giovedì 13 gennaio 2011

Salmone affumicato selvaggio o salmone affumicato d'allevamento, confronto tra valori nutrizionali, Omega 3, Sodio, etichette, prezzo.

Lo scorso mese avevo scritto un post sul salmone, nel giro di pochi giorni è stato il post più visto del blog nell’anno 40.000 visite da tutto il mondo Canada Norvegia Scozia, dove si rivolgevano a Google traduzione per tradurre il testo, ancora oggi non ho compreso bene questo interesse, non mi è sembrato di dire nulla di così strano e originale, ma le aziende non hanno gradito, me lo hanno fatto sapere, ma questo non è un blog nato per le aziende, hanno altri mezzi di comunicazione per fare valere le loro ragioni per spiegare e informare i consumatori.

I dubbi sulla provenienza del Salmone, tra luogo di pesca e luogo d'affumicatura
Però io rispondo personalmente e pubblicamente, sulla provenienza del salmone ecco qui la tabella pubblicata da Eurostat da una ricerca fatta in Norvegia, per sapere in Italia da dove si importa il Salmone, visto la grande quantità di salmone etichettato come norvegese, in quanto non si capacitavano di quanto salmone Norvegese c’e in Italia, non se ne capacitavano loro, figuratevi noi!

In effetti come vedete dalla tabella il salmone affumicato dalla Norvegia è 11°, solo 11 tonnellate, nulla rispetto alle 2558 della Danimarca ma il doppio rispetto al Ghana, si avete letto bene in Italia si importa salmone affumicato dal Ghana, se è per questo anche dalla Grecia, Portogallo, Spagna, Paesi Bassi, Svizzera, Belgio. In parte le ragioni sono dovute al fatto che il pesce viene allevato in Nord Europa , surgelato e poi le successive lavorazioni in altri paesi, dove forse la manodopera costa meno, certo non per fama di grandi affumicatori, non voglio neanche pensare ad altre ragioni!

Quando noi andiamo al supermercato vediamo solo Salmone Norvegese, Salmone Scozzese, Salmone Irlandese, dall'origine delle materia prima, difficilmente vediamo il paese d'importazione o della lavorazione del pesce, questo lascia perplessi come per es. il Ghana è un percorso diciamo molto originale o meglio dire “l'hanno presa un po' larga” . Sarebbe più corretta la dizione per esempio di "Salmone Scozzese affumicato in Portogallo". Quello che voglio dire non è detto che sia negativo il fatto di affumicarlo in un luogo diverso dalla pesca ma invece che nasconderlo, motivarlo spiegarlo è molto meglio.

Personalmente trovo discutibile il fatto che del salmone faccia tutto questo "giro" ma oramai abbiamo sempre meno certezze, scandalo diossina in Germania insegna, (ma che avete fatto? Non ci posso credere!). Bisogna che si motivi diversamente se le diverse fasi della lavorazione sono sparse in tutto il mondo, il dubbio rischio nella sicurezza e della qualità del prodotto viene spontanea.
Non ci saranno anche dei costi di trasporto? In termini di Co 2 quanto ci costa? Dal mio punto di vista la vicenda mi rimane poco motivata e spiegata male, possibile che i norvegesi, scozzesi e irlandesi non sanno più affumicare ed essicare il pesce? Avevano sempre una reputazione molto forte su questo argomento.

È come dire Parmigiano Reggiano con latte di Parma ma fatto in Grecia o in Polonia, è uguale diranno, ci devo credere? Io sarò pignolo ma qualche dubbio prima di metterlo in bocca me lo faccio venire!

Nel periodo di Natale avevo tempo libero e quindi mi sono dato da fare nei supermercati a cercare il salmone affumicato a confrontare le etichette , non ho mai riso così tanto in vita mia, di tutto di più, ci sono quelli bravi e seri, ma molti anche no, anzi molti non indicano nulla, nulla dicono, nulla gli si può rimproverare, per esempio alcuni salmoni affumicati bio, non è stato possibile verificare la tabella nutrizionale per non parlare degli ingredienti, meno male che sono bio e certificati.
Oppure Salmone affumicato proveniente nella maggior parte dalla Norvegia, che vuole dire amico mio ? E nella minore parte da dove, scusami?

Salmone affumicato KV NORDIC


Kv Nordic : le etichette e la dizione degli ingredienti sono tra le più complete, con indicazione a quali tipi di Omega 3 sono contenuti nel pesce, quello più grasso ha anche le maggiori percentuali degli Omega 3, sono un po' bassi i valori rispetto ad altri, sarà un pesce allevato che si muoveva molto (una nota positiva). Ho solo trovato quel valori di sodio un po' troppo alto per il mio gusto personale e non ho compreso bene come mai il salmone scozzese sia più caro del 40%, sarà perché sarà migliore, sarà perché c'è più omega 3, sarà perché è scozzese?


Salmone affumicato LABEYRIE


Una marca francese Labeyrie indica sempre la provenienza del salmone ma sostiene di affumicarlo in Francia, fa un po' specie che indipendentemente dalla provenienza e dal taglio le etichette sono tutte uguali, forse hanno un sistema di qualità per cui i salmoni che scelgono hanno tutti delle caratteristiche identiche. Proprio per queste non ho compreso la differenza di costo tra il salmone Norvegese e Irlandese, quasi il 30% in più, sarà forse che il Salmone Norvegese è affumicato con legno di faggio e ontano e l'Irlandese con legno di faggio e luppolo? ( ma quanto costerà il luppolo?)


Salmone affumicato FJORD


Fjord invece una marca tra le più note in Italia, con una grande varietà di prodotti di affumicati, ha tabelle nutrizionali diverse a seconda del taglio se è baffa intera, se è pre affettata e a seconda del formato, presuppongo che siano altre le ragioni delle differenze. Spiccano per alta percentuale di Omega 3 in particolare il preaffettato da 100 grammi con legni pregiati, sono i legni pregiati che fanno avere 2,8 g di Omega 3 (dato che ho ricontrollato più volte) ? Sicuramente altro, ma secondo il mio modesto parere poteva essere argomentato meglio un valore così importante.


Salmone affumicato FISHCO



Fishco, un marchio della Francese Kritsen ,mentre abbiamo dei valori dichiarati dei prodotti del salmone europei, su quello proveniente dall’Alaska sappiamo solo i grassi il sodio e nulla di più, un po' poco, poche informazioni sull'affumicatura.


Salmone affumicato selvaggio


Salmoni selvaggio affumicato le etichette sorvolano su molte cose, certo non tutti esempio il salmone canadese Montreal Red King importato dalla Lariunione è molto completo, gli omega 3 sono pochi ma proporzionati al numero di grassi è il più caro con 88 euri al kg, mentre l'Ocean King della Salseafood si vede che era un salmone selvaggio un po' pigro come tutti i salmoni rossi.


Oltre alla indicazione precedente post che il salmone affumicato può essere un acquisto occcasionale per il consumo, nell'acquisto bisogna valutare :
1) Specie della varietà di salmoinoide
2) Il tipo di pesca e o se pesce di allevamento o selvaggio
3) La zona di pesca o il tipo di allevamento e luogo,
4) Specificare se affumicato da prodotto congelato
5) Il tipo di affumicatura e luogo di affumicatura
6) Data di scadenza
7) Modalità di conservazione
8) Codice a barre per la tracciabilità del prodotto
9) Etichetta nutrizionale completa con indicazione di quantità di grassi, Omega 3, Sodio e Sale
10) il logo della partecipazione che l'azienda partecipa al ricilclaggio dell'imballaggio.
11) Sodio è meglio che abbia un valore attorno a 1,2 g/100 g o anche meno
12) Omega 3 tra i 1,2 e 2,2 g
13) Non deve esserci fumo tra gli ingredienti altrimenti indica un aroma! l'affumicatura è un sistema di lavorazione non un ingrediente.

Quello con meno Sodio è Il salmone selvaggio Canadese 0,8

Quello con più Sodio sono i Fjord e Kv Nordic 1,9

Quello con più Omega 3 è il Fjord Salmone norvegese affumicato con legni pregiati da 100 g con 2,8 di Omega 3

Quello con meno Omega 3 è Salmone Selvaggio Canadese con 0,5, ma è una caratteristica del salmone selvaggio avere pochi grassi, quindi meno omega 3.

Il più conveniente il Fishco Irlandese 22 €/kg
Il più caro il Salmone Affumicato Canadese 88 €/kg

Per i miei lettori allergici: Il salmone affumicato in generale ma verificate sempre le etichette:
non c'è soia, sesamo, sedano, glutine, senape, lievito, grano, lattosio, uova, noccioline mentre
non è indicato in coloro che devono ridurre l'apporto di sale, l'apporto di colesterolo, vegani e vegetariani

Le mie ricette per il salmone : Tartare di samone marinato all'arancia, Carpaccio di salmone o salmone affumicato alle mele verdi con verdure allo zafferano, Borekas al salmone, Quiche salmone e finocchio, Insalata di avocado, uovo e salmone affumicato,

Post Correlati: Salmone fresco, salmone affumicato selvaggio o d'allevamento, Pesce di allevamento o pesce selvaggio, pesca sostenibile e consumo responsabile, Troppi omega 6 e pochi omega 3 promuovono l'obesità attraverso le generazioni,

29 commenti:

  1. accidenti grande G, come sempre sei sorprendente! ci credo che le aziende non abbiano gradito la tua professionalità!
    sai, a me il salmone affumicato piace parecchio ma son sincera, non mi sono mai posta il problema di controllare etichette e provenienza. certo che un salmone che arriva dal ghana probabilmente non lo acquisterei.... grazie! come sempre :)

    RispondiElimina
  2. le aziende possono anche non gradire ciò che hai pubblicato ma io ogni talvolta che compro il salmone guardo e leggo l'etichetta per conoscervi la provenienza e se ce qualcosa che non capisco nel leggere non lo compro perchè il salmone deve essere davvero ben trattato e ben conservato...quindi hai fatto bene a fare questo post...
    un abbraccio lia

    RispondiElimina
  3. Ricordo l'altro post sul salmone, questo è davevro interessante, ora mi stampo l'ultima parte su cosa guardare dell'etichetta e me la porto al super!

    RispondiElimina
  4. Gunther come sempre rimango afascinata davanti ai tuoi post interesantissimi per noi,grazie!!

    RispondiElimina
  5. Sembra che abbiamo passato le giornate pre-natale al super in maniera abbastanza simile!!!Ovviamente sono fissata per etichette e qualità dei prodotti anche se al salmone mi sono dedicata per gola e non per motivi professionali. Molti dubbi e perplessità.....quanto al salmone scozzese non ho capito neanche io perchè sia tanto più caro e alla fine non mi è nemmeno piacuto.
    Alla fine dei conti, però, dopo averne lette di cotte e di crude non ho mica capito quanto fidarmi, e....e tu con 'sta storia del Ghana hai solo peggiorato le cose!!! :DDDD

    RispondiElimina
  6. Quest'anno ho rinunciato al salmone affumicato, che idea brillante che ho avuto ! Gunther continua così, i tuoi post sono sempre più interessanti !!! Grazie !

    RispondiElimina
  7. Gunther, non sai che GRAZIE immenso vorrei dirti per ringrazierti di scrivere questi post!

    RispondiElimina
  8. Gunther sai perchè mi piace questo post...perchè ho avuto la netta sensazione che abbiano provato a colpirti direttamente ed indirettamente e tu come hai risposto...mettendo l'elemetto, andando al super e poi come un carro-armato hai proceduto ad una analisi puntuale, precisa, inconfutabile, senza sbavature che azzera polemiche e considerazioni fuorvianti.
    Per me che provvengo dagli anni 80 pieni di cartoon con supereroi e robot buoni...identificarti con SuperGunther è un attimo! ahahahhahahaha
    Un abbraccio affettuoso di stima e comprensione per tutto quanto fai e condividi con noi.
    Grazie davvero :)))

    RispondiElimina
  9. Gunther,mi hai aperto un mondo, io adoro il salmone, non immaginavo tutti questi strani giri.
    Mando il tuo post a mio padre, appassionato di salmone quanto me.
    Grazie come sempre, davvero un gran bel lavoro

    RispondiElimina
  10. Un post assolutamente da salvare.
    Non so in che lingua dirti grazie!

    RispondiElimina
  11. Già perdo un sacco di tempo al supermercato per fare la spesa... adesso ne perderò ancora di più!

    RispondiElimina
  12. Sai una cosa Gunther?Con tutto ciò che ho letto sino ad ora e per quello che accade nel mondo, sono sempre più convinta che diventerò vegana...se non sono certa della provenienza , evito l'acquisto oramai.Forse sono estremista ma qui giocano cn la nostra salute.Detto ciò8e escusami la parentesi) sei veramente un grande Gunther!!!!

    RispondiElimina
  13. Che il salmone andasse a farsi affumicare in Ghana mi giunge nuovo! anche se so che in Africa ci sono parecchie industrie conserviere del pesce.
    Sinceramente non so quanto ci si possa fidare dell'igiene di questi prodotti.
    Ma purtroppo non possiamo fidarci neppure di ciò che viene prodotto in Europa!
    Una delle poche difese che abbiamo è: leggere e informarci consultando il tuo blog, mangiare poco di tutto e fare la spesa "cum grano salis"
    Grazie!

    RispondiElimina
  14. Ciao Gunther, grazie per la visita e complimenti per il tuo blog, è davvero interessante!
    a presto!
    Melannurca

    RispondiElimina
  15. Io che adoro il salmon affumicato spesso non lo compero perchè non so quale prendere. Sono troppi e non sono ingrado di decidere quale prendere. le etichette non dicono molto, l'unico che alla fine prendo è un tipo che trovo alla Coop, ormai quello lo conosxco bene e lo trovo molto buono. La prossima volta guardo cosa sriportano le etichette, grazie al tuo post sarò magari in grado di capirci un pò di più.
    Grazie, molto utile ed interessante anche se ti confesso muoio dalla curiosità di sapere quello che u consiglieresti, so che non è possibile, ma io sarei molto molto curiosa di saperlo :D
    Un bacio

    RispondiElimina
  16. Il Ghana mi ha lasciata allibita! Quest'estate in Italia l'ho mangiato spesso perche' qui decisamente m manca e mi piace da morire, ma quello del Ghana non lo voglio. . . grazie Gunther per lo shock!

    RispondiElimina
  17. Ciao,Complimenti sinceri per il blog,per come spieghi,finalmente un po di chiarezza!!
    leggo sempre le etichette anche se spesso e difficile decifrarle,sono per il mangiare poco ma bene,cerco di acquistare sempre prodotti freschi possibilmente km 0...La diossina...non ci voglio neanche pensare abito nella Bassa Sassonia....
    Buon fine settimana francesca

    RispondiElimina
  18. Come sempre i tuoi post sono interessantissimi e conditi da una piacevole ironia. Certo che la storia del Ghana mi ha lascaiata esterrefatta. Benchè abbia un po' la mania delle etichette non mi sono mai soffermata così nei dettagli su quelle del salmone. A questo credo che se lo avessi fatto avrei smesso di compralo da un po'!!! Il salmone norvegese affumicato in Ghana non è che mi vada troppo giù! Un bacio, buon we

    RispondiElimina
  19. Isabella Corsini15 gennaio 2011 16:32

    Gunther dai anche il salmone dal Ghana!!! Non hai capito c'è un clima secco e asciugherà prima... no ?! non regge? Se il salmone lo stendo al sole si secca ma non si affumica! Magari sono più bravi ad affumicarlo che noi!

    Facci sapere cosa ne pensi che non è più reato adulterare i cibi, questa roba mi ha improessionato mica poco

    RispondiElimina
  20. Post interessannte per chi come me di salmone sa ben poco, è altrettanto vero che lo acquisto di media una volta all'anno. Ma ora con le informazioni che hai divulgato sarò ancora più selettiva e attenta.
    grazie :-)

    RispondiElimina
  21. Vai sempre così Gunther. Al diavolo le aziende. Devono imparare ad essere più precise e più trasparenti in etichetta. Un salutone.

    RispondiElimina
  22. Innanzitutto straquoto Gambetto.E' la maniera in cui esponi i fatti che rende il tuo blog cosi compelling.
    Purtroppo,recentissimamente,dopo aver mangiato del salmone (fresco),sono finita dritta dritta in ospedale,gonfia,rossissima e con un prurito insopportabile.La reazione e' stata straordinariamente veloce,probabilmente 2 minuti dall'ingestione.Fortunatamente i dottori mi hanno rimesso a nuovo con degli antistaminici.
    Cio' che piu' mi ha spaventato e' che mangio salmone da sempre...
    Sono andata a leggermi anche l'altro tuo post... A presto!

    RispondiElimina
  23. Grazie, grazie per tutto quello che fai per noi.Informazioni chiari e dettagliati, come sempre.

    RispondiElimina
  24. Uhhh, adesso mi devo preoccupare anche per il salmone del Ghana!!!Che fatica...io adoro il salmone...mi toccherà stare più attenta!!!Smack!!

    RispondiElimina
  25. A me piace il salmone, ma come ad altri lettori mi ha colpito il salmone affumicato in Ghana!Non ho mai letto questa dicitura sulla confezione ,ma come al solito le aziende in fatto di chiarezza lasciano molto desiderare!Buona giornata!!

    RispondiElimina
  26. chissà perchè le aziende in questione si sono sentite offese...
    mah..
    questo articolo è più bello dle precedente
    quante cose non sapevo e quanti spunti su cuiriflettere
    grazie
    ps: non mi sembra una cosa possibile che il legno di affumicatura cambi i valori degli omega tre dentro al carne dei pesci... :P

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  28. Le chiedo scusa se ho eliminato il commento, anche se ben argomentato, ma già è un fuoco che arde avrebbe buttato benzina.
    Questo blog vuole essere sottotono.

    Io penso che lei abbia ragione la ringrazio della sincerità, almeno mi ha fatto capire le ragioni di tanto clamore a cui non avevo pensato.

    Non ero per nulla a conoscenza di tale consuetudine, avevo intuito che in questi passaggi c'era qualcosa di strano, comunque questi dati sono ed erano pubblici, come li ho avuti io li poteva avere chiunque.

    Ho visto questo anno tutte le etichette migliorate, questo mi ha fatto piacere ma non mi illudo che sia avvenuto per mio merito.

    Sa io posso dire tutto sugli acidi grassi omega 3, posso dire che un alimento deve essere consumato occasionalmente, meno posso argomentare sulle importazioni, un argomento che non conosco.

    Io credo a quello che lei mi ha scritto voglio solo argomentare che gambero rosso tempo fa avevo fatto un dossier sul salmone elogiando gli affumicatori polacchi....

    La ringrazio, mi scuso e mi dispiace di avere tolto il commento sono certo comprenderà l'intenzione di non urtare la sensibilità di qualcuno ho già delle diffide

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi