giovedì 19 settembre 2013

Nuove idee imprenditoriali nel settore della ristorazione: polpette contro sushi

Vediamo cosa si muove nel mondo nel settore della ristorazione con successo, riprendo un tema caro a Papille Vagabonde quello relativo alle nuove iniziative imprenditoriali nel settore agroalimentare.

Oggi l'offerta nel settore della ristorazione è ampia e diversificata ma diventa sempre più difficile mangiare bene, la maggior parte dei locali utilizzano prodotti già pronti, surgelati, le catene di ristoranti servono a questo ad avere una centrale d'acquisti e una base distributiva.

Non ho una buona opinione dei Franchising in generale, ricevo e-mail di persone che mi raccontano delle esperienze non positive, quindi un invito a prestare attenzione ai contratti quando accettate di aprire un locale in Franchising, in modo particolare se non avete esperienza meglio la consulenza di un avvocato prima che dopo.

C'è ancora spazio per una nuova iniziativa? Nonostante tutto io penso che ci sia ancora spazio come vedremo ma bisogna essere nello stesso tempo più creativi e più professionali.


L'offerta di ristorazione si rinnova continuamente
Una volta quando si andava al ristorante era per mangiare qualcosa di diverso che non si preparava a casa, prevaleva una forte curiosità, la voglia di provare qualcosa di nuovo, si sceglieva spesso una cucina regionale (napoletana, pugliese, siciliana, veneta, ligure) ma anche una cucina estera (spagnola, portoghese, araba, tex mex), sono poi arrivati i ristoranti cinesi e giapponesi, soprattutto di sushi, che sono oggi la maggior parte delle nuove aperture in molte città, nascono ristoranti di sushi più di fast food di hamburger.

Non solo Sushi
Nulla da dire sicuramente il sushi anche se ha una tecnica particolare, può essere a volte anche molto buono ma per noi europei è un po' la negazione della cucina della tradizione e della dieta mediterranea. 
A contrastare queste tendenza dilagante del sushi ad ogni costo, abbiamo visto delle nuove iniziative che si basano su una cucina più sana con la cottura al vapore, ristoranti unici nel senso dell'offerta proposta come le insalate, le zuppe.

In questi ultimi due anni la crisi sia in Europa che negli Stati Uniti, ha condotto le nuove aperture a due tipi di offerta: il cibo povero e popolare :polpette, patatine fritte, fish and chips, ma ad alto valore aggiunto oppure quello dell'ingrediente unico come uova, pollo, mozzarella.


1)Il boom delle polpette
La ricetta low cost per eccellenza accontenta tutti in casa dai bambini agli anziani, fritte o al forno, carne, pesce, verdura, legumi, si pensi alle polpette di ceci "Falafel" che a Gerusalemme mettono d'accordo arabi ed ebrei. Ho sempre pensato alle polpette come una tradizione casalinga, mangiarle al ristorante o fuori non è che mi fido tanto. Ora le polpette si sono trasformate in un business, sarà l'effetto della crisi,  il marchio Meatball  dal 2010 ad oggi ha aperto 5 punti vendita è molto "cool" nella città di New York , invece a Londra c'è un camioncino all'aperto che gira la città con la fila per l'acquisto The Bowler, chi viene a Locarno invece può venire a casa mia, ospite, unica cosa che mi riesce bene sono le polpette (le sto mettendo in forno, foto reale), qualche polpetta un po' di purè e un bicchiere di vino non si negano a nessuno, invece di fare il blog apro un polpette point?

2) Uova
In tempo di crisi le uova sono proteine a basso costo, devono avere pensato la stessa cosa chi ha aperto Egg's & Co, omelettes, uova strapazzate, uova alla benedict, uovo alla norvegese, uovo alla fiorentina, piatto completo con uova insalata, legumi, verdure, ma essenzialmente uova a tutto pasto. Da un po' di anni le uova nei ristoranti erano scomparse, per comodità d'uso si preferivano quelle in polvere, da Egg's & Co invece sono uova fresche, protagoniste del menù, uova selezionate, uova da galline allevate all'aperto, uova biologiche.
Diciamo che se avete il colesterolo alto non è forse il migliore indirizzo a Parigi, attenzione anche il fois-gras non scherza, ma se vi alzate la mattina con la voglia di uova sicuramente si, vale la pena farci un salto (si può avere la voglia di uovo la mattina per tanti motivi a Parigi non sorridete).

3) Mozzarella a Go Go
Per gli italiani non sono una novità, ci sono molti negozi che vendono solo mozzarelle e anche molti ristoranti che fanno della mozzarella di Bufala il loro piatto forte del menù, un po' originale invece vederlo in un locale a Montecarlo nel Mozza Bar dove troviamo, mozzarella di bufala biologica, affumicata, treccia di bufala, ricotta di bufala, fior di latte i rifornimenti arrivano direttamente dall' Italia 3 volte a settimana, le mozzarelle vengono conservate in un apposito luogo a temperatura ambiente per conservare le caratteristiche organolettiche.
La  differenza con altri posti è nella selezione nella diversa provenienza del prodotto, nella freschezza, l'accuratezza della conservazione che per la mozzarella è un indice importante nella degustazione.
Se siete a Montecarlo e vi viene voglia di una mozzarella è un indirizzo sicuro (non indagheremo perchè a Montecarlo vi deve venire voglia di una Mozzarella invece di un croissant, come non abbiamo indagato perchè a Parigi vi deve venire voglia d'uovo appena mattina!)


4) Fish and chips 
Per il Regno Unito non sono una novità, fish and chips ovunque un po' come per gli italiani la Pizza, stanno sempre più diventando una realtà i venditori ambulanti con camion che fanno cibo in tante altre nazioni, ora si possono trovare dappertutto ad Amsterdam. Amburgo, Madrid, Varsavia e perfino a Parigi con The Sunken Chips,  insomma se vi viene voglia di pesce fritto e patatine non dovete andare più fino a Londra.

5) Solo Carne
Se si diffonde una cultura del vegetariano ecco arrivare per controtendenza un ristorante di solo carne, non sono però delle steakhouse al quale eravamo abituati, ma qualcosa di più, potete scegliere i diversi tipi di carne ma sopratutto di razza e di provenienza, simmenthal della Baviena, Black angus dalla Scozia, dall'Argentina, dagli Stati Uniti, dall'Irlanda, per veri intenditori una vasta scelta come da Ma chere et Tendre, diciamo non è l'indirizzo giusto per i vegetariani.

6) Solo Formaggi
Un idea gia collaudata in passato, ristorante di solo formaggio come protagonista del menù da Assofiori a Milano, Fil'O fromage, Hisada a Parigi

7) Solo una verdura
L'unico elemento negativo è che al momento non si sono ancora visti ristoranti come tema a senso unico le verdure o i legumi, un menu con solo una verdura, per dire Fagioli, Zucchine, Piselli, sono prodotti che si possono proporre per un intero menù, possono essere di diversa provenienza e varietà, per intenditori, sono certo che il prossimo anno qualcosa del genere troveremo anche se qualche dubbio sulla stagionalità c'è, anche se oggi siamo abituati a melanzane e zucchine tutto l'anno, si può anche fare da "Broccoletti & Zucchine", una verdura invernale e una estiva.


Sintesi: si tratta di un cambiamento d'atteggiamento di consumo non indifferente, si esce fuori non per provare una nuova cucina, per mangiare un piatto tradizionale ma si esce fuori per mangiare qualcosa di preciso, che non lascia spazio al dubbio e all'incertezza, si è passati da una cucina a una specialità o alla scelta dell'ingrediente, se vado da Egg's sono sicuro di mangiare solo uova, da Meatball sono sicuro di mangiare solo polpette, se vado da Sunken chips sono sicuro di mangiare solo fish and chips, è un modo come un altro per ridurre l'incertezza.
Un atteggiamento più che d' apetura verso il nuovo, di senso di auto protezione, un nuovo comportamento  del consumatore che non rinuncia in tempo di crisi a mangiare fuori un piatto ma che esce per mangiare qualcosa di solo molto preciso.

Post correlati: 
Le migliori idee imprenditoriali del 2009
Nei fast food non c'è aria di crisi nuove formule
Le migliori idee imprenditoriali del 2010
2 nuovi idee imprenditoriali per bar
Yogurt bar, nuova idea per agroalimentare

A grande richiesta le polpette dopo la cottura al forno


41 commenti:

  1. A me il sushi non piace molto e poi mi spaventa anche un pochino perchè quando si parla di pesce crudo il terreno è minato...visti i prezzi abbastanza bassi con cui vi si mangia, dubito che propongano pesce di un certo tipo, sperando poi che rispettino le norme in fatto di sicurezza e siano dotati di abbattitore per evitare l'insidiosi anisakis...per il resto trovo davvero interessanti le tue info, fermo restando che potrei pure provare le uova, le polpette o la mozza in uno di questi locali monotematici...ma rimango una tipa da osteria, sempre e comunque! ;-)
    Ciao Gunther!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Günther,
    A Milano, oltre il numero esagerato di gelaterie e sushi, stanno spopolando bakery all'americana e locali "organic" che puntano molto al vegetariano. Ti segnalo anche veri e proprio centrifughifrici, dove servono soprattuto frullati e succhi freschi.
    Ciao Leo

    RispondiElimina
  3. Montecarlo voglia di mozzarella e Parigi dell'ovetto... uhm.... interessante :-)))) a parte di scherzi io sono ancora di quelle che, se vanno al ristorante, scelgono piatti che non si fanno a casa, ma a costo di essere presuntuosa ti dirò: tutte le volte mi pento che non digerisco nulla e/o non mi piace e alla fine si mangia meglio a casina sì però.. ogni tanto sono stufa di cucinare! O forse sarà che non ci si può permettere chissà che ristorante fighissimo e carissimo? mah! Comunque io il sushi non l'ho mai mangiato, mi è antipatica la moda, oltre al fatto che non mi fido a mangiare il pesce crudo, si sa deve essere stato nell'abbattitore, e poi (per prima cosa) moltissimi ristoranti in realtà non sono gestiti da giapponesi ma da cinesi con quel che ne consegue ... è cronaca! guarda mio marito, che fa tutt'altro mestiere, ha lavorato nei locali sia di cinesi che di giapponesi e non c'è storia! c'è un abisso! poi per carità mica siamo tutti uguali, non bisogna fare di tutta erba un fascio e bla bla bla ma..... mi ha raccontato cose che ...brrrrr.... no thank's w la pizza, la pasta e i wurstel và! (magari quelli veri non quelli che ci rifilano qui in Italia ehehehhe ) e la pappa a casa sorry ma la penso così. Un abbraccione caro!

    RispondiElimina
  4. Sempre molto arguto... Non saprei cosa dire rispetto a questo argomento se non una banalità: se c'è la qualità, vale tutto. Se una polpetta è un'ottima polpetta passi la formula dell'esclusività. Ecco. Anche se onestamente mi piace la pluralità, anche nel cibo.Detto questo, una tua polpetta che toi la assaggerei volentierissimo!
    un saluto
    simo

    RispondiElimina
  5. Sushi è escluso nel modo più totale, le altre idee non sono male ma sulle polpette passo preferisco farmele e sapere cosa ci metto dentro... insomma sono più un tipo da sagre di paese..una bella grigliata con polenta e via...per il resto preferisco cucinare a casa! ^_^

    RispondiElimina
  6. allora lo ammetto amo alla follia il sushi ma lo preparo in casa solo con il salmone affumicato,per sicurezza....ma per le polpette lascio tutto....anche il sushi....buona giornata caro e grazie per la condivisione di questo utilissimo articolo :D

    RispondiElimina
  7. L'idea del tema unico è valida, certo per uscire insieme a cena bisognerà mettersi d'accordo ed aver voglia tutti della stessa cosa lo stesso giorno!!
    Pensa ad una soirée con un vegetariano, un carnivoro convinto, un celiaco ed un'estimatore del crudo.....per me si danno appuntamento per il caffé, ma anche lì potrebbero esserci problemi:)))
    La faccenda delle uova mi è piaciuta parecchio in più i piatti sono molto ricchi ed invitanti!

    RispondiElimina
  8. Adoro il sushi e il pesce crudo ma lo preparo rigorosamente a casa, previa congelazione del pesce di qualche giorno.
    Grazie ancora, Gunther! Sei sempre indispensabile! Le tue informazioni sono ormai un appuntamento essenziale per me!
    Un abbraccio
    MG

    RispondiElimina
  9. Preferisco le mie polpette a quelle dei ristoranti, da pugliese mi piace mangiare del pesce crudo ma comprato dalla mia pescheria di fiducia altro che sushi! Diciamo che frequento poco i ristoranti, preferisco la mia cucina! Buona serata, ciao!

    RispondiElimina
  10. Non mi ero accorta di questa nuova tendenza perché abito parecchio lontano dalla città, però queste tue considerazioni sono molto interessanti. Come qualcuno ha già detto, se c'è la qualità si può accettare anche la formula dell'ingrediente unico...

    RispondiElimina
  11. Hai sempre deglui articoli nuovi e articolati bravo molto interessante. A me lo shushi non piace preferisco di gran lunga polpette, piatti vegetariani ì, non frutta e formaggio sono molto selettiva.
    Volevo risponderti al discorso del ferro ma ne sarebbe venuto fuori un romanzo. Voglio solo dire che la carne per assimilare il suo contenuto proteine nobili, ferro ecc. dovrebbe essere mangiata cruda la cottura di qualsiasi cosa porta via gran parte delle proprietà. Comunque il ferro in qualsiasi forma venga assunta nel campo fitoterapico deve essere accompagnato dalla vitamina C per essere assimilata altrimenti va via non si fissa.
    Qui mi fermo ciao carissimo e grazie di tutte le belle notizie.

    RispondiElimina
  12. Tutti i punti vendita che hai citato hanno una caratteristica in comune: materia prima di qualità e ricette 'semplici' ma cucinate bene. Per chi non ha anni di studi alle spalle, è forse più semplice aprire un locale dove si fanno solo polpette o uova o pesce fritto in pastella (oltre ad ottimizzare i costi) che aprire un ristorante dove il menu è articolato dagli antipasti al dolce. Oltre ad un fatto di tendenza, la trovo anche una scorciatoia.
    Sulla diffusione del sushi (i cinesi hanno capito che è meglio far finta di esser giapponesi perchè si guadagna di più) a pressi da pizza al trancio, io sono molto diffidente. Il pesce crudo preferisco mangiarlo solo in qui posti che mi danno una parvenza di garanzia. Ottimo post, è sempre interessante vedere cosa succede in giro.

    RispondiElimina
  13. Si, ho capito, noi che siamo in 4 si sceglierebbe 4 ristoranti diversi :oD
    La realtà è che quando mangiamo fuori è per forza di cose, e ti posso assicurare che non lo facciamo molto volentieri, ma a volte sei costretto, specialmente al mare con gli amici, chi ha voglia di cucinare? Comunque quando ci si trova in compagnia nn si può fare troppo i preziosi e bisogna adeguarsi....e con questo direi che sono (quasi sempre) pronta a sperimentare.

    A proposito, ho visto quelle belle polpettine,quanto le tieni in
    forno, e per quanto tempo?

    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono di vitello, pane ammollato nel latte e patata lessa,basilico sale e pepe le metto in forno a 150 per dieci minuti poi le giro e le faccio fare ancora 5 minuti vado a occhio, rimangono tenere, non fai puzza di fritto in casa e nessuno protesta :-))

      Elimina
    2. Io nn metto il pane, ma aggiungo un uovo e parmigiano grattugiato, niente sale e niente pepe. Mi sa che le prox le faccio in forno, vuoi mettere?
      Grazie !

      Elimina
    3. era sottointeso uova e parmigiano altrimenti l'impasto non sta insieme, dimenticavo aggiungo anch erbe aromatiche sopratutto basilico che mi piace molto, bagno e strizzo la carta da forno e metto un goccio d'olio che poi spennello su tutta la carta, nel fare le polpette devi mettere un po' di olio sulle mani se non non si staccano

      Elimina
    4. Si, si, io aggiungo prezzemolo, ok, grazie di tutto! Buon we!

      Elimina
  14. queste mode di sushi & c. io non le vedo durature...vuoi mettere una bella pizza? Quella si che ha conquistato e continua a conquistare tutto il mondo !

    RispondiElimina
  15. Carissimo.. mi sono soffermata con interesse a riflettere su quanto ci hai donato oggi. beh, è vero, una tendenza così si avverte e.. non so dire se mi piaccia o no: da una parte la specializzazione in un solo campo può garantire una maggiore attenzione e cura nei confronti di quel singolo ingrediente, che può essere di ottima qualità; ma dall'altra mi inquieta l'idea di mangiare a senso unico :D Forse non so sbilanciarmi perchè non ho vita sociale e non esco da una vita a mangiare fuori.. ma.. grazie, davvero, per la tua professionalità :) Bacioni!

    RispondiElimina
  16. Non avevo mai considerato la cosa sotto questa prospettiva. Dunque adesso il consumatore uscirebbe fuori a pranzo o a cena per gustare qualcosa di estremamente preciso, quasi per un senso di auto-protezione. Mah, non so che dire, io se esco fuori a cena e' per mangiare qualcosa di molto vario che, possibilmente, non ritrovo nella cucina di casa mia. Qualche settimana fa, in compagnia di mio marito, ci e' capitato di andare a fare la spesa in un grande centro commerciale. Si era verso l'ora di pranzo e abbiamo guardato cosa offriva il "convento": un sacco di localini in franchising; cucina messicana (unta e bisunta); panini a go-go (piu' pane che companatico), solo pasta e ravioli (ho pensato alle calorie); le solite hamburgherie (un toccasana per il bruciore di stomaco), etc. Morale? Ci e' passato l'appetito, dico la verita', e abbiamo preferito tornare a casa a preparare una bella insalata mista con del formaggio fresco. Ho provato una grande compassione per chi e' costretto, dalla professione e dalla lontananza da casa, a consumare quotidianamente questi cosiddetti "pasti veloci".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente mangiare a casa è molto meglio, il mio consiglio è rivolto al coloro che devono aprire nuove attività.

      Quando bisogna aprire un attività nuova, bisogna fare un forzo per chiedersi non come mi comporto io personalmente ma bisogna chiedersi cosa il pubblico desidera e che tipo di comportamento osserva.

      I ristoranti classici oggi fanno molta fatica a stare in piedi, questo non vuole dire che non abbiano una loro clientela ma questa è decisamente in calo, come il valore di ogni pasto, si ordina meno cose, spesso un piatto unico e dessert.

      Gli studi di marketing servono a questo a indagare i comportamenti e preveder i consumi futuri, non spetta a noi dire che questo sia giusto o meno, per noi andare a mangiare fuori ha un altro significato, però intanto i fast food sono pieni, i sushi bar sono pieni, la gente fa la coda davanti ai kebab.

      Anche e me non piacciono tutti questi sushi bar ma non posso non notare la loro diffusione come non posso non notare formule alternative che hanno successo, non è detto che a me piacciono ma intanto sono molto richieste e visti che qualcuna di queste in Italia non ci sono se uno vuole aprire una nuova attività può ispirarsi.

      Elimina
  17. Ti dò ragione, non ci avevo affatto riflettuto ma persino nelle piccole realtà come la mia ora che mi ci fai pensare si sta verificando qualcosa del genere. Qui ad esempio hanno aperto più di un fast food che usa solo esclusivamente carne di razza chianina e ingredienti a chilometri zero e devo dire che soprattutto a pranzo ci vado volentieri. A Bologna invece non ho resistito di fronte a un locale che fa solo polpette, di carne, di pesce, di verdura, di formaggio, cotte, crude, al vapore, al forno, insomma, di tutti i colori.....ed era pieno di gente! Ma pensavo che ad invitare i clienti fosse la qualità che effettivamente c'era e si sentiva, e non avevo pensato ad una tendenza in questo senso......

    RispondiElimina
  18. Il Sushi non fa per me , non l'ho nemmeno mai assaggiato. Non se se mi andrebbe di andare in un locale dove si preparano solo polpette. Le polpette sono buonissime fatte in casa si possono preparare in mille modi. Se vado in un ristorante preferisco provare qualcosa di particolare, che solitamente non preparo io, e se mi trovo fuori per pranzo, preferisco prendere un panino. Un saluto Daniela.

    RispondiElimina
  19. E' vero Gunther, in effetti questa è la tendenza attuale, forse perchè in alcuni casi si riesce a garantire una certa qualità a fronte di un costo accettabile! Qui ci sono locali monotematici e locali che offrono cibi veloci ma di qualità,per esempio pane fatto con farine biologiche e lievito madre, farcito con carne piemontese. E allora, se mangiamo fuori casa,forse è meglio... un buon panino o una buona mozzarella!?

    RispondiElimina
  20. Sarò fuori moda, ma il sushi lo lascio volentieri ad altri, quella bella teglia di polpettine al forno invece attira la mia attenzione, quasi quasi accetto l'invito!!! Ghiotta l'idea di un ristorante di soli formaggi :)
    Un abbraccio Gunther e grazie!!!!!

    RispondiElimina
  21. Di norma, se c'è una specializzazione il prodotto dovrebbe essere di qualità superiore. O no? Se c'è un punto vendita di solo polpette o solo mozzarella, vorrei il massimo. In ogni caso, in genere, a parte qualcosa di semplice non amo mangiare fuori. Preferisco le polpette al sushi. E soprattutto le polpette, come te, non le mangio fuori. Non mi fido.

    P.S. Se fossi a Montecarlo, non mi verrebbe mai voglia di mozzarella.

    RispondiElimina
  22. E' assolutamente attinente alla realtà ciò che scrivi. Professionalità, forte specializzazione, prezzi contenuti: oggi devi essere collocabile molto facilmente nella testa delle persone con rapporto qualità/prezzo ottimale.

    RispondiElimina
  23. Ti ringrazio per i suggerimenti Ghunter, in effetti se uno vuole buttarsi nel businnes dell'alimentazione sono dei buoni consigli. Certo io personalmente non amo il sushi nè mai mi verrebbe da entrare in un locale che fanno solo uova, farei morire il marito che soffre di trigliceridi alti! Però queste sono le tendenze e lo capisco. Sai che molti anni fa avevo una pizzeria al trancio da asporto? In quegli anni c'è stato il boom, ora è tutto in mano agli arabi o similari, almeno qui dalle mia parti.

    A proposito guarda che prima o poi sentirai suonare alla tua porta, ti avviso prima così mi prepari le tue polpette? Mi sembrano molto invitanti, siamo solo in due, ti va bene. ;) Buon week end caro Ghunter a presto

    RispondiElimina
  24. Ciao Gunther è sempre interessante passare da te !!! Un caro saluto !

    RispondiElimina
  25. il Sushi non fa per me ma le tue polette si!!!
    Un ristorante di sole uova, ma sai che non ne avevo mai sentito , certo un po troppo paticoalre però andando all'estero spesso mi sono accorta che il monotematico va molto!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  26. Sei veramente sempre attuale con i tuoi articoli....mi chiedo anche io perchè non apri un polpetta point....io le adoro, e secondo me mettono sempre in accordo grandi e piccini!!!

    a presto!

    RispondiElimina
  27. .. pensa che ho proprio in programma di tornare a Locarno. .

    RispondiElimina
  28. Se questo è il risultato del tuo vagabondare.....mi sa che mi compro anche io una bicicletta. Buona settimana Tiziana La cucina di Pitichella

    RispondiElimina
  29. Sinceramente io preferisco uscire per sperimentare la cucina di un paese piuttosto che un cibo solo. Comunque anche qui a Bologna la cosa sta prendendo piede. Ad esempio ha da poco aperto un locale che serve solo polpette e si chiama Bolpetta. Sembra avere piuttosto successo anche se secondo me e' davvero troppo costoso per quello che offre. Ma adesso e' molto trendy

    RispondiElimina
  30. Ho dei dubbi Gunther. I gusti cambiano in fretta e le persone tendono a stufarsi, quindi non so quanto durerebbe un negozio con un'unico prodotto...

    Quanto al resto il problema è la qualità e la professionalità, ti faccio qualche esempio che ho visto qui a Cagliari
    Il sushi: buonissimo ma per massimizzare il profitto mettono molto riso e poco pesce (solo salmone o tonno)
    Patate fritte: ottime ma quando senti sapore di cipolla sei sicuro che l'olio non è stato cambiato dopo l'ulltima frittura.

    La ricerca esasperata del profitto può rovinare anche un'idea ottima.

    Ps: bellissime polpette!

    RispondiElimina
  31. Gunther se ti apri un locale e ti metti a fare polpette così invitanti ti vengo a trovare! Cotte al forno devono essere ottime devo provarle ho paura che vengano troppo asciutte ma a vederle così belle non direi! Per le varie scelte culinarie posso dire che chi ha l'idea e i soldi per realizzarla beato lui! Queste sono le cose che tirano oggi forse perchè la gente è un pò stufa....c'è troppo secondo me e quindi si va sempre alla ricerca di non si sà bene cosa...a Roma ha aperto qualche mese fa un locale che fa solo millefoglie sia dolce che salato...che ti devo dire...a volte sono meteore al volte fanno fortuna!

    RispondiElimina
  32. Gunther se ti apri un locale e ti metti a fare polpette così invitanti ti vengo a trovare! Cotte al forno devono essere ottime devo provarle ho paura che vengano troppo asciutte ma a vederle così belle non direi! Per le varie scelte culinarie posso dire che chi ha l'idea e i soldi per realizzarla beato lui! Queste sono le cose che tirano oggi forse perchè la gente è un pò stufa....c'è troppo secondo me e quindi si va sempre alla ricerca di non si sà bene cosa...a Roma ha aperto qualche mese fa un locale che fa solo millefoglie sia dolce che salato...che ti devo dire...a volte sono meteore al volte fanno fortuna!

    RispondiElimina
  33. Mia figlia adora le polpette e quelle li' mi ispirano molto :)
    Ho provato a mangiare il pesce crudo ma non ce la faccio in nessuna forma......
    Per quanto riguarda la ristorazione, non avevo una idea di come andasse specificatamente, pero' capisco che i tempi sono quelli che sono, però qui da me i ristoranti che hanno prodotti di qualita' e prezzi onesti sono molto frequentati e poi sai qua da me la piadina impazza.
    Stanno aprendo diversi ristoranti Wok che sinceramente in una città come la mia mi sembrano eccessivi, ma forse mi è sfuggito qualcosa ;)
    Locarno per me è famosa per i concerti di musica di luglio (tipo quello di quest'anno) a cui mia figlia voleva partecipare, magari per il prossimo anno ti chiederò una dritta per l'albergo e i collegamenti :)
    Ciao :)

    RispondiElimina
  34. si cerca si aprirsi un mercato e queste idee sembrano buone, certo che con mio marito che non mangia carne non potrei andare dal carnivoro ma da quello delle uova o delle polpette vegetariane sì, inoltre semplificare i piatti riduce i tempi di attesa e le scorte in cucina.

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi