venerdì 24 aprile 2015

Olio di soia OGM sano?

Mentre una piccola parte del mondo dichiara d'essere impegnata per un alimentazione green, dall'altra parte dell'oceano si tessono le reti per gli alimenti del futuro.

Negli Stati Uniti due grandi multinazionali stanno lanciando sul mercato olio di soia, dov'è la novità vi starete chiedendo è un prodotto che è già in commercio!

Questo olio di soia è più originale e fa parte di una nuova politica che tende a restituire un vantaggio per i consumatori in cambio della scelta di un prodotto che arriva da OGM.

Fino a ieri si era sempre puntato nella comunicazione dei prodotti OGM sui vantaggi dei coltivatori, un minore lavoro nei campi e un maggiore raccolto, ma quale vantaggio per i consumatori?

Abbiamo già visto il caso Muufri, il latte vegetale ricavato dalle biotecnologie (OGM), senza lattosio, che non aveva bisogno di conservazione, ora arriverà sul mercato l'olio di soia OGM sano, per la salute di chi vi chiederete? Questo obiettivamente è tutto da vedere.

Le due multinazionali coinvolte sono Monsanto e Dupont, il primo olio di soia OGM sul mercato sarà quello della Dupont con il suo marchio della agrochimica Pioneer mentre quello della Monsanto si chiamerà Vestive oro.

La Dupont punta molto con il paragone dell' olio d'oliva sostenendo che quest'olio di soia è ottenuto dalla soia modificata al fine d'ottenere un olio ricco d'acido oleico, privo d'acidi grassi trans e rispetto all' olio di soia classico non irracidisce.


Qualche mia osservazione personale gli OGM sono sempre stati presentati come la tecnologia che sfamerà il mondo, diciamo che l'olio di per sé è un condimento, se proprio bisogna iniziare da un alimento più corposo forse è preferibile puntare su altro, perché è come se io invito qualcuno a cena e metto in tavola solo la bottiglia d'aceto, capite non è proprio un idea entusiasmante.

Altra debolezza è il paragone con l'olio d'oliva, il cui uso è vero che è in qualche modo legato alla salute ma anche alle sue proprietà organolettiche che nell'olio di soia sono più difficile da ritrovare, ha un gusto diverso, a meno che non fate un olio di soia con il sapore dell'olio d'oliva (sono certo che ci stanno già pensando).

Inoltre c'è un altro problema se dobbiamo parlare d'olio vegetali, l'olio d'oliva non è il più utilizzato, i più utilizzati sono olio di colza, mais, palma, pertanto sono anni che l'olio d'oliva versa in una profonda crisi commerciale, il cui prezzo rimane molto basso, per la grande offerta sul mercato d'olio d'oliva di molto superiore rispetto alla domanda.

Immettere un nuovo prodotto deve rispondere a un bisogno o una domanda latente da andare a soddisfare, non comprendo che tipo di domanda vada a soddisfare l'olio di soia OGM, quando c'è già un offerta ricca d'olii vegetali..

Per questa ragione il paragone con l'olio d'oliva e l'olio di soia OGM rischia d'essere un fallimento, già il mercato non si riesce a consumare tutto l'olio d'oliva perché dovrebbe adoperare forse a parità di qualità nutrizionali quello di soia OGM?

Post correlati:

9 commenti:

  1. Forse queste multinazionali pensano di creare una domanda futura con l'illusione che l'olio di soia OGM faccia tanto ma tano bene alla nostra salute. Io sono per l'olio d'oliva, le cui caratteristiche nutrizionali e le svariate qualità organolettiche, in funzione della cultivar e del luogo di coltivazione, non possono essere certo eguagliate da un prodotto creato a "tavolino".

    RispondiElimina
  2. eppure ci saranno degli studi di domanda/offerta e di marketing dietro alla preparazione di un prodotto, non sarà lanciato a caso.....almeno spero, forse da noi dove la tradizione dell'olio extravergine è forte facciamo più fatica a capirlo!

    RispondiElimina
  3. per me olio extravergine di oliva per sempre !!!! Sarò tradizionalista?!
    buon we
    Alice

    RispondiElimina
  4. io vengo da un paese dove l'olio di semi va consumato molto,ma arrivata qui ho "conosciuto" l'olio di oliva e non credo che esita olio migliore...ovviamente va consumato in dosi moderati come la dieta mediterranea lo prevede ;)

    RispondiElimina
  5. Neanche per un attimo mi sfiora l'interesse per questo olio, serve consapevolezza per non farsi irretire dagli interessi economici di altri ... ciao Gunther !

    RispondiElimina
  6. resto dalla parte del nostro buon olio extra vergine italiano magari coltivato con metodologie antiche, altro che modernità !

    RispondiElimina
  7. anche per me solo olio extra vergine d'oliva ^_^ buon we

    RispondiElimina
  8. mi fai morire, olio di soia al sapore d'oliva, hahahahahah, è vero sicuramente ci stanno già pensando. Qui purtroppo il paradosso è che non si cercano soluzioni a reali problematiche ma solo nuove strategie commerciali, vedremo davvero dove andremo a parare

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi