martedì 30 agosto 2011

Succo di frutta o Coca Cola?

Domanda di Arianna M. : Sono un mamma di un bambino di sei anni, al quale faccio bere del succo di frutta, perché mangia difficilmente la frutta, mentre però ero al supermercato ho notato che le calorie e gli zuccheri dei succhi di frutta sono più alte rispetto alle bibite gassate come Coca Cola, Pepsi, Sprite, mi è sorto un dubbio sto sbagliando? Dovrei preferire le bibite ai succhi di frutta?

Risposta: cara Arianna la tua domanda è più complessa di quello che potrebbe sembrare, anche perché in questi giorni in alcuni paesi si discute se tassare le bibite gassate dal momento che secondo alcuni favoriscono l'obesità, in breve più che favorire l'obesità favoriscono comportamenti poco corretti che possono condurre al sovrappeso, ma spesso è un problema di quantità.
Le nostre scelte sulle bevande però devono considerare tutti gli ingredienti, nella tabella nutrizionale non vanno considerate solo le calorie e gli zuccheri, ad esempio i succhi di frutta vanno considerate le fibre, le vitamine in particolare la vitamina C.

Tabella 1 bibite a confronto tra il contenuto di Kcal e zuccheri dal tè freddo alle cole e aranciate


Durante una delle mie guardie notturne al pronto soccorso quando ero studente, sono stato chiamato da una mamma disperata per una visita urgente un ragazzo di tredici anni che lamentava dei forti dolori addominali, il ragazzo non presentava segno di alcuna patologia complessa se non un addome duro e contratto d' origine ignota, nel colloquio con i genitori, mi veniva riferito che il ragazzo beveva solo freddo già pronto, scusi quanto? Ma dottore sà fa caldo un 4 o 5 al giorno confezioni da 1 litro direttamente dal frigorifero! Caspita spero non troppo freddo ma non sarà troppo! Ma dottore è solo !
Nelle confezioni già pronte non c'è solo tè ma ci sono anche altri ingredienti, come nei succhi di frutta non c'è solo frutta. Questo esempio per dire che un bicchiere di tè freddo, è poco importante, quello che fa la differenza è la quantità e la frequenza di consumo, nei bambini e nei ragazzi la quantità è importante, sopratutto nei bambini in rapporto al loro peso, nei ragazzi adolescenti avendone avuti in casa la quantità è un numero molto relativo! Per conoscenza limitato il numero dei tè il ragazzo non ha avuto più problemi.

Tabella 2. Confronto succhi di frutta delle diverse marche delle kcal e zuccheri


Non solo calorie e zuccheri nelle bibite e nei succhi di frutta, ma anche edulcoranti, aromi, conservanti, coloranti.
La migliore bevanda da preferire è l'acqua in assoluto, sia le bibite gassate e i succhi di frutta possono essere dati solo ogni tanto questo perchè abituano il bambino troppo al gusto dolce. Purtroppo c'è anche molta confusione nei succhi di frutta da preferire sono quelli con la percentuale più alta di frutta, i succhi meglio di nettari e bevande che ne contengono un quantitativo limitato, per legislazione alla polpa di frutta, può essere aggiunto del fruttosio per equilibrare il gusto, fruttosio non ricavato dalla frutta ma dal mais, se questo non basta viene aggiunto anche zucchero, ho trovato al supermercato molti succhi di frutta con edulcoranti, che personalmente non ritengo adatti nell'alimentazione di un bambino.


Succhi di frutta e porzioni di frutta e verdura
C'è la tendenza nella comunicazione a dire questo succo di frutta equivale a una porzione di frutta, io non sono d'accordo con questa dizione perché la frutta e la verdura fresca sono un altra cosa, non è solo un problema di calorie e zuccheri ma di vitamine, sali minerali e fibre che nella lavorazione della frutta vengono perse, sostituire le porzioni di frutta con i succhi o altri prodotti non è bene per la salute del bambino, perchè la frutta tramite la masticazione da senso di sazietà, se il bambino introduce calorie vuote delle bibite, avrà più fame e mangerà di più, facilmente aumenterà di peso, il mio consiglio personale e di non abituarlo troppo al gusto dolce di bibite e succhi di frutta già pronti un esempio è l'albicocca il cui contenuto di zucchero medio è 6,8g/100g mentre i succhi hanno un contenuto di zucchero di almeno il doppio, piuttosto preparargli in casa una spremuta di arancia o un centrifugato alla frutta, magari facendolo preparare a lui cosi si sentirà coinvolto direttamente.

Risultati del test: come avete potuto vedere il numero di calorie delle bibite e dei succhi presi in esame va dalle 28 dei tè freddi alle 70 Kcal/100g di Heio uva rossa, che essendo fatto da uva è comprensibile che sia il più contenuto di zucchero, perchè uva è uno dei frutti che ha il più alto contenuto di zucchero, un po' meno giustificabile lo sono i nettari di albicocca, di pesca e di pera. Il contenuto degli  zuccheri dei prodotti del test va dalle 6.9 alle 17,3 g/100g tenete presente che un bicchiere equivale più o meno a 200/250 g, pertanto i valori vanno raddoppiati, nelle bibite lo zucchero viene sempre aggiunto mentre nei succhi di frutta parte dello zucchero è contenuto nella frutta ma c'è anche molto zucchero aggiunto, anche se uno fruttosio e altro saccarosio nella maggio parte dei casi, non c'è differenza tra i due nessuno è meglio o peggio dell'altro, più che altro bisogna controllare che i bambino non consumi quantità di zucchero elevate con altri alimenti nell'arco della giornata, perchè un bicchiere di succo può costituire il 30% della Rda di zucchero, se poi segue un gelato, una fetta di torta alla sera dopo cena, siamo già andati oltre il 100% delle Rda.

In sintesi: la migliore bevanda per un bambino è l'acqua, d'estate magari lasciate in frigorifero una brocca d'acqua con dentro delle buccia di limone, buccia d'arancia e qualche foglia di menta, melissa o rosmarino, ogni tanto possono anche essere date delle bibite o dei succhi di frutta, ma senza esagerare, preferendo quei prodotti senza edulcoranti, con più frutta che acqua, oltre che leggerlo in etichetta guardate le percentuali di fibre e vitamina C, se non ci sono oppure sono zero come ho visto è difficile che sia stata inserita della polpa di frutta, attenzione perchè le aziende hanno capito che i consumatori guardano il contenuto di vitamina C e quindi cosa fanno aggiungono tra gli ingredienti vitamine e sali minerali, quindi il consiglio è verificare si il valore di vitamina C ma anche che non sia stata aggiunta, ho anche trovato un succo di frutta che vantava il 90% delle rda di Vitamina C, ma era stata aggiunta, a mio parere è meglio non sostituire le porzioni di frutta con succhi di frutta ma con frutta fresca.

Mercato dei succhi di frutta sempre più flop
Attualmente i succhi di frutta presenti sul mercato sono molto lontani dalle richieste e aspettative dei consumatori, troppo ricchi di zuccheri, poca frutta vera, molti tentando di mascherare la cattiva qualità della frutta aggiungendo zucchero cosi il mercato dei succhi di frutta è da diversi anni in regressione perchè poco convincente, utilizzo della leva salutistica ha peggiorato l'immagine e i prodotti, perchè è stata utilizzata in modo molto discutibile e poco credibile e più che portare un vantaggio per il mercato ha ancora di più fatto scendere il volume delle vendite ma sopratutto quello dei ricavi.

PS: Mi rendo conto che i miei lettori sono per la maggior parte sono genitori "navigati" come me, anzi io remo ancora e questi consigli possono essere banali ma diciamo che repetita iuvant, anzi se qualche mamma o papà ha da dare qualche consiglio a neo genitori sono ben accetti

Hanno fatto parte del test kcal e zuccheri i prodotti: Lipton ice tea, Beltè, Sprite, Coca Cola, Seven up, Pepsi, Fanta, Aranciata Amara San Pellegrino, Spremuta fresca arancia Esselunga, Yoga pera, Bravo pera, Zuegg nettare di Pesca, Zuegg nettare di Albicocca, Esselunga polpa e succo di Mela, Esselunga succo e polpa di albicocca, Esselunga nettare di Banana, Polpelmo Jaffa, Heio uva rossa.

NB :alcuni di questi prodotti hanno un profilo nutrizionale on line diverso dal prodotto al supermercato, nel test è stato preso come riferimento il prodotti disponibili presso il supermercato Esselunga di Milano di viale Piave.

Post correlati:  Coca cola possibili effeti ictus e cancro, Coca cola la formula della felicità (sua), Vitamin water l'idratazione responsabile di Coca Cola, Bevande edulcoranti e rischio obesità, Bevande 0% senza zucchero contro bevande con zucchero, Benesì Coop Bevanda.

24 commenti:

  1. Illuminante come sempre.
    Quando sono arrivata in Argentina mia figlia aveva 4 anni e beveva solo acqua e raramente dei succhi(anche perché la cannuccia era un nemico). Bé, alle festicciole dei bimbi non c'era acqua !! Dopo un po' di resistenza si é arresa alla coca cola. E udite udite pare che anche bere acqua a scuola sia complicato e si porta dei succhi. Occhio a scuola di sta dalle 8 alle 5 del pomeriggio...!! Insomma questo post é da tradurre in piú lingue..(anche in francese se non sbaglio....). !!

    RispondiElimina
  2. Bentornato! :)
    E dei succhi 100% frutta che ne dici? Il mio "bambino" di 34 anni ne va matto... Non voglio esser sempre la fidanzata rimpiballe che gli vieta pure quelli!

    RispondiElimina
  3. Nella mia scuola sono state vietate tutte le bevande che non siano acqua, qui i bambini arrivano la mattina già con la lattina di coca in mano!!!!
    Il tuo post è come al solito preziosissimo :-)

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Caro anonimo mi dispiace avere cancellato il tuo commento, ma qui non si fa pubblicità a nessuno prodotto, tra altro non è un prodotto adatto ai bambini

    RispondiElimina
  6. I miei bimbi fortunatamente..fino ad ora bevono solo acqua o qualche frullato preparato da me..ma sono consapevole che quelle cose prima o poi le proveranno..haimè

    RispondiElimina
  7. Ecco ci risiamo, poi finisce che mi scaldo...io non voglio dire di vietargli proprio tutto, un succo di frutta o una cocacola ogni tanto non ammazzano nessuno, ma le abitudini sbagliate, quelle si che sono difficilissime da combattere! Ci vuole sempre un po di buon senso! Bellissimo post Gunther

    RispondiElimina
  8. in effetti come per tante cose bisogna stare attenti alle quantità.ost utilissimo come sempre,complimenti!

    RispondiElimina
  9. Complimenti davvero, per il blog e per gli articoli che posti: mi piace molto il fatto che correli quanto dici con tabelle e dimostrazioni "pratiche". Credo che sia il modo migliore di fare educazione alimentare, perché dà dati certi e verificabili a chi ci sta di fronte.
    Di nuovo complimenti!

    RispondiElimina
  10. Non voglio ripetermi nel dirti quanto utili siano i tuoi post. Quando hai un pò di tempo mi diresti le proprietà nutritive della farina erba che si da ai bambini? mi pare che per un certo periodo non veniva più prodota.? ehmmm e che ne pensi se un adulto la mangia? shhhhh non dirlo a nessuno ; )

    RispondiElimina
  11. Bentornato carissimo e con un altro dei tuoi interessantissimi post, grazie di cuore!!!!!

    RispondiElimina
  12. invierò il link del tuo post a mia sorella, il cui figlio è stato male recentemente a causa dei succhi di frutta...non aggiungo altro!
    Leggerti è sempre un piacere!

    RispondiElimina
  13. Repetita iuvat...si spera! Se proprio dvo essere sincera mi ha lasciata un po' "sconvolta" la domanda di questa mamma! Sempre utile e piacevole leggerti, bentornato :)

    RispondiElimina
  14. ottimo argomento e ottimamente trattato
    sono fortunata: non so se mio merito o per qualità innate dei miei figli, in casa nostra sia succhi di frutta confezionati che bevande dolci gassate sono entrate molto raramente
    da noi si mangiano molte spremute di arancìa (praticamente comincio a spremere a ottobre e smetto ad aprile, tutte le mattine a colazione è un rito) frullati di latte e frutta passata (non ho la centrifuga, metto tutto nel bimby)e gelati e sorbetti d'estate che sì hanno lo zucchero ma anche tanta frutta vera dentro
    i mei figli sono cresciuti così... e anche adesso che sono giovanotti e adolescenti preferiscono frutta fresca ai succhi
    io personalmente credo di aver bevuto una ventina di succhi di frutta in 50 anni di vita (e tutti prima dei 20 anni)
    anche miamamma non faceva entrare queste cose in casa sua
    forse è per questo che non ci facciamo allettare ....

    RispondiElimina
  15. bentornato! Passate bene le vacanze?
    Già in forma smagliante.
    Ci sono alcuni succhi di frutta e smoothie che sono stucchevoli per quanto sono dolci, ho anche notato che in alcuni succhi di frutta viene aggiunto purtroppo lo sciroppo di glucosio-fruttosio, come si dice aziende scellerate

    RispondiElimina
  16. Fortunatamente la mia bimba è mai stata attratta da succhi e altre bevande. Dopo aver letto il tuo post, ne sono felicissima!!!!!!
    Un abbraccio e grazie!!!!

    RispondiElimina
  17. i tuoi post sono sempre interessantissimi , bentornato

    RispondiElimina
  18. Gunther questo articolo mi è piaciuto molto. Purtroppo vedo spesso dei genitori che per PIGRIZIA rimpizzano i figli di cibo spazzatura e bevande gassate, contenti di "avere fatto il mio dovere". Manche proprio la cultura per un cibo sano da parte dei genitori e questo si riperquote negativamente sui figli (che saranno genitori a loro volta)..

    :-)

    RispondiElimina
  19. Ciao Gunther.
    I tuoi post sono sempre interessanti e li diffondo con piacere tra i miei contatti.

    I succhi di frutta bevuti con le cannucce durante la giornata, a scuola e lontano dagli spazzolini, creano anche problemi di igiene orale. Mi sembra che ci sia un aumento di carie nei bambini causate anche da bevande eccessivamente dolci.

    Sono d'accordo con te che la miglior bevanda per i bambini sia l'acqua. Meglio ancora l'acqua del rubinetto (o come la chiama mia figlia "l'acqua del sindaco"), rispetto a quella in bottiglia per ragioni di impatto ambientale.

    Sono stato la settimana scorsa a Bienno (BS) in Valcamonica, e c'erano decine di fontane sparse per il bellissimo borgo, da cui sgorgava un'acqua di sorgente alpina freschissima. Che goduria! Altro che bevande gassate!

    Per aromatizzare l'acqua di rubinetto, in Svezia usano delle fettine di cetriolo. Il risultato è migliore di quanto possa sembrare.

    In estate preparo il succo di anguria. Semplicissima e buonissima: anguria in frigo, tagliata a pezzi, frullata e filtrata

    RispondiElimina
  20. Resistere e andare controcorrente è difficile. I bambini vogliono ciò che gli altri bambini bevono e mangiano. Ma bisogna tenere duro e rapportare tutti i ragionamenti alle quantità assunte: mi spiego: se un bambino di 10 anni beve un bicchiere di coca cola al mese di certo non può danneggiarlo. Se ne beve un bicchiere al giorno, probabilmente sì.
    Le quantità sono cruciali a mio avviso. Come tra l'altro anche tu Gunther scrivi all'inizio del tuo post.
    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  21. Grazie come sempre Gunther.. in queste risposte sei anche troppo diplomatico... ma non compratene affatto di questa roba, no? ogni tanto va bene, ma se no...
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  22. la gnoma quest'estate si è fatta 15 giorni di vacanza senza di me e ha sviluppato una preoccupante dipendenza da the freddo confezionato....risultato il giunco era un palloncino gonfio....dopo 15 giorni con me...è ritornata quella di sempre!!! ho voluto scriverti questa piccola esperienza perchè ho proprio toccato con mano che cose strambe ci possono essere dentro quelle bottiglie!
    grazie di tutto

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi