martedì 23 giugno 2015

Perchè non parli dell'Expo 2015?

Giuliana P: posso chiederti una cosa, se uno dei pochi media che ancora non ha parlato dell'Expo 2015, come mai?

Si puoi chiederlo senza problemi, la risposta è semplice non ci sono stato, non posso parlare di qualcosa che non ho visto, non è come in tv che da Cagliari ti dicono quanto è bello l'Expo a Milano, ma lo avete visto? 

I media come la televisione, i giornali, i quotidiani, sono pagati per parlare dell'Expo, si è parlato sulla stampa di più 5 milioni d'euro dati solo alla Rai e cosi altri media, io non lo so, io ho ricevuto solo un invito per una conferenza stampa all'interno di un padiglione, ho chiesto se per entrare dovevo pagare il biglietto mi hanno detto di si, non sono andato, pago il biglietto di 39 euro per andare a sentire qualcuno che non ho mai sentito nominare in vita mia?

Come quando qualcuno che non conosci t'invita al ristorante a mangiare e ti chiede di pagare il conto, anche che no grazie!

Volevo solo precisare che i blog non sono come gli altri media, c'è stato un momento in cui alcuni ci sono dati ai blog pensando di diventare giornalisti, oggi scrivono per 8 euro a pezzo, guadagna più la mia donna delle pulizie, la stampa è in crisi non solo finanziaria ma anche d'idee e credibilità.

I blog come il mio sono un altra cosa, diffidate dei blog dei giornali non posso essere blog se hanno alle spalle un editore, ma fanno credere di essere blog per darsi una credibilità e scucire un po' di soldi alle aziende che sono disposte a credere a tutto.

Siccome danno otto euro a pezzo i giornalisti cosa fanno? Copiano e incollano i comunicati stampa delle aziende. Io sono un altro genere, oltre alla mancanza di una retribuzione, io il lavoro ce l'ho già, cerco di fare una discussione, su un argomento fornito dai studi medico scientifici pubblicati sulle riviste internazionali, cercando di fare consapevolezza intorno a un problema spesso di salute con riflessi sull'alimentazione.

Quello che dice quell'azienda e quell'altra azienda non mi interessa, non lo ascolto nemmeno, sono giudizi di parte che non aiutano ad affrontare un problema di salute, avete mai visto un azienda che produce integratori d'omega 3 che parla male dell'integratori d'omega 3?

Io non l'ho visto Expo 2015, non so se è interessante la stampa mi rimanda più sensazioni negative che positive ma per tutte quelle persone che non hanno la possibilità d'andare alle fiere internazionali d'alimentazione può essere un occasione, certo un occasione che non è proprio regalata, costa non poco viaggio, ingresso e permanenza.

Io sento meno questa curiosità sono appena stato alla fiera dell'alimentazione di Parigi  ad Hong Kong, sono in partenza a giorni per il Fancy Food a New York, in questi eventi ci sono già stands con tutti i prodotti di tutti i paesi del mondo, per questa ragione sono stato uno dei primi a parlare dello zucchero di palma, del coriandolo in India, della Vaniglia de la Reunion, dell'Acai del Brasile, del succo di Agave dal Messico.

Comunque avete tutti gli altri media che ne parlano in continuazione dell'Expo 2015 sono certo che anche se io piccolo blog sconosciuto non ne parlo non se ne accorge nessuno o quasi.



6 commenti:

  1. Beato te che puoi andare a visitare altri paesi e ad arricchirti con un bagaglio nuovo di conoscenza su dei prodotti nuovi che fanno bene alla salute. L'Expo, non ho idea cosa si fa lì, anche perché non sono stata e non so se andrò, visto che i biglietti sono molto costosi e solo arrivare fino lì, ci vogliono degli altri. Si sente molto parlare ma.... ....Ti auguro buon viaggio !

    RispondiElimina
  2. Apprezzo la tua serietà!
    Io abito a due passi da Expo, ma per ora non ho ancora sentito il bisogno di andarci, anche se c'è un biglietto serale molto conveniente a 5 euro.

    RispondiElimina
  3. Ma si, Che senso ha aggregarsi al rumore?
    Io da milanese che vive all'estero però ti dico che un po' sono contenta che ci sia l'Expo, e soprattutto che sia a Milano, città sulla quale dopo Duomo, Leonardo e moda non riesci più a dire nulla. Città in crisi di identità, inospitale, piccola e a volte presuntuosa.
    Mi sembre che queste iniziative (fatte bene o male, non entro nel merito perché neanche io ci sono stata a Expo) ) siano un po' come la pubblicità istituzionale: non serve ma aiuta...

    RispondiElimina
  4. Mi associo ad Eli e aggiungo: ma poi ce lo sveli il trucco...cosa prendi, quale integratore, quale bevanda, cosa fumi..insomma per essere sempre (più) brillante, ironico, vero nelle risposte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. acqua del rubinetto perfino! :-)) smack

      Elimina
  5. caro Gunther, fai parte di una razza a rischio estinzione: quella di chi parla di ciò che conosce!
    ah, se facessero altrettanto certi giornalisti...
    LA LUNA NERA

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi