venerdì 5 febbraio 2016

Efsa via libera per edulcoranti in alimenti per bambini

Da diversi anni tra me e l'Efsa, c'è un rapporto d'antipatia reciproca, questa notizia rende più forte la mia antipatia.

IL 19 Gennaio l'Efsa ha espresso parere favorevole all'uso di edulcoranti (dolcificanti) nei prodotti destinanti ai bambini da 1 anno a tre anni in particolare sucralosio E 955 .

Io a mia suocera che ha 85 anni, non glieli compro i prodotti con edulcoranti alimentari, figuratevi se io gli compro ai miei nipotini di meno di tre anni!

Comprendo anche se non sono d'accordo che quando un adulto deve perdere peso, possa acquistare un prodotto con dolcificanti, ma un bambino di due anni!

Efsa afferma che verrà solo usato per prodotti a fine medici speciali, individuano i prodotti per bambini allergici in particolare al latte vaccino.

Non si comprende il perchè dell'uso dell'edulcorante, immagino forse serve per rendere un latte vegetale o qualche altra formula più dolce con più appeal per il bambino, perchè lo zucchero non andava bene?

Sappiamo che il senso del gusto si forma in quell'età che va da 1 anno a 3 anni, non rischiamo di abituarlo a un gusto troppo dolce? Perchè gli edulcoranti hanno potenzialmente un maggiore gusto dolce, il sucralosio 600 volte in più rispetto allo zucchero, il doppio più dolce della saccarina e quattro volte in più dell'aspartame.

Motivazioni straordinarie per alimenti speciali ma il rischio come altre innovazioni, che una volta introdotte sul mercato si espandono anche in altre categorie di prodotti alimentari per bambini, perchè difficilmente rimarrà vincolata a soli prodotti a fine medici speciali, non ci crede nessuno, cosa dovremo aspettarci in futuro dei lecca lecca alla saccarina? Dei chupa chupa all'aspartame?

La cosa più divertente è quando poi sento i stessi personaggi che hanno approvato l'uso degli edulcoranti per bambini partecipare alle tavole rotonde sostenendo di non comprendere come mai i bambini sono abituati al gusto troppo dolce, ma ragazzi miei se non vi si tiene d'occhio fate mettere i dolcificanti anche nel biberon!

Questi pareri che saranno del tutto legittimi non lo metto in dubbio non mi rendono sereno, prospettano un futuro poco rassicurante nel settore alimentare.

11 commenti:

  1. hai perfettamente ragione, anche io non amo affatto i dolcificanti aggiunti, sono grassi che se ingeriti in quantità considerevoli (nascosti proprio all'interno di alimenti preparati dalle grandi industrie) sono sicuramente nocivi per la salute! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Ciao Gunther! è tanto che non ci si "sente"...
    come non essere d'accordo con te: mia figlia fino a 3 anni non sapeva nemmeno cosa fossero i dolci, e ora il suo gusto è decisamente più fine e variegato di quello dei suoi coetanei, per non parlare dello stato di salute suo e dei suoi denti! ... forse bisognerebbe capire chi produce il sucralosio E 955, probabilmente si troverebbe qualche risposta alle legittime domande che ti fai sull'opportunità di questo sdoganamento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao ragazzi è sempre un piacere avervi qui, un abbraccio grande

      Elimina
  3. Resto a bocca aperta leggendo il tuo post. Verissimo che a quell'età i piccoli si abituano al gusto eccessivamente dolce. E' come quando si da l'acqua gassata o la coca ai piccoli. SI abituano e voglio sempre quella.

    RispondiElimina
  4. stiamo andando sempre peggio e leggere il tuo post conferma il mio pensiero, i bimbi del dopoguerra erano più sani di quelli di adesso, quando potevano mangiavano pane e mortadella (senza tanti additivi) e per loro era una festa , adesso si riempiono la pancia di schifezze e non sono mai contenti di nulla.....

    RispondiElimina
  5. Questa proprio non riesco a capirla. A che pro mettere edulcoranti? Ma poi...perché? Perché cè qualcuno che ci guadagna di sicuro, senza dubbio.
    Li ho sempre evitati da grande figurati se vado a comprare alimenti contenenti edulcoranti per bambini ( a parte che i miei figli ormai sono grandicelli...)

    nel latte dei miei figli non ho mai messo zucchero, ma figurati se a due anni si mette un edulcorante nel latte...se un bambino per ragioni di intolleranza deve bere latte vegetale,la mamma non può pensarci lei a mettere se proprio deve addolcire, un sano cucchiaino di miele?
    Figurati che ho abituato marito e figli a prendere caffè, orzo o tè senza zucchero che le mie zuccheriere le ho destinate ad altri usi...
    Scusa sai, ma questa cosa mi ha fatto un po arrabbiare...magari non diventerò mai nonna, ma lucrare sulla salute dei piccolini mi fa davvero perdere le staffe.
    Baci Barbara.

    RispondiElimina
  6. (l'equazione suocera/nipotini è davvero simpatico) molto interessante e allarmante ciò che scrivi, mamma mia... Gunther ma sai che al mio primogenito (28 anni) quando aveva pochi mesi la pediatra all'epoca nel latte mi diceva di mettere la pastiglietta di aspartame invece dello zucchero. io non l'ho mai fatto, mettevo un pochino di fruttosio..

    RispondiElimina
  7. Non c'è niente da fare, nemmeno io riesco a comprarli. Concordo che se non li prendi per una persona anziana figuriamoci per dei bambini in crescita e che possono muoversi a spendere tutte le energie che hanno senza pensieri. Come sempre ottime riflessioni. Buon weekend!

    RispondiElimina
  8. Ci sara' certamente una ragione economica dietro questa decisione. Ora che sono nonna, osservo con spirito critico i prodotti destinati alla prima infanzia. Mi sono accorta che anche i pediatri e le pediatre danno consigli che mi paiono "interessati" sulle marche da usare. Come sempre, basta usare un po' di buon senso e dedicare il giusto tempo alla preparazione dei pasti dei nostri piccolini. Grazie Gunther di queste segnalazioni.

    RispondiElimina
  9. Ma proprio non comprare i prodotti per bambini no? Edulcoranti, zuccheri, coloranti, conservanti, omogeineizzanti, emulsionanti... da evitare del tutto! O sennò giusto a Pasqua, Natale, compleanno e occasioni speciali! Per grandi e piccini.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi