giovedì 9 giugno 2011

Progressi nella prevenzione cancro al seno, il caso dell'apigenina e dell' exemestane

Le notizia di due studi sulla prevenzione del cancro al seno sono arrivati sul mio tavolo nelle stessa ora, circostanza insolita, ma diciamo pure fortuita che mi permette di andare fuori tema nel blog, ma di fare un po' d' informazione di più largo respiro, non è la giornata del cancro, ma lui non aspetta certo la giornata a lui dedicata. 

Importanza della prevenzione
La migliore terapia anticancro è sicuramente la prevenzione, che avviene attraverso un cambiamento di uno stile di vita più sano (non alcol, no tabacco, una alimentazione equilibrata di qualità e del movimento fisico) questo permette una diminuzioone del rischio, in un anno 1,3 milioni di tumori al seno sono diagnosticati in tutto il mondo, alcune donne più di altre sono considerate a rischio, per fattori genetici, storia familiare, malattie o patologie pregresse. L'importanza della prevenzione in questi casi è fortemente raccomandata accanto ad una prevenzione generica è bene associare anche una prevenzione mirata e individuale, oggi le risposte della scienza sono multiple come vediamo da questi esempi sia una prevenzione chiamiamola più semplice di base che una prevenzione di tipo farmacologico, la cui scelta spetta a voi parlnandone con il vosto medico di fiducia e con il centro dove siete seguite, io pubblico la notizia ma non la terapia .

Il ruolo dell'apigenina nella prevenzione del cancro al seno

Alcune piante che mangiamo contengono una sostanza nutritiva che avrebbe un effetto protettivo contro il cancro al seno, alimenti come prezzemolo, sedano, mela, arancia, frutta secca: tutti questi alimenti hanno in comune apigenina. Questo composto, la famiglia dei flavonoidi, potrebbe ridurre il rischio di cancro della mammella nelle donne in postmenopausa in particolare dopo una terapia ormonale. Questo è quanto afferma uno studio pubblicato nella rivista Cancer Prevention Reseach di un gruppo di ricercatori dell' Università del Missouri dove la riduzione dello sviluppo di un cancro al seno è ridotta del 50% poiche l' apigenina inibisce la crescita del cancro, secondo i ricercatori  l'apigenina blocca il composto di crescita endotero vascolare  che è meccanismo importante per lo sviluppo del cancro.

Riferimento: Mafuvadze B, Benakanakere I, Lopez F, Besch-Williford CL, Ellersieck M, Hyder SM; Apigenin prevents development of medroxyprogesterone acetate-accelerated 7,12-dimethylbenz(a)anthracene-induced mammary tumors in Sprague-Dawley rats. Cancer Prev Res (Phila). 2011 Apr 19.


Un farmaco per la terapia ormonale riduce il rischio di cancro al seno

Un team internazionale di ricercatori ha dimostrato che la terapia ormonale con Exemestane (Aromasin ®) riduce l'insorgenza del 65% dei tumori al seno. I risultati dello studio, condotto su 4.500 donne in postmenopausa, sono stati presentati questo fine settimana a Chicago (Illinois) al Congresso 47a della American Society of Clinical Oncology (ASCO) e pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM)

Dr. Paul Goss dell'Harvard University, Boston), il ricercatore che ha presentato all'ASCO lo studio, ha testato l' anti-estrogeno, exemestane, appartenente alla famiglia degli inibitori dell'aromatasi. Già nelle donne in postmenopausa, questa molecola è diventata l'ormone di riferimento per prevenire le recidive di carcinoma mammario. si è voluto verificare con lo studio se poteva essere uitlizzato oltre che nella prevenzione secondaria anche nella prevenzione primaria

Lo studio ha visto coinvolte  4.560 donne in postmenopausa ad alto rischio di tumore al seno , la metà sono stati trattati con una compressa giornaliera di exemestane, l'altro un placebo. nei tre anni di studio nel gruppo in esame si sono verificati 43 tumori di cui 32 nel gruppo placebo e 11 tra le donne trattate, una riduzione del 65% dell'incidenza del tumore. Gli effetti collaterali (vampate di calore) sono stati leggermente più frequenti durante il trattamento, ma la qualità della vita era quasi equivalente nei due gruppi. Nessuna tossicità cardiovascolare o di osso è stato osservato, né eccesso di altri tumori.Non tutti sono daccordo con utilizzo di questo farmaco è bene precisarlo secondo alcuni si eclissa troppo sugli effetti secondari.

Lo stusio conclude che la molecola potrebbe essere un trattamento preventivo più efficace rispetto ad altre terapie, il tumori al seno sono la seconda causa di morte per cancro e una delle diagnosi più temuta nelle donne. Teniamo presente però che finora , la prevenzione del tumore al seno dovrebbe venire prima attraverso la dieta e regolare attività fisica, la cui efficacia è dimostrata, poi per le donne più a rischio di può pensare a un livello di prevenzione più mirato. Oggi abbiamo le conoscenze e gli strumenti per ridurre il loro impatto, li conosciamo, questa è la differenza rispetto ad anni fà. 

20 commenti:

  1. Grazie per questo post!!! in effetti vivo con un pò di timore perchè mia mamma ha avuto il cancro al seno, sono sempre utili queste informazioni e spero che tutti i medici si informino sempre e continuamente!

    RispondiElimina
  2. spesso il fatto che una mamma abbia avuto il cancro è considerato un fattore a rischio, fai i controlli una volta all'anno, sono certo che vicino a te c'è un centro specializzato

    RispondiElimina
  3. Grazie per questo post.Fatto da un uomo è ancora più prezioso!Non finirò mai di pubblicizzare la prevenzione.Ho avuto molti casi nella famiglia paterna e, un po' di coscienza va usata.
    Un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  4. Un post interessantissimo!!!! Grazie di vero cuore!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. popi bisogna mettere sulla bilancia costi e benefici, come per tutti i farmaci....
    e lo dice una che, sfortunatamente, li sta prendendo per evitare le recidive
    Insomma, come hai scritto, gli effetti secondari ci sono, e spesso sono invalidanti, C'è da sperare, oltre che di non averne mai bisogno, di trovare degli oncologi che sappiano mettersi nei panni della persona colpita e che sappiano valutare quanto certi "effetti insignificanti" siano in realtà duri da sopportare

    RispondiElimina
  6. questo post arriva giusto giusto dopo gli esiti del risultato di mia sorella. Paura passata e 10 kg in meno sul cuore. Più controlli si fanno meglio è. Non solo per il seno.

    RispondiElimina
  7. Un post più che interessante. La parola d'ordine rimane PREVENZIONE!!
    Buona serata Gunther :)

    RispondiElimina
  8. ho mia sorella maggiore che ha un nodulo al seno e d e sempre sotto controllo mi preoccupo sempre questo post e molto significativo per noi donne grazie come sempre del resto per la tanta notizia che ci dai..
    by da lia

    RispondiElimina
  9. Bene, allora d'ora in poi prezzemolo, frutta secca e mele avolontà ^-^ a parte gli scherzi, grazie delle info, molto importanti per tutte noi. ciao!

    RispondiElimina
  10. Grazie, grazie ed ancora grazie caro G.: è bello vedere un uomo che si sente impegnato realmente su un fronte che non lo riguarda in prima persona.
    Ti faccio i complimenti anche per i post precedenti, che ho letto ma non ho avuto la possibilità di commentarli.
    Buona serata,

    wenny

    RispondiElimina
  11. I post come questi sono benvenuti, specie da una persona che ha visto purtroppo troppi casi nella propria famiglia. A presto, K

    RispondiElimina
  12. E' sempre utile ricordare l'importanza della prevenzione. E' un post da leggere e far leggere alle proprie amiche :)

    RispondiElimina
  13. Gunther se tu non ci fossi andresti inventato ! Scherzo...ma grazie di questi posto così importanti !

    RispondiElimina
  14. Grazie per questo post e di averci ricordato alcune cose che a volte dimentichiamo.

    RispondiElimina
  15. articolo interessantissimo,come il tuo blog,ti seguo subito!

    RispondiElimina
  16. Interessanti come sempre i tuoi articoli!! Grazie Gunther!

    RispondiElimina
  17. La prevenzione è un'arma potente che Deve essere utilizzata.

    RispondiElimina
  18. molto interessante il primo riferimento.. sul secondo ho delle perplessità, perché l'utilizzo deigli inibitori dell'aromatasi hanno effetti collaterali pesantucci, a partire dall'osteoporosi, quindi utilizzarli come prevenzione davvero mi pare un po' azzardato,insomma, salvo qualche caso davvero fortemente a rischio (o in caso di rischio recidive, forse...). Fondamentale invece è che la ricerca continui a muoversi, quello sì!!

    RispondiElimina
  19. grazie per l'informazione, è molto importante sapere cosa si mangia e soprattutto è importante prevenire malattie gravi con alimenti sani!
    un bacione!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi