venerdì 4 maggio 2018

Che cos'è la bigoressia?

Loredana C, Civitavecchia : Ho sentito parlare di Bigoressia potrebbe dirmi cos'è e se riguarda l'alimentazione?

Si tratta di un neologismo, una parola nuova, è nota come la mania dei culturisti per aumentare la massa muscolare. Invece si tratta di un vero e proprio disturbo del comportamento che coinvolge più uomini che donne, non di rado si nasconde un problema di disturbo del comportamento alimentare celato dall'ossessione di fare attività fisica e d'apparire sano.

La bigoressia è la dipendenza d'attività fisica, un disturbo che si è evoluto con l'aumento della pratica sportiva dilettantistica, dal culturismo si è esteso ad altri sport di resistenza come il ciclismo, il canottaggio, il nuoto ma non mancano le persone per esempio che fanno danza, pattinaggio, sci di fondo o anche corsa.


Non stiamo parlando della normale attività fisica che si può praticare tre o quattro volte alla settimana per restare in forma, stimo parlando dell'ossessione che si ha dell'attività fisica. Chi ha questo disturbo percepisce il suo corpo come non sufficientemente magro e muscoloso pur avendo un fisico atletico.

Come per i disturbi del comportamento alimentare si assiste a un’alterazione della percezione di sé accompagnata da un pensiero continuo sulle forme corporee.

La mia personale esperienza mi ha insegnato che è difficile stabilire una caratteristica comune nelle persone che soffrono di bigoressia, molti psichiatri ed esperti di dipendenza come William Lownstein ritengono lecito parlare di bigoressia quando si superano le otto ore a settimana d'allenamento  intenso senza essere atleti professionisti .

Tuttavia a volte è faticoso distinguere se non si è dei specialisti l'appassionato di sport, chi dedica molto tempo  a quest'attività per passione, rispetto a coloro che hanno questo disturbo.

Chi soffre di Bigoressia non si fa alcun problema nell'utilizzare steroidi e anabolizzanti, hanno un alimentazione molto selettiva, frequentemente seguono una dieta ipeproteica e assumono integratori anche se non ne hanno bisogno.


La preoccupazione per la forma fisica mette a repentaglio sia la loro salute che la vita sociale, una relazione, la famiglia e il lavoro.

Non è raro sentirgli affermare "non voglio assolutamente ingrassare", non accettano che con l'età il loro corpo si modifica.

Quello che invece io ho osservato è che ci sono un certo gruppo di soggetti che passano da una dipendenza all'altra, hanno un periodo in cui sono anoressici, poi diventano bulimici, poi diventano dipendenti dalla cocaina, poi dal gioco d'azzardo, poi dalla forma fisica, poi dipendenti dall'alcol, ciclicamente sono dipendenti da qualcosa che cambia a secondo dell'età e della situazione di vita.

In particolare quello che più mi sconvolge è oltre che l'aspetto fisico e il viso, hanno quell'aspetto "tirato" dalla fatica, che accentua i lineamenti e anche i segni del viso, che non è dovuto alle sofferenze della vita o al passare del tempo, ma alle sofferenze del carico da super allenamento.

Sono state individuate delle situazioni che possono stimolare questo tipo di disturbo come:
- un infortunio, per esempio la rottura di un legamento crociato, questo può essere erroneamente percepito come non essersi allenati abbastanza spingendo ad allenarsi maggiormente. 
- la mancanza di una convocazione per una gara o non essere selezionati per fare parte di una competizione (anche solo dilettantistica).
- il finire di carriera agonistico sportivo.

Sono situazioni più a rischio dove forse si può avere più bisogno di un sostegno psicologico.


Sintesi

La bigoressia è la dipendenza dall'attività fisica, quando questa diventa un ossessione il principale motivo di vita.

Un disturbo che ancora non è riconosciuto dall'OMS anche per la mancanza di studi in merito, tuttavia sembra che spesso ci sia un passato di disturbo del comportamento alimentare o perlomeno un problema di dipendenza.

Secondo altri ricercatori l'eccessivo allenamento fisico  è il modo in cui in particolare gli uomini nascondono disturbi del comportamento alimentare.

Alcuni psicologi hanno individuato alcune situazioni che possono favorire questo tipo di comportamento, l'invito è quello di chiedere sostegno a uno psichiatra o uno psicoterapeuta o di uno specialista in dipendenze.

9 commenti:

  1. Che in certe persone c'erano dei comportamenti che sfioravano il patologico l'avevo intuito... Non sapevo si chiamasse così! Buon fine settimana! :-)

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questa patologia, ho letto tutto con attenzione e curiosità e mi impensierisce questa cosa. Davvero ci sono persone che soffrono ciclicamente di qualche dipendenza? Pazzesco ... per buttarla sul ridere: di sicuro non soffro di bigoressia, visto la mia pigrizia :)

    RispondiElimina
  3. Nemmeno io conoscevo questo tipo di dipendenza, grazie per la spiegazione, buon dine settimana!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questo termine né il suo significato, però so di molte persone per le quali l'attività fisica è una vera e propria ossessione. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo nemmeno io questa patologia, ma grazie a te ho imparato una cosa nuova.Grazie e buon fine settimana !

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questo termine, di sicuro conosco persone con questo disturbo. Frequentando la palestra vedo sia uomini che donne che fanno ben più di 8 ore a settimana di allenamento!! Ho sempre pensato "ma questi sono malati" ecco ora so anche il termine corretto!! Buona domenica

    RispondiElimina
  7. Sinceramente io non conto le ore di attività sportiva che faccio ma probabilmente sono al limite delle 8. A me piace correre, mi rilassa, quindi corro tanto ma credo che per questo tipo di malattia sia importante guardare non tanto alle ore di allenamento ma a come si affronta questo allenamento, se si è ossessivi. Diventa un modo per scaricare le proprie ossessioni e le proprie frustrazioni personali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche a me le otto ore settimanali da sport intenso possono non essere tante, ne va anche valuta intensità e unita ad altri "segnali" di disturbo di comportamento-

      Io sono da 30 minuti al giorno qualche giorno si ma anche qualche giorno no :-), non riesco tutti i giorni mi accontento di 3 o 4 giorni alla settimana, in altri termini una "schiappa"

      Elimina
  8. io vado dalle stelle alle stalle, dopo aver fatto 50km a piedi a Londra in 3 giorni mi sto riposando....

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'identità saranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno cancellati.