domenica 1 maggio 2011

Bollire o arricchire Brodo Star? Naturalmente!

Quando sento e vedo certe pubblicità mi chiedo sempre, qual' è la mente che le crea? Perché in alcuni casi credetemi qualcosa di "strano" ci deve pure essere! Mi chiedo è responsabilità dell'azienda o dell'agenzia di pubblicità quanto una pubblicità diventa discutibile? Non si sono comprese? L'azienda ovviamente paga l'agenzia per sviluppare alcuni concetti di comunicazione ma questi poi come vengono recepiti? Sono sviluppati bene? Sono adatti per essere diffusi al grande pubblico attraverso la televisione? Oppure possono rischiare di essere male interpretati specie quando questi si rivolgono o hanno protagonisti dei bambini?

I sistemi di controllo dei messaggi di pubblicità si sono rilevati molto deboli sia lo IAP che rimane un sistema di autodisciplina che Anti trust, nella pratica hanno molti limiti, come indicato anche su il fatto alimentare,. Quello che si evince è che la pressione delle aziende è forte, in virtù di un principio alquanto discutibile, se c'è un investimento di danaro è tutto possibile, questa è la società di oggi, tutto è lecito basta pagare, un esempio per tutti il ritorno dello spot Danacol di Danone con la Carrà.

Etica? Messaggi corretti? Valori d'impresa? Sono tutte cose che passano in secondo piano? Bandiere che si sventolano quando tira il vento? È quello che mi sono chiesto quando ho visto questa pubblicità del Brodo Star Vegetale! Che si presta a essere male interpretato. Il video non l'hanno messo on line forse hanno la coda di paglia! Per chi non lo avesse visto lo sintetizzo.

"Bollire o arricchire? Naturalmente, meglio arricchire con Dado Star"
Ambientato all’interno di una cucina lo spot ritrae una giovane mamma alle prese con la figlioletta, per nulla convinta di mangiare  un piatto di verdure bollite. Ma  Dado Star sarà capace di  far cambiare idea alla piccola cosi la bimba mangia la verdura senza problemi, immancabile la scritta finale " ti adoro gusto italiano"!

Se posso permettermi desidero fare alcune osservazioni:

1) "Bollire"
Io sono uno di quei poveri disgraziati che va in giro nelle scuole, nelle aziende, nelle mense a fare educazione alimentare a spiegare convincere e motivare, inutile negarlo spesso mi sento una foca monaca, il mio livello di comunicazione e capacità di convincimento non può essere alto come uno spot televisivo nemmeno se mi vestissi da clown, la fatica che faccio e spesso immensa il risultato frustrante per non parlare di quello economico! Ora le famose cinque porzioni di frutta e verdure giornaliere sono un miraggio per la maggior parte delle persone, ma secondo lei Sig. Star esiste solo la Bollitura? No Signor Star  sono almeno dieci e diversi metodi di cottura delle verdure, la varieta di preparazione è proprio uno dei cardini della diffusione del concetto delle 5 porzioni di frutta e verdura.

Si potrebbe dire Bollire o spadellare, o wokare, o grigliare, o al vapore o crude le verdure sono buone anche crude , sa! Incredibile vero! Delle verdure crude, roba da matti.

2) "Arricchire"
Perché dobbiamo già da bambini insegnare ad arricchire con il Dado? Il concetto che le verdure vanno arricchite per essere buone è un concetto dal mio punto di vista poco "adatto", ma la logica è questa arricchiamo lo yogurt, arricchiamo il latte, arricchiamo i biscotti perché no le verdure? Finché c'è qualcuno che paga.... arricchiamo! Siamo proprio certi che arricchiamo qualcosa e non svuotiamo qualcosa d'altro?

3) "Naturalmente"
Io personalmente di naturale conosco solo i sassi, scusi per sapere Sig. Star ma cosa c'è di naturale in un processo industriale per produrre il Brodo Star? Oramai neanche la mela sul'albero è naturale al 100% si figuri un dado industriale? È naturale scegliere il dado? Per lei forse si Sig. Star che li fa tutti i giorni ma non vuole mica dire per tutti!

4) "Meglio arricchire con Dado Star"
Mi permetta Sig, Star meglio per chi? Per il bambino? Per la mamma? Per Star? Scusate ma cose c'è in un dado star vegetale : Sale iodato (49,2%) - Grasso vegetale - Esaltatore di sapidità: glutammato monosodico Verdure disidratate 6,9 % (cipolla, carota, porro, pomodoro, aglio, prezzemolo) in proporzione variabile -Estratto per brodo - Semi di sedano - Aromi - Spezie.

a) Il sale, siamo una società che consumiamo invece dei 2,5 g al giorno necessari al nostro organismo ne consumiamo 10g, secondo voi dobbiamo arricchire qualcosa con il sale, non ne consumiamo già abbastanza? Non rischia di essere una cattiva abitudine?
b) Grasso vegetale, qual'è, tiriamo a indovinare? Olio di palma? Olio di canula? Olio di cocco? Olio di riso, Olio d'oliva, o cosa altro? Fanno tutti bene, perché non indicate quale è la percentuale?
c) Glutammato monosodico, sempre per restare in tema di naturalezza suppongo!
d) 6,9 % di verdure disidratate.. troppe? No
c) Aromi , ma non mi dire, ma va? fa sempre bene qualcosa che profuma e che è sopratutto naturale.
 
5) Mamma se vuoi fare mangiare le verdure al tuo bambino utilizza il dado star vegetale! Io non lo uso e i miei figli le verdure le mangiano lo stesso, Tieh (il gesto immaginatelo) 
 
Allora se c'è un paese al mondo dove per cucinare le verdure non adoperano il brodo questo è proprio l' Italia, da quanto in quà è gusto italiano tradizionale adoperare il Dado per cuocere le verdure?
 
Io comprendo che si deve vendere un prodotto, ma c'è modo e modo per comunicarlo al pubblico, anche io qualche volta adopero qualche dado, magari quando non ho tempo di fare un brodo per il risotto, ma una presentazione fatta così, è secondo me superficiale, si presta troppo facilmente a essere male intepretata sia dai genitori che dai bambini. Quello che mi dato molto fastidio non è tanto lo spot in se stesso ma la grossolaneità con cui è fatto, bastava pensare un attimo a riflettere e dire no potrebbe essere male interpretato. 

Mi dispiace ma questo spot sembra non cercare la compliance della mamma d'oggi attenta alla qualità degli ingredienti e alla qualità nutrizionale, ma si contrappone alla mamma e alla sua cucina. Caro Sig. Star potrà sorprenderla ma conosco mamme che fanno mangiare le verdure ai figli, in modo sano e senza arricchirle. Giuro le ho viste con i miei occhi!
 
Pertanto il modo di preparare le verdure è molto più vario è per questo che dal mio punto di vista rappresenta un messaggio limitativo, fa pensare che le verdure possono essere solo bollite, che non sono buone da mangiare, che l'unico modo di arricchirle è con il dado star vegetale, in modo naturale, no grazie anche che no, ringrazio del pensiero, lo spot mi stimola più un pensiero negativo che positivo!

40 commenti:

  1. ciao G!
    questa volta mi trovi totalmente e indiscutibilmente in trincea con te. forse perchè in casa mia i dada sono praticamente inesistenti, mio figlio era allergico agli additivi, o forse perchè la trovo davvero stupida. sta di fatto che questa mania di "arricchire" con un pezzo di dado, è veramente una pessima scelta che impoverisce sia i gusti che la fantasia in cucina.
    ma noi siamo dei casi patologici vero? :)
    grazie G!
    buona serata

    RispondiElimina
  2. Io non trovo sbagliato il termine arricchire, se ci pensi bene arricchisce eccome! Di acidi urici per esempio (e di tante altri indesiderati regalini poco salutari), arricchisce le industrie farmaceutiche, i cardiologi, e quant'altro (perché chi cresce con un tipo di educazione alimentare del genere diventa inevitabilmente un paziente sicuro), infine arricchisce il signor Star!

    Insomma, è possiible che non esista una sorta di garante delle pubblicità?

    Per il resto, lo hai già detto tu, esistono mille modi per consumare la verdura, a chi mai verrebbe in mente di cucinarle con un dado? In Italia poi! Bah...

    Come sempre, mi trovi d'accordissimo con quel che scrivi. E c'è sicuramente bisogno di questi interventi nelle scuole perché la cosa sta diventando ridicola da una parte, ma tragica dall'altra...

    Un bacione!

    RispondiElimina
  3. Ciao Gunther sono pienamente d'accordo con te, sulla mia tavola il dado non ESISTE, ...lotto con i miei genitori anziani che nei periodi invernali ne fanno un grande uso per un pò di pastina in brodo la sera.(per lo è molto sbrigativo)
    Mi piace molto il lavoro che fai nelle scuole, lo trovo molto interessante e utilissimo per i ragazzi del domani
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  4. Quoto Muscaria: anch'io, mentre leggevo, mi convincevo via via che l'arricchimento va inteso in ben altro senso. Sono ovviamente d'accordo con l'intero contenuto del post, anche con la prima parte, purtroppo- quella che ipotizza interessi economici che finiscono per prevalere su tutto, pure sulla salute. E bene fai a coadiuvare noi genitori con un programma di educazione alimentare: non sai quanto mi sarebbe servito un esperto come te, quando si trattava di insegnare a mia figlia ad alimentarsi in modo sano (difatti, ci son riuscita a metà- e le verdure sono proprio la dolente nota, specie se crude). Complimenti, come sempre, per tutto quello che fai
    Buona settimana
    ale

    RispondiElimina
  5. Io sono certa di una cosa..che ad arricchirsi sono le tasche delle aziende!!!! E che se quel grasso vegetale fosse "sano" (oliva, mais, girasole) sarebbe scritto a lettere cubitali. Il fatto poi che sia "grasso" e non "olio" me la rende ancora peggio! Nella mia cucina il dado ormai non entra più da una vita. Non ho mai potuto soffrire il suo sapore. Piuttosto congelo in piccole porzioni del buon brodo vegetale fatto in casa e le uso all'occorrenza.
    Adoro la tua sottile ironia, mi è piciuto molto come hai scritto questo post.
    Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  6. Come hanno già detto le altre nei commenti, l'unico ad arricchirsi è il Sig. Star.... quando è uscita questa pubblicità sono rimasta allibita dal messaggio che danno ai bambini.
    Condivido in tutto il tuo pensiero.
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  7. Cosima Vicari2 maggio 2011 08:36

    cucina al vapore? Io le verdure anche per i miei figli le preparo cosi e le mangiano volentieri, ai bambini non è che le verdure non piacciono dipende da come vengono proposte

    RispondiElimina
  8. Ero sicura, anzi sicurissima che ne avresti parlato, io sono incazzata nera, sono settimane che scrivo e-mail di protesta contro quella pubblicità, non è possibile far passare un messaggio così tanto sbagliato!

    RispondiElimina
  9. bravo,bravo,bravissimo!!!!
    non avrei trovato modo migliore per dire al sig.STAR che può anche nutrirci i suoi di figli che i miei le verdure le mangeranno senza i suoi adorati dadini iper-pieni-di-schifezze!
    posso farti un applauso?
    siiiii che posso!!!!!!
    clap clap clap clap!!!!!!
    grande gunther!
    sei un grande!e non demoralizzarti quando vai nelle scuole e i ragazzi sembrano ignorarti,anche solo che farai rifletterne uno non puoi capire che gran bel lavoro hai fatto,fidati!

    RispondiElimina
  10. Ti meriti un bacio in fronte.
    Condivido subito su facebook

    RispondiElimina
  11. certo sì, bollire, ma i cervelli... ed arricchire solo il signor star. è evidente.
    bravo Gunther, come sempre.

    RispondiElimina
  12. Standing ovation, io son già alzata ad applaudire da un bel po'.

    RispondiElimina
  13. in famiglia abbiamo parlato di questa pubblicità, fuorviante, sbagliata e scorretta, anzi scorrettissima.

    i miei figli ormai sono grandi (18 e 14) ma fin da piccoli abbiamo sempre cercato di andare oltre al messaggio pubblicitario per far capire loro che certi
    prodotti pubblicizzati sono il non plus ultra, anzi!

    spero solo che abbiano capito che ragionare con la propria testolina serve anche per la salute!

    RispondiElimina
  14. Ci pensavo proprio qlc giorno fa...mi ricorda un po' quelli che alla tv t propongono ricette d frittelle d verdura "per far mangiare ai bimbi la verdura"...e magari sn polpette con un 25% di verdura...e fritte oltretutto! Purtroppo la tv è un mezzo d comunicazione troppo potente...e dire a certa gente che nn è vero che i latticini fanno bene al calcio risulta un'eresia....

    RispondiElimina
  15. Un bellissimo post!
    Forse il Sig. Star non sa che se proprio proprio lo si vuole usare, il dado lo si può fare anche in casa...ed è tutt'altra cosa.

    Un sorriso non arricchito con il dado,
    D.

    RispondiElimina
  16. Ciao! Ho scoperto da poco il tuo blog e lo trovo davvero interessante e ben fatto!
    Ogni volta che vedo questa pubblicità mi sale un tremendo nervoso... A parte che questo dado insalubre e artificiale(aromi, glutammato e oli probabilmente idrogenati) lo eviterei anche nelle preparazioni in cui il brodo è d'obbligo,ma la Star non poteva limitarsi alla solita pubblicità con i cappelletti che almeno era vagamente plausibile?!
    Io ho sempre mangiato (di gran gusto) le verdure, fin da piccola: sgranocchiate crude, in pinzimonio, trifolate, al vapore, al forno ed in molti altri modi tra cui forse anche la bollitura ma CERTAMENTE SENZA DADO!
    Io mi chiedo: o il Sig. Pubblicitario ha avuto un'infanzia strana perlomeno dal punto di vista alimentare, o ditemi qual è la ratio di questa pubblicità (oltre ovviamente arricchire il Sig. Star)?!

    RispondiElimina
  17. BRAVO Gunther!!!!

    Forse il "creativo" che ha ideato lo spot è cresciuto a minestrine di dado!
    Sembra una pubblicità degli anni 60!

    Complimenti per la tua attività nelle scuole, non demoralizzarti, avrai comunque lasciato un messaggio positivo.
    Mi ricordi Jamie Oliver e la sua crociata nelle scuole USA contro il cibo spazzatura (in quel caso fornito direttamente dalle mense!)

    RispondiElimina
  18. Carissimo/a
    Sto aggiornando l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html


    sergio.

    RispondiElimina
  19. Io mi chiedo chi e la mente che le manda in onda.Chi e quello che da il foglio di via per queste pubblicità.?!

    RispondiElimina
  20. Ciao, Gunther,
    come sempre sono d'accordissima con te e veramente ti meriti un bacione!

    RispondiElimina
  21. Gunther, terribile guardare la pubblicità tutta, l'ho sempre evitata, perche` quando poi si arriva a questi punti il mio sangue comincia a bollire, mi sento cosi impotente contro questi mostri enormi che martellano i cervelli della gente con tutte queste informazioni sbagliate che alla fine pero` penetrano e sembrano vere, tanto che c'e` sempre chi li compra. Devo ammettere pero` che mi sono portata in India i dadi ai funghi della Star perche` qui i porcini me li sogno e mi "arricchiscono" i soliti champignon, e si che mi sono portata anche i porcini secchi, ma finiscono sempre troppo presto.
    Il dado vegetale invece non lo uso mai ma immagino che la gente oggi faccia tutto di fretta e un dado risolve velocemente il piatto. Penso che tu abbia una santa pazienza anche nel cercar di capire qual'e` la mente che crea queste disinformazioni, infatti per capirlo devi avere una mente distorta, e unethical come la loro. Bacione.

    RispondiElimina
  22. Sai, più che dado o non dado, mi interessa il problema della comunicazione. é come se si volesse trovare la via più semplice anche in questo caso: parlo di bambini, mi rivolgo alle mamme, target particolarmente appetibile e sono a posto.
    Con la differenza che la mamma che non ha tempo di cucinare non ti fa la verdura bollita, ma compra i quattro salti in padella e la mamma che è un po' più attenta sa già che il dado non è il massimo per i bimbi.
    Quindi secondo me alla fine questa non solo non è una pubblicità veritiera, ma anche poco efficace, o mi sbaglio?

    Ciao e complimenti anche per il post precedente: in clima di prova costume è azzeccatissimo e utilissimo!

    RispondiElimina
  23. Ciao! questa pubblicità l'avevo classificata come indecente alla prima visione, quindi: sono d'accordissimo con te su tutta la linea!

    RispondiElimina
  24. Gunther for presideeeeeeeeent!!!!
    L'unico dado che uso io è quello fatto in casa:sedano, carota, cipolla(tutte bio), rosmarino e sale grosso.Stop!Ai miei occhi sono patetiche quasi tutte le pubblicità.Forza Gunther non desistere dalla tua importante opera divulgativa, siamo con te!!!

    RispondiElimina
  25. Ciao e grazie per la visita...sai quanto mi possa far piacere!!!!
    Quanto ho letto il tuo ultimo post sono rimasta senza parole,anch'io ho notato questa pubblicita' e mi sono subito resa conta quanto fossa ridicola...ma credono che le donne siano veramente cosi'stupide????Dico donne perche'piu'delle volte siamo noi a scegliere al supermercato...
    Io non ne faccio uso...e le mie bambine mangiano tutto e di piu'anche senza dado...
    Se esistono questi prodotti pero' c'e' da dire che esiste ancora tanta gente che non ha voglia di pulire le verdure,di lavarle, e di cucinarle,oggi con la scusa che lavorano nessuno vuole piu'fare nulla,mia nonna aveva tre mucche,maili,polli,galline e conigli,piu'8figli e il brodo e' stata lei ad insegnarmelo!!!!!!!!
    Grazie di cuore per tutte le riflessioni!!!!!
    buona vita!!!!!











    E'una vera vergogna e piu'vergognoso ancora far passare "naturale"un prodotto che di naturale non ha nulla!!!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao. Sottoscrivo totalmente quanto hai scritto. Purtroppo il messaggio che passa non solo arriva dritto dritto nelle famiglie, ma viene ulteriormente veicolato e amplificato da riviste di cucina e trasmissioni televisive che fanno gioco tra loro(insomma gli pagano la pubblicità). Alla fine è tutto un sistema, ma questo non vuol dire che debba restare così. Io mi oppongo quotidianamente SCEGLIENDO e come me tante persone. A dire la verità, quando vedo cosa mette la gente nei carrelli mi viene da andare lì e chiedere loro perchè. Mi sembrano tante marionette. La scelta a volte implica uno sforzo maggiore. Le energie spesso vengono impiegate per altre cose superflue. O forse la scelta attenta di cosa mangiare è ritenuta essa stessa superflua.

    Grazie sempre per i tuoi articoli!

    RispondiElimina
  27. Hai ragione è un lavoro immane del quale non si vede mai il risultato e a volte anche il cambiamento di abitudine di un solo bambino nel mangiare o addirittura nell'assaggiare è una faticosa conquista.
    Ma in nome del bilancio delle aziende questo e altro con buona pace di chi tenta di educare!

    RispondiElimina
  28. I brodi me li faccio da me!!! anche quello si pesce...ho usao una volta un dato e quando ho lasciato il coperchi un'attimo fuori dalla pentola si è essiccato un pò sembrava incollato....questo è il glutammato vero?...neanche a casa di mamma si usavano...e poi che ci dici dei vari insaporitori, perche debbono necessriamente servire per insaporire...ciao sei un grande.

    RispondiElimina
  29. Complimenti carissimo, condivido ogni tua parola!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Meraviglioso articolo Gunther, mi hai tolto le parole di bocca.

    Quando ho sentito "arricchire" ho pensato che proprio eravamo al limite della presa in giro...

    Condivido in pieno il tuo discorso.

    Bravo!

    RispondiElimina
  31. Purtroppo è triste dirlo ma un dado con gli ingredienti che hai ben evidenziato è mangiabile? Il punto è questo, la risposta dovrebbe essere no. Ma siccome l'obiettivo è rifilarcelo, non si può fare la pubblicità alla verdura bollia o ai diversi modi di cucinarla. Quello deve restare un tabù, se no chi se lo mangia il dado? Io personalmente nn ne ho mai fatto uso. Mi concedo il lusso, da quando ho gli strumenti, di farmelo in casa x poter velocemente arricchire qualche tortellino o zuppa. Niente di più, altrimenti...un filo d'olio a crudo e un pizzico (anche meno) di sale. Continuiamo a resistere alla lobotomizzazione di massa!

    RispondiElimina
  32. Gunther sfondi una porta aperta con questo discorso, condivido ogni tua singola parola!!! I dadi sono un vero concentrato di schifo, fino a qualche tempo fa li compravo, cercando di scegliere marchi bio (ma anche questi sono piuttosto osceni), ora ho iniziato a farmelo da sola...
    La pubblicità è terribile, un vero messaggio distorto!!! :-/
    I tuoi post li leggo sempre con grande piacere, sempre interessanti e utili, ma questo te lo scrivo ogni volta!

    RispondiElimina
  33. Condivido pienamente quanto hai scritto, un abbracacio!

    RispondiElimina
  34. Condivido tutto ! Grazie di dare voce a tanto disagio che si prova con questa pubblicità che non ha più rispetto dei clienti, dell'utenza ! L'educazione ad una sana alimentazione è un valore che non viene portato avanti perchè per le grosse ditte non è remunerativo... Grazie e buona giornata !!! continua così eh ?!

    RispondiElimina
  35. Capito su questo post per caso, e lo condivido al 100%: anche io, sul mio blog, avevo parlato una decina di giorni fa di questa pubblicità, che mi aveva fatto rizzare i capelli. Oltre che da un punto di vista della qualità degli alimenti, anche proprio in ambito strettamente salutistico, di educazione alimentare. Odio il fatto che il mio/nostro lavoro venga semplicemente annullato e storpiato dalle industrie!

    RispondiElimina
  36. Condivisione al 100% :-)
    Complimenti come sempre!

    RispondiElimina
  37. condivido...ho avuto lo stesso pensiero la prima volta che ho visto 'sta pubblicità...in più leggevo da qualche parte che non c'è niente di peggio che "mescolare" i sapori per i bambini... meglio educarli al "vero" sapore delle cose, in modo da renderli consapevoli già da piccoli.. quindi un falso comunicativo questo ...

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi