli differenti di sale rispetto a quelli indicati, per cui i dati non interpretateli come valori assoluti ma come valori puramente indicativi.


Esempio in più tabelle il sodio nella mozzarella di latte vaccino viene indicato 0,20 g di sodio, quella che io casualmente avevo comprato in offerta al supermercato  e che avevo in frigorifero, non volevo crederci neanche io, indica lo 0,35 di sodio, il 75% in più, quasi il doppio di quanti indicato nelle varia tabelle, è logico pensare rispetto a questi dati che vengono diffusi agli operatori del settore non sono sempre affidabili, come avevo visto nel caso dei salumi e che quindi ci possono essere prodotti con valori molto differenti indipendentemente dalla mia buona volontà.

Sembra un non nulla  ma 0,15 g di sodio in più invece per quei soggetti che devono controllare il sale introdotto nell'alimentazione sono molti, perchè vuole dire che una mozzarella da 125 g è 1 grammo di sale e se devi al max consumare 2 g  di sale al giorno è un dato importante.

Ovviamente gli alimenti messi in cima sono quelli da consumare con più moderazione, come vedrete salumi, formaggi pane e derivati fanno parte dei prodotti con più sale, tuttavia non tutti con la stessa proporzione.

1 grammo di sale in 15 grammi di :
Prosciutto Crudo
1 cucchiaio di salsa tartare
1 cucchiaio di ketchup
1 cucchiaio di mostarda

1 grammo di sale in 30 grammi di
Feta
Salame Ungherese
Speck
Bresaola
Coppa
Chips
Sardine sott'olio
Aringa marinata


1 grammo di sale in 50 grammi di
Pecorino
Prosciutto cotto
Provolone
Taralli
Grissini

1 grammo di sale in 60 grammi di
Grana
6 biscotti

1 grammo di sale in 70 grammi di
Parmigiano
Gorgonzola
Digestive Biscotti
Fette biscottate
Minestrone di verdure già pronte
Pizza Surgelata già pronta (una pizza surgelata intera è da 300g, quasi intero apporto giornaliero di sale consigliato)

1 grammo di sale in 100 grammi di
Pancetta
Emmenthal
Bologna
Creme alle verdure già pronte
Tonno sotto'olio
Brioches (l'equivalente di 2 brioche)
Legumi in conserva ceci o lenticchie
Cappelletti emiliani
Tortellini al prosciutto crudo
Frollini alla panna


Dimenticavo la cosa più importante come convertire il sodio in sale 400 mg di sodio equivalgono a 1 g di sale, un esempio se comprate un prodotto con scritto 0,60 g di sodio o meglio 600 mg vuole dire che per 100g contiene 1,5 sale.

Non è rientrata in questo schema  la salsa di soia che ha un contenuto di sodio di 5720 mg per 100g, tantissimo, da usare centellinandola, non fa parte di un prodotto abituale della nostra alimentazione occidentale anche se viene molto utilizzato. Non è stata inserita nemmeno la maionese non perchè non includa sale ma per la troppa differenza tra una confezione e l'altra il range va da 0,4 g di sodio/100g a 1,2 g un range troppo alto per dare un indicazione possibile a qualsiasi utente, avrei dovuto mettere il contenuto di tutte le marche, cosa non possibile e sopratutto perchè molte non lo indicano.

Non va sottovalutato nemmeno l'apporto di Corn Flakes, di cereali per la prima colazione alcune confezioni contenzono lo 0,5 g di sodio/100g, più o meno 75g x 1 grammo di sale, tuttavia è bene ricordare che la porzione consigliata e di 30/40g per fare 1 grammo di sale bisognerebbe mangiarne due porzioni circa.

I sali nelle foto sono di un negozio di Nizza della parte vecchia sulla strada che dal mercato del Pesce porta a Place Garibaldi, è un esempio commerciale di come il sale può essere aromatizzato un metodo per consumarne meno, per chi deve limitare il consumo, è un problema importante, lo potete fare anche in casa come insegna la nostra dolce Anastasia Any Secret nel suo sale aromatizzato alle erbe aromatiche

Post correlati: Come diminuire il sale in cucina, come ridurre il sale e il sodio nella vita di tutti i giorni, nuovi salumi vecchi valori?, Salmone Affumicato confronto fra valori.

23 commenti:

  1. Capperi, se nelle mozzarelle c'è tanto sale, allora io ho sempre mangiato bombe saline, perchè mi sembrano molto sapide e quindi insiame ad un filino d'olio ho sempre aggiunto altro sale.
    Grazie Gunther.
    Mandi

    RispondiElimina
  2. Gunter cosa ne pensi del sale iodato? chi dovrebbe usarlo? posso usarlo?

    RispondiElimina
  3. E sì Gunther, proprio perchè so che non sei un allarmista sono preoccupata! Mmmm io che amo il salato devo starci davvero attenta! Non tanto ai salumi che consumo di rado (non perchè non mi piacciano ben inteso, ma per i motivi che citi tu), ma tipo al pecorino, la feta (quella lo so è tremendissima per quanto riguarda il sale!!!)ma la mozzarella...mi ha stupito davvero! Ora avrò un altra paranoia per le etichette... se n'è aggiunta una alla mia lista nera! Ora che ho letto questo post, aggiorno ii mio post sul sale aromatizzato, in cui ti avevo linkato con il post sui salumi... cambierei link, questo mi sembra più completo!! Un abbraccio stretto stretto e grazie come sempre per la tua chiarezza e completezza d'informazione! Buona serata! Any

    RispondiElimina
  4. alcuni dei dati che hai postato mi hanno davvero stupita

    RispondiElimina
  5. rosalba
    quello della mozzarella ha stupito anche me non ci avevo mai pensato è stata una scoperta casuale, in partica un mozzarella da 100 g e qualcosa di più è un grammo di sale

    @titty
    dipende la hai o meno una carenza di iodio nell'alimentazione o se hai un cattivo funzionamento della tiroide.
    Un assunzione giornaliera di sale iodato aiuta se si rimane nei 6 g consiglati.
    Le indicazione nutrizionali invitano a consumare non più di 6g al giorno come il sale normale

    tuttavia io starei nelle indicazioni senza eccedere nell'uso di sale iodato.

    lo iodio si trova sopratutto ne pesce e nei crostacei

    è un problema complesso il funzionamento della tiroide appena ho un attimo ne parlo molto volentieri

    @any
    ma quante belle parole che mi hai scritto in quel post del link,
    :-)) grazie
    questa della mozzarella giuro non me l'aspettavo neanche io, un dato che non avevo mai dubitato..
    l'ho fatta grossa anche io stasera insalata di gamberi, lattuga e feta!

    @stefania , grazie

    RispondiElimina
  6. Io amo il salato e devo stare attenta,cosa ne pensi del gomasio x condire le insalate?Sono rimasta colpita dal sale delle mozzarelle e poi pensavo che il crudo ne contenesse meno della pancetta.Quante cose scopro leggendoti!Buona giornata Gunther.

    RispondiElimina
  7. Io non so se è proprio vero, ma il nutrizionista che ci seguiva durante gli allenamenti ( io ero una nuotatrice ) ci diceva che un bel piatto di insalata scondita contiene da solo il sale di cui avremmo bisogno in un'intera giornata, per cui si...le spezie sono una buonissima soluzione! Buona giornata Ciao :)

    RispondiElimina
  8. Povera mozzarella! già sapevo che era una finta magra...ora apprendo che è pure salata!
    Mi ha stupito il ketchup, non da la sensazione del salato, ma il gusto agrodolce inganna parecchio!!
    Grazie per l'elenco molto utile ;)

    RispondiElimina
  9. La gente secondo em ignora sopratutto l'uso del sale nei dolci che, si sa, esalta in gusto dolce stesso.Io non amo le cose troppo salate, in casa infatti ne iuso pochissimo.Preferisco gomasio o spezie(ovviamente anche il sale con buon senso)

    RispondiElimina
  10. Grazie Gunter! non ho problemi di tiroide ma un medico mi disse che tutti dovremmo usarlo per prevenire quel tipo di problema,cosa ne pensi? cioè una persona senza problemi di tiroide deve usare sale normale o iodato?

    RispondiElimina
  11. caspita certo che se non si sta attenti si fa davvero presto a raggiungere i gr di sale di fabbisogno giornaliero. Se poi si è come me che adoro il sale è la rovina!Magari ed esistesse qualcosa che dia la stessa sensazione percettiva ma con meno "effetti collaterali dannosi" :(

    RispondiElimina
  12. Grazie carissimo, ogni volta che passo da te mi salvo il post!!!! Sei unico, continua così ad informarci, un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Davvero sorprendente, sono meravigliata da come davo per scontate alcune cose, ho imparato anche io molte cose nuove. Grazie :))))

    RispondiElimina
  14. beh io non faccio testo mangio 1 etto di prosciutto per volta.. quanto sale....!!!

    RispondiElimina
  15. @titty
    parlare in generale è sempre difficile, in parte negli anni passati c'è stata una carrenza di iodio dei livelli raccomandati anche perchè si consumava poco pesce.

    Secondo un rapporto dell’OMS, a tutt’oggi solo sei Paesi d’Europa sono esenti da carenza iodica (i Paesi scandinavi, la Svizzera, l’Austria e il Regno Unito). La prevalenza del gozzo nell’Europa è stata stimata nel 1993 in oltre l’11% (WHO, 1995).

    Anche la malnutrizione proteico-energetica, e difetti genetici, possono favorire la insorgenza del gozzo, sia endemico che sporadico (Ingenbleek et al., 1980), così come l’ingestione di sostanze con proprietà gozzigene che inibiscono la captazione e l'organificazione dello iodio, e perciò la sintesi degli ormoni tiroidei.

    Alcuni alimenti ricchi di sostanze gozzigene sono il cavolo, la rapa, la manioca, le cipolle e le noci.

    Alcuni studi indicano come anche il selenio possa essere essenziale per il funzionamento della ghiandola tiroidea. Alcuni autori ipotizzano che in certe zone geografiche la carenza di selenio possa essere un cofattore nella patogenesi del cretinismo endemico mixedematoso (Anonimo, 1992, Beckett et al., 1993).

    In teoria l'Italia per antonomasia è il paese del pesce del pesce azzurro, non dovrebbero esserci carenze, sta di fatto che il sale da cucina non ne impieghiamo molto, certo possono dare un piccolo contributo, proprio perchè l'80% del sale lo assimiliamo da prodotti già pronti che non usano in genere sale iodato, quel piccolo contributo non fà male, dovrebbe contribuire a raggiungere i livello di iodio, aiuta se questo da solo aiuti tutti a fare funzionare meglio la tiroide non lo so, ho qualche perplessità proprio perchè potrebbe non solo dipendere dallo iodio.

    Ho notato che in Italia in una mia recente visita in un supermercato c'è solo sale iodato per il 90%, evidentemnte una carenza che non avevo notato, tuutavia trovo solo originale del fatto che in svizzera, svezia, norvegia non abbiamo deficit di iodio e in Italia s,i è un po come dire che nei paesi nordici non hanno carenza di vitamina D (quella del sole) e nei paesi mediterranei si.

    Spero che una delle nostre super nutrizioniste commentatrici possano dare un contributo magari migliore del mio

    RispondiElimina
  16. Da anni uso pochissimo sale in cucina, credo sia una questione di abitudine, man mano che ne riduci la quantità (aggiunta) cominci a sentire maggiormente il sapore dei cibi ed il sale che contengono. Credo sia necessaria maggiore informazione in proposito, grazie per il post, diffonderò! :)
    A presto

    RispondiElimina
  17. che sorpresa Gu mi aspettavo le patatine fritte più in alto, non ci posso pensare alla pizza e ai biscotti

    RispondiElimina
  18. Interessantissimo Gunther.
    Spesso ci si sofferma a controllare lo zucchero perchè il suo abuso è subito visibile ma il sale è un killer silenzioso.

    Purtroppo la strada per avere etichette trasparenti è ancora lunga e anche se le facessero chi le saprebbe leggere nella maniera corretta? eh eh eh

    RispondiElimina
  19. Punto dolente,purtroppo ci si rende conto sempre tardi che per evitare problemi di salute bisogna alimentarsi in modo corretto..
    meglio sale marino o di miniera?

    RispondiElimina
  20. @torte e decorazioni
    grazie della domanda mi hai fatto venire in mente un viaggio che ho fatto in africa diversi anni fa dove il sale lo si estrae nel sahara dentro delle miniere
    le differenze sono minime tra i due anche, quella che è diverso è il procedimento di estrazione più semplice del sale marino è più complesso ed elaborato nelle miniere di sale

    è più consigliabile il cosidetto fior di sale che è grezzo e senza addensanti e conservanti, io adopero del semplice sale marino

    il sale lo si ricava dove è possibile non in tutti paesi si può ricavarlo dal sale marino come i paesi del mediterraneo

    è sempre cloruro di sodio anche se quello in miniera a una purezza di 99,9% e il sale marino da 99,5%

    RispondiElimina
  21. Ammazza!!!mi viene da dire!!!!Io sono abituata a bere 2 litri di acqua al giorno,proprio per eliminare sali e liquidi in eccessi,dato che faccio uso di anticoncezionale,per motivi curativi e mi causa un po' di ritenzione idrica....non sono abituata a mangiare saporito e questo mi aiuta molto!!!!grazie per tutti i buoni consigli!!!!raffaella

    RispondiElimina
  22. Questo post è un ameraviglia. Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  23. Il sale come facevi giustamente notare è spesso il viatico per compensare gusti poco incisivi rendondoli più appetibili o accattivanti. Molte volte capita che persino le pizzerie preparino impasti base volutamente più sapidi per incrementare, a scapito persino del gusto complessivo, la vendita di bibite e li purtroppo non c'è alcuna tabella di riferimento al quale appellarsi. Post molto importante questo che completa quanto già avevi posto alla nostra attenzione :)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi