giovedì 16 febbraio 2017

La Mela Evelina e il Fico ..

Con tutto questo parlare d'alimentazione vegetariana e vegana, la verdura e la frutta diventano protagoniste di campagne di Marketing.

Sempre di più la frutta si distingue non più per varietà ma per marchio, nella maggioranza dei casi indica il luogo d'origine della frutta come i Cedri di Diamante in Calabria oppure i più noti: Clementine della Corsica, la Castagna del Monte Amiata, le Fragole della Basilicata

Ora invece è trend alle nuove varietà di frutta dare un nome proprio, per avvicinare ancora di più il consumatore. Ecco arrivare sul mercato l'Arancia Rosaria, l' arancia rossa siciliana, la Mela Giotto, che non è proprio un nome comunissimo, ultimamente ho visto in televisione la Mela Evelina del Consorzio Melinda dei Produttori della Val di Non e della Val di Sole in Trentino.



Uno spot che mette i brividi, fa venire voglia di mangiare le pere invece che le mele, da Bella Belinda e Bella Evelina, era molto meglio Belinda anche per la mela credetemi.

Quale rapporto tra la mela e il nome Evelina? Nessuna, non mi risulta che Evelina sia un nome tipico trentino, per assonanza mi sembra che quel nome strizza l'occhio alla famosa nutrizionista della televisione un'associazione d'idea facile e scontata, quanto genio del marketing sprecato! 


Se l'asparago lungo e duro lo chiamo Rocco a quale Rocco secondo voi si riferisce? Se il carciofo lo chiami Matteo, a quale Matteo si riferisce? Se la prugna la chiamo Antonella a quale Antonella si pensa? Se la patata la chiamo Raffaella a quale Raffaela si pensa?

Magari si sono ispirati al romanzo della scrittrice Fanny Burney dal tiolo Evelina, oppure ad altri personaggi come l'attrice italiana Evelina Nazzari e la sportiva Evelyn Vicchiarello.


Divertente la motivazione che danno sul sito sulla Mela Evelina sembra scritta apposta per quella Evelina là, "un aspetto particolarmente attraente" "un gusto così sorprendente da sembrare appena colta"  " la freschezza, resta inalterate dal momento della raccolta fino alla fine ", non so se tutte questa qualità alludono a una mela o ad altro?

Il concetto di freschezza dipende, la frutta è fresca perchè la conservano nei frigoriferi, noi da bambini facevano un giochino con le mele prendevamo il picciolo e giravamo il picciolo gridando "di quale anno è" ogni giro era un anno diverso, se si indovinava l'anno il picciolo di staccava, per dire che anche i bambini danno per assodato che mele si suddividono più che per nome, più che per varietà, per annata.


Ritorniamo al nome, se alla frutta viene dato il nome delle persone, non mi risulta che alle persone viene dato il nome di frutta e verdura, chi chiama il proprio figlio Broccolo? Nessuno. Oppure una bambina Annurca o Pink Lady, in inglese le pink lady sono le gentildonne un po' come dire ... allegre.

Se parte questa moda di dare il nome al figlio di qualcosa da mangiare, non finiamo più, come fai a chiamare il figlio Tiramisù? Oppure Gnocco Fritto, Provolone o Baccalà? E una bambina Bagna Cauda? Una roba d'analista per tutta la vita, non ne esci più.


Comunque se qualcuno pensa di utilizzare il nome di Günther, voglio dare qualche suggerimento, prima di trovare il mio nome su un Caco o ancora peggio su un Cetriolone gigante, io ho pensato, il fico Günther.

Ovviamente si fa per scherzare, si fa per sorridere, molto meglio chiamare un figo Brad, ma un invito alle aziende ad avere una maggiore fantasia  e creatività nel dare un nome.

Dare un nome proprio a una mela lo trovo fuori luogo, sai quanta gente che si chiama Evelina e che vuole cambiarsi nome.

Se proprio si vuole fare un omaggio a una persona, un attrice, un personaggio storico, fate come si fa con il giardinaggio per le rose dove viene utilizzato il nome e cognome esempio la Mela Robin Hood,  la Mela Diana Spencer, la Mela Enrico VIII°, il cavolo Matteo Renzi, la carota Lilli Gruber, la fragola Anastasia Romanov, il mirtillo Salvador Dalì.

Cosi per divertirci un po', voi dareste il vostro nome a un frutto? E se si a quale frutto o verdura?

sabato 11 febbraio 2017

La pizza galeotta e lo spray per capelli

Le pubblicità non sono sempre amare e negative possono essere anche divertenti. Una delle pubblicità che vedo in televisione e che mi fa molto ridere è questa dello spray per il ritocco del colore dei capelli.


In sintesi lei sente suonare il campanello, si ricorda che ha ordinato la pizza e adesso come faccio? Mi si vede la ricrescita dei capelli? Fila in bagno uno spray e vestita come per andare a una prima alla Scala apre la porta al pizzaiolo che rimane impassibile senza fare una piega è il caso di dirlo.

Io comprendo che vivere in una grande città è dura, non si hanno molte occasioni sociali, tuttavia un po' mi suona strano che arriva il pony per la consegna della pizza a casa e ti preoccupi della ricrescita dei capelli? Perchè se si vede la ricrescita ti fa pagare il doppio la pizza? No.

Essere in ordine prima di aprire la porta è giusto, sono d'accordo non c'è nulla di male, un po' meno essere vestita come la prima della Scala, tutto questo per una pizza da mangiare a casa da sola?

Non vorrei mai ma metti che nella concitazione lo spray per i capelli, lo spray in un altro posto, per esempio sotto le ascelle, che figura ci fai? Devo sempre capire perchè un pizzaiolo dovrebbe guardare sotto le ascelle,  ma questo è un altro discorso, non vi distraete!.

Ma anche ammettendo che l'interesse non sia la pizza, non c'è nulla di male succede, però l'avrà capito anche il pizzaiolo, ordini tre pizze al giorno gli è venuta anche un ernia a furia di fare avanti e indietro, il sospetto gli sarà venuto, che non è solo la capricciosa che ti piace tanto!

Un consiglio per una volta ordina due pizze, gli dici una pizza per me e una pizza per te, perchè mi piace mangiare in compagnia.

Voi pensate che un uomo s'accorge della ricrescita dei capelli? 
A un uomo quando piacete, vi apprezza in tutto, non distingue una cosa da un altra, per lui va bene tutto, capello lungo, capello corto, colore biondo, castano chiaro, castano scuro, vi ama cosi come siete.

Perchè il ragazzo non si scompone ve lo spiego. Io prima d'essere Günther, da ragazzo ho lavorato sia durante la scuola superiore che all'Università, facendo i lavori più diversi perchè non avevo i genitori che mi mantenevano agli studi e quindi dovevo darmi da fare.

A quell'età non hai la testa per le attenzioni, non ti passano nemmeno per l'anticamera del cervello, sei concentrato sulle consegne, più consegne fai più guadagni, devi badare che tutti ti pagano, che non ti rubino i soldi, pensi no più che altro sogni che cosa farai con quei soldi, la chitarra elettrica piuttosto che la moto!.  

Mi spiego meglio l'altro giorno sono andato a prendere i miei nipoti all'asilo, incontro un altra "nonna" passata a prendere la sua nipotina, chiacchierando  facciamo un pezzo di strada insieme, ma vedo che i bambini non si parlano, che strano mi dico, vanno nello stesso asilo tutti i giorni, abitano a 50 metri di distanza e non si parlano!

Scusa, Federico perchè non hai rivolto una parola a Noemi? Siete nello stesso asilo! 
Perche Noemi è nella classe dei colibri e io sono in quella dei scoiattoli, i scoiattoli non parlano con i colibrì!
Ahhhh !

Questo per dire che i bambini come i giovani tendono a fare clan, i sedicenni parlano solo con i sedicenni, quelli del liceo artistico parlano solo con quelli del liceo artistico, i scoiattoli parlano e giocano solo con i scoiattoli e i colibrì sono con i colibrì. Esprimono solo la difficoltà di rapportarsi con quello che non conoscono.

Poi si diventa grandi e s'impara che nulla è bello come mescolare le cose.

Questo per dire che se sei un ragazzo che consegna le pizze di sedici anni se ti apre la porta una ragazza di sedici anni della tua età, è una cosa, ti dimentichi anche di farti pagare le pizze, una persona più grande neanche la noti, figurati se vedi la ricrescita dei capelli, poi!!.

Ricordate che un sorriso allunga la vita