venerdì 21 maggio 2010

Hit parade degli alimenti anticancro

Permettetemi un po’ ironia su questo argomento che invece è molto serio, ogni tanto spunta un alimento o un nutriente anti cancro, la cui sorte è spesso breve, come una stella cadente nel cielo d'Agosto. Purtroppo l’esperienza mi ha permesso di vedere nel corso degli anni diversi alimenti o componenti degli stessi essere divulgati come miracolosi, tutti vantano la paternità della scoperta ma nessuno la responsabilità del fallimento.

Qualche esempio:
- Il betacarotene, noto come precursore della Vitamina A, si trova nelle carote nella frutta e verdura colore arancione ma anche nelle verdure a foglia verde come spinaci e bietole. Avrebbe dovuto prevenire il tumore al polmone si è poi scoperto che le integrazioni di betacarotene favorivano proprio lo sviluppo del tumore stesso.

- Il licopene contenuto nel pomodoro, a lungo proposto da medici e ricercatori come antitumore, FDA ha zittito tutti sostenendo che non ci sono prove sufficienti.

NB:il fatto che sulle loro qualità anticancro esistono forti dubbi, non vuole dire che non siano buoni per salute, per cui continuate a consumare alimenti con betacarotene, licopene.

Recentemente ho parlato dello studio di Paolo Boffetta, un ricercatore del Mount Sinai School of Medicine, New York (non lo avevo citato ma mi ha mandato un email molto simpatico) il quale sosteneva che le famose 5 porzioni di frutta e verdura hanno un impatto sulla riduzione dei tumori del 2,5-3% un dato non negativo ma certo rispetto al 20-30% sostenuto da alcuni membri della comunità scientifica, è un altra cosa!

Comunicazione deviante
Questa comunicazione eccessiva sugli alimenti distoglie secondo me l’attenzione su alcuni punti che ritengo più importanti nel rapporto tra alimentazione e cancro, come la produzione di frutta e verdura, sottolinierei di più la differenza tra agricoltura convenzionale o agricoltura biologica o agricoltura organica, in quanto per il cancro sono molto più pericolosi i pesticidi, i residui di nitrati, diossina, per non parlare della conservazione e di alimenti ricchi di additivi (conservanti, coloranti azoici) puntare l’attenzione sull’alimento o su un componente dello stesso, su un principio attivo miracoloso è pertanto deviante.

Nessun regime dieta o alimento protegge contro lo sviluppo del cancro, tuttavia alcuni comportamenti come quello alimentare può essere utile come strumento di prevenzione, perchè la malattia a cause multifattoriali :il fumo 30%, ormoni naturali o artificiali 30%, agenti infettivi, fattori ambientali (20%), genetici (5%) e l'invecchiamento, per cui l’effetto diretto nei confronti dell’alimentazione è difficile da quantificare e valutare.

No l'alimentazione non può prevenire tutti i tipi di cancro, proprio per questo non mi piace la speculazione su questo argomento, il dare false speranze o delle false prospettive, ritrovarsi in questa situazione ci si attacca a qualsiasi cosa, anche la più irrazionale.

Hit parade dei alimenti o nutrienti anticancro:

1) Curcuma
Si chiama anche curcuma lunga o zafferano delle Indie, una pianta della famiglia delle zingiberacee la sua conoscenza nei paesi occidentali e da attribuire alla diffusione della cucina ayurvedica. Dal rizoma giallo della pianta si ricava una polvere gialla una spezia tra le più adoperate nella cucina indiana, è uno degli ingredienti fondamentali della Masala. Nella medicina ayurvedica trova diverse indicazioni come la depressione, ma viene adoperato come antisettico e anti batterico. I ricercatori si sono concentrati su un componente la curcumina e in particolare sulla relazione del cancro al pancreas, colon e sistema digestivo, uno studio pubblicato nel 2004, la cosa più interessante è che ne basta un pizzico, un po' qualche grammo al giorno.

2) Champignon e funghi
Si avete letto bene, uno studio australiano svolto su 2000 donne cinesi, ha notato che il consumo giornaliero di 10 grammi di un particolare varietà di funghi può diminuire il 64% delle possibilità di sviluppare un cancro al seno. Nella farmacologia cinese e giapponese in realtà il fungo occupa un ruolo importante le specie orientali come shiitake, maitake ma soprattutto reishi. Sono stati condotti degli studi anche in Italia nell'Ospedale di Empoli, nel centro di Medicina Naturale, in particolare sul fungo l'Agaricus blatzei. In giappone estratti da funghi svolgono un ruolo da complemento nelle terapie di cancro, come il cancro allo stomaco e al colon. la voce negativa e che i funghi di queste varieta assorbono i metalli pericolosi quindi il luogo della raccolto o meglio della coltivazione è molto importante.

3) Pesce
Uno studio della Karolinska Institute di Stoccolma su 60.000 donne dal 40 ai 75 anni, si rileva che il consumo regolare di una volta alla settimana di pesci grassi in particolare salmoni, sardine , sgombri, ha un ruolo preventivo nel cancro al rene inibendo la crescita di cellule cancerogene e lo sviluppo di metastasi. I pesce grassi hanno un contento alto di omega 3, tanto che una sardina per esempio può contenere da 20 a 30 volte in più di una sogliola o di una cernia.

4) Caffè
Diversi sono gli studi presentati sul ruolo preventivo del caffè in una ricerca pubblicata sull’ International Journal of Cancer, è emerso che quattro tazze giornaliere sono associate ad un dimezzamento del rischio di cancro all’utero, mentre uno studio presentato al meeting dell’ American Association of Cancer Research indica che la stessa dose è associata a un abbassamento del rischio di carcinoma prostatico del 60%.

5) The
Ci sono dei studi discordanti secondo alcuni 4 tazze al giorno di the limita o meglio aiuta a prevenire il cancro all'endometrio (utero) secondo altri studi pubblicati sul British Medical journal avrebbe un ruolo negativo nel cancro all'esofago.

6) Finocchio
Il finocchio è indicato per la percentuali di quercitina un flavonoide uno studio pubblicato su British Medical Journal, indica che un assunzione giornaliera può prevenire il cancro al colon del 50% rispetto a coloro che non la assumono, grazie al contenuto di folati. Effetti positivi sono stati riscontrati anche nel cancro all'esofago e alla pelle. Tuttavia però il finocchio è ricco di fitoestrogeni ed è pertanto controindicato nel caso di cancro al seno o cancro alla prostata.

7) Melograno
una ricerca israeliana condotta da Michael Aviram, biochimico presso Lipid Research Laboratory del Medical Center Rambam di Haifa, il melograno possiede anche l’acido ellagico che impedisce alle cellule tumorali di svilupparsi rallentando l'evoluzione del cancro in particolare del cancro alla prostata.

8) Lampone
Anche per il lampone indicato per il contenuto dell'acido ellagico

9) Cavolfiore
ma tutte le Crucifere quindi anche broccoli, verze, rape, cavoletti di bruxelles, secondo uno studio americano condotto dal 1993 al 2001 su 30.000 uomini dai 54 anni ai 75 anni, quelli che avevano consumato diverse porzioni al giorno di crucifere avevano avuto un evoluzione più lenta del cancro alla prostata, dovuto alla presenza nella crucifere di glucosinolati che limitano la diffusione delle cellule.

10) Aglio
Sembra che svolga un ruolo preventivo così come cipolle, erba cipollina, scalogno, un consumo regolare e quotidiano sembra avere un effetto di ritardo sullo sviluppo del cancro allo stomaco al retto per contro altri studi lo vedono come negativo per il cancro al polmone, laringe, seno.

In sintesi : come abbiamo visto non esiste un alimento anticancro valido per tutti i 500 tipi diversi di cancro noti, qualche alimento o qualche principio contenuto in qualcuno aiuta in alcuni casi nella prevenzione o come coadiuvante nella terapia, non è che il consumo di un solo alimento in abbandonanza vi proteggera dal cancro per chi vuole saper di più rimando al post delle 10 raccomandazioni del World Cancer Research Found.

Fonti: il post deriva dalle lettura di diversi testi e riviste come : British Medical Journal, International journal of Cancer, Lancet, Stern, Der Spiegel, Lemonde, Le Figaro, Alimetazione e cancro di Beliveau e Worl Cancer Reserach Fund.

18 commenti:

  1. Ciao Gunther,
    molto interessante, è indispensabile che questo tipo di informazioni abbiamo la più grande diffusione possibile!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  2. Devo dirti che sono un po' spiazzata... ma comr si fa a mangiare ogni giorno funghi??? più facile con la curcuma... ma al prossimo studio,magari viene fuori il contrario...

    RispondiElimina
  3. faccio parte della foltita schiera di persone che si sono imbattute malvolentieri con la bestiaccia e vattelappesca cosa ci fa male e cosa ci fa bene!
    uno dei medici che mi ha operato mi ha consigliato curcuma e aspirinetta...mah!
    io intanto ho chiaramente smesso di fumare, almeno quello...
    mi ricordo di un tizio che diceva che è lo zucchero uno degli alimenti incriminati insieme alla farina 00 -dovrebbe centrare con la glicemia, non so bene-! non facile eliminarli e poi, sarà vero?
    piuttosto concordo con te riguardo al fatto che ti puoi anche mangiare 5 porzioni di frutta ma se è piena di sostanze nocive si e' risolto poco...peccato che è ancora molto difficile sapere cosa mettiamo sulle nostre tavole!
    grazie Gunther! sempre molto interessanti i tuoi post!

    RispondiElimina
  4. Ciao Gunther, grazie di essere passato da me, ritrovare anche il tuo benvenuto mi ha fatto molto piacere!

    Al solito hai scritto un post veritiero e utile, sono andata a leggermi anche il link delle dieci raccomadazioni, aiuta sempre ripassare un pò!!

    A presto e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. è sempre un piacere leggerti... tante cose avvolte sfuggono. Le tue informazioni sono molto interessanti, ciao e buon week end.

    RispondiElimina
  6. Caro Gunther, right, nessuno si prende mai la responsablità del fallimento e l'alimentazione non può prevenire tutti i tipi di cancro, ma uno stile di vita tranquillo e un'alimentazione sana aiutano a sopravvivere bene.
    Sempre interessanti i tuoi posts, non sapevo proprio che anche gli champignons avessero un qualche potere curativo e preventivo.
    Gli indiani mettono la curcuma dappertutto e ne fanno uso quotidiano, e i malati di cancro sono nettamente inferiori a quelli degli USA [con quasi un quarto di abitanti] e nonostante qui tantissimi fumano e la pollution generale è atroce.
    Have a nice day!

    RispondiElimina
  7. In sintesi è meglio mangiare un pò di tutto ma con moderazione!

    RispondiElimina
  8. Carissimo Gunther, complimenti per l'interessantissimo post e grazie per queste preziose informazioni! Buon fine settimana, a presto

    RispondiElimina
  9. Concordo con un po' di realismo che non ci faccia credere che il cibo possa evitarci ciò che a volte è inevitabile... però sono una fervida sostenitrice del fatto che forse l'unica cosa che possiamo fare per aiutare il nostro corpo a difendersi da questo brutto male è non aiutarlo introducendo cibo schifido... adoro pensare che ciò che mangiamo, cucinato con passione ed amore, possa anche farci bene, mi riempie di soddisfazione mangiare una cosa buona e anche sana, mi fa impazzire andare a comprare dai contadini con i miei bimbi... magari non risolverà tutto, ma anche solo per il buonumore che regala male non può fare!!! Bellissimo post, buona girnata!!

    RispondiElimina
  10. Prima di tutto carissimo ti voglio ringraziare del tuo commento sul mio blog e delle tua visita...poi il tuo e veramente interesante e fai bn scrivere queste cose che cosi ci teniamo informati...:D...ti auguro buona domenica e grazie ancora

    RispondiElimina
  11. La morale è sempre quella, tutto fa bene e tutto fa male. Un professore di una delle scuole che ho frequentato era un salutista 'di ferro' eppure è morto anche giovane, sulla 60ina, a causa di un tumore devastante. Al contrario c'è un ometto talmente vecchio che han le rughe persino le scarpe che fuma da quando aveva 15 anni e va ancora in bici! Purtroppo questi mali sono da classificare in quelli 'inevitabili', e nel dubbio è sempre meglio rimanere in mezzo: tutto fa bene e tutto fa male.

    RispondiElimina
  12. I tuoi post sono sempre interessanti :)
    Io aggiungerei solo ed ironicamente ovviamente che anche una bella risata al giorno..meglio se due o tre...fanno parecchio bene...forse non terranno lontano il cancro ma aiuta sempre! :DD

    RispondiElimina
  13. è uno studio molto interessante.. io sono convinta che mangiare bene sia fondamentale per stare bene.. un bacio

    RispondiElimina
  14. speculano eccome se speculano su questo argomento, come sempre delle informazioni preziose e mai banali

    RispondiElimina
  15. quello che ho notato?
    che fanno bene solo le "piante ed i suoi frutti".
    primo:nessuno dice
    anzi...
    secondo:se variamo la nostra alimentazione è un vantaggio per la nostra salute e per il nostro palato.
    terzo:questo paragone lo faccio anche con i detersivi.
    anno 2000:il detersivo pincopallo nello spot dichiara di essere l'unico che sbianca,nel 2001 dichiara che smacchia meglio di prima,mai avuto un bianco così!
    la mia domanda?allora ogni volta che lo pubblicizzate mi rifilate una bufala!

    RispondiElimina
  16. grazie lubi, mi hai fatto morire dal ridere si ...è una bufala suppondo o forse siamo noi cattivi magari hanno solo cambiato formulazione

    RispondiElimina
  17. Ciao Gunther, occorrerebbe consigliare non solo cosa mangiare ma soprattutto cosa non mangiare. Non lo fanno perchè andrebbero contro le lobby delle grandi multinazionali o contro il gigante mercato della produzione e smercio di carne e via dicendo.
    Per quanto riguarda il thè, ho recentemente seguito 3 seminari sulla cerimonia del thè...quello che si beve generalmente in bustina è tutto tranne che thè! Quindi anche tutti i principi nutrizionali che vengono evocati dalla comunicazione (in ultimis quelli sul thè verde) sono tutte boiate!
    w il biologico, ma come lo concepiscono gli svizzeri e i tedeschi! ;-)

    RispondiElimina
  18. Non sapevo dei funghi champignon, generalmente li evito. Buono a sapersi, grazie Gunter

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi