mercoledì 22 luglio 2015

Nutella Amara, Mister Ferrero non è Mister Nutella?

Giusy L. da un po' non parli più di Ferrero e della Nutella, hai letto l'intervista di Ferrero su Repubblica?  Cosa ne pensi? Ci fai un post?

Si volevo evitare di parlarne, un po' per la mia vena polemica un po' perchè non sono argomenti da 40° all'ombra, ma sono in molti a chiedermelo, giusto per accontentare i lettori interessati all'argomento.

Credo che sia ora di fare un importante distinzione tra la Ferrero come azienda anzi come azienda multinazionale e il suo prodotto più noto la Nutella, una crema spalmabile molto piacevole, se vi piace la Nutella non è detto che vi deve stare simpatica per forza la Ferrero, anche perchè Ferrero non è solo Nutella . 

Qualche giorno fa Mister Ferrero ha "rilasciato" un' intervista al maggiore quotidiano italiano Repubblica. Rilasciato è un termine un po' riduttivo in realtà mi è sembrato un monologo, per la mancanza di una dialettica tra chi fa le domande e chi risponde, A colpirmi sono state le affermazioni di Mister Ferrero che mi hanno fatto riflettere non solo sul ruolo delle certificazioni ma del rapporto tra imprenditoria e il Made in Italy.

La polemica e la ricerca d'attenzione

Fino ad ora sulla polemica Nutella e Francia non ho detto nulla, perché si tratta di una vecchia strategia di Ferrero, io mi difendo da un accusa, per veicolare una serie di messaggi dai media, ve li ricordate? Unione Europea contro la Nutella, casalinga americana contro Ferrerofare il ruolo della vittima crea più appeal.

L'intervista inizia con la cosa più importante che preme da dire a Sig. Ferrero io viaggio molto mi trovo in Lussemburgo, ecco guardi Sig. Ferrero il Lussemburgo, si trova lì o presumibilmente si trova lì, perchè ha sede casualmente la Ferrero S.p.A. è posseduta al 100% dalla Ferrero International SA che ha sede a Findel di Sandweiler in Lussemburgo (fonte wikipedia).

E' noto dalla stampa che la maggior parte delle aziende che hanno sede in Lussemburgo, lo fanno per la possibilità di godere d'eventuali agevolazioni fiscali, un diritto lecito sia ben inteso, non c'è nulla di male, un paese che fa parte dell'Unione Europea, ma che lascia molto perplessi, abbiamo ancora gli occhi puntati sulla crisi greca dove sembra che gli effetti negativi dell'economia gli pagano sempre e solo i cittadini.

Sull'olio di palma e la polemica con la Francia, ho affrontato questi argomenti gli anni passati, voglio dire solo che uno dei grandi stabilimento di produzione di Nutella in Europa è a Rouen in Francia, un altro è in Russia, la Nutella è più quella prodotta all'estero che in Italia, anche se molti italiani sentono la Nutella come un prodotto proprio come i spaghetti al pomodoro, la pizza e le lasagne alla bolognese.

La polemica secondo me è un po' stata montata ad arte, la Ferrero si difende dicendo di utilizzare solo olio di palma certificato, quale altro modo per comunicarlo a squarcia gola, e un po' come dire io uso il burro ma di quello certificato! Oggi tutti certificano tutto, vuoi che non ci sia l'olio di palma certificato? Ci sono anche i blog certificati mi è venuto da ridere quando l'ho visto per la prima volta, sono un blog pirla certificato, giuro!

Mi spiace ma il valore delle certificazione oggi giorno perde sempre di più valore. In questi anni ne abbiamo visti di tutti i colori. Chi non ricorda quelle aziende che dichiaravano che inquinavano ma che avrebbero salvato foreste. A distanza d'anni possiamo dire che se fosse stato vero avremmo nel sistema solare altri due pianeti come la Terra coperti da foreste. Le certificazioni di Ferrero sono anche vere per amore del cielo non vogliamo mica dire il contrario ma la certificazione è un argomento superato che non colpisce  più di tanto. 

La cosa più divertente che mi è sembrato di capire è che Sig Ferrero motiva che la scelta dell'olio di palma perche è ipernutriente e che nel mondo ci sono 850 milioni  di persone sottonutrite quindi cosa dobbiamo pensare che salverà la fame nel modo il vasetto di Nutella?

Sig. Ferrero ma da blog pirla autocertificato che sono che mi scuserà, ma mi viene da ridere.

Sig. Ferrero scusi ma una volta la Nutella non era buona, sana  e leggera per la prima colazione?


Ma l'aspetto dell'intervista più divertente e preoccupante per gli italiani è un altro

Si rimarca il fatto che Ferrero è orgogliosa di essere il fiore all'occhiello dell'Italia, si però in Italia non investe? Ferrero è proiettata verso l'estero lo dice lui stesso e lo sarà sempre di più un futuro, ci fa molto piacere a tutti  e nei stabilimenti di Ferrero in Italia stanno facendo i salti di gioia.

Io ho pensato che se Ferrero certifica l'olio di Palma e dichiara in qualche modo pagando o altro d'equilibrare la possibilità di un eventuale danno ambientale, non si può fare la stessa cosa con le aziende italiane che realizzano prodotti all'estero e giocano sul made in Italy?

Mi spiego meglio tutti riconoscono in Nutella un prodotto sì di Ferrero ma un prodotto italiano, anche se poi viene realizzato altrove.
Quest' atteggiamento riguarda moltissime altre aziende famose per il Made in Italy alimentare , per amore del cielo io sono contento che le aziende italiane vadano in tutto il mondo ma con prodotti italiani realizzati in Italia, non con prodotti realizzatii altrove che hanno solo la nomea d'essere italiani.

Faccio un esempio di fantasia, immaginate d'essere la più grande azienda di salumi in Italia, fate lo speck in Slovenia e in Ungheria, realizzate una bella comunicazione con le immagini del Sudtirolo, dell'Alpe di Siusi o delle tre cime del Lavaredo con lo Schutzen che balla e piazzate questo prodotto sul mercato come speck, un prodotto noto per essere italiano, quindi con un prezzo alto, perchè il made in italy ha valore sul mercato internazionale, certo se lo vendete come coscia affumicata di maiale sloveno vale il 50% meno.

Quanti comprerebbero una crema spalmabile al cioccolato e nocciole russa? Probabilmente nemmeno i russi! 


Non è il caso di Ferrero ma io ritengo che tutte quelle aziende che fanno realizzare prodotti dichiaratemente italiani all'estero e che vendono l'immagine di prodotto italiano, devono corrispondere all'Italia e sopratutto agli italiani un indennizzo, perchè gli italiani si sono fatti un mazzo tanto (scusate il termine, con rispetto parlando) per avere una buona fama sul mercato internazionale di prodotto di qualità a iniziare dal settore moda e dal settore del mobile e del design.

Non è il caso di Ferrero, non vorrei essere frainteso ma ora ora arrivano questi furbetti, che freschi freschi è il caso di dirlo del settore alimentare, vendono un prodotto e un immagine dell'Italia che non c'è perchè le aziende hanno sede alle Cayman, Antille Olandesi, aprono stabilimenti all'estero assumono lavoratori in quei paesi, pero sfruttano la nomea italiana e nello stesso tempo procurano un danno all'Italia d'investimenti mancati e di risorse perse.

Quando il settore moda ha iniziato e realizzare i prodotti all'estero ha perso competitività, si è persa la manualità e l'ingegno che caratterizzava i prodotti fatti in italia, molte di queste aziende di moda sono fallite, è illusione che tutto si può realizzare dappertutto.

Le aziende possono fare ciò che vogliono, anche trasferirsi al Polo Nord tra gli orsi bianchi, ma sfruttare la nomea d'essere italiane, solo per avere un ufficio in Italia, quando non c'è nulla italiano in quel prodotto io la ritengo qualcosa si cui non si può andare fieri.


Non è il caso di Ferrero, tutto questo sarebbe trascurabile se sempre quelle aziende che si reputano multinazionali nel fare investimenti, non fanno altro che piazzare il maggior numero di loro uomini nella federazioni alimentari italiane e nelle varie associazioni di categoria al fine di condizionare le politiche in Italia. ( esempio : la reazione di non ricordo il nome di quale ministro alla proposta dell'Unione Europea di limitare lo zucchero nelle merendine, si ma merendine realizzate altrove).

Potete piazzare i vostri uomini per favore alla Federalimentare delle isole Cayaman o della Antille Olandesi o della Repubblica dei Pinguini del Polo Sud? Sembra che le aziende italiane abbiano una mano lunga quando si tratta di prendere e una mano corta quando di stratta di dare, con anche la complicità della politica, che non si è inginocchiata alle aziende agroalimentari, scusate il temine ma si è girata mettendosi a 90°.

Si perchè queste aziende producono e danno lavoro altrove ma poi i finanziamenti per fare conoscere il prodotti li prendono dallo stato italiano e non piovono dal cielo perchè sono delle tasse che tutti gli italiani pagano, potremmo altrimenti dire che queste aziende sono italiane solo quando se lo ricordano e se gli serve qualcosa.

L'Expo 2015 è stato fortemente voluto dalle aziende agro alimentari italiane o sedicenti tali, quando è costato perchè a pagare sono stati tutti gli italiani e loro per ringraziare investono all'estero, non inteso come esportazione di prodotti italiani ma come sede, produzione vera e propria, che torna conto per gli italiani? Che per lavorare sono tornati ad espatriare come gli anni '50! Sono giovani è vero ma rappresentano il futuro, un futuro che in Italia nessuno vuole costruire.

Grazie Mister Ferrero per averci aperto gli occhi, di queste riflessioni ma da Mister Nutella ci aspettavamo qualche pensiero positivo, più dolce e meno amaro, proprio il caso di dire Nutella Amara.

lunedì 20 luglio 2015

Sindrome da permeabilità intestinale, sintomo o malattia?

Laura G, Umbertide : desidero sapere cos'è la sindrome da permeabilità intestinale e come si previene

Iniziamo nel dire che nella medicina convenzionale è poco riconosciuta come patologia e più nota come sintomo di alcune patologie, se ne parla molto da quando si parla di dieta paleolitica, la sindrome di Permeabilità Intestinale è anche nota come sindrome di Leaky Gut.

Da quello che la letteratura medica ci dice in parole semplici se ci riesco è che normalmente, il cibo che mangiamo passa attraverso il tratto gastrointestinale e viene trasformato nell'intestino tenue.

La maggior parte della digestione chimica delle macromolecole che costituiscono il cibo avviene nell'intestino tenue, dal quale le sostanze nutritive vengono poi assorbite passando nel sangue. 

Il problema secondo alcuni ricercatori potrebbe nascere quando le pareti intestinali vengono colpite da sostanze dannose pertanto la perdita del rivestimento intestinale può permettere secondo alcuni a molecole e germi non positivi di passare nel sangue, causare un possibile danno al sistema immunitario e un stato d'infiammazione in tutto il corpo.

Questo perchè la mucosa lo strato di cellule che rivestono l'intestino può essere danneggiata  a causa di un uso eccessivo d'antibiotici, uso eccessivo di farmaci anti infiammatori, ma anche lo stress e l’assunzione eccessiva di alcol, potrebbero essere una causa o una concausa.


Secondo alcuni ricercatori molto alternativi anche i cibi come i carboidrati troppo raffinati, coloranti, conservanti alcol e caffeina potrebbero essere tra i fattori che rendono più deboli le pareti dell'intestino tenue.

I sintomi di una permeabilità intestinale sono diversi e comuni a molte altre patologie, come gonfiore, gas e dolore addominale, infezioni vaginali ricorrenti, asma, nervosismo, dolori muscorali, crampi allo stomaco, sbalzi d'umore. Alcuni ricercatori hanno anche collegato la  permeabilità intestinale al rischio di patologie come l'emicrania, l'artrite reumatoide e la diffusione negli ultimi anni d'allergie alimentari.

Tranquillizziamo che le uniche patologie al momento riconsociute che sono state collegate con con la permeabilità intestinale sono il morbo di Crohn e il diabete di tipo 1, in soggetti che però già geneticamente erano predisposti a queste patologie.

Ci sono test medici per misurare quanto bene i vostri intestini assorbono i nutrienti ma questi test sono lunghi impegnativi e costosi, li sconsiglio.

On line c'è di tutto e di più, attenzione tutti hanno interesse a vendervi qualcosa, sopratutto qualcosa che non vi serve, il mio consiglio personale  è quello di mantenere il vostro intestino e il suo rivestimento in buona salute.

Per mantenere intestino in buona salute, ci sono i consigli che questo blog fornisce da sempre, un alimentazione equilibrata, con più alimenti con fibra (in particolare frutta e verdura), come sempre ho indicato, nulla di più e nulla di meno, fare ricorso in modo costante con alimenti fermentati dal semplice kefir allo yogurt e rimanere ben idratati quindi bere acqua a sufficienza.

Torneremo a parlare di questo argomento perchè molte nuovi regimi alimentari si fondano proprio sul principio della permeabilità intestinale, dalla dieta paleolitica alla dieta antidolore di Seignalet.