lunedì 25 maggio 2015

Perchè c'è in giro tutta questa pancetta e guanciale?

Domanda di Adua C, Fontanellato: spero di non essere l'unica ma ho notato che a partire dalla televisione, tipo le trasmissione di cucina del mezzogiorno, di giornali c'è un grande uso di pancetta e guanciale che non vedevo da trent'anni, sono matta io? Oppure te ne sei accorto anche tu? Se si, come mai?

Ho notato anche io questo costante messaggio a favore di pancetta e guanciale, proprio qualche giorno fa, in televisione una nutrizionista non si fanno nomi in questo blog, ha usato una bella fetta di guanciale da inserire all'interno di un orata, ora mi aspetto prima o poi di vedere un bel fritto leggero dietetico con la sugna del maiale.

Le ragioni sono diverse in parte culturale e in parte economica.

In televisione non c'è solo la pubblicità, lo spot, il messaggio pubblicitario quello è solo una parte degli introiti, in genere se si parla di qualcosa in televisione perché c'è qualcuno che paga, io stesso sono stato in televisione quindici anni fa, due volte in quanto richiesto da un 'azienda che pagava il mio intervento, funziona cosi!

Per queste ragioni penso che non ci sia un nesso di casualità ma ci sono dietro le aziende che fanno i salumi oppure per loro a volte c'è l'Associazione di produttori che finanziata dallo stato, paga questa promozione, cioè con i soldi dei cittadini stessi, in modo da creare per il consumatore l'esempio "corretto" da seguire, la mia non è polemica, ma ritengo che il telespettatore deve essere messo al corrente che si tratta di uno spazio sponsorizzato da un azienda, anche nel caso in cui è un messaggio "scientifico".

Non ci sono i messaggi ingannevoli solo in televisione, chi non ricorda la polemica della carbonara di Cracco, sembrava costruita ad arte dalla giornalista del corriere, perché per un mese si è parlato solo di carbonara e di pancetta, anche questa è pubblicità, chiedetevi perché la stessa cosa non è avvenuta per pasta e piselli o la pasta e fagioli.


In tutta Italia in particolare modo in Emilia Romagna c'è una grande tradizione legata all'uso delle carni di maiale e al suo grasso per cucinare, quindi abbiamo il sapore per tradizione più predisposto ad accogliere ricette preparate con pancetta o guanciale, però questa nuova consuetudine di usare pancetta e guanciale dappertutto arriva da più lontano ed esattamente dall'America, da quelli che fanno colazione con bacon tostato e uovo.


Come sempre succede quello che è di gran voga negli Usa lo diventa anche in altri paesi, un esempio ho visto in televisione il nuovo panino di Mcdonald's con carne di angus e due fette croccanti di pancetta, per insaporire, con l'aggiunta di pancetta o bacon ha più appeal, la pancetta fa profumo mentre la scaldi, attraverso l'olfatto si stimola il cervello e di conseguenza l'appetito.

Negli Usa si è tornati ad usare molta pancetta per una ragione molto semplice, al consumatore finale il prezzo della pancetta è rimasto stabile negli ultimi anni, il prezzo all'ingrosso delle carni di maiale è sceso moltissimo, tanto che ora è al 50% rispetto allo scorso anno, questo vuole dire per le aziende margini di ricavi e guadagno, per la pancetta, il bacon e il guanciale, che si fanno con i pezzi meno pregiati, i consumatori pagano minimo cinque volte in più quello che è il prezzo effettivo del costo del prodotto finito.


Pertanto uso di guanciale e pancetta è molto conveniente per le aziende, più se ne vendono più i margini di guadagno aumentano, come salumi costano di più prosciutto e bresaola ma hanno più costi di produzione e meno margini di guadagno, ecco la ragione della spinta al consumo di pancetta e guanciale, bassi costi di produzione alti margini di guadagno.

Ad aumentare il consumo è intervenuto anche il fattore crisi economica che fa prediligere alimenti a basso costo e ricchi di grassi, alimenti di bassa qualità e poveri che con una fetta di pancetta aumenta l'appeal del gusto, pensate a delle patate al forno con un po' di pancetta hanno più gusto, la pancetta costa meno di salse e vari insaporitori, un gusto garantito senza spendere tanto.

A influenzare la scelte anche il fattore della moda dei regimi alimentari, la dieta paleolitica che stimola al consumo negli Usa di grandi quantitativi di carne, incluse quelle del maiale.

Abbiamo già una predilezione per i cibi salati e grassi, non c'è bisogno di pubblicità, quello che trovo fuori luogo non è tanto utilizzare questi grassi, ogni persona si regola come crede, ma il contesto in cui li si utilizza, in particolare quando devi cuocere un orata, basta un po' di olio ed erbe aromatiche, con dei grassi buoni come quelli del pesce perché aggiungere quelli del maiale, non c'e proprio bisogno.

Avrei potuto per criticare quest'eccesso d'uso di grassi animali, parlare di colesterolo, di trigliceridi e di tumori, l'ho già fatto ma non voglio spaventare nessuno, meglio fare riflettere sul perché si stimola  a livello economico il consumo verso certi ingredienti rispetto ad altri.

Post correlati:


Ps sono tornato da Hong Kong a breve un piccolo reportage.

6 commenti:

  1. Ma è incredibile, o meglio io vedo anche la tv italiana e onestamente direi che si, si vede un sacco di maiale e pancetta ma pensavo di essere io a vederli ovunque dato che dove vivo sono vietati e non si trovano :D interessantissima riflessione, anche se mi piacciono non fanno parte della mia dieta quotidiana nemmeno quando li ho portata di mano per motivi che anche tu elenchi. Messaggi subliminali, è il caso di dire....

    RispondiElimina
  2. Mhhh... non avevo fatto caso all'uso eccessivo in tv di pancetta e guanciale, ma ricordo molto bene uno stimato professore che, anni fa, elogiava in tv i benefici dell'olio d oliva. Poi, all'improvviso, cominciò a parlare di olio di semi, del fatto che la frittura era migliore... etc...bhá... meno male che ci sei tu a illuminarci ;)))

    RispondiElimina
  3. Sinceramente non me ne ero accorta, forse perchè detesto entrambi quindi l'aumento di messaggi pubblicitari non mi tocca minimamente. Però è vero che qui da noi in emilia romagna la pancetta è amata da molti

    RispondiElimina
  4. Io non ho fatto caso perché ultimamente guardo poco la televisione, pero se devo fare qualche cosa con carne di maiale, lo faccio con moderazione sopratutto nel periodo più freddo, se si tratta di grasso come pancetta, anche perché in famiglia non è gradito tanto il grasso. Qualche volta un pò di pancetta ci sta e da buon gusto anche affumicato. Comunque la pubblicità sicuramente fa troppo abuso, non pensare alla salute della persone. Mi piace anche a me più il pesce e le erbe aromatiche che il grasso di maiale ! Povero fegato, che fatica !

    RispondiElimina
  5. bene, non avendo la tele proseguo a usare timo salvia alloro rosmarino per insaporire le mie patate ; )
    la tua analisi è interessante e perspicace come sempre.
    Non ci si può distrarre un attimo, eh?

    RispondiElimina
  6. anche a me sembra che pancetta e guanciale siano "stranamente" tornati alla ribalta nei programmi televisivi di cucina. trovo aberranti i suggerimenti di sedicenti cuochi che presentano dei piatti dai quali si capisce ad intuito, che è meglio stare lontani! il tuo esempio del pesce+maiale ne è un esempio. e quando farciscono il pollo infilandoci dentro salsiccia e formaggi? ma che senso ha abbinare più tipi di carne se non addirittura, proteine di fonti diverse? ormai lo sanno tutti che queste pratiche sono dannosissime alla salute! il problema è che anche dietro ad un semplice programma di cucina, ci sono i poteri forti che tirano i fili. e noi siamo burattini. ma se ci svegliamo un pò e ricominciamo a ragionare con la nostra testa, ne guadagneremo di certo, in salute fisica e mentale.
    LA LUNA NERA

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi