giovedì 28 agosto 2014

La prima colazione ha fatto flop nella dieta ?

Vittoria P, Palermo: È vero come ho letto in questi giorni che la prima colazione non fa dimagrire e non è il pasto più importante della giornata?

Se ne è parlato molto in questi giorni, la notizia arriva direttamente dal New York Times, dove sono stati recensiti due studi pubblicati sulla rivista The American Journal of Clinical Nutrition  che mettono in discussione, tutto quelle convinzioni che da anni, professionisti della salute, pagati dalle aziende, propagandano in Tv quando parlano di prima colazione.

La notizia non mi ha stupito, io stesso qualche anno fa, avevo ironizzato sui rapporti della prima colazione delle società scientifiche, dicendo "per scherzare" che anche il coniglio con le cozze appena mattina se ci fanno qualche studio, scoprono che fa molto bene.


Perché la prima colazione, non è il pasto più importante?

Non lo è mai stato, dovrebbe essere il pasto a mezzogiorno, è una notizia che hanno messo in giro gli uffici di marketing e comunicazione delle aziende per lanciare alcuni prodotti come i cereali per la prima colazione, fiocchi spesso cioccolatati e arricchiti di ogni cosa, hanno creato dei claims della pubblicità, enfatizzato molto sull'importanza della prima colazione.

I produttori di biscotti e creme al cioccolato, si sono detti perchè i cereali si, con tutto quello zucchero mentre crema al cioccolato, biscotti e fette no? Cosi anche loro si sono elaborati i claims che avevano come base l'importanza della prima colazione, come momento di consumo, perchè era l'unica possibilità di dimostrare che il prodotto si poteva associare ad una dieta sana ed equilibrata, spiegando che se si mangia un prodotto molto calorico al mattino, si ha maggiore possibilità di bruciare energia rispetto per esempio alla sera.

Cosi il momento della prima colazione è diventato uno spazio molto affollato di prodotti industriali decisamente discutibili, La prima colazione è cosi diventato il momento più importante per le aziende e non per il consumatore.


I ricercatori presso l'Università di Bath in Inghilterra  hanno condotto uno studio calcolando i tassi metabolici a riposo, i livelli di colesterolo e profili di glucosio nel sangue di 33 partecipanti e assegnati in modo casuale a mangiare o saltare la prima colazione. I volontari sono stati poi forniti con monitor di attività, dopo  sei settimane, il loro peso corporeo, il tasso metabolico a riposo, il colesterolo e la maggior parte delle misure di glucosio nel sangue erano circa lo stesso come lo erano stati alla partenza, non rilevando alcuna differenza, pertanto sostenendo che fare prima colazione non apporta alcun vantaggio.

L'unica differenza era che coloro che facevano prima colazione sembravano muoversi di più durante la mattinata; i loro monitor di attività hanno mostrato che i volontari in questo gruppo hanno bruciato quasi 500 calorie in più in movimento di luce intensità, cioè quelle che avevano introdotto con la prima colazione. 

Però i volontari che partivano già da una condizione di Bmi nella norma, il non saltare la colazione non aveva spinto i volontari a divorare enormi pranzi e cene, su questo secondo me dipende dalle abitudini iniziali, essendo di partenza già magri, vuole dire che già avevano delle buone abitudini alimentari, se questi fossero stati obesi e in sovrappeso, forse avremmo avuto un risultato diverso.


Quello che invece i professionisti della salute suggeriscono è un altra cosa, è dato certo è dimostrato che nella società di oggi distribuiamo in modo poco equilibrato i pasti. La nostra società ci impone dei ritmi frenetici cosi capita che ma maggior parte delle calorie le introduciamo alla sera, quando meno ne abbiamo bisogno, ma perché la sera è il momento che tutti siamo a tavola con la nostra famiglia siamo più rilassati. Quest'abitudine di mangiare poco durante il giorno e di più alla sera, è uno dei comportamenti più frequenti, ed è per questo motivo che i professionisti della salute suggeriscono di distribuire meglio durante il giorno le calorie, consigliano di fare una prima colazione con uno spuntino a metà mattina, in modo di avere energia quando serve e mangiando meno la sera.

Come spesso scrivo generalizzare non aiuta perché è direttamente proporzionale all'attività di un individuo, al mattino se fai lo scaricatore di porto o lo scarica valigie degli aerei negli aeroporti, necessita di una certa energia, conosco persone che la sera vanno a correre ci sono persone che lavorano durante la notte,  questo è molto diverso che andare a letto, di conseguenza dipende da individuo a individuo.


Perché la prima colazione non fa perdere peso?

Uno dei claims più citati nella pubblicità è che fare prima colazione fa perdere peso. I ricercatori della University of Alabama a Birmingham hanno reclutato quasi 300 volontari che stavano cercando di perdere peso. Sono stati assegnati in modo casuale ai volontari di saltare la prima colazione oppure farla mantenendo le abitudini alimentari.

Sedici settimane più tardi, i volontari tornarono al laboratorio per pesarsi. Nessuno aveva perso molto, solo un chilo o giù di lì per persona al massimo, non rilevando alcuno differenza tra i due gruppi.

Magari bastasse solo fare la prima colazione per dimagrire, la perdita di peso è un risultato difficile da ottenere e non dipende direttamente dalla prima colazione ma più che altro dal rapporto di calorie introdotte e calorie spese nell'arco della giornata, quello che ho sempre scritto che al di là di una dieta equilibrata quello che più conta è l'attività fisica il movimento, di fronte ad una società che tende sempre di più a farci mangiare a tutte le ore e a renderci sempre più pigri e poco agili. Bisogna si distribuire meglio i pasti ma anche diminuire le calorie totali giornaliere introdotte e fare movimento fisico, ma la prima colazione non deve essere un pasto in più.

Dipende anche dal metabolismo, io per esempio per non andare troppo lontano, faccio una prima colazione limitata, un caffè o un tè, della frutta fresca, preferisco fare uno spuntino a metà mattina piuttosto di una prima colazione completa.


Sintesi: questi due studi hanno ragione, nella nutrizione le cose certe sono poche anzi pochissime, però l'aumento di peso come la perdita di peso, non può essere valutato solo analizzando un unico pasto ma in tutte le calorie che si introducono durante la giornata e le attività che si svolgono.

Ricordatevi di distribuire meglio nell'arca della giornata i pasti, colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena, cercando di limitare la sera le calorie, se siete obesi e sovrappeso è bene diminuire le calorie introdotte e fare movimento fisico.

Anche se gli studi indicano che è indifferente se fare o non fare prima colazione, io consiglio di farla anche poco, cercando di limitare i prodotti industriali già pronti.

Gli studi sono durati solo sei settimane, per valutare quali comportamenti e quelle abitudini che stimolano a mangiare di più o a perdere peso necessitano di essere monitorati in un arco di tempo più lungo..

Ps siamo certi a breve che sarà pubblicato sul quotidiano nazionale più noto un articolo sulla bontà dei cereali nella prima colazione per seminare dubbi e fare cattiva informazione

20 commenti:

  1. Penso anch'io che i risultati di uno studio fatto in piccolo non possono essere generalizzati a tutti e, di conseguenza, indicativi di un nuovo stile di vita. Io credo nell'importanza della prima colazione, fatta in maniera sana, leggera ed equilibrata, preferendo sempre prodotti fatti in casa a quelli industriali, esageratamente calorici. Naturalmente sono contraria a quelle colazioni esagerate che mimano veri e propri pasti. Anche perché in un modo o nell'altro queste calorie vanno comunque smaltite!!! Ma è ovvio, come dici anche tu, che tutto dipende dallo stile di vita che ognuno ha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente i prodotti fatta in casa hanno un valore in più di salute e anche in termini di gusto, grazie dell'approfondimento

      Elimina
  2. Ma guarda, sono sempre stata indifferente alla prima colazione, nel senso che quella o spuntino a metà mattina sono equivalenti, purché robusti, mi sforzavo di farla appena alzata per motivi di salute, mentre è sempre stato difficile mangiare poco a pranzo, perché nel pomeriggio divento una belva affamata e la sera mangio per sette. Invece se mangio bene a pranzo la sera non mi dà problemi mangiare poco, anche solo verdure e frutta. Insomma il mio istinto avrebbe seguito il comportamento più sano da solo (i prodotti industriali da colazione non mi sono mai piaciuti, comunque).
    Peccato che sia così triste consumare un buon pranzo da soli, in ufficio, appoggiati dove capita, che anche portato da casa non sarà mai buono come appena fatto, con l'occhio all'orologio... i datori di lavoro dovrebbero decidersi ad attrezzare delle piccole ma ben fatte cucine, ne guadagnerebbero la salute e l'umore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molto interessante il tuo commento, infatto uno dei problemi è che a mezzogiorno si mangia dove capita, luoghi di lavoro che non lasciano e non hanno luoghi adatti a consumare il pranzo, in questo senso hanno fatto dei passi indietro., una volta si pensava di sitituire le mense lo vi vedeva come un dovere sociale, oggi invece ... panini su scrivanie senza un minio di privacy

      Elimina
  3. io sono una che vorrebbe la slow breakfast, mi piace indugiare a tavola chiacchierando e mangiando qualche cosa sana, non sempre è possibile farlo però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piacerebbe tanto fare uno slow breakfast :-)
      ci risco solo ogni tanto il sabato o la domenica

      Elimina
  4. Interesante questa cosa... alla fin fine dobbiamo reimparare ad ascoltare il nostro corpo, ognuno ha esigenze diverse ed evitare le porcate. Se ci pensiamo, ci vuole poco per stare bene. Buona giornata Gunther ;)

    RispondiElimina
  5. Io penso la prima colazione sia molto importante, e ci tengo molto a farla abbondante. Al mattino abbiamo bisogno di benzina per partire ^_^ e sopratutto vedo che una buona colazione sana ti mette il buon umore...almeno a me ^_^ buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa tesi del buon umore mi piace moltissimo e la sposo volentieri :-)

      Elimina
  6. Io se non faccio una bella colazione la mattina divento rabbiosa!!! E soprattutto svengo ;-) ..il mio principale problema nel fare l'esame del sangue sta proprio nel fatto di dover andare furoi di casa a digiuno... ahahaha... :-D cmq come dici tu è soggettivo quanto si mangia e dipende sia dal metabolismo che dall'attività che svolge la persona. Però secondo me farla è importante, anche se non abbondante. ;-) Io quando sono in vacanza all'estero, inizio con la colazione all'italiana, caffelatte, marmellata, pane cereali e frutta...poi aspetto un momento e passo a uova strapazzate e bacon!!! Sono un 'tombino' lo so, ma finchè il metabolismo funziona approfitto! ;-) Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai un metabolismo veloce, fai benissimo

      Elimina
  7. Interessantissimo e davvero un ottimo spunto di discussione: come sempre, credo che sia necessario distinguere come sempre tra individuo ed individuo, senza generalizzare. La prima colazione serve senza dubbio a ricaricare l'organismo e dargli l'energia giusta per affrontare la giornata; non farla del tutto può essere uno scompenso, a meno che non si sia abituati e si abbia una dieta comunque bilanciata. Sul fatto che la colazione sia il momento in cui ci si può permettere magari qualche sgarro (avendo la possibilità di bruciare con movimento durante la giornata) posso anche essere d'accordo.. alla fine che gioia è mangiare un bel cornetto alla crema con un tè, ogni tanto? :) Ma sul fatto che la colazione 'faccia dimagrire'... e che è, un miracolo?? Il calcolo delle calorie non è un'opinione, come la matematica: un tot vanno assunte al giorno.. quelle in più, specie con vita sedentaria, non vanno. Il segreto sta nel bilanciare le cose, nel mangiare con criterio: se uno è abituato a mangiare abbacchio e cazoeula ogni mezzogiorno forse è meglio che il cornetto alla crema se lo scordi... e viceversa! :) Grande Gunther!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te di questa riflessione molto interessante, non bisogna diventare ossessionati dalle calorie, ogni tanto un cornetto alla crema perchè no a prima colazione

      Elimina
  8. Io se non faccio colazione divento triste! Infatti è l'unico momento della giornata che mi concedo un dolcetto fatto da me: una briosce, una fetta di torta, una fetta biscottata con della buona marmellata casalinga. Non tutto insieme naturalmente ma una cosa alla volta di quelle elencate, vario spesso perchè sono una golosona. Sai che quando mi capita di dover fare delle analisi del sangue e quindi esco senza fare colazione, mi gira la testa? Io non penso proprio che la colazione faccia dimagrire, piuttosto sono convinta che ora di sera il mio dolcetto lo avrò ben smaltito, noo?
    Oggi ho fatto una riflessione sulla capacità della nostra memoria sul mio blog, e ti ho citato, perchè quello è uno dei quesiti giusti per te e mi piacerebbe sapere cosa ne pensi. Grazie, come sempre.

    RispondiElimina
  9. Inizio col dire: che palle! e ho detto tutto. Nel senso che da giovane (e solo fino a due anni fa - ossia 46 anni) mangiavo quel che volevo, quando volevo e avevo 42 di taglia. Ora.. 48 vivendo di verdura, tra un po' invece delle orecchie mi spuntano fiori di zucchina!. Il metabolismo non è tutto, ma TANTO, almeno per me. Certo che però scusa eh Gunter ma ci metti delle foto con: biscottini sfiziosi visibilmente fatti in casa, tortine con creme, tiramisù eh! però anche tu sei cattivello! Quello studio dei cibi che alla mattina non fanno ingrassare e la sera sì mi sembrano una cretinata, nel senso: se alla mattina mi abbuffo e poi sto seduta in ufficio non smaltisco, giusto? se alla sera mi abbuffo e poi vado a camminare, o faccio ginnastica.... cosa è meglio o peggio? Io di mattina mangio perchè sono stata tante ore a digiuno e ho fame. Dicono poi che non fare colazione, dopo ore di mancanza di cibo possa, col tempo, portare ad avere problemi con il diabete (è vero?) la mia dottoressa poco tempo fa, quando le ho detto che mangiavo i cereali mi ha detto di sbatterli nell'immondizia. Dice che si danno alle oche per farle ingrassare. corn flakes secchi, con liquido= ritenzione dei liquidi e ciccia, Oh my God!!! io ero e sono a dieta e, porca miseria, pensavo di diventare come la signorina col costume rosso della pubblicità, invece cos'è? tutto un inganno? :-) eheheh ma. per ritornare all'inizio del commento, che palle sta linea, quando non mettevo sù un etto non capivo quanto fosse complicato il mondo di chi combatte con la bilancia (chi davvero combatte - non chi dice di farlo e poi si spara una confezione e mezza di kinder brioss per uno snack) comunque io faccio colazione con: caffè (caffettiera moka da tre tazze TUTTA con poco latte) poi 3 o 4 fette biscottate con un velo ridicolo di marmellata fatta da me. C'è chi sogna la California, io sogno un grosso e burroso croissant :-( baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fai sempre molto sorridere, grazie

      Si sono cattivello forte. i biscottini gli hai fatti mia mamma, li metto a tavola per colazione, poi chi passa li prende, il tiramisù me lo concedo una volta ogni tanto, quando vado in alta montagna, mi dà una bella carica quando magari devo affrontare un percorso impegnativo, è solo psicologico andrei su lo stesso ma mi piace.

      Si la tua dottoressa ha ragione i cereali per la prima colazione quelli industriali sono in genere prodotti ad alto indice glicemico

      la tua colazione va benissimo, mi raccomnado non bere troppi caffè durante il giorno

      è l'età che ci frega, io mangiavo le torte intere ero magro come un chiodo, adesso se mangio dolce un po di mattine subito ingrasso, è il fisico che cambia e si modifica, bisogna adeguarci anche ad un età diversa.

      Purtroppo è cosi c'è chi geneticamente è predisposto a ingrassare, appena sgarra ingrassa mandando a monte mesi di dieta, non è giusto lo so ma è cosi

      :-)

      Elimina
  10. Ciao,pensa che io mai faccio colazione..a volte il caffè e latte lo mangio al posto della cena..:D
    Buon week end

    RispondiElimina
  11. credo che come sempre, equilibrio e buon senso siano la chiave di tutto. le generalizzazioni non mi sono mai piaciute, ognuno di noi è diverso dall'altro e credo sia importante imparare ad ascoltarsi e conoscere se stessi.
    io sono una di quelle che non salta la colazione, non ci riuscirei ad affrontare una mattinata solo con un caffè, ma non ne faccio certo il principale pasto della giornata. faccio invece una cena troppo abbondante, quasi sempre seguita da un bicchiere di latte e della frutta prima di andare a letto. di sicuro a giudizio dei nutrizionisti, è un'abitudine sbagliata, ma me la porto dietro da una vita, mi sento bene così e non riesco a rinunciarci. quando ci ho provato, il risultato è stato svegliarmi nel cuore della notte con un buco nello stomaco! sarà che facendo sport nel tardo pomeriggio, l'appetito a cena aumenta mentre durante la giornata sono quasi sempre ferma, seduta ad una scrivania, quindi anche l'appetito è minore.
    è difficile districarsi nel mare dei consigli che ci bombardano da ogni parte. c'è che dice che i carboidrati andrebbero mangiati solo nella prima parte della giornata e assolutamente evitati dopo le 17-18; dall'altra c'è chi sostiene che faccia bene mangiare carboidrati la sera perchè favorirebbero il sonno grazie alla serotonina. questo esula un po' dal tema colazione ma giusto per dire che tra chi la dice bianca e chi la dice nera, io continuo a preferire il grigio :)
    un abbraccio, buona settimana

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi