lunedì 16 settembre 2013

Il ferro vegetale meglio del ferro animale?


Una delle grandi diatribe tra i sostenitori della dieta vegetariana e della dieta animale è l'intake di ferro,  secondo i vegetariani non costituisce alcun problema facendo attenzione alle scelte alimentari secondo i sostenitori della dieta animale invece non è sufficiente il ferro nei vegetali e bisogna rincorrere al ferro contenuto nelle carni.

In parte la seconda ipotesi è corredata da studi che dimostrano che il ferro contenuto nelle carni è più facilmente assimilabile ma come sempre sostengo l'alimentazione va giudicata nel suo complesso perchè quando si mangia la carne non si introduce solo ferro (in questo caso ferro eme) , uno studio fatto in Spagna e pubblicato dal Nutrition Journal di Luglio mette in relazione l'intake di ferro vegetale e animale con la dieta mediterranea  e la sua capacità antiossidante, con delle conclusioni interessanti.

Lo studio è stata realizzato in Spagna nella regione della Catalogna con 815 persone maggiori di 40 anni, tenendo conto che una dieta mediterranea, cioè quella dieta ricca di frutta, verdura, pesce, olio d'oliva e consumo moderato di vino rosso, è ricca d' antiossidanti, riduce il rischio legato alla ossidazione di sviluppare malattie cardiovascolari e il tumore.

Nel campione di popolazione  dello studio i ricercatori hanno notato che il consumo di carne e di acidi grassi saturi aumentano lo stress ossidativo, se da una parte è vero che il ferro eme d'origine animale (carne, pollame e pesce), si assorbe meglio, però sempre secondo i dati di questo studio c'è una relazione tra un alimentazione ricca di ferro eme e il rischio di mortalità da malattie cardiovascolari o di sviluppo di alcuni tipi di cancro.

Si è inoltre potuto notare che l'eccessivo consumo di ferro animale potrebbe essere collegato a un rischio maggiore di diabete di tipo 2, mentre invece un consumo di ferro non-eme, verdure e vitamina C protegge contro l'ossidazione, dal momento che frutta e verdura sono le principali fonti di ferro non eme ma anche la principale fonte d' antiossidanti, che secondo lo studio possono in qualche modo limitare gli effetti negativi sulla salute del ferro d'origine animale.

Ricordando che i meccanismi dell'assorbimento del ferro sono complessi e spesso ci sono fattori che possono inibire l'assorbimento (fitati, ossalati, tè caffè, calcio) ma anche facilitare l'assorbimento (Vitamina C, amminoacidi)

Nella popolazioni a Sud dell' Europa l'assorbimento di ferro dai vegetali è statisticamente quantitativamente più rilevante rispetto all'assorbimento di quello animale, per tradizione per collocazione geografica da sempre si consumano rispetto ad altre popolazioni più a nord più legumi più frutta e più verdura, una grande disponibilità e varietà a buon mercato (almeno una volta) . 

Infatti più ricerche anche in Italia hanno indicato che nella media la maggior parte del ferro che si assume deriva da vegetali piuttosto che da alimenti animali. Il problema è che negli ultimi anni in seguito alla omologazione dei consumi e dell'alimentazione, si è abbandonato quello che era la dieta mediterranea e la tendenza è quella di ricorrere ad alimenti più d'origine animale che d'origine vegetale, questo insieme ad altri fattori potrebbe essere forse una delle ragioni dell'aumento delle malattie cardiovascolari e dei tumori anche nei paesi del mediterraneo. Quindi non mi resta che invitare a riappopriarci della cultura e dello stile alimentare della tradizione mediterranea, più ricca e varia di frutta e verdura .


Post correlati:

Ricette Vagabonde: per i mie fans della cucina ho postato una nuova ricetta: Fusilli con fiori di zucca, zucchine, ricotta e menta

28 commenti:

  1. Io ho un cruccio, ho difficoltà a far mangiare frutta e verdura a mio figlio di otto anni, ma dopo aver letto questo post, mi sono ancora di più che devo impegnarmi di più per fargli amare e apprezzare questi alimenti. Oggi proverò a leggergli il tuo post. Grazie, impeccabile come sempre.
    Ti seguo su bloglovin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è facile a volte i bambini sono un po ritrosi alla verdure e alla frutta bisogna insistere e proporli più volte in forme anche diverse, partendo da una verdura che magari gli piace di più tipo i piselli o le carote, se ho tempo ci scrivo un post

      Elimina
  2. una mia amica vegetariana sostiene che il ferro vegetale è molto meglio e più assimilabile di quello animale.....non sa quale è meglio:una cosa è certa:dobbiamo avere uno stile di vita sano,con un consumo equilibrato di frutta e verdure......grazie per l'utilissimo post,buona settimana :)

    RispondiElimina
  3. la parola magica è sempre la stessa: equilibrio e la dieta meditarranea è un'alimentazione completa, ultimamente stiamo dimenticando l'importanza della varietà, ogni alimento apporta nutrienti fondamentali per il corretto sviluppo.
    Non deve diventare però tutto una "fissa", a tavola bisogna anche godere del cibo!

    RispondiElimina
  4. Leggerti è sempre uno spunto stupendo di riflessione: oggi in special modo, visto che io sono anemica cronica e devo già evitare milioni di cibi che potrebbero inibire il minimo assorbimento di ferro. Io credo che onestamente, come sempre, valga la regola del 'di tutto un po'. E' vero che io non amo la carne, ma non potrei sostituirla con altro, considerando che ho anche numerose altre allergie: la dieta mediterranea andrebbe assolutamente recuperata, senza dubbio. E' sana, si sa! :) E per il resto io rimango moderata.. mangio tantissima frutta e verdura perchè l'amo; aggiungo con un po' di fatica anche della carne.. o finirei di nuovo all'ospedale! In fondo il corpicino ha bisogno di tutto, quello che è da evitare sono le esagerazioni e il cattivo uso degli alimenti! :) Grazie come sempre, caro! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie delle tue riflessioni che accolgo in pieno

      Elimina
  5. Ciao Günther,
    Grazie come al solito per i tuoi spunti di riflessione.
    Al di là di chi ha una patologia e quindi ha bisogno di una integrazione specifica, vorrei far notare che spesso i cibi vengono arricchiti artificialmente con ferro ( ad esempio i cereali da mettere nel latte o gli yogurt). Onestamente nel mondo occidentale non vedo un così grave rischio di anemia diffuso. Anzi, qualcuno sostiene che dei livelli di ferro un po' più bassi (ma non patologici) possa proteggere dal rischio cardiovascolare. qualcuno postula che anche questo potrebbe concorre ad un minor rischio di infarto ed ictus nelle donne in età fertile. E se non sbaglio dovrebbe esserci anche qualche studio sui donatori di sangue abituali.
    Io comunque, per non sbagliare, frutta e verdura ad ogni pasto e carne ogni tanto (non dimentichiamo che anche il pesce e i crostacei lo contengo!). Ciao Leonardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le integrazione era solo una palla al balzo dello studio.
      Sono d'accordo anche io, integrazioni di ferro solo e se ci sono delle carenze vere e proprie altrimenti possiamo vivere sonni felici :-))

      Elimina
  6. E quello prescritto nella quasi totalita` delle gravidanze e` davvero necessario?
    Grazie come sempre interessantissimo ....
    francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una bella palla di fuoco quella del ferro in gravidanza.

      Io da sempre sono per terapie personalizzate, dal mio punto di vista dipende dalle condizione della mamma, bisogna vedere se la mamma per il tipo di alimentazione che ha per lo stile di vita che conduce le è facile raggiungere i livelli raccomandati di ferro.

      Ma sono conscio della difficoltà di molte mamme di raggiungere quei livelli di ferro.

      Per la mia esperienza di base, chiamiamola cosi, per la stessa ragione che ci sono soggetti vegetariani che non hanno carenze in ferro e soggetti vegetariano invece che le hanno, secondo me mi espongo in prima persona ci sono persone hanno una maggiore capacità d'assimilare il ferro e altre meno, non so ancora perchè ma se lo scopro.... :-))

      Elimina
  7. Io sono stata vegetariana per circa venti anni e poi ho dovuto per cause mediche introdurre della carne nella mia dieta quotidiana. Questo perchè comunque ero carente di ferro, nonostante legumi e verdure. Ora mangio carne una o due volte a settimana e le cose vanno molto meglio. Con questo voglio dire la mia esperienza a conferma di quanto da te scritto. La cara, vecchia dieta mediterranea è sempre la miglior cosa da seguire. Grazie Ghunter per gli spunti che sempre ci dai. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. piuttosto delle integrazioni, sono d'accrodo anche io meglio mangiare carne qualche volta, c'è ferro anche nel pesce, poco ma c'è

      Elimina
  8. Argomento interessante, non mi ero mai posta il problema. Quello che mi colpisce è che da dieci anni a questa parte non si parla più della dieta mediterranea (per forza, bisogna far spazio alla dunkann, e purtroppo ci sono molti celiaci), mentre negli anni Novanta era un tormentone. L'alimentazione non dovrebbe essere oggetto di mode.

    RispondiElimina
  9. Non ne so molto ma la mia esperienza di anemica è che i medici mi hanno sempre detto di mangiare carne.

    RispondiElimina
  10. per me tanta frutta e verdura,la carne non tantissima e se rossa accompagnata da succo di limone che favorisce l'assorbimento del ferro...il problema sono sempre i figli che di frutta e verdura non ne vogliono sapere :-(

    RispondiElimina
  11. Sempre chiaro e preciso Gunther. Anch'io come altri ho notato che alla carne non posso rinunciare, sono lievemente anemica e da quando mangio più carne mi sento meglio. Tieni conto che mangiare "più carne" per me vuol dire 2 volte a settimana, perché tendenzialmente preferisco le verdure. Grazie per i tuoi post!

    RispondiElimina
  12. Come sempre, articoli interessantissimi e grandi spunti di riflessione. Grande Gunther!! Dedico a questo articolo l'approfondimento del giorno sulla mia pagina fb. Quella che propongo vuole essere consapevolezza alimentare e informazioni come quella che hai condiviso sono preziosissime, per completare il mio quadro. Soprattutto se condivise da fonti esterne, che portino in scena, a sostegno della mia, altre voci. Grazie.

    RispondiElimina
  13. Ciao, leggo con piacere i tuoi articoli, negli ultimi tempi ho diminuito moltissimo la carne a favore i peroteine vegetali e tanta frutta e verdura, e devo dire che stò decisamente ma decisamente meglio!!!
    Ciao Emanuela.

    RispondiElimina
  14. Un post interessantissimo!!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  15. Un post interessantissimo!!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  16. Un post interessantissimo!!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  17. Io sono una sostenitrice della diminuizione drastica del consumo di proteine animali dato che la nostra dieta (tra latticini, carne, pesce ne è davvero satura). Fa bene a noi e anche al pianeta.
    Grazie per il tuo prezioso post!

    RispondiElimina
  18. mangio tutto cercando di variare il più possibile,non potrei mai diventare vegetariana nè vegana, la carne mi piace !Post interessante, grazie per aver condiviso notizie così preziose !

    RispondiElimina
  19. quanti spunti per riflettere carissimo... sempre notizie interessantissime, grazie!!!

    RispondiElimina
  20. Grazie per l'articolo, Gunther. Ho molte conoscenze in merito, non perché sia un medico, ma perché da anni e anni soffro di anemia, con fastidiose e gravi ricadute periodiche. Per esperienza, ti dico che la cosa più importante è mangiare di tutto e soddisfare il fabbisogno calorico. Durante uno dei momento in cui mi ero ripresa, avevo provato a diminuire drasticamente il consumo di proteine animali (stando però attenta al ferro vegetale e alle combinazioni) e il risultato è stato a dir poco disastroso. In conclusione: le persone sane fanno bene a diminuire l'assunzione di alimenti animali, chi è anémico si deve concedere qualche filetto in più, ma la cosa più importante è mangiar sano, variato, a sufficienza.

    RispondiElimina
  21. Ciao Gunther! Articolo sintetico e chiarissimo!!!!
    Secondo me, però, il problema non è tanto l’origine del ferro, quanto il fatto che è compito della Vitamina B12 permetterci di assumerlo. E questa vitamina è presente SOLO nelle fonti animali, quindi uova, carne…
    Cercare di assumere ferro solo da legumi e altri vegetali, ma essere poi privi di B12 non serve proprio a nulla.
    Da cosa ho saputo è questo il grande problema dei vegetariani. (Qualcuno qui ha commentato scrivendo infatti che ha dovuto inserire di nuovo la carne nella sua dieta).
    Quindi è importante la carne (in dosi ovviamente non esagerate) sia per il ferro che per la B12.
    Ovviamente, come dici tu, i vegetali sono importantissimi, ma secondo me più per gli antiossidanti, come hai scritto.
    Grazie per aver toccato un tema così importante, che spesso è poco conosciuto e purtroppo ha creato in giro e su internet anche idee sbagliate a dir poco raccapriccianti!!!

    RispondiElimina
  22. Sempre prezioso, Gunther.
    Come al solito la regola del buon senso e della varietà la vince su mode del momento...;)

    RispondiElimina
  23. Ciao mi chiamo Tiziana trovo questo tuo blog molto interessante ed ricco di consigli utili in cucina e al tempo stesso molto simpatico. Da oggi tua follower +g. Mi farebbe piacere se anche tu passassi da me per diventare mia lettrice fissa e regalarmi qualche consiglio per questa mia nuova avventura nel web. Ciao http://lacucinadipitichella.blogspot.it

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi