lunedì 28 settembre 2015

Il sale marino è migliore per la salute?

Petra K., Dobbiaco : Il sale marino è migliore per la salute?

Il sale viene ricavato da più metodi, il sale marino è la forma più antica di produzione di sale e viene ottenuto dall'acqua del mare tramite evaporazione solare (per effetto del calore del sole), in genere viene raffinato al fine di eliminare gli altri sali e ottenere solo cloruro di sodio, quello che noi chiamiamo sale da cucina, ci sono in Italia per esempio delle saline molto rinomate come a Cervia in Emilia Romagna, a Trapani in Sicilia, le saline di Molentargius a Cagliari  in Sardegna.

C'è poi un altro sale ottenuto invece da evaporazione indotta, cioè dove la sorgente d'energia non è il sole, ma il vapore acqueo oppure la corrente elettrica, è il sale che si ottiene per esempio a Volterra in Toscana.

C'è poi il sale ottenuto da depositi di salgemma, quello che viene chiamato sale da miniere di salgemma, in Sicilia sono famosi le miniera di sale di Racalmuto e Realmonte in provincia d'Agrigento e Petralla in provincia di Palermo.

In tutti i casi si tratta della stessa molecola, cloruro di sodio, il tenore di sodio è identico 400 mg per 1g di sale, pertanto non vi è alcuna differenza dal punto di vista chimico e anche dal punto di vista nutrizionale.

La differenza tra sale marino e sale di salgemma è più nel gusto, il sale marino grazie alla presenza di tracce microscopiche d'alghe e crostacei, ha un gusto e una tessitura più gradevole ma bisogna avere un palato molto raffinato  e sensibile.

Si trova spesso in commercio il sale iodato, viene aggiunto a livello industriale per superare la carenza di iodio nella popolazione generale, la carenza di iodio dipende da più fattori inclusa la propria dieta alimentare in Italia di calcola che sei milioni di persone sono a rischio carenza di iodio, in genere se si ha una dieta con un apporto di pesce e crostacei è difficile essere carenti di iodio.

Il fior di sale che va tanto di moda tra i chef o i jet chef, come li chiamo io, è un sale grezzo, tende meno a coprire il sapore dei cibi, ha una minore percentuale di cloruro di sodio, spesso si trova in vendita nei negozi gourmand semplice o addizionato di spezie come sesamo, zenzero, cumino, erbe aromatiche o polvere di bucce d'agrumi come limoni e arance essicate, serve per dare un gusto più personale ai piatti dei professionisti della cucina ma anche per appassionati di cucina.


12 commenti:

  1. Non lo sapevo ... credevo che il sale fosse solo uno, proveniente dalle saline, per evaporazione. Che ignorante, non si finisce mai di imparare.

    RispondiElimina
  2. Io uso il sale marino integrale, e cerco di non usarne troppo. Poi uso anche altri sali tipo quello rosa, quello nero ecc, ma più per curiosità che per il vero sapore. Usandone poco faccio fatica a distinguerli nei cibi, poi ci sarà chi ci riesce certamente...:) Più che altro mi piace usare macinature diverse, cioè più o meno fino a seconda dell'uso, quello si, allora in quel caso se il sale è più delicato è meglio. Grazie come sempre per i tuoi post . Ciao, a presto

    RispondiElimina
  3. Alla fine quale sale è meglio consumare ? consumiamo con moderazione un pò di tutto così non ci sono rischi di salute !

    RispondiElimina
  4. Post interessante. Alcune differenze sui sali in commercio non le conoscevo affatto. Grazie.

    RispondiElimina
  5. Ciao Gunther, grazie di tutte le tue spiegazioni, sempre molto chiare. Io sono un'appassionata di 'sali diversi' e ho letto il tuo post con molto interesse. Ciao!

    RispondiElimina
  6. devo ammettere di non badare troppo al sale che compro, fatta eccezione per il fior di sale che spesso uso all'ultimo per esempio sulla carne.....ma è sempre bene avere tutte le info :)

    RispondiElimina
  7. Merhabalar, tuzu mümkün olduğunca az kullanıyorum. Deniz tuzu hakkında fazla bir bilgim yok.

    Saygılar.

    RispondiElimina
  8. Grazie Günther, sei stato come sempre, piacevole ed esauriente!

    RispondiElimina
  9. E del sale integrale cosa ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa se ti rispondo tardi, in questo è un periodo di super lavoro,

      Il sale integrale contiene meno cloruro di sodio e più magnesio, iodio e potassio ma in quantità talmente minime che non incide più di tanto,
      Purtroppo più del 80% del sale che assumiamo arriva da quello dei prodotti già pronti, non necessariamente prodotti industriali pensiamo la pane per esempio o alla semplice pizza, non perchè il sale integrale non sia buono ma per ridurre i quantitativi di sale conviene limitare di più quell'80'% rispetto a quel 20% che adoperiamo a casa

      Elimina
  10. Alternative al sale invece?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me gli utenti anonimi non mi piacciono, perchè non comprendo cosa debbano nascondere, non siamo mica la Cia e nemmeno parliamo di cose proibite o illegali comunque il post su come sostituite il sale lo trova qui oppure alla fine del post dove ci sono le etichette la parola sale, ci sono tutti i post sul sale, cosi per gli altri argomenti

      come ridurre il sale a tavola

      Elimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi