lunedì 12 novembre 2012

Da Trojan Vibrations a Olive Juice I love you, la comunicazione dei prodotti legati al piacere

Premetto che in questo blog ogni tanto si ride, lo scopo di questo post rigorosamente vietato ai minori è cogliere l'aspetto ironico della notizia. Quello che vedete in fotografia è uno dei carrelli di distruzione di prodotti che si possono trovare negli Stati Uniti, ma non distribuisce hot dogs, non distribuisce caffè caldo, non distribuisce burritos ma distribuisce vibratori, si proprio quelli avete letto bene.

Una società produttrice di preservativi Trojan ha deciso di espandersi sul mercato dei sex toys Trojan vibrations, condividendo una ricerca dell'Università dell'Indiana in cui il 53% delle donne e il 47% degli uomini in America ha fatto nella vita uso almeno di una volta di un vibratore, per tutti quelli che non hanno mai provato questa esperienza l'azienda Trojan vuole offrire una possibilità gratuita ai principianti e ai più esperti con un tour in tutte le città americane regalando vibratori, al fine di fare capire che il piacere è una parte normale di una sana vita sessuale, a breve saranno in distribuzione per l'acquisto in tutti i Supermercati in America.

A prescindere che per mia cultura ed educazione, vuoi anche per una certà età, un appaggante vita sessuale è un altra cosa, ma non voglio polemizzare sarebbe facile ma posso solo chiedere di non posizionarli alla cassa del supermercato, dove in genere si mettono le caramelle, siete mai andati al supermercato con dei bambini? 
Alla cassa ci sono sovente una serie di coadiuvanti per l'attività sessuale, non sono contrario alla vendita, non sarebbe possibile posizionarli altrove? Un po' di sensibilità, metteteli vicino alle saponette ai fazzolettini di carta, vicino ai ricambi del folletto non alla cassa, grazie



Cito questo fatto di cronaca non perchè sono diventato matto ma come esempio di come negli Stati Uniti, il sesso o meglio il piacere sessuale ha una componente molto importante non solo personale ma sociale, tutto questo mi serve per introdurvi questo short film che ha come tema l' oliva e l'olio, la comunicazione vuole fare notare la bontà dell'oliva e dell'olio e così ha creato questo video molto spinto che vede nell'oliva e nell'olio qualcosa di sensuale legato al piacere.

Una domanda sorge spontanea, ce ne era proprio bisogno? La pubblicità esprime i valori della società in quel momento, potremmo definirlo inusuale ma nell'intento dell'agenzia che lo creato era il modo migliore di dire agli americani quanto fosse importante è buono l'olio di oliva, non sono daccordo su questa modalità, il fine non giustifica i mezzi. 

Sintesi: non credo di essere un tradizionalista e ogni adulto può fare cio che vuole, colgo l'ironia del filmato tuttavia quello che mi preoccupa è il futuro, una volta che parte questa moda della comunicazione dei prodotti alimentari legati al piacere sessuale cosa dobbiamo aspettarci? Come ci diranno che fanno bene zucchine, melanzane, mele? No è ! Speriamo che rimanga vincolato al mercato e alla società americana che non ci finisce di stupire.

21 commenti:

  1. Mi è piaciuta la chiave la che hai usato per parlare di questo argomento...confesso che mai avrei immaginato che quel carrello vendesse vibratori! Condidivido in pieno le tue riflessioni e le tue...speranze, caro Gunther. :-)
    Un saluto e i soliti complimenti
    simona

    RispondiElimina
  2. Decisamente non un carrello di gelati:-) Bè, condivido la tua idea che nulla debba essere proibito, ma effettivamente mettere certe cose in vendita al supermercato vicino alla cassa, non è il massimo.. soprattutto se hai bambini a seguito, ma gli americani sono sempre un pò matti se vogliamo, e non credo che questa moda di pubblicizzare l'olio d oliva, si sposterà anche ad altri cibi. Poi credo basti prendere la cosa per quella che è, prendiamola sorridendo che è meglio:-) Grazie Gunther per questo post curioso e alla prossima

    RispondiElimina
  3. Conosco i miei limiti...ma questa dell'olio mi sembra fuoriluogo e il carretto coi vibratori...mi sembra di un altro mondo...Lo so le 53 primavere ...si sentono tutte, ciao, buona settimana!

    RispondiElimina
  4. Pensavo ci parlassi un po di hot dog...be più o meno...
    ma guarda che sti americani ne inventano di tutti i colori,speriamo che l'idea se la tengano li perchè noi di americanate e casini vari ne abbiamo anche troppi!!

    RispondiElimina
  5. Ohi ohi.. caro Gunther.. mi trovi d'accordo con te. Io credo che, per il buon funzionamento almeno di un minimo di morale, certe cose andrebbero proprio evitate.. davvero presentare dell'olio d'oliva in quel modo è orrendo. Ci si lamenta che la società sta impoverendo di neuroni e di profondità.. e poi ci si applica in tali pubblicità e in certe iniziative. Per me, caro.. il pudore deve essere ancora un valore.. altrimenti facciamo tutti come i Bonobo e addio civiltà (scusa ma questo tema mi irrita particolarmente). Tu sei sempre un grande.

    RispondiElimina
  6. volendo la forma è quasi uguale :D
    mi piace la nota ironica usata nel tuo articolo..sei un grande:)

    RispondiElimina
  7. Oh mamma mia, quella pubblicità è veramente di cattivo gusto...E' ultimamente al cattivo gusto non c'è più limite.
    I vibratori al supermercato...Roba da matti!

    RispondiElimina
  8. pubblicità orrenda come l'idea di posizionare quei cosi alla cassa, io di anni ne ho 35 ma la penso esattamente come te

    RispondiElimina
  9. Hai perfettamente ragione caro Gunther. L'America e' sempre piena di novita' ma non tutte buone. Speriamo proprio che non arrivino da noi cose di questo tipo!

    RispondiElimina
  10. Hai perfettamente ragione caro Gunther. L'America e' sempre piena di novita' ma non tutte buone. Speriamo proprio che non arrivino da noi cose di questo tipo!

    RispondiElimina
  11. Ciao ci sono due premi per te!!!
    Dana et Dana

    RispondiElimina
  12. ma perchè metti solo queste ricette??? ma come mai per fare uno spot di profumi devono per forza essere nudi??? e perchè per ogni cavolata c'è una donna mezza nuda??? perchè è un vizio

    RispondiElimina
  13. Gunther la pubblicità dell'olio è quanto di più idiota abbia mai viasto. Davvero una scemenza in cui si salva solo il bellissimo bonsai.

    L'operazione di guerrilla dei vibratori invece mi piace molto. Speriamo che arrivi anche in Italia perchè a noi italiani servirebbe davvero una svegliata.

    :-)

    RispondiElimina
  14. Inutile dire che ho censurato almeno il 99,99% delle battute che mi sono venute in mente :P ahahhahaha
    Mi piace questa tua deriva ironica sul marketing che fa bene alla salute di chi ha bisogno di ridere ma solo di quello perchè effettivamente certi 'pacchetti pubblicitari' restano veicolo di superficialità non altro.
    Però a questo punto per non tradire la chiave di lettura prettamente divertita un paio di domande...1) Ma il nonnino baffuto muore a fine pubblicità? 2) Ma le prove dei vibratori le fanno in strada? ahahhahhaah

    RispondiElimina
  15. Certo ce se ancora oggi a qualcuno provoca timidezza appoggiare sul rullo della cassa un pacchetto di preservativi, voglio vedere le facce quando metteranno i vibratori :-) Concordo con te poi, al supermercato ogni cosa al suo posto, soprattutto per i bambini. Alla prossima :-)

    RispondiElimina
  16. Non sono femminista ne bigotta, ma non approvo l'utilizzo della figura femminile per attirare l'attenzione (dalle casse da morto al silicone). Iniziamo a cambiare la cultura e la mentalità anche da queste cose soprattutto in un mondo dove il narcisismo e l'edonismo sono al centro di quasi ogni cosa.
    Grazie per averci fatto ridere, in ogni caso quel carrettino vende qualcosa che in un certo si può leccare.... ops! Si poteva dire? ;-)

    RispondiElimina
  17. Grazie dei commenti perchè l'argomento è piuttosto difficile a dire il vero quasi mi sono pentito di averlo scritto, perchè lo spot in realtà è brutto, mi vergogno io per loro

    @l'abero della carambola
    grazie, simona anche a me il carrello dei vibratori ha sconvolto non poco

    @cinzia
    è vero meglio riderci sopra

    @mari e fiorella
    anche le mie primavere si sentono e sono molto contento :-)

    @sara
    grazie sara un bel commento

    @Ely
    Grazie Ely, la penso uguale bisogna alzare il livello della società e non abbassarlo

    @Tina
    Grazie molto tina

    @Any
    si di cattivo gusto, grazie

    @Stefania
    Grazie del commento

    @My little italian kitchen
    speriamo rimanga lì

    @dana e dana
    ragazze grazie, arrivo

    @elena
    effettivamente con olio di oliva non c'entra

    @master of cook
    si l'operazione dei vibratori è di guerriglia marketing, vedessi le foto delle file per l'oggetto gratuito, da noi non c'è questa come dire se lo si fa non si ha il coraggio di fare la fila

    @Gambetto
    concordo, vedessi le foto della fila per accapparsi l'oggetto in questione

    rispondo molto volentieri
    1) l'attore israeliano penso sia ancora vivo anche se molto provato dopo un esperienza cosi

    2)per la prova disporrano di un luogo appartato,almeno lo spero!
    non ci voglio nemmeno pensare all'alternativa

    @zonzolando
    si, perchè sai alla cassa forse è il luogo che ci si ferma di più

    @roberta
    hai la facolta di dire tutto quello che vuoi, credo che non solo io anche tutti gli altri siano molto d'accordo

    RispondiElimina
  18. Ma no perché ti sei pentito, io mi sono fatta un sacco di risate!
    Devo dire che il carrellino mi aveva fatto pensare al cioccolato Milka anche se l'obelisco dietro avrebbe dovuto farmi sorgere un dubbio !!

    Quanto al filmato
    UAHUAHUAHUAHUAH!!!
    Sexy?????
    a me ha fatto venire in mente i Visitors!

    Solo gli americani sanno essere così meravigliosamente trash!

    RispondiElimina
  19. Ciao, il tuo blog è troppo forte! Per questo ti abbiamo fatto un piccolo regalo: http://cecieviola.blogspot.it/2012/11/ebbene-si-siamo-due-versatile-bloggers.html
    Ciao ciao
    Cecilia e Viola (Frizzi e pasticci)

    RispondiElimina
  20. è molto difficile parlare di certe cose senza cadere nel volgare, magari rimanendo ironici...però anche io chiedo per favore non vicino alla cassa...di fianco alle macchinine per i bimbi

    RispondiElimina
  21. Ammetto di essere particolarmente tonta ma capire che era la pubblicità dell'olio ce ne voleva!!! Pessimo gusto forse è anche un eufemismo e se non abbiamo toccato il fondo poco ci manca!
    E tutto avrei immaginato fuorchè quel carretto vendesse vibratori!
    La tua ironia è sempre piacevolissima. Un abbraccio

    RispondiElimina

Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con pubblicità verranno rimossi
Commenti con link verso siti non verificabili verranno rimossi
Commenti con link e commerce verrano rimossi
Commenti non simpatici all'autore saranno rimossi :-))
Dopo 15 giorni dalla pubblicazioni i commenti sono chiusi e finiscono nello spam , ogni tanto quando mi ricordo li vado a recuperare, perdonatemi