venerdì 31 ottobre 2014

Esistono alimenti anticolesterolo?

Andrea G, Taranto : Esistono alimenti anticolesterolo?

Il 50% di coloro che hanno il colesterolo alto, la causa è un alimentazione inadatta l'altro 50% è invece d'origine genetica. Nella maggior parte dei casi diminuire il colesterolo del 10 o del 20% è possibile farlo modificando la propria alimentazione unito a un programma d'attività fisica.

Con un buon programma d'attività fisica è possibile diminuire il colesterolo cattivo del 5%, come fare footing 30 minuti al giorno o altra attività fisica come andare in bicicletta, nuotare e ballare.

All'interno di una dieta specifica per diminuire il colesterolo come abbiamo già detto in altri post che trovate in fondo, ci possono essere alcuni alimenti che più di altri possono contribuire a fare scendere il colesterolo, diminuire il colesterolo cattivo e aumentare il colesterolo buono (sono solo alcuni degli alimenti più facili da trovare con un buon rapporto qualità/prezzo).


Le Mele
Grazie al ruolo della pectina e dei flavonoidi, le mele sono ricche di pectina, una fibra solubile che ha la capacità d'assorbire il colesterolo cattivo e i grassi. I flavonoidi invece sono degli antiossidanti che hanno un riconosciuto ruolo protettore cardiovascolare.
Basta prendere l'abitudine di mangiare mele sia crude che cotte dopo il pasto a colazione a merenda oppure con uno spuntino.
Ideale mangiarne 2 o 3 mele al giorno.

Legumi secchi
Le fibre solubili contenuti nei legumi secchi diminuiscono l'assorbimento dei grassi e abbassano il il tasso di colesterolo nel sangue.
Hanno anche un contenuto di fitosteroli che hanno una riconosciuta azione anticolesterolo.
In insalate, zuppe. primi piatti oppure come accompagnamento per un secondo piatto.
Una porzione di 60g più volte durante la settimana


Frutta secca
Noci, nocciole e mandorle sono ricche di acidi grassi polinsaturi, fibre e fitosteroli, una combinazione ideale per aiutare a fare scendere il tasso di colesterolo.
Qualche frutta secca nell'insalata, in un primo piatto, nella zuppa, con lo yogurt a merenda
Da due a quattro o cinque frutti secchi al giorno che non hanno alcuni impatto sulle calorie totali del giorno.

Crusca d'avena
Grazie alla ricchezza di beta glucani, una fibre alimentare che la lo stesso ruolo della pectina delle mele.
Potete utilizzarla sotto forma di farina da includere nelle preparazione per fare pane, pizza ma anche crepes.
Meno di 20 g al giorno.


Sardine, sarde, sgombri
Il pesce contiene una grande quantità di grassi insaturi, come gli omega 3.
Fresco e in conserva, riescono a mantenere grosso modo le virtù nutrizionali, meglio se in un buon olio d'oliva extra vergine preferibile rispetto ad altri.
2 o 3 volte alla settimana.

Post Correlati:

14 commenti:

  1. bisogna prendere l'abitudine di sapere sempre ciò che si ingerisce cosa fa bene al nostro orgsanismo...
    ma i tuoi post sono sempre ben correlati di tante informazione utili...
    lia

    RispondiElimina
  2. alimentazione e attività fisica....chissà perchè siamo sempre così restii a cambiare le nostre abitudini, anzi cattive abitudini! bisogna continuare a parlarne come fai tu in maniera semplice e chiara e niente bacchette magiche come ogni tanto le pubblicità ci vogliono far credere!
    un saluto e buon week end
    raffaella

    RispondiElimina
  3. come sempre post molto interessante grazie !!!

    RispondiElimina
  4. Grazie Gunther, post esaustivo. Conosco benissimo questi alimenti e le loro funzioni perchè mio marito soffre di colesterolo alto, di famiglia e ho imparato a preparargli da mangiare, con un occhio agli ingredienti che utilizzo.

    RispondiElimina
  5. post interessantissimo, sapevo della frutta secca ma non delle mele!
    Grazie e buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  6. a parte le mele consumo tutto quello che hai elencato ^_^ grazie dei tuoi post sempre molto esaustivi, buona domenica

    RispondiElimina
  7. Ho pubblicato proprio qualche giorno fa un post con una ricetta con la quale ho partecipato ad un contest il cui tema era, appunto, il colesterolo. Al di là dell'alimento in sè, come dici nell'introduzuione, credo che sia fondamentale essere consapevoli di ciò che si mangia, degli ingredienti nascosti (sale e zucchero, prima di tutto) presenti in molti dei cibi industriali che acquistiamo. Cercare, poi di limitare i grassi e utilizzare questi alimenti di cui parli, è il secondo e utlilissimo passo. Grazie dei tuoi post sempre attualissimi!

    RispondiElimina
  8. a me manca la frutta secca...la includero'..Grazie!

    RispondiElimina
  9. Anche la frutta fresca oltre alla secca?? Interessante!!! Beh le mele...sono un toccasana, non c'è dubbio!!! Io poi....da buona trentina condivido :D Un abbraccio;)

    RispondiElimina
  10. è da una vita che convivo con il colesterolo alto di origine genetica. mangio tanto pesce ma poco di quello azzurro. abbondo invece con le mele e con la frutta secca, anzi da quando ne sto mangiando di più ho notato un discreto aumento dell'HDL con leggera diminuzione del colesterolo totale. visto che oltretutto l'adoro, motivo in più per continuare :)
    un abbraccio, buoan settimana

    RispondiElimina
  11. Non si può dire che non sappiamo le cose ... Attività fisica ecco cosa non faccio ! Grazie Gunther dei tuoi post mi danno sempre una rinfrescata ....

    RispondiElimina
  12. Grazie per questo tuo post, ma lo salvo, in famiglia c'è qualcuno che ha grossi problemi di colesterolo e stiamo facendo di tutto per abbassarlo. Terrò presente i tuoi preziosi consigli.

    RispondiElimina
  13. Mi interessa questo post,devo leggerlo assolutamente!!!Grazie,ciao a presto :-)

    RispondiElimina
  14. grazie per questo interessantissimo post, noto con piacere che il detto "una mela al giorno leva il medico di torno" è assai vero!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi