lunedì 23 febbraio 2015

Perché il vaccino antinfluenzale non ha funzionato?

Gloria C., Melfi : tutti gli anni faccio il vaccino antinfluenzale ma quest'anno ho preso l'influenza più volte, anche alcuni miei conoscenti ma perchè quest'anno il vaccino non ha funzionato?

Bisognerebbe chiederlo a chi produce e chi promoziona vaccini come fossero caramelle alla menta, secondo il mio modesto parere già a dicembre si erano visto che il vaccino non aveva una copertura ottimale, potrà sembrare strano ma è una cosa del tutto normale, attualmente il ceppo principale del virus influenzale in circolazione (+ 57%) è H3N2, il vaccino della campagna 2014-2015 di vaccinazione sembra non proteggere contro H3N2.

Il problema è che i virus influenzali sono in costante evoluzione, il che complica la formulazione di un vaccino, ogni anno nel mese di febbraio l'OMS indica quali saranno i ceppi che con più probabilità circoleranno nel prossimo inverno per preparare il vaccino (quest'anno il vaccino antinfuenzale detto trivalente contiene il sierotipo  B e due sierotipi H1N1 e H3N2 ).


Un' indagine locale negli Usa sottolinea che quest'anno il vaccino è stato efficace solo nel 23% dei casi contro uno studio del marzo 2014 che pubblicato sul Cochrane che sottolineava che il vaccini influenzali sono in media efficaci nel 60% dei casi.

Secondo alcuni ricercatori l' H3N2 , ha subito una mutazione in Stati Uniti e Canada, e durante la stagione influenzale australiana, il problema è che quando da noi è estate e in Australia inverno il vaccino è già in fase di produzione e non è più possibile intervenire sulla sua formulazione.

Le autorità sanitarie minimizzano sostenendo che il vaccino è il miglior strumento di prevenzione, anche se l'efficacia contro H3N2 non è ottimale. e rimane consigliato in particolare nei confronti di bambini e anziani le due categorie più a rischio complicazioni, il vaccino in qualsiasi caso protegge contro H1N1 e B. 


Io ricordo solo che si tratta di una vaccinazione non obbligatoria anche se negli ultimi anni è fortemente raccomandata dai Ministeri delle salute dei governi, al chè qualche perplessità la fa venire tra un possibile accordo tra la lobby delle aziende farmaceutiche e la politica.

Non è casuale che durante il periodo di vaccinazione, siamo sommersi da articoli dei principali media sulle previsione di influenza con dati da catastrofe, con titoli come l'80% degli italiani nel prossimo Natale staranno a letto bloccati dall'influenza (ma come fate a saperlo due mesi prima? Avete guardato nella sfera di cristallo d'Amalia la strega che ammalia?).

Bisogna anche valutare l'impatto socio economico, sempre di più lavoratori autonomi senza possibilità d'ammalarsi, che vengono pagati solo per i giorni che lavoravano, questa mancanza di copertura in caso di malattia induce le persone a vaccinarsi per il timore di perdere giorni di lavoro e di guadagno.

Cosi la vaccinazione influenzale si carica d'aspetti negativi all'interno della società, chi vuole vaccinarsi ha delle forti aspettative nei confronti del vaccino, vuole essere immune dell'influenza al 100% dall'altro il vaccino apporta un'immunità modesta e incerta al di sotto delle aspettative.

Post Correlati
Arriva l'inverno come difenderci dall'influenza e dai malanni di stagione?
Come rinforzare le difese immunitarie

20 commenti:

  1. da parte mia cìè sempre tanta diffidenza per i vaccini, infatti mi auguro di non essere mai nella condizione di doverlo fare.buona serata!!

    RispondiElimina
  2. E già infatti, quanto vale una sana spremuta d'arancia e limone! c'è un pò di confusione credo con questi vaccini ci bombardano di catastrofi per farci vaccinare contro l'influenza,il polio,la varicella,poi magaritorna il panico tifo,fra un pò la lebbra e chi più ne ha più ne metta, dovremmo vaccinarci contro tutto? contro tutti ? sarò in errore ma credo che ci sono delle pesanti-ssime forzature fra case farmaceutiche,medici,media,politica ecc....troppi buchi neri e scheletri negli armadi riposti male....vogliamo parlare dei seri e anche comuni effetti collaterali....
    Argomento molto interessante,complimenti.
    Z&C

    RispondiElimina
  3. Non ho mai fatto il vaccino tranne qualche anno fa, ed è stata l'unica volta in cui ho preso una batosta pazzesca. Sicuramente può essere utile farlo nel caso si lavori in condizioni particolari tipo ospedali o scuole, o si abbia una certa eta. Ma per il resto non credo che sia così utile farlo, proprio perchè molte volte non va poi a coprire veramente il ceppo "vero". Tanta frutta e verdura e sicuramente la probabilità di ammalarsi si abbassa.

    RispondiElimina
  4. non l'ho mai fatto, penso che se una persona non è veramente a rischio sia bene non farlo..L'argomento è controverso e ci sono sotto troppi interessi ...

    RispondiElimina
  5. Mai fatto un vaccino, e ti dirò che sono contraria, anche per i miei amici pelosi!!!

    RispondiElimina
  6. Sono contraria a questi vaccini, trovo più un girare l'economia e le tasche di chi li produce. Ringraziando il Signore e mangiando un pò sano, in quanto si può, perché ormai non è più niente sicuro se non per chi ha la produzione propria e sa quello che mangia. Le arance sono molto buone per questo periodo e in genere gli agrumi, le tisane calde alle erbe e delle preghiere bollente vanno più che bene. Ben hai detto su questo articolo. Buona giornata !

    RispondiElimina
  7. Non ho fatto il vaccino e ho preso una brutta influenza con tosse che non è passata e dura da 1 mese.ma mi consolo, perchè persone che lo hanno fatto sono nella mia stessa situazione.

    RispondiElimina
  8. Il vaccino antinfluenzale è da qualche anno sotto accusa e a buoni ragioni secondo me. Ricordo che nel 2009 un ministro polacco vuotò il sacco in un video che fece il giro del mondo ma che i nostri media, per ovvie ragioni, non hanno mai trasmesso. L'allora ministro della sanità della Polonia, Ewa Kovacz, in un intervento parlamentare raccontò di come il vaccino contro l'influenza di allora (H1N1) era prodotto da sole 3 case farmaceutiche e che contenevano principi attivi in differenti misure. La scelta, per i Governi europei, era ancor più difficile se pensiamo che questi farmaci venivano presenti come liberi da effetti collaterali. Semplicemente ridicolo! Come può un farmaco non avere effetti collaterali? Inoltre denunciò ciò che successe alla Germania: 50 milioni di dosi ordinate e solo il 10% utilizzate. La domanda che mi pongo e che rimando a voi è questa: gli Stati europei ordinano il vaccino perchè alle persone davvero serve o per "sostenere" l'industria farmaceutica?
    (Vi rimando anche al link del post, se volete approfondire perchè oltre a quello che ho scritto c'è molto di più: http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/cronaca/nuova-influenza-6/ministro-polacco/ministro-polacco.html ).
    Ciao a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca il "famoso" prof aiuti, fece una campagna a favore del vaccino.

      Elimina
  9. Anch'io sono un po' diffidente, se non si hanno patologie serie, non vedo perché vaccinarsi!!
    Un abbraccio e grazie!!

    RispondiElimina
  10. io ecco con i vaccini ho sempre avuto un bel po' di timore ed anche il dente avvelenato :-(((

    RispondiElimina
  11. anch'io niente vaccino, mai fatto e lo farei solo se fossi costretta per qualche ragione. Grazie per il post, sempre interessante leggerti. Ciao a presto

    RispondiElimina
  12. anche io sono contraria ai vaccini....preferisco le arance!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  13. anche io sono contraria ai vaccini....preferisco le arance!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  14. Che dire, anch'io come molti sono diffidente nei confronti di questo tipo di vaccino e i risultati comunque ci danno ragione.

    RispondiElimina
  15. Articolo molto interessante, come sempre, che offre lo spunto per diverse considerazioni.
    Rimane però sempre il dubbio se valga la pena vaccinarsi.
    Personalmente non l'ho mai fatto e sai che ti dico? Preferisco continuare rimanere con questo dubbio! ;)

    RispondiElimina
  16. Io sono contrario a questi vaccini "opzionali" e ho apprezzato moltissimo la tua riflessione sui lavoratori "moderni" che non si possono nemmeno prendere un'influenza senza avere il timore di perdere il posto.
    Viviamo brutti tempi.

    RispondiElimina
  17. Questo tema è veramente attuale, nelle notizie regionali c´era un articolo su questo tema. Devo dire se ne avrei bisogno- allora sì, altrimenti meglio no!

    RispondiElimina
  18. qua il picco di influenza c'è stato in questo periodo, e poi molti casi di mal di gola per cui il vaccino non conta, credo.

    RispondiElimina
  19. Son 2 anni che non faccio più il vaccino e non ho più avuto neanche il raffreddore !!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi