lunedì 25 ottobre 2010

Il dolce & il salato news : nuovo cioccolato con Stevia, Nestlè diminuirà del 10% il sodio nei prodotti Buitoni.


L'aumento della disponibilità dei prodotti con troppo zucchero e dei prodotti con troppo sale, ha fatto la fortuna di molte aziende ma l'uso smodato ha generato nel corso degli anni dei problemi sulla salute, ma sopratutto ha modificato il nostro senso del gusto tanto che facciamo difficoltà a percepire in modo corretto il gusto del dolce e del salato. Ora da più parti si cerca di sviluppare una serie di nuovi ingredienti che permettono di ridurre il contenuto di sale e zucchero ma rimanere inalterato il senso del gusto dolce e del gusto salato. Io ho più la sensazione che l'eventuale beneficio possa trasformarsi in danno perchè non educano a adoperarne meno, tendono a rimanere inalterato il sapore ma non il contenuto, questo secondo me è una scelta più di marketing che di una vera scelta di salute.

Il dolce: il cioccolato con stevia



Ho provato lo scorso weekend uno yogurt con stevia della Danone Taillefine , non era la prima volta che provavo un alimento con Stevia e avevo qualche perplessità sul gusto, ora posso affermare con convinzione dopo avere provato sia il cioccolato Villars, lo yogurt Danone Taillefine e Vitaminewater, che il gusto al mio palato non è gradevole, si sente molto il sapore dolce anzi moltissimo è come quando metto in bocca qualcosa di troppo dolce che mi disturba e poi ha un retrogusto metallico persistente.


Stamani la Barry Callebaut ha annunciato il primo cioccolato con Stevia prodotto su scala industriale. questo nuovo cioccolato con Stevia sarà in grado di ridurre del 65% le calorie rispetto ad un cioccolato tradizionale. Secondo la Barry Callebaut, questo cioccolato non ha differenze sensoriali rispetto al cioccolato tradizionale. In termini di etichettatura, il cioccolato con Stevia potrà dichiarare : ridotto di zucchero (90%), contiene solo il 5% di zuccheri . Questo cioccolato sarà lanciato in Europa da Cavalier, azienda belga da diversi anni specializzata nella produzione di cioccolato a ridotto contenuto di zucchero e di grassi.

C'è una corsa da parte delle aziende ad adoperare questo nuovo tipo di zucchero anzi di edulcorante naturale, ma vorrei frenare un po' gli animi perchè al di là delle poche calorie potrebbe non piacere a meno che non si trovi il modo di darli un sapore più piacevole al palato. La mia sensazione non è del tutto errata, tanta che pare che la società di aromi Wild ha sviluppato una gamma di soluzioni per il migliorare il sapore degli ingredienti a base di Stevia. Queste soluzioni migliorano la dolcezza e la corposità tuttavia io rimango un po' scettico.

Il salato: Nestle - 10% di sodio in alcuni prodotti




La divisione dei Cibi Pronti Nestlè ha annunciato Venerdì 22 ottobre la sua intenzione di ridurre del 10% di contenuto di sodio in alcuni dei suoi piatti. Il gruppo ha detto che questa misura non avrà assolutamente alcun effetto sul sapore dei prodotti, la riduzione avverrà adoperando sale marino, olio d'oliva e formaggio. Questa decisione sarà principalmente sui marchi Stouffer's®, Lean Cuisine®, BUITONI®, Hot pockets® and Lean Pockets® .
Commoventi le dichiarazioni di Brad Alfonsi, presidente del comitato esecutivo di Nestlé USA"Siamo impegnati ad aiutare le persone a migliorare il loro benessere, fornendo cibo sano e delizioso. Questo è ciò che intendiamo per " Good Food, Good Life ", Ci dobbiamo credere? Staremo a vedere, intanto vi ricordate quanto sale c'era nella pizza margherita Buitoni? Una pizza margherita conteneva il 78% della Rda giornaliera. Il fatto che lo sostituiscono con un mix di sale olio e formaggio non è molto chiaro, non aumeterà il prodotto di qualche grammo di grasso e calorie, cosi per dire? Che questo sia sano sarà tutto da verificare!

Post Correlati: Stevia contro l'Obesita?, Cioccolato Villars il primo cioccolato con stevia, l'acqua aromatizzata Vitamin Water

26 commenti:

  1. E continuo a leggere con attenzione ogni tua parola, a pensare e ragionare sull'alimentazione mia e della mia famiglia. Sono sempre più dell'opinione di comprare amterie prime, poi mi chiedono come faccio a spendere così poco quando faccio la spesa, semplice, compro materie prime e gli alimenti li preparo in casa, con la giusta (per noi) quantità di sale e di zucchero.

    RispondiElimina
  2. Gunther ci prendono proprio in giro ! sono spesso soltanto espedienti commerciali che non c'è ricerca nutrizionale vera ! Un anno ho coltivato una piantina di stevia, poi l'inverno se l'è portata via, ma sai che ho mangiato una foglia e mi è venuta una colica di pancia... sarò io particolarmente sensibile ma per me la stevia ha chiuso ! ciao un caro saluto !!!

    RispondiElimina
  3. In India si trova da anni e qualche volta l'ho comprata giusto per curiosita' piu' che per necessita' visto che il dolce non e' il mio gusto preferito ovviamente non mi e' piaciuta granche', pero' proprio settimana scorsa l'ho ricomprata pensando di riprovarci ma non ho ancora aperto il pacchetto!
    Condivido pienamente le tue perplessita' anche se sono certa che riusciranno a migliorarne il gusto, ma mi pare che lo zucchero aumenti l'assorbimento di un aminoacido chiamato triptofano che il corpo usa per fare serotonina e mi chiedo se anche la stevia come lo zucchero alzi i livelli di serotonina, che poi e' la sostanza che fa sentire felici. In caso contrario chi mangia dolci per uscire dalla depressione o per carenze affettive non otterrebbe l'effetto voluto e quanto prima tornerebbe allo zucchero, che come ho gia' detto da qualche altra parte qui nel tuo blog, e' da considerare una addiction, lo zucchero e' una droga a tutti gli effetti ma la gente non ne e' consapevole. Lo zucchero crea dipendenza e questo per me e' il chiaro sintomo di droga, come l'alcool, come le sigarette e' una droga che e' a disposizione di tutti fin dall'infanzia.
    Mi piacerebbe saperne di piu' sulla stevia e la serotonina, oggi faccio una ricerca! Grazie per i tuoi posts sempre interessanti.

    RispondiElimina
  4. Gunther...mi fai l'effetto della Gabanelli a Report la Domenica sera...non potrei stare senza le tue analisi oggettive ed equilibrate ma d'altro canto certe situazioni lasciano un amaro in bocca che nemmeno la stevia in quantità massiccie può attutire! :P eehehehhheeh
    Faccio buon uso di tutto quanto hai detto nella speranza di trovare sempre soluzione alternative più salutari e meno artefatte ;P
    Grazie come sempre :))

    RispondiElimina
  5. leggerti è sempre una scoperta.. è come riuscire ad aprire gli occhi davanti a cose che non si guardavano.. oggi mi hai informato di qualcosa che non conoscevo ancora ma da cui starò un po’ alla larga... condivido il tuo scetticismo...

    RispondiElimina
  6. @blunotte, grazie sei sulla buona strada non abbandonarla mai
    @rossella, no ti prego non prederla così va prima trattata per ricavare la stevia
    @Brava chamki, non ci avevo pensato molto, è molto intelligente come considerazione, dalle letture che ho fatto non se ne parla, anche perche si dice che non apporta variazioni nel sangue, si parla di effetti negativi della stevia ma non di questa relazione, chi vuole sapere cosa è la serotonina lascio qui un link semplice ma chiaro:
    www.my-personaltrainer.it/fisiologia/ormoni/serotonina.html
    Dal momento che diversi ricercatori ci leggono lo so che non siamo Lancet ma nemmeno Eva 3000, se qualcuno vuole dirci qualche cosa in più siamo ben lieti.

    @gambetto he he he come la gabanelli spero di non avere le stesse denuncie!!! ciao :-))

    26 ottobre 2010 10:13

    RispondiElimina
  7. Ovviamente!!! :D ehehehehhehehe

    RispondiElimina
  8. Il troppo dolce non mi piace ma, mi piacerebbe assaggiarla questa stevia!
    Sempre avanti sei...

    RispondiElimina
  9. A me questi intrugli industriali inquietano sempre molto... poi se vogliono farli passare per dietetici ancora di più. Buon lavoro come sempre, Gunther. alla prossima!

    RispondiElimina
  10. ......ecco perché perché cerco di farmi più cose possibili a casa!!

    RispondiElimina
  11. Grazie per l'interessante e utilissimo post!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. io credo che questa scelta di marketing che hai ben messo così in evidenza sia un po' il senso generale che dilaga..troppo zucchero fa male troppo sale fa male...non lavoriamo mai sulle cause ma inventiamoci nuove soluzioni, nuove finzioni.
    Avevo un po' seguito la storia della stevia, ne avevo pure una piantina poi morta....ho cercato di capire se poteva far bene e far male e qualcuno diceva che poteva fare molto male...ora però è stata sdoganata e sembra essere diventata buona...mah!
    In ogni grazie per questo lavoro

    RispondiElimina
  13. Qui la stevia la vendono come dolcificante nelle erboristerie, mai provata..io sono zucchero dipendente.
    sul resto credo che la cosa migliore sarebbe farsi i piatti con le nostre manine, ma a volte iltempo é quello che é, ma insomma io in genere se non ho tempo cambio menu´..
    .Questi tuoi post sono interessantissimi, l'educazione a una valutazione critica sugli attributi di un prodotto definiti dalla pubblicitá dovrebbe essere materia scolastica...

    RispondiElimina
  14. ciao Gunther
    I prefer to privilege the taste so for Sugar I prefer to have real sugar and I put less in my food !!
    Ciao de Parigi !!Pierre

    RispondiElimina
  15. Grazie per le info Gunther, è sempre un piacere leggere i tuoi post.

    RispondiElimina
  16. Io non sono pratica in materia, ma penso che tutte queste proposte fatte dalle aziende, abbiano ben poco a che fare con la salute,ma siano solo un modo x far comprare e aumentare i guadagni.Io sono del parere che sia meglio mangiare,ad esempio,un quadretto di cioccolato invece di tre , fatto in modo tradizionale! E poi limitare, se si può,di comprare troppi cibi preparati.Fare a casa tutto quello che è possibile limita i danni.Buona giornata e grazie x le tue preziose informazioni!

    RispondiElimina
  17. Mi lasciano perplessa le sostituzioni sia dello zucchero che del sale, con meno zucchero e sale sono daccordo, so che la stevia è un edulcorante naturale, io l'ho comprato in svizzera alla coop e devo dire che il sapore è peggio della saccarina, l'ho preso per curiosità, se uno è diabetico allora secondo me va bene per per chi non ha malattie, non mi sembra di gusto piacevole

    RispondiElimina
  18. Ciao Gunther sono sempre molto interessanti le tue ricerche. Io ho assaggiato la Stevia che, tra l'altro, qui in Italia dovrebbe essere un prodotto legalmente borderline (una volta era vietato). Concordo invece sul sapore, ma non credi possa essere una valida alternativa per coloro, come i diabetici, che lo zucchero non possono nemmeno annusarlo?Del resto gli edulcoranti non è che abbiano un aroma molto più gradevole della stevia. Che poi le aziende, con la stevia, abbiano acquisito altre nicchie di mercato non ci piove, ma questo è un altro discorso.
    ciao
    Sara

    RispondiElimina
  19. Io ho letto in un libro di nutrizione che la stevia quantomeno non dovrebbe essere dannosa per l'organismo...

    RispondiElimina
  20. le tue descrizioni mi incuriosiscono, ma qui ormai consumiamo così pochi cibi pronti... non credo sia un male, che dici, mi tengo la curiosità? :-)

    RispondiElimina
  21. Dici bene te: tutto marketing. E chi dice che ha "a cuore la salute delle persone" è lo stesso che le ha messe in pericolo in un recentissimo passato imbottendoci di grassi idrogenati, sale a go go, glutammati delle più diverse specie e via discorrendo. Questi signori hanno un tale potere di guidare il gusto delle persone che ora, il cibo vero, quasi non viene più riconosciuto. E, credetemi, non sto dicendo un'eresia.Mi viene in mente il classico esempio dello yogurt: la maggior parte di quelli in commercio oltre ad avere sostanze poco conosciute e preparati di frutta di difficile comprensione, sono molto zuccherosi (per coprire forse altri sapori poco gradevoli). Tant'è che oggi la massa è convinta che lo yogurt con il tipico retrogusto acidulo non è più buono. NIENTE DI PIU' SBAGLIATO!!
    Bel post, come sempre, grande ricerca e grandi contenuti.

    RispondiElimina
  22. Anche io sono sempre piuttosto scettico di fronte alle "svolte salutistiche" delle multinazionali. Di fatto la produzione industriale dei cibi preclude la possibilità di sceglere ingredienti "sani" e privi di additivi di varia natura.

    La questione sul troppo sale e zucchero è scandalosa.
    La quantità di sodio e zuccheri inserita in alcuni alimenti è davvero esagerata, ma purtroppo nessuno se ne cura...

    Basta scrivere in grande "- dell'1%di grassi" e il resto passa in secondo piano..

    Grazie per quest'articolo, interessante e preciso come sempre:-)

    RispondiElimina
  23. non so se avrò mai il coraggio di assaggiare qualcosa dolcificato con la stevia... quando vedo un prodotto che si fa chiamare light ho imaparato a mie spese che ha una lista di ingredienti lunghissima e il sapore è terribile...
    So che è un dolcificante naturale.. sicuramente meglio di manitolo &co.. ma dopo aver assaggiato il succo d'agave... bleah!!
    Preferisco mangiare saltuariamente un buon cioccolato classico.. meglio ancora fontende e con zucchero di canna... che se si cerca bene ce ne sono..e godermi tutte le sue calorie:)
    Il rimango della idea meno ma buono!!!

    RispondiElimina
  24. ah ah, mi fai effetto Gabanelli, come Gambetto!

    Ieri sera ero alla cassa del supermercato e ti ho pensato, tra le caramelle c'era il "dado" per fare il cioccolato, ma siccome non sono una buona reporter non ricordo ne' il nome ne' la marca, chissa' se tu l'hai trovato e assaggiato (praticamente dei dadi di cioccolato che si sciolgono nell'acqua per fare la cioccolata calda :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  26. @michele
    i commenti che non riferiti a un profilo reale non ci piacciono

    al di là di questo, forse lei non ha letto il post, non ci ponevamo il problema se la stevia fosse positiva dal punto di vista della sicurezza o della salute, ma del gusto che dà agli alimenti, ero questo il dubbio che si esprimeva, sulla sicurezza o meno è un problema che non è di nostra competenza

    noi lo abbiamo classificato come edulcorante d'origine naturale, tutto qui, con tutti i pro e i contro degli edulcoranti

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi