giovedì 6 maggio 2010

Fagomine, la nuova molecola per diminuire la sensazione di fame?

I ricercatori del Consiglio Superiore per la Ricerca Scientifica in Spagna (CSIC) hanno brevettato un processo biotecnologico che consente la produzione di una molecola naturale: fagomine, un alcaloide che può ritardare l'insorgenza di fame. Gli scienziati dell'Institute for Advanced Chemistry in Catalogna hanno partecipato allo studio accanto a quelle del CSIC, grazie ad un finanziamento della banca Caja Navarra Fondazione Genoma España. (Credo che sia bene citare chi la ricerca scientifica la finanzia. al di là dei risultati).

Il meccanismo su ci agisce la nuova molecola è noto, quando consumiamo cibi ricchi di zuccheri raffinati, c'è un rapido aumento della glicemia. Questo viene rapidamente metabolizzata in modo da ridurre la sua quantità in un tempo molto breve. Questa diminuzione, che è un meccanismo naturale del metabolismo, induce appetito per il nuovo zucchero e provoca la sensazione di fame.

Questa molecola agisce sui picchi di glucosio, evitando e prevenendo l'insorgenza rapida di appetito. E 'in realtà simile al glucosio che si trova in piccole quantità nei semi di grano saraceno. Rallenta l'assorbimento di glucosio a partire dagli zuccheri e amidi raffinati (cereali, patate o pasta), che ritarda l'inizio dell' appetito. La sua produzione in grandi quantità utilizzando metodi enzimatici consentirebe lo sviluppo di nuovi alimenti funzionali che potrebbero essere in grado in persone particolarmnete sensibili di controllare melgio i meccanismi delle fame e di conseguenz ail controllo del peso. Lo sviluppo del mercato sarà Biolange un' iniziativa imprenditoriale la cui commercializzazione sarà alla fine di quest'anno negli Stati Uniti.

Questa molecola potrebbe aiutare a controllare meglio lo stimolo della fame, anche se bisognerebbe mangiare meno cibi raffinati, ma oramai la produzione agroalimentare è orientata con la produzioni di cibi raffinati che provocano questi problemi e che la soluzione sia: un altro prodotto alimentare con all'interno questa molecola Un un modo molto "originale" da parte delle aziende alimentari di trovare una soluzione al problema.

13 commenti:

  1. Ovviamente anche questa mi mancava. Dire che è meglio "educare alla alimentazione" è banale...per cui mi astengo dal commento scontato per apprezzare invece le vie che segue l'industria alimentare per acquistare fette di mercato nuove!
    Almeno la fantasia va premiata, no?! :P eheheheh

    RispondiElimina
  2. Cribbio ! Con questi prodotti mi prenderebbero subito all'amo !!! Che dire, difendiamoci con un po' di consapevolezza! Mi spiace di non poterci essere stasera alla libreria ti avrei conosciuto volentieri !! ciao ciao

    RispondiElimina
  3. interessante! peccato essere così distante da Milano.
    ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao Gunther! Ho curiosato anch'io nel tuo blog e giuro, mi ci sono persa... è pane per i miei denti... per dirla tutta sono appassionata di cibo che cura (il corpo e l'anima!) e di tutto ciò che riguarda il sano comportamento alimentare... resto sempre stupita di quanta diseducazione alimentare ci sia ancora intorno a noi... c'è bisogno di conoscenza e quindi Grazie!
    A presto
    Roby

    RispondiElimina
  5. Interessante, peccato essere molto distante... ma tanto poi ne farai un resoconto, no? ;-)
    buona conferenza!

    RispondiElimina
  6. Quello che sto dicendo è scontatissimo ma la soluzione al problema dovremmo trovarla in noi stessi, senza l'aiuto di nessuno! Basta volersi un po' più di bene e prendere coscienza di ciò che è deleterio per noi! Anch'io purtroppo, per problemi di lontananza, non posso essere in libreria! Baci e a presto

    RispondiElimina
  7. Anch'io sono convinta che una correnta alimentazione sia la base di una vita sana. certo, le patologie esistono, ma queste cure mi sembrano sempre più mode che altro.....
    Comunque grazie Gunther, sempre post interessantissimi.

    RispondiElimina
  8. Accidenti mi sarebbe piaciuto esserci!
    Ma l'ho saputo troppo tardi per organizzarmi :(
    A proposito di zuccheri e farine raffinate che sarebbe meglio evitare...oggi ho preparato dei biscotti con farina integrale uva passa e niente zucchero, li posterò!
    Ciao e buona serata! Poi raccontaci com'è andata la presentazione del libro!

    RispondiElimina
  9. se devo dire la verità... io non vorrei ridurre lo stimolo della fame... quasi mai mangio per fame vera, ma il fatto che se mangio cose buone non ingrasso... troppo!!!! Lo so che chiedo un po' troppo, ma adoro il cibo.... comunque interessantissimo post, come sempre, bravissimo!!!

    RispondiElimina
  10. Io conosco bene il problema dei chili di troppo ma sono dell'idea che per dimagrire bisogna mangiare correttamente senza ingurgitare pasticche!!L'unica volta in cui ho perso tanti chili è stata quando mi sono affidata ad un nutrizionista che mi ha insegnato a mangiare correttamente!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Gunther,
    io credevo che prima di mangiare ci si dovesse lavare le mani.... non il cervello!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  12. mi hai fatto molto ridere kemiconti he he he he
    ciao

    RispondiElimina
  13. non sanno più cosa inventare per farci credere che pur mangiando male possiamo dimagrire, mai come adesso mi rendo conto che una corretta alimentazione e igiene mentale sono l'unica cosa che ci possa far stare meglio! grazie Ely

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi