mercoledì 12 marzo 2014

Come faccio a capire se mio figlio è obeso?

Cecilia L., Torino : Come faccio a capire se mio figlio è obeso?

Che bella domanda, sono coinvolto in prima persona, cercherò di essere obiettivo, per un genitore  a volte è difficile capirlo, perché i nostri occhi sono su quel bel faccino pacioccone, con quelle belle gote, i bambini per natura hanno la faccia paffutella e tonda, che ricordano un po' la frittella, ma attenzione se in un' adulto si vede subito quando si ingrassa ahimè, sui bambini è meglio non fidarsi delle apparenze.

Se nell'adulto è più semplice verificare se si è in sovrappeso o obesi nei bambini è più complicato ma è più semplice intervenire. La cosa migliore è portarlo regolarmente dal Pediatra che volta per volta dopo avere misurato e pesato il bambino guarderà la curva di crescita, calcolerà il BMI confrontandolo in base al sesso e all'età, alla media degli altri bambini. Il medico stesso valuterà eventuale collegamento tra una causa e l'apparizione del sovrappeso e promuoverà un cambiamento delle abitudini alimentari o comportamentali.


A 18 e 24 mesi  le rotondità sono normali, in genere il BMI ha un' impennata fino 12-15 mesi, ma poi scendere al minimo a circa 6 anni  per poi aumentare nella nuova fase di crescita.
Alcuni segnali vanno tenuti dal Pediatra in considerazione come un rimbalzo precoce d'adiposità, come una crescita anomala del BMI:
- dopo i 15 mesi
- crescita anomala del BMI intorno ai 3-4 anni
- BMI nella norma fino ai  6-8 anni, ma poi cresce a livello esponenziale
Questi possono essere considerati in virtù dell'esperienza dei segnali anomali che richiedono un intervento sia comportamentale che alimentare.

Bambino a chi rivolgersi in caso di sovrappeso ?
- Il medico : medici e pediatri sono sempre più consapevoli della sorveglianza dell'obesità .
- Personale medico scolastico : che possono aiutare a rivedere i comportamenti alimentari in casa e fuori casa per il bambino.
- In casi particolari l'intervento di un equipe multidisciplinare: medico pediatra, nutrizionista, psicoterapeuta.
- la famiglia può fare molto


I bambini obesi mangiano più degli altri?
Più che mangiare di più, gli studi epidemiologici dimostrano che nei bambini sono più i comportamenti che incidono sul sovrappeso e obesità rispetto alla quantità di cibo:

- mangiano di più nella seconda metà della giornata (vale a dire, la merenda e cena) e meno a colazione e a pranzo.

- bevande zuccherate sono un problema particolare, non c'è la percezione delle calorie dei liquidi, e possono incidere nei meccanismi di regolazione dell'assunzione dei cibi solidi, l'uso eccessivo di queste bevande potrebbe causare sia in alcuni bambini che in alcuni adolescenti un surplus d'apporto energetico, che poi genera aumento di peso.

- i bambini obesi mangiano più veloce, e masticano meno dei bambini di peso normale.

- i bambini obesi mangiano davanti alla TV, come davanti al PC, questo comportamento non permette la regolamentare l'assunzione di cibo e può essere una causa di eccesso di cibo.

- un altra causa comune è la rottura dei ritmi alimentari, colazione saltata perché il bambino è in ritardo, stessa cosa per il pranzo nella mensa della scuola .Questo cambiamenti nell' assunzione di cibo durante il giorno è dannoso per il controllo del peso perché spesso si risolve in tanti spuntini  e snack molto dolci e grassi .

- l' obesità infantile non sono dovute all'eccessivo consumo d'alimenti ma alla troppa inattività nonostante una dieta del tutto corretta (televisione , videogiochi , computer di ... ) .


Insegnare al bambino a mangiare bene

Diamo il buon esempio, buone abitudini, un alimentazione varia, equilibrata in modo che diventi naturale per il bambino, rispetto agli adulti il bambino ha un vantaggio che continua a crescere, se si riesce a intervenire e stabilizzare il suo peso, non ci saranno problemi di peso da adulto.

- Importanza della suddivisione dei pasti nella giornata: prima colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena, evitare i fuori pasto, imparare a dare dei no, orari regolari , seduto a un tavolo, non saltare i pasti, per evitare il peluccamento cioè quella sorta di mangiare a tutti momenti della giornata .

- Insegnare a mangiare la frutta e verdura, come avevo già indicato in questo post, venendo incontro alle sue esigenze e ai suoi gusti, ricordarsi che le papille gustative di un bambino sono diverse da un adulto e non promettere un buon dessert come ricompensa, in questo modo gli dimostriamo che le verdure non sono buone come il gelato al cioccolato.

- Familiarizzare con il cibo e gli alimenti, portarlo al mercato, fargli lavare le verdure, fargli grattugiare la mela e la carota.

- Importanza delle porzioni, in genere ho visto servire ai bambini porzioni sempre molto abbondanti di un solo alimento, meglio porzioni più piccole di più alimenti per favorire la varietà .

- Eccezionalmente, è possibile portare i vostri figli a fast food, una volta ogni tanto nulla di male ma scegliere l'acqua al posto delle bibite con soda e insalata di frutta per dessert.


Incoraggiare l'attività fisica del bambino

Sovrappeso e obesità non arrivano solo da una una cattiva alimentazione , ma anche una mancanza di attività fisica, giocare, il parco giochi, fare le scale, andare a scuola a piedi, portare il cane ai giardini. iscriverlo ad un attività sportiva con gli altri coetanei, sport di squadra aiutano oltre che a fare attività fisica la crescita e la socializzazione.

Qual'è il rischio medico di un bambino obeso?

Il principale rischio a breve termine è essere fonte di scherno dai compagni di scuola, una fonte di perdita di autostima. Il bambino si rifiuterà di partecipare alle attività di gruppo, anche se ne avrebbe più bisogno degli altri.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che i bambini e gli adolescenti obesi avevano una percentuale maggiore di sviluppo precoce di placche aterosclerotiche sulle pareti delle arterie, un aumento del rischio di diabete, cancro del colon-retto e l'osteoartrite.

Per i bambini molto obesi, vi è il rischio di sindrome da apnea del sonno che possono dare problemi di scolarizzazione (poco sonno e sonnolenza durante il giorno che può impedire memoria e attenzione).

Post correlati
Come fare mangiare ai bambini frutta e verdura
I fattori chiave dell'obesità infantile
Obesità una forte componente genetica
Coca cola la formula della felicità




19 commenti:

  1. Ho un nipotino fortemente obeso. Purtroppo nonostante stiamo molto attenti alla sua alimentazione riesce sempre a trovare qualcosa da sgranocchiare e a trovare ogni scusa per non muoversi. Spero tanto di poterlo aiutare, intanto grazie per questo post :-) Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  2. grazie per questo post molto esaustivo, buon pomeriggio

    RispondiElimina
  3. Sono fortemente convinta che i bimbi d'oggi facciano poco movimento e soprattutto le mamme non abbiano piu tanta voglia di cucinare merendine leggere e sane, preferiscono puntare sui cibi già pronti..e via di grassi!!! Ottimo post, come sempre!!!!

    RispondiElimina
  4. Mio figlio ormai è un adulto, ma quando era piccolo mi sono sempre battuta tra i vari impegni per riuscire a cucinare sempre piatti con verdure fresche e a portarlo in piscina. Mi sono sentita spesso riprendere da altri genitori, perché non gli facevo fare merenda con patatine e bibite, ma preferivo una fetta di pane con marmellata fatta in casa. Ora mangia di tutto, sta ai pasti ed è longilineo, sta bene in salute e per me è una gran soddisfazione. Se le mamme riscoprissero il gusto della cucina e dei piatti semplici e salutari e il valore del movimento (farli andare a scuola a piedi, per esempio o fare le scale anziché prendere l'ascensore) una parte dei problemi potrebbero risolversi.
    Grazie di questo post, molto interessante :)

    RispondiElimina
  5. Molto bello questo tuo post, mi piace molto l'idea di portare i bambini al mercato e di coinvolgerli nella preparazione del cibo.
    un caro saluto
    Su

    RispondiElimina
  6. Argomento molto interessante anche questo. Mia figlia ormai è adulta, ha sempre mangiato un sacco di verdura, avevo l'orto quando lei era piccola e perciò per lei era normale. Poi è andata all'asilo e lì ha cominciato a fare i capricci, io ho proseguito facendole i suoi piatti preferiti di verdura e i capricci sono durati ore! Forse all'asilo continuava a non mangiare la verdura per non sentirsi diversa dagli altri ma a casa invece si rifaceva. Buona serata

    RispondiElimina
  7. Ciao sono Paola, ti ho sempre letto ... in silenzio. Questo è il mio argomento e voglio dire la mia, visto che si fa molto alla svelta a giudicare, puntare il dito e dare la colpa alle mamme svogliate. Sono una mamma di 40 anni e sono una ex obesa. 6 anni fa mi sono operata, adesso sono normopeso, ma con continui sacrifici. Certo ti fai operare, perdi subito tantissimi kg ma poi non è tutto rose e fiori, devi stare attenta, perchè con una caramella ingrassi. Ho due figlie di 9 e 11 anni. La grande è longilinea, perfetta, mangia ciò che vuole (di nascosto dalla sorella) e non prende un grammo. La piccola è obesa, proprio come me, ha iniziato all'età di 4 anni a prendere peso. Quindi siamo subito corsi ai ripari con mille sacrifici che finchè la bambina è piccola riesci a convincerla con poco, ma adesso non la freghi più. Presa dalla disperazione abbiamo partecipato ad un gruppo organizzato dall'asl dove una dietologa, una pediatra, una psicologa e un'insegnate di ginnastica ci hanno spiegato tutte quelle cose che hai detto tu. Non voglio polemizzare, ma da ex obesa quelle cose le sapevo già. Speravo che riuscissero ad inculcare qualcosa in più nella testa di mia figlia, ma l'unica cosa che sono riusciti a dirle è stato: "Perchè mangi tanto? Non devi mangiare tanto, devi mangiare le verdure e la frutta. Non devi fare questo, non devi fare quello, non devi mangiare quello, devi mangiare lo yogurt senza zucchero, se vuoi un gelato fatti fare un frullato senza zucchero dalla mamma e mettilo in freezer.... e "cagate" varie (scusate il termine). Adesso dico ciò che penso. Per eliminare l'obesità infantile dobbiamo muoverci tutti insieme, io posso fare tutte le battaglie del mondo, preparare mille merende e pasti fatti in casa (cosa che faccio perchè mi piace), ma tutto viene vanificato da feste di compleanno, nonni, inviti a cene, merende scolastiche libere (la mattina mia figlia scambia la merenda, io non sono con lei a scuola), pubblicità di cose estremamente "INsalutari". Io ho un bel da fare a rincorrerla, ma appena mia figlia va da qualcuno sembra un maialino all'ingrasso. Allora provi a spiegare agli astanti che è meglio evitare (perchè ti guardano come un extraterrestre?), poi ad un certo punto mia figlia ha iniziato a mangiare di nascosto, rubare la cioccolata in fondo ai cassetti, alzarsi prima al mattino per saccheggiare la dispensa (io facevo uguale da piccola, eppure credete che non abbia provato ad insegnarle diversamente?). Quindi mi sono detta basta, non mi sono arresa, ma non posso vedere mia figlia farsi mille problemi all'età di 9 anni. Non posso continuare a sentire le persone che le chiedono perchè mangi tanto, come se fosse una colpa sua. La battaglia degli obesi non può essere a se stante, ma deve coinvolgere la scuola e la società. Siete mai stati ad una festa di compleanno con merende solo di frutta e niente bibite? Ospiti in albergo con menù estremamente salutare? Baby club estivi senza merenda di pane e nutella? Pomeriggi per bambini dove il rinfresco finale prevedeva Yogurt senza zucchero? IO NO !!! In questi anni abbiamo fatto dei periodi in cui abbiamo rinunciato a quanto elencato sopra, preparato piatti a base di cereali, senza formaggi, eliminati i salumi, proposto legumi, eliminato il secondo a pranzo, poca carne, fatto movimento a raffica e buttato tante di queste cose nella pattumiera perchè nonostante tutto l'impegno del mondo facevano schifo anche a me . Lo ammetto in quei periodi abbiamo portato a casa dei risultati, ma il rovescio della medaglia è stato il rubare il cibo di nascosto e quei due occhioni che ti chiedono il permesso anche per bere un bicchiere di acqua, vi sembra normale per una bimba di 9 anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella critica ci sta bene specie quando è ben argomentata

      Quando noi parliamo di bambini sovrappeso o obesi parliamo del 38% dei bambini in età scolare, parliamo sempre in un discorso generale, perchè crediamo sia importate dare dei messaggi corretti al maggior numero di persone.

      Ci sono poi in questo 38% , una piccola percentuale di bambini geneticamente predisposti all'obesità.

      Essere geneticamente predisposti all'obesità, non è piacevole come non lo è essere geneticamente predisposti al diabete, come essere geneticamete predisposti ai reni policistici che portano alla dialisi per tutta la vita, come essere geneticamente predisposti alle malattie autoimmuni

      questo vuole dire che per tutta la vita bisogna seguire una disciplina rigida, mi rendo conto che è difficile da capire e da fare capire a un bambino.

      Sono cosciente che essere predisposti all'obesità, vuole dire essere predisposti allo scherno per tutta la vita a essere giudicati non per quello che si è ma per il proprio peso.

      Bisogna trasformare questo svantaggio in un vantaggio.

      è vero la società non aiuta per niente, se si guarda la pubblicità solo salumi, formaggi e dolci

      Però ho visto feste di bambini con spremuta di frutta, macedonia e dolci fatti in casa, lo giuro

      vedo tante blogger che cucinano in modo vario anche light sperimentando cotture nuove ingredienti riducendo zuccheri e grassi

      che alcuni alimenti non siano buoni da mangiare non è vero ma bisogna introdurli gradualmente, saperli abbinare, saperli cucinare

      Probabile che il team di lavoro che ha trovato non era molto motivato se facevano delle domande cosi

      la mia esperienza mi ha anche insegnato che chi è obeso è anche abituato a mangiare con un certo sapore nelle papille e solo quello riconosce come buono e soddisfacente, questa sensazione va modificata e ci vuole tempo

      certo mangiare con più grassi è più palatabile e più buono con zero grassi non è buono diciamolo subito

      possiamo trovare una mediazione nel gusto?

      Mi rendo conto che fare capire queste cose ai bambini è difficile la vita non è uguale per tutti, come chi ha gli occhi verdi o gli occhi neri

      Però abbiamo i bambini allergici per esempio al latte, alle uova e intolleranti al glutine ma hanno una vita sicuramente al limite della normalità ma ci sono e hanno una vita normale

      Che dire dei bambini con le malattie metaboliche come la fenilchettonuria che possono mangiare pochi alimenti selezionati

      ci sono su questo blog della mamme di bambini celiaci che fanno di tutto per rendere alimentazione dei loro figli varia e gustosa che a volte mi lascia basito per la creatività e l'amore che queste mamme ci mettono

      quello che voglio dirti e che mi rendo conto della sofferenza che essere predisposti all'obesità comporta ma non bisogna abbassare la guardia, sono predisposto è inutile che combatto contro

      No, sono predisposto per me è difficile più degli altri raggiungere dei risultati ma voglio e devo impegnarmi in cucina, a tavola e fare movimento fisico nella vita

      Uno può dirmi non è giusto che uno si debba impegnare così tanto per pochi risultati e altri no, non bisogna guardare gli altri ma noi stessi, la volontà nella vita spesso conta molto più della predisposizione genetica.

      Intervenire da bambini ci consente anche se geneticamente predisposti all'obesità a interventi meno invasivi da adulti

      Credo che tua figlia abbi bisogno di un team più motivato che la segua e che sabbia motivare anche tutta la famiglia

      Nei centri di rieducazione nutrizionale la cosa più difficile è fare mangiare, perchè le persone hanno paura degli alimenti e di mangiare, questo non deve avvenire, hanno questa paura per convinzioni non corrette che è la cosa più difficile da vincere perfino del peso in più.

      Un abbraccio

      Elimina
    2. Grazie Gunther per la risposta. Preciso che non mi sono arresa, ma non è così facile. Ovviamente a dieta è stata messa tutta la famiglia e chi continua a perdere peso è il marito. A scuola diciamo sempre di non dare la doppia porzione, ma la buona intenzione della cuoca dura un mese... insomma invito chi fa commenti su questo argomento di non fare di tutta l'erba un fascio.

      Elimina
    3. ti chiedo scusa se in qualche commento qualcuno possa avere detto qualcosa di spiacevole, sono certo che non voleva

      anche io a volte metto delle immagini che vogliono più che altro strappare un sorriso per alleggerire l'argomento, parlare di problemi di salute non fa mai molta simpatia

      mi rendo conto che ci vuole una volontà di ferro anzi d'acciaio

      grazie a te per avere reso il post più completo

      Elimina
  8. Sempre interessanti i tuoi post, ho sempre seguito la crescita dei miei figli cercando di educarli ad una corretta alimentazione, cibo sano e movimento lo stile di vita che li ha formati. Posso dire che i miei sforzi non sono stati vani.
    Grazie un post su cui riflettere.
    buona serata!

    RispondiElimina
  9. molto molto interessante, a volte poi è anche strano come accada. Io ho un bimbo di 5 anni sottopeso e uno di 9 in sovrappeso, stessa cuoca, stesse abitudini, stessa famiglia... appetiti diversi! ed'è davvero difficile guardare gli occhioni e dire No Tu No! Ma si deve.

    RispondiElimina
  10. Con i bimbi è sempre difficile trovare il modo giusto per farli mangiare. La mia nipotina ad esempio non vuole toccare neanche un grammo di verdura. Per fortuna mangia la frutta quindi, ma con la verdura è sempre NO.

    RispondiElimina
  11. Gunther per mia esperienza le persone obese lo sono perchè mangiano troppo e male. A parte i predisposti di cui ha parlato nella tua risposta, il problema è secondo me multifattoriale e molto complesso.
    Mi dispiace dirlo ma certe mamme non sanno gestirlo.

    La famiglia ha una grande importanza e spesso poca coscenza. I bambini che sono a dieta spesso vedono i fratelli mangiare proprio quello che desiderano e per di più con il sorriro di chi sa di provocare un desiderio.
    Molte volte le mamme ei i papà credono di fare le scelte giuste ma poi si arrendono e lasciano i figli in balia di loro stessi.
    Come dice la mamma nel primo commento, tutti sanno cosa non bisogna fare ma poi chi davvero modifica RADICALMENTE la sua vita per impedire al figlio di diventare un giovane obeso. Chi trasferisce il figlio in una scuola attenta all'alimentazione? Chi lo accompagna in palestra 3 volte a settimana? Chi gli da il buon esempio mangiando in modo sano?
    Certe scelte sono molto facili a parole ma i fatti sono ben altra cosa.

    Affidarsi a un team motivato e confrontarsi con altri genitori è una scelta vincente perchè da soli è 100 volte più faticoso e si corre il rischio di scoraggiarsi. Ma sono cose che hai già detto.
    :-)

    RispondiElimina
  12. Molto interessante questo post. In effetti c'è molto da sapere e da imparare, perchè un bimbo obeso, facilmente sarà un adolescente problematico e un adulto con disguidi metabolici....meglio pensarci per tempo!

    RispondiElimina
  13. Ciao caro! come stai? ecco il mio contributo: i miei figli non hanno mai mangiato troppe schifezze (qualcuna sì è inevitabile) il 1° era magrissimo! Ora è bello robusto. il 2° era cicciotto (decisamente) fino alla 2 media poi nel giro di pochi mesi è dimagrito molto e tutt'ora (ha 20 anni) è un fuscello. E' anche questione di età, metabolismo, ormoni ecc. certo l'obesità vera è un'altra cosa.... baci Gunter

    RispondiElimina
  14. Isabella Corsini14 marzo 2014 00:25

    è difficile essere obiettivi con i propri figli, ma penso che sia meglio ogni tanto essere duri e dargli della disciplina certo senza esagerare, dei no possono servire come anche dei si importante è indicare e spiegare sempre perchè

    RispondiElimina
  15. Complimenti e grazie per questo interessantissimo post!!! Buona giornata.

    RispondiElimina
  16. Il tuo post è molto interessante e i commenti dei lettori, con le loro esperienze personali, ancora di più. Buona serata.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi