martedì 24 giugno 2014

Per il colesterolo alto, complementi e integratori sono utili?

Sonia G.Quando sono su internet c'è molta pubblicità di complementi per abbassare il colesterolo, servono? Sostituiscono le statine? Hanno effetti collaterali? Chi li deve usare?

Attenzione alle auto prescrizioni e alle sostituzioni fai da te, era un un po' di tempo non parlavo più di colesterolo, forse è il caso che facciamo un piccolo richiamo.

Bisogna partire però da un elemento base cioè fare gli esami del sangue, la valutazione di questi spetta al medico, perchè non di devono solo prendere in considerazione i numeri ma la storia della salute della persona assistita nel suo complesso e della sua famiglia, spetta in definita a un professionista della salute valutare il rischio cardiovascolare in rapporto con più fattori e non solo il colesterolo alto.


Il colesterolo alto perchè?
Avere il colesterolo alto è una condizione che va verificata e approfondità dal medico, è vero che nella maggior parte dei casi è data da una cattiva alimentazione e poco movimento fisico ma non è detto ci sono altre cause o concause che vanno indagate come :

Alcuni disordini metabolici e endocrini come per esempio l'ipotiroidismo, il diabete di tipo 2, gli effetti successivi ad una gravidanza,  una glicogenosi (malattia genetica del metabolismo del glucosio).

Alcune malattie del fegato e dei reni possono anche essere responsabili per esempio la cirrosi biliare, le malattie del fegato con colestasi, un' insufficienza renale, ma anche l' 'obesità e perfino l'anoressia nervosa può anche causa di alti valori di colesterolo.

I valori del colesterolo possono essere influenzati anche dai farmaci come: quelli a base di cortisone, farmaci per malattie infiammatorie, immunologiche o reumatiche, alcuni farmaci contro le acne, alcuni beta-bloccanti, alcuni diuretici, alcuni contraccettivi orali, antipsicotici, immuno soppressori, ovviamente è responsabilità del medico personale verificare se è un innalzamento dovuto al farmaco, se è il caso di  diminuire il farmaco o sostituirlo, quando è possibile, per fare in modo che i valori rientrino nella norma.

Per queste ragioni è sempre bene prima d'acquistare un prodotto senza prescrizione, almeno chiedere al proprio medico.

Tutto questo per dire che la maggior parte dei prodotti in commercio e che troviamo anche al supermercato sono composti da fitosteroli che bloccano l'assorbimento intestinale di colesterolo, una dose di fitosteroli di 1,5 a 2,5 g / giorno, potrebbe favorire una riduzione di 10 % di sangue di colesterolo LDL..

Ci sono al supermercato alcuni yogurt o latti fermentati che potrebbero fare diminuire i valori di colesterolo ma innalzano i valori di  fitosteroli nel sangue in misura molto significativa, non sono ancora molto noti gli effetti di un alto tasso di fitosteroli nel sangue ma secondo alcuni ricercatori aumentano il rischio cardiovascolare.


Statine e lievito di riso rosso
Ci sono molte aziende farmaceutiche il cui fatturato per un buon 50% è dato dalle statine, tuttavia la loro prescrizione è in discussione da diversi anni, in particolare per gli effetti collaterali.

Ma a chi vanno prescritte le statine?
La prescrizione delle statine sono indicate in tutti coloro che hanno più fattori di rischio come un colesterolo alto in famiglia, sovrappeso o obesità, diabete, ipertensione , storia familiare di infarto miocardico , fumo , un precedente attacco cardiaco, solo quanto si valuta che il rischio sia alto anzi molto alto solo allora viene prescritta la statina o meglio dovrebbe essere prescritta.

In definitiva i medici preferiscono sottolineare l'importanza dello stile di vita: una buona alimentazione, l'attività fisica, e lo smettere di fumare piuttosto che prescrivere una statina a chi ha un rischio cardiovascolare basso.

Lievito di riso rosso: un complemento molto discusso
La maggior parte della comunicazione dei lievito di riso rosso mette in rilievo il contenuto di monacolina K, una statina naturale, i cui effetti potrebbero essere equiparati a quelli di una statina, tuttavia il vero problema sarebbe rappresentato dagli effetti collaterali come i dolori muscolari e i disturbi epatici.  Più ricercatori hanno messo in guardia in guardia dall'uso di prodotti con monocolina K, in particolare alcune categorie a rischio come donne incinte e in allattamento, forti consumatori di pompelmo e pazienti che già assumevano farmaci contro il colesterolo alto.

Si, perché che cosa è successo, molto persone allettate dalla pubblicità dei prodotti con lievito di riso rosso, assumevano sia la statina prescritta dal medico sia l'integratore con lievito rosso, per non farsi mancare nulla ma di fatto assumevano due statine. Molti individui non percepivano l'integratore come un farmaco, questo ha creato notevoli problemi per quanto riguarda gli effetti collaterali.

Gli integratori di lievito di riso rosso si possono acquistare senza ricetta cioè senza prescrizione, è bene ricordare che questi prodotti vanno presi sono in caso di rischio cardiovascolare e consiglio di parlarne prima con il proprio medico, per decidere insieme qual'è la migliore strategia da adottare in rapporto con il proprio rischio cardiovascolare.


Omega-3
Molti dei complementi venduti contro il colesterolo contengono omega 3, o vengono pubblicizzati come riduttori di colesterolo, in realtà intorno agli omega 3 c'è molta discussione negli ultimi anni e non c'è unanimità di giudizio nella comunità scientifica, non sono molto noti per abbassare i livello di colesterolo, ma per un l'impatto favorevole sulla malattie cardio vascolare, in particolare dopo un primo episodio cioè nella prevenzione secondaria e terziaria delle malattie cardiovascolari.

Nella prevenzione primaria che ci riguarda un po tutti da vicino, più che l'utilità degli integratori d'omega 3 sarebbe importante parlare di pesce nell'alimentazione suo complesso, che contiene si omega 3 ma anche un mix di nutrienti unico tra cui di vitamine e sali minerali che è stato riconosciuto con più ricerche di cui abbiamo già molto parlato in passato, del ruolo favorevole che questo svolge sulla salute.

Mangiare pesce tre volte alla settimana, in particolare di pesce grasso, potrebbe rappresentare un ottima scelta unita ad altri strumenti di prevenzione per quanto riguarda la regolazione dei valori di colesterolo.

Tuttavia alcuni assistiti prendono sia la statina che l'integratore omega 3, che viene venduto senza prescrizione, anche in questo caso anche se meno problematico è bene parlarne prima con il proprio medico.


In sintesi 
Bisogna ricordare che è bene individuare con il proprio medico la causa dei valori alti di colesterolo, molti dei prodotti che possiamo trovare sul mercato possono forse inibire l'assorbimento del colesterolo alimentare, ma se i valori di colesterolo alti è dato da un disturbo o dall'assunzione di un farmaco questo potrebbe avere un effetto parziale o alcun effetto.

Non sempre sono necessarie le statine per combattere il colesterolo, sono riservate solo a coloro che è stato riconosciuto un rischio alto cardiovascolare.

Anche i prodotti pubblicizzati come naturali, possono essere dei veri e propri farmaci con effetti collaterali, che prima di assumere insieme al farmaco è bene parlarne con il proprio medico, non è detto che siano da evitare anzi opportunamente adoperati possono trovare una loro collocazione all'interno di una strategia di prevenzione, ma è sempre bene chiedere parere di un professionista della salute.

Per tutti gli altri invece mangiare bene in una moderata quantità e tanto movimento fisico i 10.000 passi al giorno possono essere un ottimo riferimento, più o meno un ora di camminata al giorno, un traguardo non impossibile.

Post correlati:


26 commenti:

  1. Grazie per questo interessante post. Buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  2. Sempre utilissimi i tuoi post e soprattutto i tuoi consigli! E' bene ricordare che il fai da te in fatto di salute non è la strada più corretta.
    Saluti.

    RispondiElimina
  3. Stampo e diffondo!!!
    Complimenti, come sempre del resto...
    simo

    RispondiElimina
  4. molto utile questo post!lo condivido, buona serata!

    RispondiElimina
  5. meno male che ci sei tu, sintetizzi e spieghi con parole semplici concetti molto specialistici, grazie !

    RispondiElimina
  6. grazie per questo post,come sempre molto utile....l.proprio domani mattina devo fare gli esami del sangue,tra questi anche il colestorolo :(

    RispondiElimina
  7. Questo post è molto interessante... passo al mio papà, chissà che segua....

    RispondiElimina
  8. Mille grazie Gunther!! Buono a sapersi!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. ho preso le statine per diverso tempo, ero arrivata a livelli di colesterolo talmente alti che il medico non ha potuto fare altrimenti.
    il mio ha sicuramente una componente famigliare e paradossalmente in parte è dovuto anche ad un'alimentazione troppo povera di colesterolo esogeno.
    correggere la dieta eliminando anche quelle 4-6 uova a settimana che mangiavo e poco altro di alimenti cosiddetti "vietati" ebbe come risultato solo un peggioramento della situazione :(
    con le statine inizialmente ero riuscita a riportare i valori intorno a 220, poi col tempo si sono assestati sui 250-260 e non si schiodavano di lì. fino a che mi sono stufata di prendere pillole ed ho provato a sospenderle. risultato: sto meglio senza farmaci che con (ritornata a quel 220 che è sempre alto, ma almeno mi salvo fegato e reni!).
    in tutto ciò ho reintrodotto le mie 2 uova intere a settimana, anziche sfogarmi a solo albumi, qualche gelato "vero" me lo concedo senza troppi sensi di colpa e un effetto assai positivo lo sto trovando grazie alle mandorle, che mi hanno aumentato la percentuale di HDL
    sono stata tentata a volte di ricorrere al riso rosso fermentato ma non so se farei più male che bene!
    grazie per il post e scusa il papiro :)
    un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene il papiro, ho bisogno d'esperienze dirette, sei molto giovane per il trattamento delle statine per lungo tempo, prendere statine tutta la vita non è proprio l'ideale vanno considerate delle alternative.

      Ci sono più fattori da considerare, per taluni soggetti valori leggermente superiori alla norma possono essere tollerati importante il rapporto tra HDL/LDH che deve essere intorno a 1/3.

      Nel dubbio se non l'hai già fatto un ecografia della carotide per garantire che non ci siano placche, ma il colesterolo alto di per se non è una malattia e la formazione di placche d'aderomi possono formarsi anche senza la presenza di colesterolo alto.

      senza allarmismo e con serenità si può sentire anche il parere di un altro medico

      Elimina
    2. l'eco-doppler alla carotide l'ho fatto l'anno scorso ed è tutto nella norma
      di buono c'è che i trigliceridi sono bassi, all'ultimo controllo erano 57, e in teoria non avrei altri fattori di rischio: non fumo, alcool zero, no sovrappeso e attività fisica costante e regolare.
      magari alle prossime analisi ricorderò al medico di segnare anche l'LDL anche se dovrebbe pensarci da sè!

      Elimina
  10. Ne sapevo gia abbastanza visto che in famiglia comincia questo problema e per ora niente farmaci solo controllo alimentare e va abbastanza bene....molto saggio e competente il nostro dottore ma anche noi ovviamente. Sintetico e molto chiaro il tuo articolo come sempre incisivo :) grazie Ghünter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te patrizia,. siamo più o meno della stessa età, abbiamo un occhio in più :-)

      Elimina
  11. Consigli molto utili. Anche io sono della tua idea : Mangiare bene e sano e fare movimento fisico e un ottimo rimedio per la salute. Buona giornata e a presto !!! Claudia

    RispondiElimina
  12. COme sempre un post pieno di informazioni importanti. Non conoscevo le proprieta' del riso rosso. Sul pesce so che ci sono pareri contrastanti. A mia mamma alcuni medici hanno detto di mangiarne tanto, altri di non mangiarlo perche' il pesce raccoglie tutto l'inquinamento dei nostri mari...e sto' parlando di medici. Non si sa cosa fare, uno dice una cosa e uno ne dice un'altra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da una parte è vero, è importante scegliere il tipo di pesce evitare quelli di taglia grossa come pesce spada e tonno che tendono a immagazzinare di più sostanze nocive, al momento sono più i vantaggi dei svantaggi di mangiare pesce

      Elimina
  13. Interessante come sempre. A proposito, ho appena fatto le analisi del sangue e ho notato che il limite del livello di colesterolo è fissato a 200, l'anno scorso era 210, alcuni anni fa 240. Esagerano o ha un senso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ogni tanto cambia ma guardate il rapporto tra colesterolo buono e coleterolo cattivo, il dato solo del colesterolo non vuole dire nulla va valutato insieme con altri parametri.

      però è vero che fissando limiti sempre più restrittivi qualcuno ci naviga

      Elimina
  14. Ciao Gunther è molto interessante il tuo post. Mio marito ha avuto problemi di colesterolo alto (il medico lo ha attributo a stress... mah!) e ha assunto per qualche mese (aveva 33 anni) le statine. E' stato così male - insonnia, problemi di fegato e altro- che le ha sospese dopo poco tempo. Grazie di tutte le informazioni. Ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo stress può aumentare i livelli di colesterolo, fai ripetere le analisi per vedere se nel frattanto è sceso nel dubbio consultare anche un altro medico, per prescrivere le statine deve esserci un rischio cardiovascolare alto, che prende in esame più parametri

      Elimina
  15. Mille grazie per i tuoi utili ed interessantissimi post e per aver condiviso con noi il tuo sapere! Ancora grazie e buon pomeriggio
    ciaoooo

    RispondiElimina
  16. Mi salvo questo tuo post,molto interessante come al solito,grazie ciaoooo :-))

    RispondiElimina
  17. Meglio mangiare bene e fare movimento fisico ..sono d'accordo! Più difficile ..eliminare lo stress!!! ciao ..a presto!

    RispondiElimina
  18. Cerco di stare attento all'alimentazione e di fare la giusta attività fisica e per fortuna il livello di colesterolo è nella norma. Ma in questo post ci sono tanti consigli utili per chi ha questo problema.

    Fabio

    RispondiElimina
  19. Post interessantissimo che mi riguarda da vicino, non tanto per me quanto per mio marito che ha un colesterolo molto alto nonostante una corretta alimentazione e ancora non siamo riusciti a capire perchè. Da te leggo che i farmaci beta bloccanti potrebbero essere una causa, non lo sapevo, lui li assume, indagheremo. Grazie.

    RispondiElimina
  20. Come sempre i tuoi post, sono un riferimento per chi è confuso. Precisi, ben spiegati , con informazioni e consigli utili .
    Grazie Günther, buona domenica!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi