lunedì 14 settembre 2009

Obesità news: il perchè di una corretta e regolare ripartizione dei pasti durante la giornata e l'importanza dell'attività fisica


Unisco due domande che mi sono arrivate per email a due news del mondo scientifico in riferimento all'Obesità.

D: Perchè è importante una regolarità dei pasti in una dieta ipocalorica
? Lo stress incide in una dieta?
È stato recentemente pubblicato sulla rivista Obesity uno studio firmato da Fred Turek (neurobiologo presso l'Università di Chicago, Illinois), il quale indica che ad alterare i meccanismi dell’assorbimento dei nutrienti potrebbe essere una certa aritmia dell’orologio fisiologico, in sintesi la mancanza di una regolarità dei pasti, dovuto ad stile di vita particolarmente carico di stress, spinge non solo a mangiare di più a qualsiasi ora, ma anche ad uguale introito calorico il nostro corpo reagisce in modo anomalo, tende a preservare l’energia è cosi si aumenta di peso.

Il team americano ha concentrato il suo lavoro sulle interazioni tra i pasti e il peso. Questo lavoro è in linea con altri studi, dove sono stati esaminati i lavoratori a turno, che hanno dimostrato una spiccata tendenza all'aumento di peso in particolare sul turno notturno che gli costringe a un ritmo innaturale con il proprio corpo. Questa irregolarità tra ritmo biologico e aumento di peso ha permesso di stabilire che le persone tendono all'aumento del peso nel 50% dei casi rispetto a chi invece ha una vita regolare.

Pertanto non è solo importante un alimentazione corretta ma un’ adeguata distribuzione dei nutrienti nel corso della giornata, questo studio ci permette di dire che il nostro corpo preferibilmente utilizza più grassi e carboidrati al mattino, di conseguenza è consigliato di mangiare cibi con carboidrati (zuccheri) e grassi durante la prima fase del mattino, mentre la cena deve essere considerata un pasto leggero, al contrario invece di come spesso avviene in molte famiglie dove si trasforma il pasto serale nel pasto principale. Durante il giorno siamo più attivi consumiamo più energia mentre la sera dopo cena abbiamo bisogno di meno energia.

D. Perchè è importante l'attività fisica? Perchè dopo una dieta recupero il peso molto velocemente?

Sentiamo spesso dire dieta ipocalorica equilibrata nei nutrienti in associazione con esercizio fisico sono le modalità più corretta per perdere peso, molti si concentrano sulla dieta alimentare poco sull'attività fisica, che non è meno importante.

L'attività fisica con il tempo aiuta a gestire la sensazione di fame, aumenta la spesa energetica e favorisce la perdita di peso, questo spiega perché la sola dieta spesso è un dimagrimento di tipo transitorio si recupera nel giro di qualche tempo il peso perso.

Scienziati americani sostengono in un articolo pubblicato settimana scorsa sulla rivista della American Physiological Society, che la soluzione si trova nell'attività fisica in particolare modo sia durante la dieta ma ancora di più dopo la dieta.

L'aumento di peso sembra un semplice meccanismo che si verifica quando le calorie della dieta sono maggiori di quelle spese. La realtà non è cosi semplice, poiché dopo una dieta si è più sottoposti e invogliati a mangiare è un processo fisiologico, probabilemente nato dal fatto di essere stati sottoposti ad una carenza di cibo o stress da fame, questa è una delle principali cause di recupero del peso, si mangia di più quasi per premiarsi dei risultati ottenuti. Molte persone non sono in grado di gestire questo segnale fisiologico e recuperano i chili persi.

Questo studio indica che chi è sedentario tende al mattino a bruciare gli zuccheri e inviare grassi al tessuto adiposo contribuendo ad aumentare le riserse caloriche, inoltre la combustione degli zuccheri tende ad aumentare quella sensazione di fame continua, l’attività fisica contribuisce primo a bruciare i grassi perché l’esercizio fisico induce l'organismo al primo utilizzo di grassi per soddisfare il suo fabbisogno energetico, mentre gli zuccheri vengono mobilitati nel corso della giornata, favorendo cosi la riduzione dell’appetito e della quantità di grasso accumulato, (anche se lo studio è al momento teorico e nato dall'osservazione degli animali, credo che possa fornire delle risposte e dei stimoli all'attività fisica durante la dieta la sopratutto adottare uno stile di vita attivo sempre ). Fare attività fisica non vuole dire solo palestra, un ottimo esercizio è la danza, come anche andare in bicicletta.

Spero di essere stato esauriente, con affetto Gunther

NB: Trovate le altre risposte alle domande qui, non è un altro blog ma ho messo le vostre domande più comuni, prometto di farne almeno una a settimana

11 commenti:

  1. Questo post dovrei stamparlo ed affiggerlo nella mia cucina

    RispondiElimina
  2. grazie della risposta esauriente e che mi hai inviato per email

    RispondiElimina
  3. Benedetti questi post e quelli che si prendono la briga di scriverli! Informando l'universo criato su cose che dovremmo già sapere, ma che vengono offuscate dal gran vociare su diete e prodotti dietetici (che a nulla srvono se non a far fare un sacco di soldi a chi li produce...). Bravo Gunther, come sempre un bell'articolo di informazione seria. Ma quand'è che torni anche a postare ricette? Grazie e a presto

    RispondiElimina
  4. Secondo me, bisognerebbe abolire il concetto di dieta così come la si concepisce normalmente, cioè un periodo più o meno lungo dove si stravolgono le proprie abitudini alimentari e poi...persi i chili...si ricomincia ad alimentarsi come prima.

    Per dimagrire realmente occorre un corretto stile di alimentazione e vita che, una volta intrapreso, non va più abbandonato.

    Penso che anche per l'attività fisica il discorso sia lo stesso, meglio una passeggiata di buon passo tutti i giorni, piuttosto che un mese di estenuanti esercizi in palestra e poi più niente.

    Grazie per le informazioni sempre esaurienti che ci dai sull'argomento salute.

    A presto.

    RispondiElimina
  5. Su "Muoversi insieme" (che tu conosci) la nutrizionista Angela Maria Messina ha parlato proprio dell'importanza di mangiar poco alla sera. In quel contesto lo precisava come buona abitudine per dormire meglio, ma era sottinteso che mangiar troppo di sera produce, oltre all'insonnia, anche il rallentamento della digestione, alzando quindi le probabilità di ingrassare. se vuoi leggerlo eccoti qui il link: http://blog.muoversinsieme.it/archive/2009/04/16/uoi-una-notte-da-re-fai-una-cena-da-povero.html

    ciao, alla prossima!

    RispondiElimina
  6. I tuoi posts sono sempre interessanti!
    Un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  7. Informazioni sempre utili da leggere, che spesso si trovano spare un po' di qua un po' di là e quindi il tuo lavoro è lodevole.
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  8. @Lydia, anche io predico bene ma razzolo molto male
    @germana grazie
    @saretta, ciao un abbraccio
    @spighetta , grazie
    @sabrine, grazie torno a postare ricette molto presto quando mi finiscono la cucina!!!
    @eli la costanza è la cosa migliore
    @sandrina, alessandra io ti chiamo cosi, garzie per avere completato l'informazione metti tutti i link che vuoi
    @kemiconti, grazie
    @alessandra sei molto gentile

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi