lunedì 12 ottobre 2015

Dall' Obesity Day al Pirla Day ?

Il 10 Ottobre è stata la giornata dell'Obesity Day, molti giornali ne hanno parlato, mi è arrivata all'orecchio un'informazione distolta.

Negli articoli letti si mette l'accento sul costo dell'Obesità al Servizio Sanitario Nazionale, 22 miliardi d'euro, mi piacerebbe sapere questa cifra come è stata ricavata, nessuno lo dice.

La stessa cosa è avvenuta nella giornata per il diabete, per il tumore al seno, per il cancro. 

Io sono molto contrario a dare a una patologia un costo al Servizio Sanitario Nazionale, credo che sia un ragionamento molto pericoloso, quando qualcosa costa la prima cosa che si fa la si taglia, cosa facciamo non curiamo più nessuno perché costa? Mi piacerebbe che si parlasse non di costo della salute ma di valore della salute.

Si presentano i costi della patologie come se i soldi dedicati a una patologia siano soldi rubati ad altre risorse. No, nessuno prende dei soldi dal portafoglio di qualcun altro, perché le patologie non si scelgono, chiedetevi invece quanto costa a una famiglia, quanto costa seguire a casa una persona con Alzheimer, quanto costa a una famiglia una persona con Sclerosi multipla?


Vogliamo fare i conti, allora diciamo che le patologie importanti in molti casi arrivano verso la fine di un percorso di vita, dopo avere versato 40, 50 anni di contributi e di pagamento della tasse, volete fare i conti, va bene allora togliete anche quanti soldi hanno versati i contribuenti, perché altrimenti sembra che ai gestori del danaro pubblico i soldi piovono dal cielo.

Ho sentito dire una volta un dirigente pubblico della sanità "eh mah i dializzati costano al servizio sanitario nazionale", guarda amico delle prugne secche della California, costano anche i pirla al servizio sanitario nazionale che utilizzano la bocca a sproposito per parlare invece che per mangiare.

Da come è stato presentato il dato nella giornata dell'Obesity day sembra che gli obesi mangiano al ristorante e che i contribuenti passano a pagare, non è cosi.

Certo la spesa sanitaria va gestita, nella patologie c'è anche la responsabilità individuale ma mi risulta che a fare lievitare i costi sia la cattiva gestione dei manager pubblici e non i costi delle singole patologie.


Inoltre si continua a connotare l'obesità con valori e sentimenti negativi, l'obeso è un debole, l'obeso ha qualcosa che non va nel cervello, l'obeso fa spendere i soldi degli altri, non ci lamentiamo poi degli atti di bullismo nei confronti dei ragazzi obesi o in sovrappeso, prima d'esprimere alcuni concetti bisognerebbe misurare meglio le parole.

In tutti gli articoli si è sostenuto basta avere delle buoni abitudini a tavola, ragazzi se fosse cosi semplice l'Obesità non sarebbe una patologia, non si spenderebbero milioni d'euro in ricerca per comprendere meglio la malattia, di come si può facilitare la perdita del peso, trovare dei farmaci, non bastano le buone abitudini alimentari ci vuole attività fisica, e a volte non basta nemmeno quello, rendetevene conto.

Non è che l'obeso quando ha un chilo in più festeggia con lo spumante per rubare i soldi alla collettività anzi proprio il contrario, smettiamola di ridicolizzare e colpevolizzare, già adesso è stato dimostrato che l'obeso viene pagato meno nel mondo del lavoro a parità di risultati, non offriamo motivazioni all'intera società per ritenere le persone obese persone di serie B e discriminarle.

Io guarda l'anno prossimo non festeggerò l'Obesity Day ma il Pirla Day.


8 commenti:

  1. Se ti presenti alle prossime elezioni giuro che ti voto, comunque mi sembra ottima l'idea di festeggiare un pirla day!!!
    buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
  2. Con un pò di ironia sai presentare le cose come stanno, basta che qualcuno legge e capisce....

    RispondiElimina
  3. GÜNTHER FOREVER!!! (il tipo in questione probabilmente le prugne secche le ha al posto dei gioielli di famiglia e il ragionamento parte da lì...)

    RispondiElimina
  4. Chissà come mai non si sente mai quantificare il costo per la sanità dato dai manager incapaci, se non ladri. Il pirlay day farebbe felici moltissimi, tutti a festeggiare :-DDD

    RispondiElimina
  5. Concordo carissimo Gunther... che tristezza!!
    Un abbraccio e grazie per i tuoi post così attenti agli aspetti sociali del problema!

    RispondiElimina
  6. Son d'accordo con te,e di cose sbagliate ce ne sono...mamma quante ce ne sono.. :-/
    Buona giornata ciao :-)

    RispondiElimina
  7. GUNTHER, alle prossime elezioni voglio vederti in lista, eh! e hai già due voti, il mio e quello di Esme!
    LA LUNA NERA

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi