martedì 8 maggio 2007

L'avvenire dei viticoltori Italiani si gioca sui nuovi mercati?

Nel mercato del vino internazionale é un dato certo, più di una bottiglia su tre, dei tre paesi principali produttori di vino cioè Italia, Spagna e Francia, viene consumata fuori dal territorio nazionale di produzione.
Nel 2006 l'esportazione di vino hanno rappresentantato il 34,5 % del consumo mondiale contro il 18% di dieci anni fa. Il volume d'esportazione rispetto all'anno passato è aumentato del 5,3% (83,1 miliono di ettolitri).
Nel 2006 i sei principali esportatori di vino del "nuovo mondo" (Argentina, Cile, Africa del Sud, Nuova zelanda e Stati Uniti) in continua crescita, hanno raggiunto una quota di mercato che si attesta oramai al 27,4%(insieme Italia Spagna e Francia rappresentano il 55% della quota di mercato)
Buone nuove per i produttori italiani che rimangono leader con 17 milioni di ettolitri contro i 15 dell'anno precedente, in particolare grazie ai vini provenienti dalla regione Toscana, Veneto, Piemonte.
Tutto bene? No non va tutto bene, anche se è indubbio che è un periodo positivo, ma non è positivo per tutti i produttori, in quanto le exportazioni di vino, riguardano solo le grandi aziende, mentre i piccoli produttori hanno difficolta a commercializzare i prodotti, anche se non mancano le eccezzioni.
La produzione mondiale nel 2006 è compresa tra 279,3 milioni di ettolitri e 287,3 il consumo sui 24o. Siamo in una situazione di sovrapproduzione di vino che da un parte vede contrapposti i produttori di vino dall'altro i consumatori, dato che si riduce sempre di più il consumo del vino procapite in tutti i paesi produttori.
La concorrenza dei paesi del nuovo mondo (Argentina, Cile, Nuova Zelanda, Africa del Sud, Stati Uniti) inzia a farsi sentire sui mercati europei, grazie all'ottimo rapporto qualità /prezzo, mentre emergono sempre di più nuovi paesi produttori come il Marocco, la Cina e il Brasile. Sono inoltre in arrivo i paesi dell'europa dell'est, che hanno intenzione di posizionare i loro vini sui mercati dell'Europa Occidentale.
Cosi molti produttori vedono nella possibilità di esportazione, come una risorsa per riuscire a vendere il loro vino' é unica soluzione possibile? se si dove? Il cambio euro/dollaro cosi alto aiuta l'esportazione di vino? L'Unione Europea vorrebbe fare ridurre le superifici vitate come possibile soluzione di sovrapproduzione e delle previsioni di riduzione di consumo di vino.
Io credo che nonostante il nostro paese è leader nella produzione di vino, bisogna per mantenere la nostra leadership, dell'impegno di tutti attraverso non solo la copertura dei mercato estero più incisiva, ma nell'elaborare nuovi vini, con un ottimo rapporto qualità prezzo, anche al di fuori delle etichette DOC e IGT. I nuovi mercati non sono una panacea, una soluzione dei nostri problemi, in quanto tradizione e cultura sono molto diversi, invito alcune aziende a guardare nel loro territorio per recuperare quel mercato che hanno perso e che stanno perdendo. Con questo non voglio dire che non devono cercare nuovi mercati, ma sceglierne solo alcuni più interessanti per non disperdere energie. Bisogna che imparino a costruire con i mercati un rapporto di continuità e di dialogo con i consumatori.

* dati liberamente tratti dall'ultima pubblicazione sul mercato generale del vino del 2006 a cura dell'Organisation International de la vigne et du vin

1 commento:

  1. Gentile Karl,

    è sempre un piacere ricevere i suoi commenti, che appaiono sempre mirati e pertinenti.
    Per il momento, inserirò un link a "Papille vagabonde" su "Marketing fieristico".

    Sono arrivato a Claudio Montesion di Wine Community attraverso un professionista che gestisce, per conto di una importante web factory, il sito dell'associazione.

    Se lei potesse fornirmi maggiori ragguagli circa la sua attività (il mio profilo è leggibile nel mio blog) potremmo poi cominciare a prendere in considerazione una collaborazione più concreta.

    La consiglio anche di fare un giro in Neurona.it, comunità professionale in rete della quale faccio parte e all'interno della quale sono amm.re di una community dedicata alle fiere (ma ci sono anche molti produttori nel campo dell'enogastronomia).

    Per il momento, vorrei avere la sua autorizzazione a pubblicare anche sul mio blog l'articolo che lei citava.

    A presto.
    Fabrizio Olati

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi