lunedì 11 marzo 2013

Merendiamo di Milka Kraft. Il nuovo trend degli snacks multisensoriali?

Settimana scorsa ero a Milano e ho trovato tutta la città coperta da "Merendiamo",  metropolitana, fermata d'autobus, stazione ferroviaria, cartelloni pubblicitari un lancio in grande stile da parte di Milka Kraft, per lanciare questi nuovi prodotti dalle tavolette alle nuove collaborazioni con i marchi Oro Saiwa e Tuc, quelli dei famosi crakers salati, erano il mito degli anni '70 la merenda con il Tuc, biscotti caramellati e salati, da me molto invidiati perchè i miei mi davano pane nero, se andava bene marmellata di albicocche o un pezzettino di formaggio fresco, in montagna non c'era di più.


Tutto questo colore viola, in periodo di quaresima senza Papa e senza Governo Italiano,  va beh che nella vita bisogna soffrire ma anche un po' meno, la situazione è talmente poco felice che perfino la Regina Elisabetta se l'è data a gambe.
Diciamo che questa campagna di comunicazione non nasce in un buon momento, sono certo che con il colore viola volevano richiamare l'attenzione sulla Pasqua e in particolare sulle uova di cioccolato.


Il settore degli snack sempre in crescita grazie allo stress da crisi
Sempre di più aumenta l'offerta di snack per la merenda, tutti hanno qualcosa in comune cioè l'abbinamento dolce e salato condito con un certo numero di grassi, una scelta casuale?
Mi voglio fermare su sue esempi presi a caso, cioè il prodotto Milka Tuc e il Pop Corn Snax, da una parte abbiamo un cioccolato che si unisce ad uno dei snack salati più conosciuti dall'altra dei pop corn che vengono cioccolatati se cosi di può dire.


Snacks multisensoriali?
Guardando la comunicazione mi è venuto in mente due libri letti per puro caso, era finito Diabolik in edicola, uno che avevo citato nel post del 2011 gli alimenti multi sensoriali del Prof. David Kessler (ex direttore dell'FDA) "Perché mangiamo troppo" dove protagonisti erano gli alimenti multi sensoriali e il libro più recente di Joanna Blytman "What to eat" in particolare quanto parla degli alimenti con un mix di zucchero, grassi e sodio.

Kessler si sofferma sopratutto sui quelli alimenti che attraverso i cinque sensi stimolano dipendenza e a mangiare di più attraverso la stimolazione della produzione di dopamina, mentre Joanna Blytman "What to eat", parla del mix di zuccheri, grassi e sale che le aziende ricercano al fine di soddifare il gusto, mix studiato dai scienziati per stimolare la zona che determina il piacere nel cervello e renderci dipendenti da un certo tipo di cibo, qualcuno di voi ricorderà quando abbiamo parlato del perché le donne sono più sensibili degli uomini alla voglie di snacks.

Per questa ragione non mi piacciono negli snack le porzioni consigliate se c'è una confezione da 200g o 100 g in vendita visto il forte stimolo del consumo che generano ci si può fermare ai 25g consigliati? Quello che non piace è il modo che le aziende, attraverso la porzione consigliata distolgono sul problema della quantità. La responsabilità sta nel sapere già in anticipo che nessuno si fermerà alla porzione consigliata.


Tendenza a promuovere un certo tipo di gusto
Si possono condividere o meno le tesi di Kessler e Blytman, quello che è certo è la tendenza in generale di creare il mix di zucchero grassi e sodio. é bene rimarcare che questi prodotti presi in esame non hanno nulla a che fare con la dipendenza o simile non vorrei essere frainteso, ma dimostrano che c'è una tendenza in atto.

Se analizziamo le tabelle e un confronto fra questi prodotti notiamo che un piccolo ridotto introito calorico generale meno proteine meno carboidrati nel Tuc ma più nel Pop Corn Snax, meno grassi se cosi si può dire e piccole variazioni di quantità nei grassi saturi mentre invece quasi raddoppia la quantità di sodio da 0.17 a 0.32 + 88%.

(Il prezzo euro/ kg  di Milka Tuc segna un  + 23 % rispetto al solo cioccolato Milka ma + 112% rispetto al semplice biscotto Tuc, in sintesi Milka Tuc costa il doppio di Tuc. Il prezzo per singola confezione invece è di 1,10 per Tuc e 1,45 per Milka Tuc sempra poco superiore il prezzo unitario per la diversa quantità)


Secondo me non si può dire che un singolo prodotto può aiutare a mangiare di più o può favorire un alimentazione poco corretta, possiamo però dire che nel bene o nel male che una tendenza a promuovere da parte dell'industria un certo tipo di gusto c'è.


NB a onore del vero bisogna che non tutti i snack milka hanno 0,32 di sodio, parliamo solo di questi due prodotti presi casualmente, altri hanno volori più bassi come appunto il cioccolato milka 0,17 oppure 0,31 come Milka con riso soffiato.

C'è però un aspetto che pochi colgono, tutti troppo concentrati su un singolo prodotto dimenticano l'alimentazione in generale perché se dove c'è il salato e il grasso aumento il dolce, dove c'è il dolce e il grasso aumento il salato, se questa tendenza è in atto in tutti i prodotti in generale, ricordo che qualche tempo fa avevano trovato lo zucchero anche nel mais in scatola, è inevitabile che la nostra alimentazione generale sarà più ricca di zucchero, sale e grassi è come quando si va al supermercato che ci facciamo ingannare guardando il prezzo di un singolo prodotto quando invece bisognerebbe guardare la totalità della spesa e dello scontrino.

Nutella nella prima colazione e Milka Kraft nella Merenda?
Tormiamo invece alla comunicazione Merendiamo, dal momento che abbiamo criticato Nutella di Ferrero per lo spot della prima colazione non possiamo per par conditio non criticare anche Merendiamo di Milka Kraft, altrimenti sembra che noi odiamo Nutella di Ferrero e invece non è vero. Pertanto bisogna dire che il mondo della merenda come quello della prima colazione è molto più vasto di una porzione di cioccolato salato o biscotto al cioccolato, come la comunicazione sembra proporci, c'è lo yogurt, la frutta, il pane con formaggio, pane con il pomodoro l'invito è quello in occasione della merenda  di variare il più possibile gli alimenti nel momento della merenda sia per i bambini e i ragazzi che per gli adulti.

Visto che nessuno lo fa, le Associazioni di Nutrizionisti non lo fanno, le Università nemmeno, pubblicità progresso neanche, lo faccio io, merendiamo in modo alternativo, ci sarebbero mille ragioni ma una più di tutto mi piace nessuna frutta costa più di 16,70 al kg.... (se è per questo nemmeno un dolce fatto in casa). 


Gulp! Günther in TV
Sky 517 martedi 12 Marzo alle ore 19,15  
Intervista a  "Taccuini Storici"

vi metterò l'indirizzo on line dove poterlo vedere

ecco li link con intervista, audio era un po disturbato ma si comprende bene

www.taccuinistorici.it/ita/news/contemporanea/video/Video-papille-vagabonde---intervista-con-Gunther-Karl-Fuchs--x-bendogi-tv.html


Post Correlati:
Come diminuire il sale a tavola
Come ridurre il sale e il sodio nella vita di tutti i giorni dopo un ictus

68 commenti:

  1. Ciao Gunther, ho notato che nella pubblicità televisiva di una merendina del mulino bianco, la moon cake, un tortino tondo di cioccolato con cuore morbido, a un certo punto compare in sovraimpressione il numero delle calorie. Perchè? è una bomba calorica oltre il normale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è una nuova modalità che usa mettere il numero delle calorie del singolo prodotto che come in questo caso è di 35g e non 100g, perchè noi siamo abituati a ragionare sui 100g e non sui 35g.

      Una leva di marketing, personalmente per sapervi regolare invito sempre a guardare i 100g indipendentemente dalla quantità come riferimento e guardare però anche la tabella ingredienti che come in questo caso non è proprio relativa.

      Bisogna invece chiedersi qual'è indice di sazietà di un prodotto, perchè spesso vedo molto di questi prodotti che stimolano la fame ancora di più pertanto è difficile che se ne consumi uno solo è facile che se ne consumino in numero maggiore, ecco perchè sono contrario all'indicazione delle calorie del singolo pezzo ma è perfettamente legale.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. oggi ho trovato un motivo per essere contenta del posto dove vivo, televisione a parte siamo troppo pochi per la guerriglia pubblicitaria :)

    RispondiElimina
  4. @marta
    non l'ho vista ma alla prima occasione vado a vedere e ti rispondo

    @greta
    è vero siamo pochi :-)

    RispondiElimina
  5. Ci manca che raccontino che con la prossima merendina diventiamo pure più intelligenti poi penso che le abbiano provate tutte per venderci qualcosa...
    Che poi a mangiare un po' più di frutta succederebbe davvero, più o meno...;-)

    RispondiElimina
  6. Articolo molto interessante come sempre...in qualcosa mi ricordi Wallace, c'è un suo racconto sul marketing pubblicitario...guarda che è un complimento! notte cri

    RispondiElimina
  7. Ciao Gunther,
    Grazie di esser passato da me, così ho conosciuto il tuo blog e da oggi ti seguo. Tratti argomenti molto interessanti. Io dico sempre che la pubblicità si fa solo per i prodotti che in verità non servono. Credo anche che la crisi attuale ridimensioni le "manie di grandezza" di tante persone che comprano solo prodotti pubblicizzati e li fa riflettere di più. Questo porterà comunque a pubblicità sempre più aggressive.... c'è molto da dire..... seguiamoci a vicenda, ti va? Così rimaniamo in contatto.
    A presto, Carmen (Arte Creattiva)

    RispondiElimina
  8. Sempre interessanti i tuoi post Gunther.. Bè, io non faccio testo perchè non mi sono mai piaciute queste "merendine" nemmeno ai tempi della scuola... troppo concentrate per me, preferisco una fetta di torta fatta in casa, una mela, una banana, un panino di pane e prosciutto piuttosto.. ma merendine nulla, e fortunatamente il mio bimbo mi somiglia in questo :-)

    RispondiElimina
  9. Ormai non ci sono nemmeno più tanti specchi per i creativi degli snack per arrampicarcisi sopra, sono troppo affollati :P

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Ahah.. effettivamente si nota una sorta di tentativo di 'ipnotismo' da parte delle case dolciarie. Beh, io il viola lo amo.. ma ragazzi, è proprio vero: davanti agli interessi personali, le porzioni consigliate 'non esistono più'.. esistono solo badili come metro di misura. Farebbero prima a rivestire le pareti delle fermate dei bus di caramello e wafer, per 'pronto leccaggio'. Ahhh (sospiro). Evviva il cioccolatino (se nelle giuste dosi) ma evviva soprattutto la mia granny smith (senza di lei, una merenda non è più una merenda.. e lo sa chi mi vede spulciare le cassette dal fruttivendolo per accaparrarmi le più aspre e le più grandi!!) :D Un bacione, sempre mitico sei. :)

    RispondiElimina
  12. Si vede che queste merendine mi interessano poche. Io abito a Milano e non mi sono accorta della pubblicità. Preferisco mangiare i miei biscotti.
    Buona notte e buon inizio settimana.
    Inco

    RispondiElimina
  13. Non le guardo nemmeno più le pubblicità e merendine non ne compero più da tempo, spendo in farine biologiche e faccio io i dolci, magari con una bella nocciolata biologica. Poi condivido con te che frutta, fresca, secca e una fetta di pane salame o formaggio sono sempre la cosa più sana. Basta parlare ai bambini e proporre le cose giuste, prendono certe abitudini non solo a causa della pubblicità, ma anche e soprattutto per la pigrizia di noi adulti.
    Ciao Gunther
    n.b. ma sei su SKY??? ^_^

    RispondiElimina
  14. caro mio...sei stato proprio fortunato ad avere genitori che ti nutrivano con cibi sani e nutrienti!
    molto meglio pane marmellata e formaggio....altro che merendine!
    anch'io sono vissuta senza merendine...le invidiavo un po alle mie amiche, ma ora sono più che convinta che è stato meglio così!
    abbracci

    RispondiElimina
  15. La tua idea del merendiamo mi piace un sacco! E se noi blogger organizzassimo una pubblicazione, in un preciso giorno, di una ricetta per la merenda? Immagini centinaia di blog con la merenda in prima pagina?

    RispondiElimina
  16. Ciao Gunther, questa volta una comunicazione di servizio: è pronto il pdf della mia raccolta!!

    RispondiElimina
  17. la pubblicità ci condiziona molto in particolare i bambini, tutti hanno diritto a promozionare quello che vogliono però non creod tengano conto di come i bambini percepiscono il messaggio

    Gisella Padovan

    RispondiElimina
  18. io non sopporto il fatto che facciano passare il filone che con quelle merende stacchiamo dallo stress e riavviciniamo le famiglie!!! adoro la Milka da morire come cioccolato ma questa pubblicità mi è sembrata ingannevole (a mio parere) come quella del dado star bollire o arricchire che avevi già parlato!!! Comunque tutto fa male in grandi quantità e dovrebbero essere gli adulti a essere responsabili ... ma questa è un'altra storia

    RispondiElimina
  19. io non ho sky....e non potrò veredti mannaggia.....
    ti fai registrare e poi metti il filmatino qui nel blog?!

    mi piace la proposta di Mary fatta qui nei commenti...prendila in considerazione Gunther, organizzi tu e noi ti seguiamo!!!

    abbraccioni MARA

    RispondiElimina
  20. Grazie per il post molto molto interessante!!!

    RispondiElimina
  21. L'importante è non farsi condizionare dalla pubblicità ma immagino quanto sia arduo il compito di chi, con bambini piccoli, deve confrontarsi ogni giorno con queste sirene tentatrici.

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  23. Seguo da poco il suo blog e lo trovo estremamente interessante e pieno di spunti da poter approfondire. Complimenti quindi, ma se posso permettermi andrebbe curata un po' di più la forma e, se posso, la grammatica di quanto scritto che in alcuni casi risulta poco chiaro. Con stima.

    RispondiElimina
  24. Io sono d'accordo con te, ma lo sai che tante mamme che ci tengono tantissimo a preparare le merende ai loro bimbi mi dicono che i piccoli, nonostante tutto, preferiscono quelle confezionate? E che quelle fatte a casa nemmeno le degnano di uno sguardo??? Accidenti alle pubblicità!
    A presto Gunther!

    RispondiElimina
  25. okay mi sono persa anche questi!!! boh eppure non mi sembra di vivere fuori dalla civiltà:-)
    le aziende e il marketing fanno il loro lavoro, hanno davvero così tanta forza da decidere cosa noi tutti dobbiamo mangiare, o siamo diventati così incapaci di scegliere?

    RispondiElimina
  26. Cresciuta a pane e "marmellata" o pane e miele, non sentirti solo ^_^
    Merendine a casa Lory non ne entrano, fortunatamente alla mia cucciola non piacciono!! Pane e pomodoro invece... che meraviglia Gunther, lascio tutto per uno spuntino così :)
    Un abbraccio... a domani su Sky!!!

    RispondiElimina
  27. Davvero??????? Non ti posso perdere, ma complimenti!!!!!! Domani registro..... In bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
  28. è ufficiale, adoro il tuo blog, è sempre fonte di interessantissimi spunti di riflessione

    RispondiElimina
  29. Ciao Gunther! Anche Roma è tappezzata di queste pubblicità viola così invitanti.. condivido il tuo pensiero! La crisi cresce e la fame pure! :)

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
  30. Variare gli alimenti è fondamentale per una corretta alimentazione. E hai ragione, Gunther, a ricordare la giusta quantità dei nutrienti da distribuirsi nella giornata (ricordate la piramide alimentare?) per cui i dolci devono assumersi in minima quantità al contrario di frutta e verdura, seguiti da pane e pasta. Per cui ben vengano la frutta, lo yogurt e il mitico, buonissimo pane con il pomodoro!

    RispondiElimina
  31. ehm....mi permetto di dire...la fortuna di abitare a camelot....e non vedo queste pubblicità....

    ma davvero in tv??? martedi lavoro che tu sappia ci saranno repliche??? voglio vedere!!!

    RispondiElimina
  32. Purtroppo le pubblicità sono fatte apposta per incantare i bambini, infatti molti preferiscono le merendine confezionate a una sana fetta di torta fatta in casa. Io, come te, sono cresciuta a pane e qualcosa per merenda. Io adoravo il pane spalmato di burro e con poco zucchero sopra mhhhhh, mamma che buono che era. Mia figlia preferiva una bella fetta di pane (fatto da me) con il prosciutto o il salame ... non somiglia a me che adoro i dolci! Grazie Gunther, articolo molto interessante, come al solito.

    RispondiElimina
  33. Che dire Gunther, la pubblicità è l'anima del commercio e grandi e piccoli vengono attratti da cartelloni pubblicitari molto invitanti! Sono d'accordo con te, meglio preferire frutta, yogurt o la mia merenda preferita, pane e pomodoro con un filino di olio evo; questa si che è una merenda sana! Sei grande Gunther, buona serata, ciao!

    RispondiElimina
  34. Fortuna sono cresciuta anch'io senza merendine, crostata-biscotti-ciambelle della mamma o pane e pomodoro in estate. E oggi dico: meno male! Purtroppo oggi la pubblicità è un continuo bombardamento, già è difficile per gli adulti non lacsiarsi condizionare; salvaguardare i bambini diventa un'impresa!


    RispondiElimina
  35. Cavolo non ho sky naggia mi dispiace!!!Concordo con te come sempre

    RispondiElimina
  36. per fortuna solo fondente 70%....è proprio vero,la pubblicità più delle volte è ingannevole....

    RispondiElimina
  37. giusto Gunther, hai toccato un tasto dolente... proprio sull'ultima riga. Le aziende investono in pubblicità, studiano, colori, messaggi, gusti - sempre più omologati - e poi ti vendono uno snack, una merendina a "poco"... ma nessuno guarda quanto costa al kg. Come l'ovetto kinder - al supermercato a 50€ al kg - come le uova di Pasqua... salvo poi sostenere che pagare un uovo di buona cioccolata fondente, artigianale, a 40€ al kg è troppo, mentre a 70€ le uova di Pasqua al latte si, ma li fanno leggeri e pensi di pagarli poco... Grazie per il tuo articolo... chi vuole può trarne beneficio:-) ciao

    RispondiElimina
  38. Ho visto questa nuova campagna pubblicitaria in TV. Non avendo bimbi non faccio molto caso a queste cose pero'immagino che con dei bimbi sia difficile gestire la cosa visto che dalla mattina alla sera siamo bombardati di pubblicita' di merendine

    RispondiElimina
  39. questi snack non daranno dipendenza ma un po' di "attaccamento" di sicuro. Anni fa mi mangiavo occasionalmente un noto vafer ricoperto di cioccolato preso alla "macchinetta" sul lavoro e più ne mangiavo più mi veniva in mente il giorno seguente e dire che io non sono una golosa...
    voto anche io per la trasmissione video qui sul blog, dato che non ho sky...e neanche la tv...
    ciao! Su

    RispondiElimina
  40. Peccato che non ho Sky, avrei visto con piacere la trasmissione. Perchè è sempre interessante tutto ciò che dici.
    Questo post mi ha fatto riflettere sul fatto che è da un po' di tempo che ho la sensazione che i prodotti dolci confezionati (ma anche quelli che si trovano nei forni) abbiano un contenuto di sale eccessivo. L'altro giorno ho preparato i croissants e nonostante abbia utilizzato anche il sale, come previsto nella ricetta, quando li ho assaggiati mi sono resa conto che erano molto meno salati di quelli che trovo in pasticceria, figuriamoci poi rispetto ai prodotti confezionati.

    RispondiElimina
  41. sei in onda tra 10 minuti ma purtroppo non ho Sky e non ti vedro' quindi almeno ti leggo!

    E' una tendenza che avevo notato anch'io, e la trovo pericolosa proprio perche' molto additiva. Almeno per quella che e' la mia esperienza. Rispetto a qualche anno fa anche i biscotti hanno piu' sale e mi accorgo che il palato lo cerca anche dove prima non lo avrebbe cercato.

    Comunque. Parlando di marketing e basta, ma e' solo a me che questi sostantivi fatti verbo fanno tanto "pseudo innovativo anni '90"? Merendiamo? Wow ma come sei creativo... vintage per vintage non era meglio: "papa' guarda, un pollo!!!" =)

    Scherzo ma fino a un certo punto, ho l'impressione che la pubblicita negli ultimi tre anni abbia subito una forte involuzione e il sospetto che c'entr la voglia di non pagarla da parte delle aziende. Tu che ne pensi?

    Grazie come sempre degli spunti di riflessione,
    Chiara

    PS:alla fine ho scritto anch'io un post sulla pubblicita' del dado Star, non sono riuscita a trattenermi...

    RispondiElimina
  42. Che peccato non ho Sky, mi sarebbe piaciuto vederti in trasmissione.
    I Tuc li conosco, li ho mangiati qualche volta anni fa, adesso me ne guarderei bene leggendo l'etichetta.

    Grazie,per i post sempre interessanti.
    Ciao a presto, buona serata.

    RispondiElimina
  43. I tuoi post sono sempre molto interessanti e sono un invito ad usare il buon senso!!! Grazie per le preziose informazioni... non ho Sky, metterai il link vero?

    RispondiElimina
  44. Sempre interessanti i tuoi post e concordo con quanto affermi.
    Non ho sky (così come non consumo merendine, ci mancherebbe), ma se c'è modo di vedere il tuo intervento su youtube mi farebbe piacere. Fammi sapere.
    Ciao :))

    RispondiElimina
  45. Mi piace molto la tua proposta di utilizzare la frutta o un dolce fatto in casa al posto degli snack. E' un'idea intelligente e sana che però mal si combina con le abitudini dei genitori "moderni".

    Ormai anche il cibo deve essere griffato e dal consumo deriva parte dello status sociale del bambino.

    A proposito della dipendenza creata da certi cibi, qualche tempo fa ho letto uno studio sul sale nelle chips. In pratica il sapore fortemente salato unito all'unto creano subito un effetto "tutto o niente" che porta a finire la confezione di patatine senza nemmeno accorgersene.

    Vuoi la mia idea sulla partnership Doce&Salato? Puro marketing e poca attenzione al pubblico. La cosa triste è che nemmeno le persone si mettono il problema della loro salute ormai.

    Logicamente mi sono perso la trasmissione. La troverò su internet?

    :-)

    RispondiElimina
  46. Sono d'accordo con quello che dici e i tuoi post sono molto interessanti! Non è solo una mera questione di calorie..ma di qualità delle stesse..mangiare 100 kcal di frutta non è come mangiare 100kcal di biscotti e merendine..
    Le vitamine dove sono? e l'educazione del gusto dei bimbi dov'è?
    fortunata io che son cresciuta in una casa dove ci dovevamo dividere un tegolino in 3 (e nn t dico ke lotte) e dove la merenda piu quotata era pane e pomodoro..

    RispondiElimina
  47. La merendina che ci faccia più intelligenti la faranno mai? ehhehe grazie per l'interessantissimo post :-)

    RispondiElimina
  48. Ciao Gunther, un altro post interesante sulla merenda dei bimbi e non solo.Ho visto il video con la tua intervista.Speriamo di vederti in tante altre trasmissioni tv.

    RispondiElimina
  49. ci si tira su con le merendine ma sempre meglio la frutta, mi piacciono le tue analisi ironiche, ho visto il video, complimenti! peccato per l'audio.

    RispondiElimina
  50. per fortuna la TV non la guardo praticamente mai, e tanto meno la pubblicità, gli snack o altro per la colazione me li preparo da sola, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  51. per fortuna la TV non la guardo praticamente mai, e tanto meno la pubblicità, gli snack o altro per la colazione me li preparo da sola, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  52. ci vorrebbero ion tv persone più intelligenti, complimenti

    RispondiElimina
  53. Ciao, passa a trovarmi, c'è una sorpresa per te:
    http://semivaniglia.blogspot.it/2013/03/camino.html
    floriana

    RispondiElimina
  54. Non ci giro intorno e non faccio finta che non ne sia golosa. Non le acquisto solo perché poi non resisto... soprattutto una e ti dico pure quale è: Duplo nocciolato leggero. Ci vado matta. Altro che una barretta sarei capace di mangiarne dieci di fila. Per cui conoscendo il debole insano che è in me ... e per non farmi scoppiare il colesterolo... non compro! E qui non è neanche la pubblicità che mi ci spinge. Da piccola per merendina sono cresciuta con pane olio e zucchero... o pane olio e basta. Odiavo la marmellata e i succhi di frutta che erano la frutta passata con il passaverdure. Oppure un po' di latte con il pane. Mi sarei mangiata volentieri pane e salame o pane e nutella... Però nel tuo articolo ho avuto golosia di quel pane nero, di quella marmellata di albicocche e di quel formaggio fresco.... pensa tu!!! Bello ascoltare la tua voce...

    RispondiElimina
  55. @araba felice
    la frutta sicuramente :-)

    @cristina valeria
    Grazie, conosco conosco :-))

    @ carmen V
    benevenuto, si speriamo che la crisi aiuti anche nelle scelte

    @cinzia
    buon sangue non mente, scherzi a parte fare da esempio per i bambini è molto importante

    @marina angelia
    si sono molto affollati gli spazi

    RispondiElimina
  56. @ely
    w grannysmith

    @inco
    i tuopi biscotti li mangerei anche io :-)

    @Roberta Morasco
    pigrizia anche degli adulti anche se la pubblicità influenza molto, su sky è solo un apparizione sporadica ma sono su RTS

    @donaflor
    si anche io ho tivalutato i miei genitori

    @mary,
    grazie è una bella idea, credo però di non fare in tempo a seguirla e me ne dispiace molto, ma se non fai il blogger come professione, non si riesce

    RispondiElimina
  57. @ ilmondodi milla
    grazie milla, buona settimana

    @gisella padovan
    grazie e benvenuta

    @elena
    è un po discutibile diciamo cosi

    @maetta
    grazie carissima, ma se non fai il blogger di professione è difficile stare dietro a queste cose, me ne dispiace molto, l'idea di Mary è favolosa ma la mia giornata dovrebbe essere di 36 ore

    @paola bacci
    grazie carissima dei complimenti

    RispondiElimina
  58. @la bella auberge
    si veramente con dei bambini piccoli si fa molta difficoltà io faccio diffoltà anche con quelli grandi ma è un altra storia :-)

    @Dav01
    caro anonimo o anonima, mi spiace che non le sia chiaro quanto scritto, una sola considerazione personale ma lei commenta solo i post della Kraft?
    Ma secondo lei la forma è più importante del contenuto?

    @roberta
    vero la pubblicità diminuisce l'appela dei prodotti preparati in casa

    @lacucinadipallina
    non lo so se siamo incapaci di scegliere ma sicuramente ci rendono le cose difficili

    RispondiElimina
  59. @lory
    anche io voto per pane e pomodoro

    @speedy
    grazie ma è un piccolo intervento

    @elisabetta pendola
    elisabeta sei troppo gentile, buona settimana

    @manuela
    grazie manuela e benevenuta

    @cadè
    variare è molto importante, bisogna tenere conto dell'introito totale quotisiano

    @artu
    si ho messo il link e ci saranno delle repliche

    RispondiElimina
  60. @terry
    non è facile fare scegliere i bambini che sono troppo allettati dalla pubblicità, anche io preferisco il salato ma rimando il docle nel dopo pranzo

    @lacucina di mollyù
    grazie molly delle considerazioni buona settimana


    @federica
    non farsi condizionare è molto difficile

    @la ricetta di tina
    grazie tina, buona settimana

    @tina dulcis
    grazie tina, buoan settimana anche a te

    @maria luisa
    si ne parleremo vicino pasqua dei costi e della qualità delle uova in generale non ne vale la pena, hai dei prezi al chilo vergognosi

    RispondiElimina
  61. @lory
    anche io voto per pane e pomodoro

    @speedy
    grazie ma è un piccolo intervento

    @elisabetta pendola
    elisabeta sei troppo gentile, buona settimana

    @manuela
    grazie manuela e benevenuta

    @cadè
    variare è molto importante, bisogna tenere conto dell'introito totale quotisiano

    @artu
    si ho messo il link e ci saranno delle repliche

    RispondiElimina
  62. @chiara
    si importante abituare le persone ad un certo tipo di gusto per sentire più insipido altri prodotti , sale chiama sale, zucchero chiama altro zucchero diventiamo dipendenti

    la pubblicità si in questi anni è peggiorata, quella del papa papà un pollo era molto più ironica e divertente

    secondo me dipende anche dai responsabili di marketing e comunicazione delle aziende che non hanno cultura, ironia, preparazione ed è assurdo perchè ci sono oggi università e scuole di comunicazione ma la qualità è molto bassa ma perchè il loro livello cultura è basso, non hanno alcuna introspezzione di quello che imparano fanno solo come il pappagallo, ripetono cose che non comprendono

    ne ho modo di conoscerne diversi e devo dire che la pubblcità rispecchia le loro prefessionalità e le agenzie non riescono a proporre qualcosa di un livello più alto perchè vengono ricattate p cosi o non ti diamo il lavoro

    garzie del commento

    vado a vedere quello sul dado :-)

    RispondiElimina
  63. @masterofcook
    si oggi il sapore di un alimento gia pronto viene studiato per soddisfare tutta la sfera del senso del gusto, per avere un gusto pieno, che può creare dipendenza
    sul video ho messo il link grazie

    @cleare red tomato
    come comnta impostazione dei genitori vero? grazie

    @zonzolando
    non le faranno mai :-)

    @lilly
    grazie lily ma io rifuggo dalla notorietà preferisco fare l'autore di quello che viene detto , garzie a preso

    @acquolina
    si mi spiace l'audio andava e veniva non si capive bene sembravo balbuziente

    RispondiElimina
  64. @sississima
    fai bene a prepararla da sola

    @carmine
    grazie ma devo dire che il conduttore lo era è stato molto bravo

    @floriana
    grazie, arrivo gentilissima

    @elly
    sei un tesoro un bacione grosso, buona settimana

    RispondiElimina
  65. Sempre interessanti le tue news be documentate. Io soffro di ipertensione e quindi da 34 anni prendo la pastiglietta. Sale quasi niente di quello messo uso gli aromi o altrimenti il sale himalayano.
    Buona settimana e grazie.

    RispondiElimina
  66. Che post interessante!
    Ma lo sai che mia figlia (5 anni e mezzo) non mangia merendine confezionate? Solo i "dolcini" (termine con cui lei chiama indistintamente un pò tutti i plumcake, i cimabelloni o i muffins che le preparo io, spesso con le uova fresche delle galline del nonno) e poi è una mangiatrice di mele?
    Lei quindi aderirebbe alla tua campagna "Merendiamo? by Gunther" immediatamente :-)

    Ciao, buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benevenuta e brava la mamma oltre che la bimba che ha fatto da buon esempio

      Elimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi