venerdì 30 marzo 2012

Le uova di Pasqua 2012 tra amarcord e crisi


Si avvicina la Pasqua e sento nascere la mia curiosità attorno all' uovo di Pasqua al cioccolato. Devo dire che il mio interesse per l'uovo di Pasqua non ha seguito in famiglia, vedo poca attenzione da parte delle nuove generazioni, allora mi sono chiesto ma l'uovo di Pasqua è solo amarcord, ha un valore simbolico solo per la mia generazione?

Quando io ero piccolo, cominciavo un mese prima di Pasqua, andare a comprare il giornale al nonno fare le commissioni alla nonna, portare il cane ai giardini, buttare la spazzatura, fare tutte quelle cose che mi avrebbero dato dei crediti per la speranza di avere in cambio un bell'uovo di Pasqua al cioccolato perché il cioccolato era un alimento riservato alle grandi occasioni.


Che futuro avrà l'uovo al cioccolato di Pasqua?
Ieri sono andato a trovare mia nonna 99 anni, ha preso la bronchite, qualche giorno prima le avevo mandato tramite mia figlia l'uovo di Pasqua e ho visto che lo ha esposto in salotto, mi ha fatto molto tenerezza, mi ha detto che aspetterà Pasqua per mangiare il cioccolato. Questo mi ha fatto ancora di più capire il valore diverso che diamo alle cose cambia attraverso le generazioni (mia figlia mi ha detto ma Papà alla bisnonna porto l'uovo al cioccolato, ma non ha il cioccolato?)

Negli ultimi anni il valore aggiunto all' uovo di Pasqua è stato il giocattolo, la sorpresa poco sorpresa , il cioccolato sembra un pretesto per vendere il giocattolo. Questo ha distratto l'attenzione sulla qualità del cioccolato, nessuno delle uova al cioccolato che si vende al supermercato e nemmeno di quelli che si vendono in molte pasticcerie vuole porre l'attenzione alla qualità del cioccolato. Il marketing dell'uovo si Pasqua è tutto sulla sorpresa più delle confezione esterna che di quella interna. In altri termini si potrebbe dire molto fumo e poco arrosto (chieso scusa ai vegetariani)


L'attenzione alla qualità del cioccolato non è poco importante dal momento che il costo va  in media dalle 30 alle 60 euro al chilo, un uovo al cioccolato da 300 grammi in media può costare anche 15 ai 18 euro, non sono proprio pochi, ma nessuno sembra sottolineare o giustificare il prezzo, per assurdo manca il Marketing del cioccolato.. 

Ahimè le alternative di cosa comprare con 60 euro al kg di cioccolato sono tante e sono tante anche con 15 euro anche 15 tavolette da 100 g, un uovo non è tanto conveniente visto in generale la bassa qualità del cioccolato, controllare le etichette è fondamentale sempre come scegliere il cioccolato

Cosi dal cattivo rapporto prezzo qualità e la diminuzione del valore simbolico dell'uovo di Pasqua, si riducono i volumi di vendita, si riducono le dimensioni del cioccolato, una crisi dell'uovo al cioccolato anche formale il massimo è dato da famosi cioccolatini che per l'occasione vengono confezionati come un uovo di pasqua  per esempio i Ferrero Rocher, Kinder Ferrero, Baci Perugina.

Questa tendenza è confermata anche dalla mia ultima visita a Parigi, dove le nuove proposte di uova di cioccolato vanno in questa direzione, la riduzione delle misure in genere 15, 20 cm raramente 25, 30 cm, ma sopratutto la classica forma a uovo sembra che non attiri più nelle proposte di alta gamma.Tanto che novità è l'uovo cubico dello chef pâtissier Pierre-Antoine Bayle

Le nuove tendenze 2012 per l'uovo di pasqua: le figure d' animali: non solo pulcini e galline, ma rinoceronti, orsi, scimmie, leoni, zebre, per una "Pasqua selvaggia"
Ci propone un pesce che si butta in un mare di cioccolato

La collezione Chocovico delle piccole uova pulcino, decorante con simpatia ma c'è anche tutta la savana al completo.
15 cm  55 Euro



Lenotre
Orsi gourmand un intera collezione
da 15 euro

Dallayou
I passerotti, simbolo della primavera
15 cm 70€

Uovo zebrato, la zebra è l'ispiratrice delle uova, ma è tutta la savana una collezione di diversi animali al cioccolato dalla scimmia al rinoceronte da 39  a 69  15, 21 cm



Chocolat Deneuville
Parliamo di Pasqua selvaggia non poteva mancare il Re il Leone, 16 cm, 200g 17.90 € (89,50 € /kilo)

Des gateaux et du pain
Non è proprio nella foresta ma quest'uovo che rappresenta l'Avocado un po di natura selvaggia sà,  Oeuf "Avocat" cioccolato al latte 10 cm 16,00 €  Oeuf Avocat chocolat au lait 15 cm 33,00 €


Fuori dal coro

Uovo Theobroma, un gran bell'uovo al cioccolato di 18 cm, 65  fatto da solo cacao del Madagascar e composta da sette crù di cioccolato diverse (lo so costa uno sproposito)

Hugo Victor
Uovo drappeggiato di rosso 12 cm 16 €

Niente uova belle grandi ma solo una confezione media con all'interno delle piccole mandorle ricoperte di cioccolato bianco e cioccolato al latte, una proposta molto simpatica, tipo scrigno delle gioie delle vecchie zie rivisitata in chiave moderna, ma sicuramente senza il tipico uova di Pasqua.

Sintesi: la crisi sembra abbia colpito anche l'uovo di Pasqua, io sono nostalgico nel senso che per me l'uovo è bello grande fatto di buon cioccolato con un gusto persistente in bocca ma sopratutto a forma d'uovo, ma qualcuno ricorda quelle belle uova che sono a vederle di mettevano allegria e spensieratezza?

.
La foto 1 ci sono gli alberi di Pasqua una tradizione del nord europa.


51 commenti:

  1. Io ho una specie di trauma infantile per l’uovo di pasqua come per la calza della befana: non si sono mai visti a casa mia. Al posto della calza c’era un secondo regalo come per Natale, e al posto dell’uovo una mega stecca di cioccolato con la “scusa” (anche giustificata) che la qualità era migliore. Ma di certo l’emozione non era la stessa. E così da grande ho cominciato a “regalarmi” un ovetto da sola e la tradizione me la mantengo tutt’ora. Amarcord? Forse, ma è così piacevole ^_^

    RispondiElimina
  2. Ti appoggio in pieno come sempre...
    sposo il tuo post dalla prima all' ultima parola!
    Sono le stesse considerazioni che mi faccio ogni anno!
    Agnese... dalla sua "cuccia"!

    RispondiElimina
  3. si...hai ragione, è svanita la magia che questa festa portava con se...

    RispondiElimina
  4. Guardo l'uovo con tenerezza, a casa mia dove pure il cioccolato non mancava mai mamma aveva l'abitudine di comprarci l'uovo della Kinder in formato gigante dato che mia sorella ed io ne andavamo matte, e lo ha fatto fino a che e' stata con noi, pochi anni fa :-)
    Per questo me lo compro lo stesso, solo per amarcord come dici tu.

    Quanto alle proposte, bella quella di Herme ma voto per Fauchon :-)

    RispondiElimina
  5. io adoro le uova della lindt e le mie eheheh :) baci!

    RispondiElimina
  6. Ma lo sai che anche io adoro le uova di Pasqua ma solo se il cioccolato è egno di chiamarsi tale??? Arudo..molto arduo..comunque voto per lindt che è a mio parere garanzia di bontà...e per la kinder per i bambini:-)))))) Baci!!!

    RispondiElimina
  7. Ho notato anch'io che molti genitori scelgono l'uovo in base alla sorpresa che c'è dentro..poveri noi!!!!

    RispondiElimina
  8. Quest'anno ho deciso di boicottare Ferrero e le sue uova.
    Forse perché non ne posso più di vedere spot di questa marca che per la molteplicità dei suoi prodotti riesce a martellarti anche 3 volte nella stessa sequenza di spot pubblicitari.
    Forse perché ha banalizzato l'uovo di Pasqua che ritrovi in formato mignon tutti i giorni dell'anno, compresa la versione estiva!
    Forse perché il cioccolato...non sa neanche di cioccolato.

    Fatto sta che ho comprato uova di carta di Ikea e le ho riempite con cioccolatini di altre marche e le ho avvolte in frusciante cellophane! :DDDDDD

    La tradizione dell'uovo di Pasqua mi piace comunque!

    RispondiElimina
  9. C' era una volta...
    Ah no scusa :)

    Allora, ricominciamo...
    Quando ero piccola,ma piccola assai essendo la prima nipote da parte di padre immagina....
    Avevo una media di dieci uova giganti!
    Tutte mie !!!!!!
    Poi arrivo' mia sorella e... A casa avevamo 20 uova giganti!!!!
    Sono arrivati altri nipoti... E sempre tutte quelle quantita' hanno invaso la mia casa!

    Se non lo hai capito a casa mia ho avuto cioccolata per farci vivere di rendita non so quante grnerazioni!
    Al latte e fondente io mangia o tutto, poi iniziai a preferire il fondentre e l extra fondente.

    Ora in casa mia...
    Solo un coniglietto mini della lind( io mangio solo le orecchie !)
    E l uovo kinder che il maritotigre se no non vive la pasqua serenamente senza!
    A me disgusta orribilmente al secondo pezzettino...

    Tirando le somme...
    Io la favola della pasqua spero di riviverla negli occhi di un mio futuro figlio.
    Per me la pasqua non e' mai stato l uovo, ma la colazione della mattina di pasqua.
    La preparava mia madre, con cura con amore si svegliava e preparava :
    Uova sode, affettati, uovo spaccato da noi la sera prima, un dolce tipico del posto( la pizza di pasqua sia dolce che salata al formaggio)
    Tovaglia con le paperelle,pulcini, uova, portauova, fiori di pesco...
    Capisci che dell uovo non me ne importa un fico secco?
    Mio maritotigre la sua favola vuol continuare a riviverla con il suo uovo kinder.
    E io per consolarmi preparo la colazione di pasqua a lui :)
    Solo che non mi regolo e ci mangiamo una settimana ^_^

    RispondiElimina
  10. La prossima volta che scrivo un commento cosi' lungo ti autorizzo a riempirmi di mazzate
    ; P

    ... E vissero tutti felici e contenti con il loro bernoccolo... Emmmh uovo....

    RispondiElimina
  11. è un commento bellissimo invece ti riempio di baci fidanzato permettendo

    RispondiElimina
  12. Sono d'accordo con te, in effetti tutta la magia legata all'uovo di Pasqua ormai è svanita! Io cmq preferisco lindt!
    A presto!

    RispondiElimina
  13. Ciao! da dove vengo io le uova di Pasqua sono quelle fatte dalla gallina e poi bollite e colorate in rosso :) Poi c'é tutta una tradizione ...poi magari questi giorni nè parlero in detagli sul mio blog... Le uova di Pasqua in Italia mi piaciono tanto, poiché sono stràgolose e cioccolatose sono anche belle da vedere ;) Ma tu dove trovi tutte ste informazioni interessanti? Un blog molto carino, complimenti!
    (Vica)

    RispondiElimina
  14. Non conoscevo il tuo blog e venendo qui pensavo di trovare altro, invece sono rimasta piacevolmente sorpresa! Credo ti leggerò assiduamente!

    RispondiElimina
  15. Il problema è che si è banalizzato pure quello in senso commerciale e si è perso per strada, a volte perchè poi fatto con cioccolato veramente triste.
    A me piaceva un bel pezzo di cioccolato fondente temperato e croccante dell'uovo, ma devo dire che ora non ne sento la mancanza.
    Ciao :)

    RispondiElimina
  16. L'uovo di Pasqua è sempre stato anche per me un simbolo, ricordo quando mia mamma non voleva mai prenderlo e alla fine cedeva per un uovo piccolo ma ricordo anche, quand'ero già grandicella, il blitz fatto con papà, siamo tornati a casa con un uovo gigante :-)
    Papà me lo prende tutti gli anni, fondente e di buona qualità nonostante mamma non sia d'accordo visto che il cioccolato ingrassa.. ;-)
    La mia bimba è troppo piccola ma l'anno prossimo magari glielo comprerò oppure glielo farò io!

    Ai supermercati fanno anche gran mostra uova di sottomarche, in quel caso meglio la stecca

    RispondiElimina
  17. voglio quello di Hermè, ma non lo mangerei per non rovinarlo meglio non pensarci, si effettivamente i prezzi alti

    RispondiElimina
  18. io sono come te l'uovo deve essere l'uovo e non pallide imitazioni. C'è una cosa che mi indispettisce più di tutte e che mostra proprio come l'uovo sia solo un pretesto commerciale, questa cosa è l'uovo di plastica con più regali dentro, quando li vedo mi chiedo perché? non tanto perchè vengono prodotti quello è palese, soldi, ma perchè la gente li compra...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Una Pasqua selvaggia??? Wow, ci sono delle cose che veramente mi lasciano di stucco.

    Il problema e' che c'e' troppa cioccolata in giro, e troppa di questa e' schifosa (scusa l'aggettivo) e non si dovrebbe neppure definire cioccolata.

    Un uovo solo per bambino (o adulto se lo vuole) e' la mia regola, e poi sai che qui le uova non hanno la sorpresa? Questo mi dispiace più' di quanto possa credere :-).

    Ciao
    A.

    RispondiElimina
  20. io sono per le uova a forma di uova! ^_^ cioccolato meglio se fondente e la sorpresa... meglio un abbraccio! tutti quegli aggeggini che vi si trovano dentro poi non si sa mai dove metterli ;)
    Ottimi articoli come sempre!

    RispondiElimina
  21. Noi siamo molto affezzionati all'uovo di Pasqua, quello tradizionale e al cioccolato fondente, ora che i due maschi sono grandi abbiamo avvisato parenti e amici di regalare solo 3 uova di Pasqua, negli anni scorsi eravamo arrivati fino a 20 e di cioccolato al latte, non sapevo più che farmene, oggi invece prenoto quelli della ricerca contro la leucemia, faccio una piccola offerta e mangio del buon cioccolato, poco ma buono! Buona serata!

    RispondiElimina
  22. Una volta il cioccolato a casa mia si mangiava di rado e quando arrivava pasqua era una festa :)
    per me é ancora un piacere riceverlo,mio suocero c'e lo regala ogni anno,con una sorpresa golosa...ripieno di praline! Per i prezzi alti la materia prima costa, se il cioccolato e di qualità e giustificato, e qui vale la regola di leggersi bene l'etichetta!!

    RispondiElimina
  23. Da me uno solo giusto per simbolo e si apre a Pasqua...e di quelli della AILL...ciao.

    RispondiElimina
  24. in effetti quello che scrivi tu è proprio vero ! Oggi si da più importanza al regalo e poco al cioccolato, la forma ovale sta perdendo, poi, di attrattiva....peccato !! Ciao.

    RispondiElimina
  25. La penso come te! Sono nostalgica e prediligo le tradizioni e il simbolismo legato all'uovo!:)
    le nuove tendenze mi interessano davvero poco!
    Io ai miei nipotini regalo l'uovo! :)

    RispondiElimina
  26. Io ho gran brutti ricordi riguardo l'uovo di Pasqua: mia nonna fino a qualche anno fa si impuntava a regalare a tutti i nipoti l'uovo della Kinder. Peccato che a me nauseasse tantissimo!
    Personalmente non spenderei mai le cifre che hai riportato tu per quelle uova-opere-d'arte: poi non avrei cuore a mangiarle! Magari le regalerei se ci fosse in programma un pranzo speciale, ma prenderle per me mai!

    Piccola parentesi: l'anno scorso mi sono fatta convincere dal nonno ad assaggiare un pezzetto di cioccolato extrafondente con un boccone di polenta (non quella molle) appena tiepida. Ecco, diciamo che non mi sono fermata a un assaggio... Che goduria :)

    PS. Dici che è un caso che siano uscite *proprio in questo periodo* discutibili notizie di "cioccolato che fa dimagrire"...? Le avevi lette? Parlano di "cioccolato speciale" usato per gli esperimenti (povero di grassi e ricco di altre sostanze che non ho ben capito): i miei occhi si trasformano in punti interrogativi!

    RispondiElimina
  27. Sono più che di corsa ma il post non potevo non leggerlo...
    Da piccolo ero "il collezionista" visto che dato il numero sconfinato di parenti arrivavo anche a 21 uova...solo per me. Puoi immaginare cosa vogliano dire in termini di affetto. Il giorno di Pasqua venivano aperti tutti e mia madre usava due insalatiere...in una metteva quelle con il cioccolato così-così, nell'altra quelle buone, quelle kinder finivano in giornata stesso :P eheheheheehhe
    Hermè è solo per chi può ed a Pasqua anche il simbolo devono permetterselo tutti altrimenti resta solo il cioccolato...

    RispondiElimina
  28. Da piccola le uova di pasqua erano poche e desiderate, come dici tu, messe in mostra sul tavolo del salotto....e il giorno di Pasqua si aprivano a fine pranzo....ora devo dire la verità me ne arrivano due o tre dalla famiglia di mio marito, lo trovo uno spreco, perché come dici tu, la qualita di questo cioccolato non è di certo al top....ma come faccio a far capire che non abbiamo più l età per l uovo e che se mi regalassero dei buoni benzina sarei davvero contenta???

    Per me la Pasqua é solo una delle tante feste commerciali .....

    RispondiElimina
  29. sono appena rientrata da Parigi e anch'io ho notato questa tendenza...da noi la Pasqua è ricca di piatti tradizionali e l'uovo era una presenza timida, un po' defilata, ma a noi bambini piaceva parecchio! E' da molti anni che non compro più l'uovo di Pasqua e l'ultima volta lo comprai in una bottega equo e solidale, il cioccolato era di ottima qualità!!
    E.

    RispondiElimina
  30. sono appena rientrata da Parigi e anch'io ho notato questa tendenza...da noi la Pasqua è ricca di piatti tradizionali e l'uovo era una presenza timida, un po' defilata, ma a noi bambini piaceva parecchio! E' da molti anni che non compro più l'uovo di Pasqua e l'ultima volta lo comprai in una bottega equo e solidale, il cioccolato era di ottima qualità!!
    E.

    RispondiElimina
  31. Bello grande, con cioccolato fondente di prima qualità, con una bella sorpresa dentro.
    A casa mia questa tradizione esiste ancora.

    RispondiElimina
  32. Grande e a forma di uovo..e assolutamente fondente fondentissimo :D

    RispondiElimina
  33. io sono come te ...per questo nel mio salotto è da un po' che ha preso posto l'uovo di cioccolata del commercio equo...ma per il resto tutti noi non siamo più così legati ...ci basta quello e abbiamo dovuto convincere i parenti che non volevamo quintali di uova cattive come regalo...proprio non ci servono. Uno come simbolo, nostro e buono.
    ...e quindi ti lascio anche gli auguri di Buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  34. la tua generazione credo sia la mia :-) e capisco profondamente ciò che scrivi!
    Io avevo mia nonna che ci portava le uova, mia madre, un po' più dura come carattere, non ce l'ha mai regalate... sarà per questo che io lo regalo ancora ai miei figli seppur abbiano 18 e 24 anni. L'uovo non lo prendo gigantesco, tutt'altro. Sarà g 180/200 non ricordo.. ma lo faccio fare in pasticceria/cioccolateria e faccio mettere dentro la mia sorpresa, un dono che compro io, mi sembra, così, di dare il mio segno d'amore.
    Bellissimo post caro, come sempre!

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  36. io lo interpreto come un segno di affetto, vado molto su basta il pensiero ma devo dire che non so mai quale scegliere e spesso vado a caso, facendomi influeenzare dal colore o dalla sorpresa

    scusa ho sbagliato prima

    RispondiElimina
  37. avrei la scusa pronta per ritornare a Parigi, resterei ore appiccicata alle vetrine,grazie per le informazioni sempre attente e precise Gunther....

    RispondiElimina
  38. grazie sempre per i tuoi post meravigliosi che ci fanno capire sempre tante cose che ignoriamo

    RispondiElimina
  39. caro gunther, la pasqua...quanti ricordi!

    mio padre era un grande appassionato dell'uovo di pasqua, li sceglieva personalmente e li ordinava per tempo in pasticceria, li faceva aprire e faceva mettere le sorprese comprate a parte.
    di solito comprava un grandissimo uovo ( feletti -lindt- caffarel- a volte fatto dal pasticcere) per tutti. ma veramente grande!

    ormai era diventata una tradizione e finchè c'era un nipote solo l'uovo era unico! avresti dovuto vedere la sorpresa di mio figlio da piccolo che si ritrovava questo enorme uovo davanti! c'è stata una pasqua che non riusciva ad aprirlo e attaccava i morsi alle decorazioni..,riuscì poi ad aprirlo con un piccolo martello!

    quando i nipoti sono aumentati, sono aumentate anche le uova, ognuno il suo ma sempre di buona cioccolata.
    certo, le uova di mio padre con i regalini scelti personalmente erano tutta un'altra cosa, anche per i generi c'era un pensierino, di solito era una cravatta, adatta al genero che la avrebbe ricevuta.

    sono rimasta dai commenti precedenti...c'è chi riceve anche così tante uova di pasqua...però!

    i miei figli ne ricevono uno a testa dalla nonna...






    l

    RispondiElimina
  40. ...sempre io...
    mi sono dimenticata di dirti che la tradizione da noi vuole la benedizione delle uova ( di gallina) la domenica di pasqua.

    mia mamma le lessava la mattina presto e noi figli dopo colazione (tutti insieme, ovviamente) le decoravamo con le matite colorate per portarle in chiesa.
    il piattino con i fiorellini ,le uova sode e il fazzolettino ricamato che le raccoglieva...tradizione che ancora oggi trasmetto ai miei figli, anche se loro si rifiutano di decorarle!

    buona pasqua gunther!

    RispondiElimina
  41. Da piccola me lo regalavano sempre...peccato essere cresciuta, le uova che hai proposto sono meravigliose!

    RispondiElimina
  42. Che belle le uova a Pasqua, quelle grandi però, che quando si rompono fanno crak crac e una bella sorpresa dentro.
    Insomma come quelle di quand'ero bambina

    RispondiElimina
  43. ti dirò non ho mai amato l'uovo di cioccolato, neppure da piccolo
    qui da noi c'è più il 'culto' della pastiera che adoro :P
    ma un bel morso a quello di pierre hermé lo darei molto volentieri
    buona domenica delle palme!

    RispondiElimina
  44. ti dirò non ho mai amato l'uovo di cioccolato, neppure da piccolo
    qui da noi c'è più il 'culto' della pastiera che adoro :P
    ma un bel morso a quello di pierre hermé lo darei molto volentieri
    buona domenica delle palme!

    RispondiElimina
  45. Hai ragione Gunther, lo scambio dell'uovo è una pratica caduta in disuso. Credo che sia una diretta conseguenza della distanza tra le persone anche all'interno della famiglia.

    Si bada poco al dono come manifestazione di una vicinanza concreta, oggi si pensa a fare quello che si deve e poi non ci si sente per mesi. Che nostalgia.
    :-)

    RispondiElimina
  46. ciao Gunther ! Mi piacciono questi tuoi post perché guardo estasiata creazioni magnifiche mai viste ! cosa avrei dato per avere quel pesciolino a pois da regalare oggi a mio figlio ! Ho già comprato le uova di Pasqua per bambini vari e pensavo di aver speso molto... ma se guardo certi prezzi dell'alta cioccolateria... ! un caro saluto !

    RispondiElimina
  47. Eccomi qui..ho comprato un uovo enorme da un chilo,ora che i figli sono grandi e non se lo litigano !!hih
    un'abbraccio !

    RispondiElimina
  48. Consumismo e basta!!! Solo ricordi lontani quando ricevere un uovo era una gioia...le feste oggi si rincorrono frettolosamente...a me nessuna festa mi entusiasma più come prima e rimare soltanto come dici tu il amarcord!!

    P.s. Se ti va passa e partecipa al mio primo contest http://capricciosaepasticcionaincucina.blogspot.it/2012/03/e-tu-di-che-colore-sei-1-contest.html

    RispondiElimina
  49. qui causa diete e intolleranze varie abbiamo perso un po' l'abitudine ma l'uovo come simbolo lo conserviamo utilizando quelli in cartone a racchiudere un piccolo pensiero. Almeno per il pranzo, però, accompagno la colomba e/o il caffè con qualche ovetto piccolo, preso rigorosamente in qualche cioccolateria torinese ;-) Mio padre quando ritenne che ormai ero grande per le sorprese- giocattolini , ai tempi del liceo, mi faceva trovare un uovo di fondente decorato con fiori di zucchero della Caffarel con dentro un gioiellino... sigh, che ricordi... (e non per il gioiellino..)

    RispondiElimina
  50. qui causa diete e intolleranze varie abbiamo perso un po' l'abitudine ma l'uovo come simbolo lo conserviamo utilizando quelli in cartone a racchiudere un piccolo pensiero. Almeno per il pranzo, però, accompagno la colomba e/o il caffè con qualche ovetto piccolo, preso rigorosamente in qualche cioccolateria torinese ;-) Mio padre quando ritenne che ormai ero grande per le sorprese- giocattolini , ai tempi del liceo, mi faceva trovare un uovo di fondente decorato con fiori di zucchero della Caffarel con dentro un gioiellino... sigh, che ricordi... (e non per il gioiellino..)

    RispondiElimina
  51. si è perso il valore dell'attesa, noi eravamo in tre sorelle e aspettavamo con ansia di aprire l'uovo e mangiare la cioccolata, crescendo e non avendo figli preferisco quelli piccoli di zucchero ma la tradizione rimane. E' sempre bello vedere l'ultima moda di Parigi! Tanti auguri!!!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi