sabato 15 marzo 2014

Gli spinaci fanno dimagrire?

Anna S., Venezia: Ho letto che secondo alcuni risultati scientifici gli spinaci aiutano a dimagrire, è vero?

Non è proprio cosi, per rispondere alla tua domanda dobbiamo trasferirci in Svezia, all' Universita di Lund dove la ricercatrice Charlotte Erlanson - Albertsson, ha pubblicato uno studio interessante sugli spinaci.

La ricercatrice era alla ricerca di una soluzione naturale per rallentare la digestione e aumentare il senso di sazietà per evitare il mangiare fuori pasto, una dei comportamenti più frequenti nelle persone in sovrappeso e obese.

La ricercatrice si è concentrata sui Tilacoidi presente nei spinaci, e dopo avere preso i spinaci, schiacciati, filtrati e centrifugati ha ottenuto una polvere di spinaci ad alta concentrazione di Tilacoidi .

Ogni mattina 15 persone hanno preso un bicchiere di questa polvere diluita in acqua, i partecipanti hanno riferito che non sentono il bisogno di uno spuntino tra i pasti e di avere un maggiore senso di sazietà . 

Si ritiene che i Tilacoidi siano in grado di rallentare la digestione in particolare dei grassi, aiutano a inviare un senso maggiore di sazietà al cervello, inoltre dalle analisi dei sangue si e rilevato che il gruppo campione aveva livelli più stabili di zucchero nel sangue rispetto al gruppo che non aveva assunto la bevanda.

Secondo la ricercatrice Charlotte Erlanson - Albertsson l'estratto di tilacoidi ricavati dai spinaci contengono centinaia di sostanze attive, come galattolipidi, vitamine A , E , K , antiossidanti , beta - carotene , luteina l'effetto potrebbe essere dato dalla combinazione di queste molecole.


Questa è l'ultima ricerca che io ho trovato sui spinaci, a prescindere da questa ricerca i spinaci sono un ottima verdura, con un ottimo rapporto qualità prezzo e contribuisce alle porzioni delle minime 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, possono tranquillamente fare parte di una dieta ipocalorica.

I spinaci hanno un buon indice di sazietà e un basso indice glicemico dal punto di vista nutrizionale oltre a tutte le informazioni che trovate on line sulla vitamine e sali minerali (ve le risparmio), negli ultimi anni sono interessanti le ricerche sul contenuto di Luteina, Zeaxantina  e Betaina associate ad un minore rischio di generazione maculare, e sui Glicolipidi e sulla loro proprietà antinfiammatorie ma che non hanno ancora trovato dimostrazione sugli uomini.


16 commenti:

  1. magari fosse così! siccome li semino nell'orto e li mangio spesso... e non ho notato dimagrimento (purtroppo) sai Gunther che ho scoperto che il succo di pompelmo interagisce con tantissimi farmaci? probabilmente tu lo sapevi ma io no. Perchè non lo scrivono sui foglietti informativi mi domando? L'ho scoperto perchè ieri ho portato mio marito dalla dietista in ospedale per la sua rialimentazione ebbene... ce l'ha detto lei (e ha ribadito che nè il succo di pompelmo nè quello di ananas fanno dimagrire....) scusa per il commento "fuori tema" ma volevo dirtelo magari tu hai già fatto una ricerca ed un post, se è così scusami... buon week end e bacioni grandi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh infatti! lui prende farmaci per il cuore (ha avuto un infarto) e per lo stomaco (k-gastrico dovuto a adenocarcinoma) insomma non ci facciamo mancare niente... ma davvero è importante! dovrebbero scriverlo sul foglietto accidenti! pensa che, anni fa, avevo speso un patrimonio per un prodotto a base di pompelmo, in erboristeria ma lo vendono anche in farmacia, a causa di un problema che non si risolveva alla mia vescica... beh non è servito. Sì dai per piacere aggiorna il post di cui parli, lo leggeri molto volentieri. grazie sei un tesoro :-)

      Elimina
    2. si è vero, il rapporto tra alcuni farmaci e succo di pompelmo, in particolare alcuni farmaci come le statine e gli antiaritmici, ma anche le pillole anticoncezionali, per esempio nella pillola anticoncezionale bisognerebbe bere almeno 8 litri di succo di pompelmo per avere un azione anticontraccettiva, noi abbiamo difficoltà a raggiungere le 5 porzioni di frutta e verdura 500g.
      C'è poi una tollerabilità individuale che è difficle da conoscere e stabilire, ricordo di averne parlato i primi anni di blog, magari lo aggiorno.
      Chi prende alcuni farmaci orali come anti aritmici, calcio antagonisti, statine, immunosoppressori, inibitori della proteasi ecc per precauzione è bene che eviti da assumere contemporaneamente succo di pompelmo, ma dipende dal singolo farmaco, dalla quantità e dalla tollerabilità individuale, in genere queste raccomandazioni vengono fornite se è il caso direttamente dall'ambulatorio in particolare se si segue una terapia per più tempo

      Elimina
    3. recentemente per alcuni farmaci in teoria sarebbe sufficiente 250 ml

      Il problema infatti intercorre tra preparati in erboristerie e farmaci, capita spesso perchè sono estratti da pompelmo

      Elimina
  2. Ben vengano queste polverine magiche, sono naturali, saziano... però per il momento provo con qualche piatto in più di spinaci ! grazie Gunther !

    RispondiElimina
  3. Chissà se poi è veramente così? In ogni caso le verdure hanno più o meno questo effetto! Approfitto insieme a Batù, anch'io vorrei sapere qualcosa sui succhi, ma in generale. Ad una riunione all'asilo di mia figlia sono stati messi sotto accusa perché limitano l'assorbimento di alcuni costituenti essenziali (vitamine e minerali assunti con l'alimentazione), questo secondo un'alimentarista. Ho cercato in rete info a riguardo ma non ne ho trovate. So che il succo di pompelmo ha delle interazioni sull'assorbimento dei nutrienti alimentari se associato a farmaci ma da qui a generalizzare su tutti i succhi in generale ed anche in assenza di terapia farmacologica mi sembra eccessivo. Sai qualcosa a riguardo? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Natalia, mi metto un attimo in mezzo e ti dico che, nel caso di mio marito la dietista ci ha anche detto che il succo di pompelmo (non ha parlato di altri agrumi) in effetti può "dare fastidio" all'assorbimento come dici tu, però nel suo caso si tratta del post operatorio di una certa importanza (3/4 dello stomaco tolto) e di un problema di mal assorbimento ossia non riesce a prendere peso per via degli enzimi pancreatici. In condizioni di salute normale, anche a me sembra eccessivo, però parlo da profana naturalmente... la parola va a chi se ne intende!

      Elimina
    2. più che il pompelmo sono per i esempio il rapporto tra spinaci e ferro, benchè ne siano ricchi è poco assimilabile e consigliabile aggiungere durante il pasto o nella giornata della vitamina c

      per riguarda il pompelmo sono più i vantaggi che ci può fornire rispetto agli svantaggi, che almeno trascurabilli, una cosa diversa invece è il rapporto con i farmaci

      Elimina
  4. Buoni gli spinaci! Che abbiano un basso indice glicemico lo so perchè mia suocera è diabetica e la sua dieta li prevede. A casa mia comunque li consumiamo abbastanza spesso, a prescindere dal fatto che sia vero o meno che facciano dimagrire :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Da te si ha sempre occasione di imparare! Grazie!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ...e poi fanno crescere forti come Braccio di Ferro!
    :-)

    RispondiElimina
  7. anche io ne mangio molti e di sicuro preferisco i freschi alle polverine...ma non sapevo del basso indice glicemico,
    Grazie a nome dei miei cari diabetici!!

    RispondiElimina
  8. sempre notizie utili e interessanti da te!!! se ti dicessi quanti ne mangio io... non diciamolo che è meglio va! :D

    RispondiElimina
  9. Io avevo sentito una cosa simile riguardo al sedano. In verità credo che valga un po' per tutte le verdure, immagino che essendo ricche di fibre tendano tutte ad abbassare l'indice glicemico degli alimenti ed a ridurre il senso di fame.

    RispondiElimina
  10. Grazie a te ora conosco anche i Tilacoidi, rigiro il post a mia sorella, così la tengo aggiornata.
    Grazie per le informazioni, un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Magari si potesse fare anche con il cacao! :P eheheheheheehe Piuttosto scherzi a parte, è sempre interessante capire come poter sfruttare le caratteristiche del cibo per venire incontro a particolari esigenze, questo anche nel quotidiano, magari con piglio meno estremista e con il buon senso nella scelta della varietà, della quantità e della qualità :)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi