martedì 2 giugno 2009

Il rosso dei papaveri in cucina

Ogni tanto mi piace alleggerire un po' il blog con notizie curiose, Giugno è il mese dei papaveri, tutti i campi di cereali ne sono pieni, ma anche al limitare delle strade, quando ero bambino con i compagni di gioco ci nascondevamo nei campi di grano per ammirare i papaveri. Ho pensato di fare conoscere questi prodotti della tradizione di un altro paese, per dare dei stimoli imprenditoriali nuovi. Nel vagabondare in giro per il mondo mi sono imbattuto nei Papaveri di Nemours, si avete letto bene proprio i petali dei papaveri o meglio i derivati dalla lavorazione dei petali dei papaveri adoperati in cucina. Sapevo dell'uso in erboristeria che opportunatamante lavorati i fiori dei papaveri venivano adoperati come ingrediente per sciroppi o di balsami per uso esterno ma non per uso alimentare, ne sono rimasto sorpreso, cosi dopo avervi fatto vedere i fiori d'Ibisco ora i papaveri tra i fiori che possono essere utilizzati in cucina.

Ho scoperto che è una tradizione abbastanza consolidata nella cultura contadina di Nemour, ma solo nel 1870 il Sig. François Etienne Desserey ha pensato di creare un azienda per produrre delle autentiche specialità. Non c'è solo liquore ma anche caramelle (le mie preferite, quelle che vedete in foto), aceto, cioccolatini, limonata, cioccolato aromatizzato ai petali di papaveri. Con il liquore e lo sciroppo si nappano i gelati, si profuma la creme brulées, la crema pasticcera, il gratins di lamponi, i sorbetti ai frutti di bosco ma anche per preparare un aperitivo si allunga il liquore con lo spumante o il vino bianco, a Nemours lo allungano con il Cidro.
Des Lis Chocolat - 6 rue Louis Blériot - 77140 NEMOURS - 01 64 29 20 20

11 commenti:

  1. Mi chiedo come faccia a trovare sempre delle chicche cosi'!Il papavero mi mancava veramente...sei una miniera senza fondo...:))
    A presto
    sciopina

    RispondiElimina
  2. ooooh che meraviglia!!!!grazie per averci fatto scoprire queste bontà!

    RispondiElimina
  3. Questa non la sapevo proprio!
    Grazie :)

    RispondiElimina
  4. L'anno scorso, andando a Fontainebleau sono passata per Nemours, ma senza fermarmi, la prossima volta che capito da quelle parti voglio provare queste "produzioni papaverose"
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Non capisco perchè sono uscita come anonimo!!!!
    Il commento quì sopra è mio :)

    RispondiElimina
  6. questa non la sapevo, da te scopro sempre qualcosa di nuovo e interessante !!

    RispondiElimina
  7. Curiosa come cosa ma credo soprattutto buona e bella da vedere visto il bel colore di questi fiori...d'altronde si fa pure la marmellata di rose, xchè non usare anche il papavero?

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia!!!E quante bontà si possono fare con i papaveri..
    Incredibile.
    Grazie Gunther

    RispondiElimina
  9. Caro Gunther, innanzitutto grazie per i tuoi graditissimi auguri per il mio compleanno. E poi complimenti per le curiosità geniali che ci comunichi.
    Ma siamo sicuri che se provo io a 'cucinare' i papaveri, non muoio?
    Mi hai fatto venire un desiderio di preparare qualcosa con questi fiori, ma mi sa che devo aspettare delle ricette precise.
    Un abbraccio
    Anna

    RispondiElimina
  10. Ne sono sorpreso... non riesco nemmeno ad immaginare il sapore del papavero!

    RispondiElimina
  11. @scipina, grazie solo curiosità
    @saretta grazie
    @valentina idea curiosa eh
    @guernica in bocca al lupo per gli esami
    @eli, sei stata a parigi allora?
    @fairkfull , grazie del commento
    @dolceamara si il colore mi piace molto
    @germana incredibile vero!+
    @anna the nice,si mi raccomando non usargli direttamente,
    @michelangelo, ha il sapore he ricorda il seme di papavero con un a notte un po piccante

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi