giovedì 16 ottobre 2014

Overdose di Caffeina?

Fabio C., Venezia: Ho sentito dire che si può morire d'overdose di caffeina, quanti caffè al giorno posso bere per non rischiare?

La caffeina è tra le sostanze bioattive più consumate nel mondo, i casi di sovradosaggio fino a qualche tempo fa erano rari, è stato stimato che gli effetti non positivi della caffeina appaiono quando si consumano quantità superiori a 800 mg al giorno di caffeina, tra i più comuni sintomi sono tachicardia, disturbi del sonno, nervosismo, ansia e crampi muscolari.

Comunemente il consumo di caffè è associato alla caffeina, in una tazza di caffè il contenuto di caffeina varia a seconda del tipo di caffè e dalla sua preparazione grosso modo possiamo dire che un caffè espresso al bar può contenere circa 80/90 mg , ma la caffeina è presente anche nel, una tazza di tè (nero, verde, tè freddo) tra 10 e 50 mg.  

Il cioccolato può contenere tra 80 e 200 mg di caffeina per 100 g. Ci sono bibite tipo le cola che possono contenere dai 35 ai 50 mg per lattina.
Prodotti con Guaranà, una pianta che proviene dal Brasile che viene aggiunta alle bibite, ma anche yerba mate, una erba dell'America del Sud, adoperata per fare un infuso contiene caffeina, una preparazione ultimamente molto nota a Roma.

Il vero problema dal mio punta di vista è la progressione del consumo di più bevande con caffeina tanto che negli ultimi anni sono arrivate sul mercato bevande energetiche con alto contenuto di caffeina, che di fatto hanno alzato la media dell'assunzione di caffeina specialmente ad alcuni gruppi di popolazione come i ragazzi ed adolescenti.


In Europa, la popolazione adulta assume una quantità media giornaliera di 200 mg, con un range da 100-400 mg, per la maggior parte derivante da caffè e tè, ma anche da bevande analcoliche , la dose dipende molto dalle abitudini culturali e ambientali, per esempio i paesi del Nord Europa consumato più bevande ad alto contenuto di caffeina come Danimarca, Finlandia, Norvegia o Svezia, il consumo medio di caffeina raggiunge i 400 mg al giorno. In particolare è necessario segnalare che i bambini, gli adolescenti e le persone che non consumano caffè assumono caffeina per lo più dal tè e da bevande analcoliche tipo cola.

Ultimamente date la forte richiesta di caffeina, sul mercato sono arrivati anche chewingum, caramelle, compresse di caffeina e caffeina in polvere.

C'è anche poi una pratica molto nota in Usa, fa un po' senso dirlo, promettete che non lo fate, ma è stato fatte vedere in più film al cinema e anche in televisione, facciamo che io non lo scrivo e voi non lo leggete, il clistere con il caffè, per assorbire più caffeina in un tempo veloce.

Tutti questi prodotti con caffeina hanno determinato una maggiore facilità d'assunzione di caffeina, tanto che proprio negli Usa sono morte due persone per overdose di caffeina.

Un associazione di consumatori americani  ha identificato 570 e 150 bevande alimentari contenenti caffeina, sta inoltre brevettando un dispositivo che permette d'identificare in meno di un minuto la caffeina in una bevanda, per determinare la quantità.

Se gli studi confermano che la caffeina comporta un rischio significativo a dosi elevate, potrebbe essere più semplice, più economico esigere che i produttori indicano il livello di caffeina nei loro prodotti, sia negli Usa che in Europa.

Sul fronte normativo per esempio lo stato del Canada, ha stabilito dei limiti per quanto riguardi i bambini dai   4-6 anni ( 45 mg / die) per i bambini dai 7-9 anni (62,5 mg / die) per i bambini dai 10-12 anni (85 mg / die) e le donne in gravidanza 300mg/die.

La Direttiva Europea 2002/67/CE, indica che deve essere indicato in etichetta quelle bevande che contengono più di 150 mg. Questa norma si applica ad alcune bevande analcoliche e alle bevande energetiche che contengono caffeina, ma non al tè, al caffè, e ai prodotti che ne derivano, infatti si fa supporre che il consumatore sappia che questi prodotti sono una fonte significativa di caffeina e che il contenuto di caffeina dipenderà dal metodo di preparazione e dalla loro frequenza di consumo.


Perché la domanda crescente di caffeina?

Quello che la maggior parte delle persone cercano di replicare sono gli effetti "benefici"della caffeina non sono tanti i suoi effetti noti sulla salute, abbiamo diversi studi in cui un consumo normale di caffeina può apportare benefici alla nostra salute dal Cancro alla prevenzione dell'Alzheimer del Parkinson.

I benefici che si ricercano sono altri dovuti al fatto che permettere di restare più svegli, impedisce al cervello di rallentare per favorire la sonnolenza, diminuzione del senso di fatica, aumento dell'attenzione, sono questi i benefici ricercati nella caffeina.

La maggior parte dei ricercatori sono concordi nel ritenere che alcuna dipendenza fisiologica può essere attribuita alla caffeina, i ricercatori sono più propensi a pensare ad una possibile dipendenza psicologica legata al comfort delle percezione di una maggiore attenzione, maggiore capacità di concentrazione e di conseguenza alla percezione di un miglioramento delle prestazioni intellettuali. 

Diversi studi sono concordi nel ritenere che fino 5 tazze al giorno di caffè non ha alcun effetto negativo sulla salute, diverso il caso delle donne in gravidanza si consiglia di non superare le due o tre tazze al giorno.


Sintesi: l'overdose di caffeina è molto rara, sono più propenso a pensare che non sia data solo dall'assunzione di caffè, bisognerebbe berne dei litri che al momento trovo che sia alquanto difficile, più facile assumere dei mix o dei altri prodotti che ne contengono in quantità elevata.

Questo deve sensibilizzare di più a non abusare di prodotti ricchi di caffeina, la linea di confine è abbastanza netta tra consumo e abuso di caffeina, se qualche caffè al giorno è piacevole  e può avere dei risvolti anche positivi per la salute, superare le 10 tazze di caffè espresso fanno già sentire gli effetti non positivi della caffeina.

Attenzione particolare deve essere rivolta ad altri prodotti che contengono caffeina, come le bevande energetiche, chewing gum, ma anche alcuni ritrovati on line a base di caffeina che promettono maggior performance, ma che non indicano quanto caffeina è contenuta, ricordate che 800 mg al giorno è il limite dove si iniziano a sentire gli effetti non positivi della caffeina.

21 commenti:

  1. Post interessante! Io non riesco a bere neanche una tazzina di caffè, altrimenti mi viene l'ansia e la tachicardia nell'immediato e l'insonnia quando è l'ora di dormire. Per me sono bandite le cole e le bevande energetiche. Riesco invece a bere il tè e ne bevo in grandi quantità senza che mi dia effetti negativi. Come mai? Se bevo 4 tazze di tè al giorno, passo una notte tranquilla, se bevo anche solo mezza lattina di cola è matematico che dorma male. Ciao Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, benvenuta
      il tè ha un contenuto molto inferiore di caffeina, le cole per esempio non c'è all'interno solo caffeina ma più ingredienti che in qualche modo come dire aiutano a sentire un effetto maggiore, per esempio c'è più zucchero, coloranti.

      Il contenuto di caffeina nel tè può dipendere da più variabili come la varietà di tè e il tempo d'infusione.

      La sensibilità alla caffeina è però individuale e non a tutti da lo stesso effetto per la medesima quantità.

      Elimina
  2. Ciao Guenther, avevo letto che la redbull è stata condannata per pubblicità ingannevole ("ti mette le aaali!") in Europa. Ne sai qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta
      ho letto e ne sono stato molto contento, solo che sa, lo hanno multato dopo 5 anni, come dire potevano ...svegliarsi prima

      Elimina
  3. articolo interessante, sicuramente dobbiamo porre più attenzione alla caffeina "nascosta" nelle bevande e negli alimenti perchè fare il conteggio di 3-4 caffè al giorno è piuttosto semplice! e glisso sul clistere....non ne avevo mai sentito parlare ma in America sono strani, si sa :-)

    RispondiElimina
  4. Non ti preoccupare, non ho letto del clistere alla caffeina :)
    Io sono ferma a 2 caffè al giorno, più quello del caffelatte, mi sembra un consumo moderato. Se supero queste dosi ho la nausea del caffè! Mi fa più paura la caffeina nascosta in bibite e alimenti vari. La non è che ti puoi regolare molto.

    RispondiElimina
  5. E pensare che i miei figli mi brontolano per un caffè latte e un macchiato!!! Dicono che sono un po troppo schizzata....vabbe' poi durante il pomeriggio mi prendo due mug di tè verde ... Ma non penso di arrivare alle dosi limite di caffeina nel sangue!!!
    Comunque a parte gli scherzi....non ci posso credere che si arrivi a certe "pratiche" ...sono allibita...

    RispondiElimina
  6. dunque io sono a 3/4 caffè al giorno, niente bibite e niente o altre schifezze varie ... e anzi ti dirò di più il caffè a volte mi fa passare il mal di testa ^__^ ciaoooooooooo

    RispondiElimina
  7. Io sono un'italiana anomala ...non mi piace il caffè!
    a presto
    Alice

    RispondiElimina
  8. Overdose di caffeina? Io sono una italiana anomala, non amo il caffè, da solo poi mi fa abbastanza schifo, scusa la franchezza. Però ... c'è un però; a volte mi capita di avere un mal di testa "strano" come dico io, localizzato dietro la nuca. Quando ho quel mal di testa lì l'unica cosa che me lo fa passare è una tazzina di caffè. Come me lo spieghi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli effetti del caffè sono individuali, ma nel tuo caso sono propenso a pensare che dal momento che bevi raramente caffè,
      la caffeina che metabolizzi nel fegato si trasforma in teobromina, che aumenta il flusso dell'ossigeno e di nutrienti al cervello, inoltre la teobromina concorre anche nella regolazione della pressione sanguigna in particolare nella pressione bassa, penso che sia questo l'aiuto del caffè.

      Elimina
  9. Io ne consumo max 3 al giorno di caffè, ho la pressione bassa e il caffè mi aiuta, ma se lo bevo verso sera, non riesco più a dormire. Grazie, per tutte le informazioni.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  10. io sono amante del caffè ma mi limito ad un max di 3 al giorno, di cui uno deca per sentirmi meno in colpa. ma niente bibite super energetiche o altro (a parte un quadretto di cioccolato ogni tanto). il tè assolutamente no, perchè mi dà nausea, strano se penso che c'è chi lo prende per digerire, ma è così!
    il caffè lo prendo più per gusto che per l'effetto stimolante a cui sembro refrattaria. potrei prenderlo benissimo anche prima di andare a letto e dormire come un ghiro.
    certo che arrivare ad assumerlo in "quel certo modo" è da pazzi a dire poco o_O!!!
    un bacio, buon fine settimana

    RispondiElimina
  11. Ciao Gunther molto interessante come sempre il tuo post. Non sapevo che ci fossero studi che guardavano anche alle proprietà benefiche della caffeina. Personalmente penso di avere una 'dipendenza psicologica dal caffè', non ne bevo più di una tazza al giorno, ma senza quella la mattina mi sembra di non poter stare in piedi. Grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  12. Italianissima ed amante del caffè espresso e di quello preparato con la vecchia moka!!
    Ma bevo solo caffè e tè (poche volte in realtà) ma altri tipi di bevande che contengono la caffeina no..
    Cmq io della caffeina ho davvero bisogno, mi aiuta a rimanere attiva e sveglia, aumenta il buonumore e mi fa passare il mal di testa quando ce l'ho..insomma io quando ero incinta ed ho dovuto ridurre da 4 a 1 al giorno è stato un dramma!!!
    ^_^ baci!!

    RispondiElimina
  13. Io tutti i giorni ne prendo 1,o massimo 2..invece c'è mio fratello che è un drogato di caffè davvero... :D
    Ciao,felice week end

    RispondiElimina
  14. Interessantissimo articolo, un vero servizio per chi vuole alimentarsi bene.

    Personalmente, oltre le 4 tazzine di caffè, comincio ad accusare degli effetti non benefici quindi a 5 neanche ci arrivo! E' importante, oltre seguire le dosi consigliate, anche saper ascoltare il proprio corpo poiché ognuno di noi reagisce agli alimenti in maniera diversa.

    Grazie, un saluto

    RispondiElimina
  15. Se non ci fosse il caffè...lo inventerei! Adoro il caffè, ma non amo le bevande energetiche dal gusto improbabile di chewing gum e senza indicazione. Non credo di rischiare l'overdose da caffeina, ma siccome in medium stat virtus sto provando ad essere morigerata. Bell'articolo e non poteva essere altrimenti!

    RispondiElimina
  16. Bellissimo post come sempre..
    Prima bevevo pochissimi caffè. In pratica solo uno la domenica dopo pranzo.
    Ora ammetto di berne di più perchè mi tiene un pò più sveglio e attivo. Tuttavia se ne bevo più di 3 al giorno mi viene mal di stomaco quindi sono ben lontano dalla dose massima.

    E poi ammittiamolo. Un buon caffè ne vale 5 schifosi delle macchinette quindi basterebbe bere un buon caffè con calma e tranquillità e si potrebbero eliminare gli altri.


    :-)

    RispondiElimina
  17. Quando facevo l'università bevevo molti caffè al giorno perchè sentivo che mi davano una mano per la concentrazione nello studio, per fortuna non bevevo e non bevo bevande contenenti caffeina se no forse sarei andata in overdose :) A parte gli scherzi, ho smesso di bere tanti caffè quando mi sono resa conto che erano più i disturbi che mi dava la caffeina che i vantaggi. Come per tutte le cose, non bisogna esagerare, anche gli alimenti che possono far bene, se assunti in dosi eccessive possono essere dannosi.

    RispondiElimina
  18. Grazie, conoscere i limiti, essere bene informati è importante. Meno male che spieghi che gli effetti della caffeina sono soggettivi, se dico che non dormo quando bene un caffè dopo le 16 mi guardano tutti come una bestia rara. Almeno adesso posso dire che non sono una bestia rara, almeno non per il caffè!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi