lunedì 22 dicembre 2014

Nuovo farmaco contro l'Obesità: Mysimba

Prosegue il tentativo di mettere in commercio farmaci anti obesità, la settimana scorsa l'Ema l'Agenzia Europea per i Medicinali  ha annunciato che ha dato la sua approvazione alla commercializzazione del Mysimba, prodotta dal laboratorio americano Orexigen Therapeutics.

Mysimba, è una combinazione di due principi attivi, naltrexone, utilizzato per il trattamento della dipendenza da oppiacei e alcol e bupropione prescritto come antidepressivo e utilizzato anche per combattere la dipendenza dal fumo è un inibitore della ricaptazione della norandrenalina e della dopamina.

Le due sostanze attive secondo le fonti accreditate mirano a controllare due aree chiave del cervello, la prima è il nucleo arcuato dell'ipotalamo, l''area del cervello che svolge un ruolo nel controllo dell'assunzione di cibo e dispendio energetico, mentre la seconda è la via mesolimbica del sistema dopaminergico che controlla gli aspetti gratificanti di cibo e dei stimoli legati all'alimentazione.

L'Ema sottolinea che sarà disponibile solo su prescrizione medica ed è riservato agli adulti obesi o in sovrappeso con uno o più fattori di rischio come l'ipertensione, colesterolo alto, diabete, fattori di rischio comuni a tutti gli obesi nel lungo periodo. Dovrà essere assunto con un programma di dieta ipocalorica e attività fisica.


Un farmaco che mira a catturare la compliance della persona assistita con obesità che permetterà un maggiore controllo del cibo e adesione al programma di dieta ipocalorica e attività fisica. Poichè molto persone si arrendono alle prime difficoltà specie se non sono supportati da un programma d'incentivazione delle motivazioni per la perdita del peso.

L'aspetto più interessante è che se dopo un periodo di 16 settimane, se il paziente non avrà perso almeno il 5% del peso iniziale, il farmaco non potrà essere più prescritto.


A preoccupare alcuni ricercatori sono gli effetti collaterali del farmaco, l'agenzia Ema indica la possibilità di disturbi gastrointestinali o legati al sistema nervoso centrale e a lungo termine invece si parla di problemi cardiovascolari anche se gli studi presentati per l'autorizzazione se corretti sembrano essere rassicuranti in merito ad malattie cardiovascolari gravi.

Sul sito americano invece si parla del farmaco Contrave, che dovrebbe essere la versione originale del farmaco commercializzato nel mercato americano, composto da naltrexone e bupropione, dove sono scritti gli effetti collaterali del Contrave, devo dire di non secondaria importanza, si va dalle semplice diarrea alla bocca secca ma anche disturbi del comportamento come pensieri suicidi, attacchi di panico, disturbi del sonno, irritabilità, aggressività e nervosismo, che necessitano più di un' approfondimento, al momento quello che si sa che Mysimba dovrebbe essere la versione Europea di Contrave, contiene i stessi principi attivi e sono della stessa azienda.

Ricordo che fino ad ora i farmaci anti obesità sono stati tutti dei fallimenti, ritirati dal mercato perché giudicati pericolosi per la salute o perché davano luogo ad effetti collaterali che non ne giustificano l'uso ma anche per la complessità della patologia dell'obesità.

Personalmente sono contrario all'assunzione dei farmaci però riconosco che ci sono persone che non sanno controllare l'impulso dell'appetito, forse è più a queste che il farmaco può essere prescritto, l'Obesità è una patologia multi fattoriale pertanto necessità non solo di valutare il BMI e il rischio malattie cardiovascolare e diabete, bisogna valutare quali fattori hanno generato la patologia.


Curioso anche il nome Mysimba, my mio mentre simba in lingua swahili, una delle lingue uffiiciali dell'unione africana,  vuole dire leone, chiamare un farmaco mio leone, è divertente, anche se magari sarebbe un nome più adatto ad un altro genere di farmaci.
Il farmaco è un farmaco non è un giocattolo ma certo il nome attira simpatia, una sorta di ultima frontiera del nuovo marketing farmaceutico.

L''Obesità, è una malattia multi fattoriale, non deve essere dimenticata la predisposizione genetica, la terapia deve essere personalizzata e affrontata non solo con farmaci ma con l'aiuto di un team multidisciplinare, il farmaco deve essere preso sì sotto controllo medico, ma il team deve rieducare la persona assistita ad avere un buon rapporto con il cibo per un'alimentazione più equilibrata da potere gestire con un sostegno del team all'inizio ma indipendente in un secondo tempo, questo è l'aspetto più difficile.


L'Obesità non è solo un problema medico o un problema di salute, è un problema sociale nel senso che parte della responsabilità si può indirizzarla all'Industria Alimentare, con prodotti sempre più ricchi di un mix di grassi, zuccheri  e sale, una comunicazione che invita e stimola ad alimentarsi di più, a qualsiasi ora del giorno e della notte, deve esserci anche un cambiamento nell'industria e nell'offerta d'alimenti, unita ad una maggiore politica, concedetemi questo termine, che favorisca e stimoli il movimento e l'attività fisica, perché il solo trattamento farmaceutico può non essere sufficiente.


20 commenti:

  1. è molto interessante, davvero, anche se io personalmente avrei molte remore nell'assumere farmaci simili, pensa (mi pare di avertelo già detto ma ormai sono già un pochino rimbambita...) che un endocrinologo siccome ero arrabbiata per i 10 kg presi a causa del malfunzionamento della tiroide, mi aveva proposto di assumere farmaci (che praticamente indurrebbero all'anoressia pensa te) che vanno ad interagire con gli enzimi pancreatici per non farti assimilare le sostanze nutritive. ... cioè... no. a me fa inorridire che esistano tali sostanze e comunque, come dici tu, da proporre, eventualmente, ai grandi obesi sotto regime di dieta ipocalorica, e non certo ad una donna alta 170 che è sempre pesata 57 kg e ha preso 10/11 kg per cause ormonali no? dico bene? comunque malgrado ipotiroidismo sai quanti ne ho persi in questo periodo? 6 kg. inizialmente, nell'arco di 4 mesi con tantissima fatica mangiando cibi ipocalorici, poi forse per altri motivi. quel che voglio dire è che prima di ingoiare veleno meglio armarsi di molta pazienza e buona volontà, costanza e non avere fretta, fare sport e tentare prima altre strade. bacioni ciao! (mamma mia perdonami ho scritto un poema...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. puoi scrivermi tutti i poemi che vuoi
      esatto la situazione deve essere vista cosi, anche il fattore età influenza, il peso fluttua, sei in un momento molto particolare nella vita di una donna, pensa io a venti anni pensavo di essere grasso e infelice e pesavo 71kg, oggi ne peso 90kg e mi sento magro e felice :-)

      Elimina
    2. beh io fino a un anno e mezzo fa pesavo sempre uguale da quando avevo 15 anni... mannaggia. solo che a 15/20 (al contrario di te) mi piacevo, avevo due belle tette ... uffa. devo prendere un po' della tua saggezza di nonno... (ehehheh scusa mi è scappata - dai scherzo!)

      Elimina
  2. infatti,non è sufficiente....importante è un stile di vita sano e tantissima attività fisica !!!!
    buone feste e tanti auguri !!!

    RispondiElimina
  3. Completamente d'accordo con la tua analisi. Pensare che la soluzione del problema obesita' consista nell'assunzione di un farmaco (per quanto efficace) e' un po' troppo semplicistico, se non ci si affida anche ad una educazione alimentare, all'attivita' fisica e ad un supporto psicologico personalizzati. Purtroppo, mi rendo conto che una larga fetta della popolazione americana e anglosassone (seguo con interesse un programma su Real Time chiamato "Grassi contro Magri") si alimenta in modo completamente sbagliato, seguendo una dieta a base di fast food, con piatti ricchi di grassi e zuccheri, ma poveri di sostanze nutritive, vitamine e sali minerali. Il non sapere o volere cucinare, induce questi individui ad una specie di dipendenza da cibo spazzatura, peggiorata dall'assunzione di spaventose quantita' di bevande zuccherate, e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Ho visto persone in situazioni penose, talmente grasse da non potersi gestire autonomamente nemmeno nell'igiene personale; spesso mi chiedo come si possa arrivare a questi punti, cioe' a pesare piu' di 150 chili senza quasi accorgersene, e la cosa drammatica e' che il problema obesita' aumenta in maniera esponenziale anno dopo anno. Noi italiani, per tradizione familiare e per maggior cultura del cibo, siamo forse piu' protetti da questa epidemia, ma vedo in giro tante situazioni allarmanti, segno che la globalizzazione ha colpito duro anche qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arrivare a 150kg non sembra ma è un attimo, siamo anche in un momenti di crisi economica e per assurdo le persone sono più pigre e ricorrono ai cibi spazzatura che costano anche meno.
      In Italia c'è una buona cultura del cibo di base, anche se ultimamente anche in Italia c'è un aumento di questo fenomeno

      Elimina
  4. Il problema dell'obesità è talmente importante che sarebbe un vero miracolo poter aiutare in modo corretto e definitivo tante persone che soffrono questa situazione così invalidante. Mi auguro che si possa trovare una soluzione...tantissimi auguri di Buone Feste a te e alla tua famiglia Gunther,un abbraccio grande !

    RispondiElimina
  5. Sarebbe bello trovare un farmaco che fosse valido e non facesse male.. ma la vedo dura... Perdonami se sono parecchio latitante, ma tanti tanti auguri di buone feste !! Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Rieccoci con l'ennesimo farmaco miracoloso?
    la pastiglia anticiccia?
    la medicina che si prende lei la responsabilità del proprio sovrappeso?
    Perché diciamolo, vorremmo tutti delegare a qualcos'altro la fatica della dieta, del lavoro sulla propria forza di volontà, del lavoro fisico estenuante in palestra.
    Ma ahimè non funziona così, la pillolina non serve eheheheheh!
    Anche se in vista delle feste di Natale un miracolo anticiccia farebbe comodo!
    Auguri caro Gunther, a te e famiglia, e la dieta...la rimandiamo a gennaio ;)

    RispondiElimina
  7. Combattere l'obesità e malattie ad essa correlate sarà una delle tante nuove sfide da affrontare nei prossimi anni. Negli USA Gunther, come tu ben sai, è una patologia che provoca gravi disagi sociali e noi europei (non fanno eccezione gli italiani) purtroppo diventiamo sempre più obesi.

    Purtroppo questa malattia si può combattere in due modi:
    1. facendo un'attività informativa continua, rendendo le persone consapevoli degli errori che commettono nella loro dieta;
    2. continuando a far ingozzare le persone di junk-food, riempiere le tasche delle multinazionali del food, beverage e del settore farmaceutico, ma dando il via libera a farmaci nuovi "anti-peso"

    Tutti sembrerebbero orientarsi verso questo secondo punto, ovviamente sbagliando.

    A presto, articolo molto interessante. Come sempre del resto.

    RispondiElimina
  8. Di corsa ma eccomi! Non potevo certo chiudermi in cucina per gli ultimi preparativi senza passare prima ad augurare a te e alla tua famiglia un meraviglioso e magico Natale!
    Buone feste!
    Alice

    RispondiElimina
  9. TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE A TE E TUTTA LA FAMIGLIA.
    Grazie per tutti i consigli che sempre ci dai.
    Virginia

    RispondiElimina
  10. Mah, sarà che io sono sempre molto scettica dell'utilizzo di farmaci se proprio non sono necessari.... Una bella dieta e una sala alimentazione è sempre la cosa migliore! Un abbraccio caro Gunther, con i migliori auguri di un sereno Natale!

    RispondiElimina
  11. Questi farmaci mi lasciano un po' perplessa, in questo caso... anche il nome :)
    Tantissimi Auguri di Buon Natale a te e Famiglia!!!!

    RispondiElimina
  12. anche secondo me questi farmaci fanno "più male che bene alla salute" e una corretta alimentazioni, insieme all'attività fisica possono aiutare a combattere l'obesità, nella stragrande maggioranza dei casi, Buon Natale! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Che stress dover sempre stare in guardia .... e smettere di sognare bacchette magiche. Ciao Gunther con affetto tanti carissimi auguri di buone feste !

    RispondiElimina
  14. Sono passata per farti gli auguri di un felice Natale e di un sereno e prospero anno nuovo
    Annalisa

    RispondiElimina
  15. ricambio gli auguri a re e famiglia.
    Pensiamo a questo farmaco dopo le feste :-)
    a presto

    RispondiElimina
  16. Carissimo un saluto x augurare a te e famiglia i miei più cari auguri di buon Natale e felice anno nuovo.

    RispondiElimina
  17. Un sereno e felicissimo Natale a te e famiglia,ciaoo :-)

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi