mercoledì 30 novembre 2016

Hamburger Docet

Quanto tempo abbiamo speso a parlare male del burger? A parlare male dei fast food? A parlare male del cosiddetto cibo spazzatura? Non è un pasto completo, non è sano, fa male all'ambiente, eppure nonostante il passare degli anni e il numero dei vegani e dei vegetariani in crescita, la cultura dell'hamburger o del burger che dir si voglia è più che mai in ascesa.

Tra le novità dei trend che bisogna registrare nel 2016, c'è la diffusione del burger con le patatine nella ristorazione classica con servizio al tavolo per intendersi.

Inoltre sempre di più aprono punti di ristorazione che hanno come protagonista hamburger ma non sono Mcdonalds o Burghy sono dei ristoranti d'elite con servizio al tavolo, spesso adoperano la definizione di Burger Bar o Burger Restaurant.

Osannati chef  lo propongono nel proprio menù, tra risotto al tartufo e ostriche gratinate, cosa si nasconde dietro la scelta di un burger?

Il marketing parte dai ragazzi per influenzare gli adulti di domani

Credo che solo ora è percepibile di quanto la cultura del burger influenzi le scelte alimentari. Se da bambini o da ragazzi ci si abitua a mangiare alcuni cibi questi nonostante l'evoluzione del gusto personale, rimangono nelle nostre abitudini e nelle nostre scelte.

Per questo le aziende sono tutte concentrate a imporre e influenzare i gusti e le scelte dei minori.

Le nuove formule di ristorazione di hamburger sono rivolte a quella generazione cresciuta a burger, adolescenti d'ieri e adulti d'oggi, che nonostante sia cambiato il loro ruolo sociale e le possibilità economiche sono tutt'ora influenzati da questo modello alimentare.


La diversificazione degli ingredienti e le proposte gourmand

Ora sei adulto e non vai più da Mcdonalds ma preferisci il ristorante con il cameriere al tavolo, che cosa ordini? Hamburger e patatine fritte.

Certo non è più quello di Mcdonalds è un hamburger dove puoi scegliere la provenienza della carne di manzo che arriva dall'Argentina, ho visto persone richiedere hamburger di Chianina, hamburger di Black Angus dall'Irlanda, hamburger di manzo Kobe giapponese.

Anche gli altri ingredienti proposti nella ristorazione hanno subito un evoluzione, il pane stesso può essere integrale, di farro, senza glutine, misto cereali-

Non da meno l'insalata può essere diversa insalata romana, icerberg, misticanza, lattughino, e perfino il formaggio dal gorgonzola al cheddar.

Nonostante la scelte d'ingredienti diversi e decisamente di maggiore qualità non cambia la formula del pane con in mezzo una specie di polpetta di carne, beh si perchè anche le polpette che si fanno in casa stimolano a un maggiore senso del gusto rispetto al semplice burger.

La diversificazione degli ingredienti d'accompagnamento non basta più, c'è la diversificazione degli ingredienti, non più burger di carne perchè può essere anche di pesce, ebbene sì hamburger di tonno, hamburger di salmone, hamburger di merluzzo

C'è anche il burger vegano, hamburger fatto per i legumi e le verdure come i ceci oppure gli ortaggi come le fave e gli asparagi o quinoa e zucchine.


Omologazione del gusto e della forma nell'offerta gastronomica

Mangiare hamburger diventa sempre più trend, questo è il dato di fatto e tutto è divenuto burgabile, anche le confezioni di formaggio, insalata e salsa sono tutte fatte i modo che siano delle dimensioni adatte ad un burger.

Aspetto più divertente è stato ieri in un ristorante che mi hanno servito tartare di pesce a forma di burger, questo per dire di come è consolidata l'idea nella nostra mente del burger, sia come proposta di ristorazione ma anche come forma
Cameriere: Guardi che bello, è a forma di hamburger!
G.. Proprio bello! Io ordino Ricciola di pesce apposta per vedere la forma di burger

Questa cosa mi spaventa, nel senso che ogni tanto speri che ci sia un evoluzione, tutta questo nuovo sapere sull'alimentazione speravo potesse favorire delle scelte più consapevoli, delle scelte più varie per dei pasti più ricchi e completi, invece ci ritroviamo con hamburger e patatine fritte servite al tavolo!

Sintesi

La ristorazione che ha come protagonista il burger è comparsa in Italia agli inizi degli anni '80, chi non ricorda la moda del paninaro, che ha spinto l'apertura dei fast food, formule per mangiare a tutte le ore. 

Oggi questa proposta si è evoluta entrando nella ristorazione classica con servizio al tavolo.

Inserimento del burger nei menù ha cannibalizzato tutte le altre scelte di carne dalla semplice fettina, alla cotoletta alla milanese, allo spezzatino, all'arrosto, ha di fatto sostituito altre preparazioni anche più ricche di gusto.

Quello che in tutto il mondo è considerato il paese della pizza e della dieta mediterranea è sempre più paese di burger.

Mi piace sottolineare che la cultura del burger ha veicolato il consumo maggiore di bevande zuccherate, delle patatine fritte e della salse per accompagnare carne e patatine come ketchup nella quotidianità.

Più calorie, più sale, più zuccheri, più grassi, in particolare grassi saturi nell'alimentazione che uniti a cattive abitudini può facilmente contribuire alla diffusione di quelle patologie che sono influenzate dall'alimentazione.

Sono convinto che non si tratta d'evoluzione di consumo ma d'involuzione, una ricerca del gusto e del sapore che ha comportato una minore scelta nei menù, un' omologazione del gusto e un'uniformità dell'offerta, dove tutti possono facilmente considerarsi chef girando un burger preconfezionato sulla piastra.

18 commenti:

  1. Tre minuti prima di leggere il tuo articolo... Guardo il libro d'italiano di mio figlio (prima elementare):
    "LA LETTERA H E' MUTA
    COMPLETA CON H E COLLEGA CON IL DISEGNO GIUSTO:
    _OSTESS
    _AMBURGER
    _OT DOG"

    Poi magari scrivendo declineranno il verbo avere senza H...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le tue perplessità sono anche le mie, ho ritardato la pubblicazione perchè mi sembrava un eresia mettere l'apostrofo, nonostante le mille ricerche e mille pareri diversi, ho visto che era d' uso comune e mi sono detto mal comune mezzo gaudio

      Elimina
  2. ...ecco. Mentre con il kebab (ricordi? Quando avevi ospite il cuginetto) io ho commentato con: "bleah" - e lo ribadisco, per quanto riguarda l'hamburger fatto con carne tritata dal macellaio e spezie, e caso mai (come me lo faccio fare io) una fetta di prosciutto cotto in mezzo, come fosse un tramezzino, e formaggio sopra mentre cuoce (che fame..) cotto ai ferri.. ecco io approvo. STRApprovo il cheeseburger (ogni tanto ecchecavolo.. due volte l'anno) sempre carne trita buona eh! con cipolla, senape e insalata (birreria a Moncalieri prov. TO) MA: l'hamburger del Mac Donald's no per piacere.. mi fa sgnec-sgenc sotto i denti (sono miei! non ho la dentiera ancora..) sembrano di polistirolo. Gli chef si stanno facendo furbi. Alla gente piace. Quelli stellati Si staranno ficcando in tasca la loro boria (o no?) e lo proporranno in versione radica chic. Immagino. E poi, come dici tu, è tondo Le cose tonde attirano, sono confortevoli ed appetitose. Agli uomini piacciono ancora di più. Un Freud da strapazzo potrebbe supporre: "grembo materno?!" ... ... (ma va!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi tiri sempre su d'umore :-)))) a tante cose non avevo pensato mentre scrivevo. Comunque è vero agli uomini le cose tonde piacciono molto :-))))

      Elimina
    2. Felice, molto felice, di strapparti un sorriso. E' reciproca la cosa, lo sai. Meno male che ci sei tu ..:-)

      Elimina
  3. Mah io forse appartengo a una generazione diversa. Quando sono nati i primi fast Food ero una ragazzina ma non ci entravo da Burgy a Milano, in piazza san Babila. Lo guardavo sempre con sospetto ma preferivo i panzerotti in quella friggitoria, dietro al Duomo. Quando "bigiavo"scuola vuoi mettere un bel panzerotto, piuttosto che un triste hamburger in quel panino molliccio? Ma forse io sono "antica" e non faccio testo ...😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i panzerotti di luini non li cambierei con nessun burgher :-))))

      Elimina
  4. sono abbastanza carnivora da apprezzare un buon hamburger fatto bene e con carni scelte , ultimamente anche qui si usano molto questo genere di locali ma Mc Donalds proprio no....

    RispondiElimina
  5. anch'io sono pro panzerotto e la tua analisi di marketing è quanto mai accurata, che dirti? Influenzare i bimbi di oggi per venedere le stesse cose domani è un abile strategia, tocca a noi genitori riuscire a scegliere... sempre che poi tra feste dopo cinema e compleanni al fast food tutto il nostro lavoro non venga comunque avnificato. A volte si combatte contro i mulini a vento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa sensazione l'ho avuta anche io

      Elimina
  6. Anche a Bologna il trend del ristorante che propone solo hamburger di vario genere sta andando alla grandissima. Ne saranno venuti fuori una decina nel giro di due anni.
    Si può mangiare tutto, basta che si faccia on moderazione. Un buon hamburger di carne scelta, ben speziato non fa male a nessuno. Magari senza patatine e bevanda zuccherata. Certo il problema è che si induce un tipo di alimentazione che non è proprio salutare. Viviamo di contrasti, da un lato nascono come funghi ristoranti vegetariani/vegani/mangiosoloerba e dall'altra la versione chic della famosa catena di hamburger o cose similari. Sembra che nessuno voglia più andare alla classica osteria di una volta, dove per altro si mangiava benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo quelle buone trattoria a Bologna e dintorni, ogni anno andavo a fare le registrazioni all'antoniano era una festa per il palato, altro che hamburger, ricordi di quei tortellini e di quelle tagliatelle al ragù indimenticabili, ma anche la carne di quelli arrosti

      Elimina
  7. Ahi! Per me questo è un tastino dolente perché a me il McDonalds invece piace, con quelle spezie e salsine varie mi stuzzicano proprio gli hamburger che propone. Ci vado di rado e sono consapevole del fatto che si tratta di cibo spazzatura, iper calorico e tutto il resto eppure .. mi piace.
    De gustibus ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che non bisogna mangiarlo mai e che oggi si propone spesso solo quello

      Elimina
  8. Nella mia zona, sul lago di Garda, stanno spuntando hamburgherie come funghi, e ti dirò che alcune hanno prezzi quasi proibitivi, vantando carni pregiate e particolari (bisonte, cammello...). IO no riesco proprio ad avvicinarmi agli hamburger, preferisco farli in casa, almeno so cosa ci metto!

    RispondiElimina
  9. Non li ho mai amati molto, più che per la bontà per il fatto che in pochi morsi finivano subito e io invece amo mangiare in quantità e lenta. Sono perfettamente d'accordo con te che l'accoppiata con bevande zuccherine sia deleteria. Moderazione, come sempre. :-)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi