mercoledì 10 luglio 2013

A ciascuno il suo nome sul barattolo di Nutella



Da diversi anni la Nutella è parte dell' alimentazione di molte famiglie, per stimolare l'accesso alla pagina di Facebook è l'acquisto dei superformati, il gruppo Ferrero ha lanciato una grande operazione in esclusiva su Facebook, prima in Belgio e Spagna, ora in Francia, non so se arriverà in Svizzera o in Italia, ma è interessante parlarne.

Chiedo scusa ai lettori ma Nutella di Ferrero ha deciso di "censurare" il video e di renderlo privato, scusate ma da quando in quà una pubblicità in un paese non deve essere vista in un altro? Se il video vuole essere privato allora cari amici della crema all'olio di palma, non dovete metterlo su facebook e su you tube canali nati per condividere le informazioni.

Sarebbe come se io rendessi visibili i miei contenuti a chi mi è simpatico si e a chi mi è antipatico no, vi piace you tube e facebook per le strategie di marketing ma condividere le informazioni, no? Al mio paese si dice avere una mano lunga e una corta, imparate almeno ad essere un azienda multinazionale.

Dal 17 giugno al 14 luglio i fan della Nutella ma solo in Francia possono personalizzare la loro etichetta Nutella con il proprio nome (massimo 9 caratteri), tramite un'applicazione dedicata. Ogni giorno 10.000 etichette vengono stampate e inviate ai fan per applicarle ai superbarattoli di cui abbiamo già parlato.

L'operazione è condotta sulla pagina ufficiale di Facebook del brand Nutella attraverso una specifica applicazione che vale solo per la Francia o per i paesi in cui la promozione è valida.

Per fare ciò, è facile:
1) Accedere alla pagina Facebook di Nutella Francia
2) Schiacciare Mi piace e scegliere l'applicazione.
3) Scrivi il tuo nome in etichetta (massimo 9 caratteri).
4) Quindi, lo riceverete entro un periodo di 2-3 settimane dalla data della vostra applicazione.

Fermo restando per quanto mi riguarda che non è la sola crema alle nocciole e cioccolato che c'è in commercio, che questa operazione è chiaramente in netta contraddizione con le comunicazione dei 15g porzionate nella prima colazione, uno compra un chilo di nutella per consumarne 15g a colazione?


La personalizzazione di un prodotto industriale o la rinconquista della fiducia?
La personalizzazione non è una nuova idea, già visto in Coca cola dove l'azienda ha stampato le bottiglie con i nomi più comuni e anche nel gelato Magnum, mi hanno riferito che a Milano in Piazza San Fedele per prendere il Magnum personalizzato c'è anche la coda fuori dal negozio.

Si tratta di una strategia per riconquistare la fiducia dei propri fan, Coca cola un ingrediente è stato messo in relazione lo sviluppo del tumore, i gelati Magnum non sono il massimo per la dieta e alcuni degli ingredienti sono secondo alcuni discutibili, Nutella ha molti problemi in riguardo all'uso di olio di palma e la comunicazioni sulla salute sono sempre poco credibili agli occhi di molti consumatori.
Facebook offre l'opportunità di parlare a più persone un canale che Ferrero ha deciso di utilizzare, dal costo quasi a zero, l'azienda sta sviluppando così una nuova strategia digitale per mettere sempre più in relazione il marchio con i "fans".


La partecipazione degli utenti è il cuore dell' efficacia delle strategie di marketing sul social network, questi spazi possono ora permettere loro di reinventare il rapporto con il consumatore, le decisione dei consumatori diventano sempre più emotive nelle scelte di consumo.

Strategia per darci qualcosa o per toglierci qualcosa?
La strategia avrà successo chi non vuole avere il suo nome su un prodotto? Tuttavia questo bisogno di mettere il proprio nome dappertutto potrebbe indicare la paura di perdere il consumatore da parte dell'azienda e di legarlo a se attraverso una relazione, nel consumatore il pericolo della perdita d'identità.

Quando ero bambino nella mia stanza c'era anche mio fratello più piccolo di un anno e mezzo, fino ai sei sette anni abbiamo convissuto senza problemi, poi abbiamo iniziato a dividere le pareti con precisione geometrica che neanche Eisten avrebbe fatto e a mettere nome e cognome su tutte le nostre cose dalla cartella ai vestiti  e perfino le mutande mi ricordo (come eravamo scemi), avevamo paura di perdere la nostra identità.
Era un momento di crescita in cui avevamo il bisogno di sviluppare una nostra personalità e mettere il nome su qualcosa di rendeva visibile la nostra identità, non volevamo perderci in un anonimato.



Aggiornamento 29 Settembre 2013
L'iniziativa è partita anche in italia questo autunno più informazioni le trovi su Nutella sei tu oppure sulla pagina Facebook Nutella (meglio tardi che mai!), lo spot francese era molto più divertente questo sembra una pubblicità della pasta Barilla, infatti bambino, figlio, prende moglie, figli, lavoro che diventa un capo, uno stanrdard di vita se ti chiami Ferrero o Barilla, ma il mondo è molto pià vario, peccato che qeusta pubblicità nuova non abbia colto l'ultimo confronto che ha avuto Barilla con i media.


26 commenti:

  1. certo che ci prendono...
    preferisco censurarmi : )
    Avrà un bel seguito tra i giovanissimi immagino. A proposito che carini tu e tuo fratello col righello a dividervi tutto! Invece io se c'era una cosa che lasciavo fare a mia sorella era proprio finire il barattolo della citata crema spalmabile.

    RispondiElimina
  2. Questa ancora non la sapevo! In viaggio di nozze mi è capitato, nel lontano 2007, che in un ristorante in Messico ci hanno scattato una fotografia e ci hanno portato una birra famosa C....A con bottiglia personalizzata.. ancora chiusa come ricordo :-D

    RispondiElimina
  3. Hip Hip hurra' per Gunther ;)

    RispondiElimina
  4. Gunther questa mania di avere il nome sulle cose per personalizzarle in parte l'ha fatta anche Coca Cola con il suo "offri una cocacola a (segue il nome)".
    Nutella va più sullo specifico ma in ogni caso io non credo che sia positivo mettere il nome delle persone su prodotti che sono potenzialmente dannosi.

    la mia risposta alla tua domanda è che si, ci prendono qualcosa. Prendono una parte di noi e la usano per ricoprire il loro prodotto facendolo apparire molto migliore di quello che in realtà è. :-=

    RispondiElimina
  5. L'idea in sè per sè è anche carina, se non facesse parte di strategie di mercato non sempre limpide o comunque per prodotti che possono causare problemi alla salute (anche se io confesso che la nutella mi piace! ma cerco di mangiarla solo ogni tanto).

    Ciao Gunther!

    RispondiElimina
  6. ....boh! Con me non incrementerebbero di certo le vendite....di avere il mio nome stampato sul qualcosa non ci proverei nessun gusto...cri

    RispondiElimina
  7. cosa non farebbero per ruffianarsi il cliente !Trovo l'idea molto infantile e adatta solo a pargoletti in età scolare ma immagino frotte di mamme,nonne e di zie pronte a riempirsi il frigorifero pur di far contenti i pupi di casa....

    RispondiElimina
  8. Ciao! E' pazzesco cosa non si farebbe pur di vendere! Bravo! Fai bene a parlare di questo perchè molte volte certe strategie di mercato si ignorano completano! Un abbraccio e buona giornata
    paola

    RispondiElimina
  9. i prodotti non sono sanissimi ma l'idea è giusta, attira molto :-)

    RispondiElimina
  10. In sintesi i consumatori medi sono una massa di decerebrati, con tutto rispetto :)

    RispondiElimina
  11. mammamia a me fa impressione che le persone siccome vedono il proprio nome stampato si dimenticano di tutti i sani consigli, delle terribile informazioni e di usare la testa

    RispondiElimina
  12. M apensa te ... questa se la regalassi a mio marito ne andrebbe matto! Ma non ci penso nemmeno a comprare la nutella perciò .. lui ha i trigliceridi a 400 e rotti, se non prendesse la pastiglia. Cerco di stare attenta a ciò che gli cucino, solo che lui è goloso e se trova la nutella in giro, non ragiona.
    Comunque le pensano tutte per businnes!

    RispondiElimina
  13. Concordo Gunther, vogliono solo riconquistare clienti ed in modo un pochino furbetto...io la Nutella non la compero più, ci sono altre creme alla nocciola in commercio con ingredienti meno dannosi di quelli che contiene la Nutella..insomma cari signori del gruppo Ferrero, io posso vivere senza di voi. Tiè! ;-)
    Un abbraccio!!! Roby

    RispondiElimina
  14. No vabbè...questo è veramente assurdo. Non sanno più cosa inventarsi. E noi scemi che continuiamo a cadere nelle loro trappole!

    RispondiElimina
  15. E' triste ma forse è così, c'è gente che farebbe di tutto pur di mettersi in mostra. Devo dire che chi ha avuto questa genialata ci ha preso...nostro malgrado.Io ne faccio volentieri a meno,e vivo bene lo stesso.
    Un abbraccio, ciao!

    RispondiElimina
  16. Ciao Gunther questa non l'avevo ancora sentita! Mah, non capisco cosa ci sia di cosi allettante nell'avere un barattolo personalizzato, il sapore dalla Nutella, ammesso che piaccia sarà sempre lo stesso.. Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  17. ultimamante anche le bottiglie di cocacola hanno i nomi stampati sulle etichette....credo proprio che la personalità non si esprima così!!!!!un saluto e buon we...

    RispondiElimina
  18. ciao Gunther, la grandi industrie non fanno che sfruttare l'igenuità o la disattenzione di alcuni compratori alle etichette e cercano di aumentare le vendite con queste pochezze di etichetta personalizzata.
    grazie per condividere articoli che aprono gli occhi sulle industrie alimentari e non solo

    RispondiElimina
  19. sempre novità pur di "vendere" ...il fatto di personalizzare o customizzare è ormai nei pensieri di tutti...per la nutella passo, vista la mia allergia alle nocciole e per la cocacola pure....credo di essere una delle poche al mondo che non ama il gusto della famosa bevanda!!! ihihi

    ps. però posso dirti che anche nel mio settore vanno i prodotti customizzati!!!

    RispondiElimina
  20. :D :D :D!!!

    Scusa, ma mi vien troppo da ridere!

    Qualcuno (cioè io me medesimo personalmente di persona) ci aveva già pensato tempo fa :D :D :D

    Unica differenza che il prodotto fatto in casa è decisamente superiore a quanto ci propina in grande scala la Ferrero! :)))

    RispondiElimina
  21. ciao non sò se hai tempo per questi giochetti, nel caso potresti passare da me c'è un premio tutto al maschile ciao a presto

    RispondiElimina
  22. Meglio scegliere e considerare i prodotti per la loro bontà e non per le varie strategie di mercato.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  23. quello che mi fa incavolare di più é che sono tutti prodotti indirizzati ad un pubblico di giovani e giovanissimi ecco perché la strategia vince, il peggio é che le mamme acconsentono alle richieste dei propri figli senza porsi troppe domande, quando invece certe 'strategie" dovrebbero farci riflettere e ricercare le motivazioni nascoste, tu l'hai perfettamente colte e grazie per spiegarcele cosi' chiaramente. Io sono fortunata , in un certo senso, ho un figlio che non ama affatto la Nutella, sarà un caso raro ma io ne sono felice :)

    RispondiElimina
  24. sto attenta a quello che magio e che cucino cerco il km0 e cerco il più possibile di fare tutto in casa, ma alla nutella non riesco a rinunciare !
    buona estate
    Alice

    RispondiElimina
  25. la cosa per il Magnum personalizzato? Mah...non capirò mai cos'è che piace alla gente, io non la farei nemmeno se me ne regalassero un camion di Magnum! Strategie di marketing...finchè c'è chi si fa sedurre le aziende ne penseranno sempre e sempre! Chissà che poco a poco la gente faccia la fila per comperare prodotti puliti, sani ed etici, questa si sarebbe una vera conquista. Sempre interessante passare da te. Ciao e a presto

    RispondiElimina
  26. quello che dici è giustissimo, io, del resto, non sono una fans sfegatata della Nutella, l'avrò mangiata 1 volta in vita mia, e poi si può anche preparare a casa, in maniera più naturale e senza conservanti...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi