martedì 2 settembre 2014

Consumo di sale e sclerosi multipla

Veronica C, Torino : é vero che l'eccesso di sale è la causa della sclerosi multipla?

No, seppure in questi giorni se ne è parlato molto sulle riviste scientifiche e sui quotidiani, nel riportare uno studio sui malati di sclerosi multipla, si è equivocato molto, invito a leggere il mio post del marzo 2013, dove ho recensito uno studio che mette in relazione il consumo di sale con le malattie autoimmuni, che include anche la Sclerosi Multipla

Dal momento che qualche anno fa l' OMS ha invitato a ridurre il quantitativo di sale, il cui consumo supera il doppio dei livelli raccomandati si è collegato il consumo eccessivo di sale a tutte le possibili patologie dall'alluce valgo al gomito del tennista.

L'eziologia o meglio le cause della Sclerosi Multipla non sono note, non si conoscono, si è portati a pensare a un mix di fattori genetici, ambientale e infettivi, nessuno di questi fattori sembra che sia determinante piuttosto una possibile concausa.

Si era parlato di genetica ma nonostante si sia trovato una possibile causa nelle alterazioni dell' antigene leucitario umano HLA, questo non ha dato negli studi dei risultati interessanti, non si può parlare d'ereditarietà o per lo meno c'è un indice di probabilità del 20% ma che può dipendere anche dai fattori ambientali, negli anni si è parlato molto d'esposizione al sole, di carenza di Vitamina D, esposizione a solventi, fumo, terapie ormonali, ma nessuna di queste ha dato una risposta certa. 
Quello che però è importante è che è una patologia legata al sesso femminile 3:1 rispetto al sesso maschile, o meglio le donne sono più a rischio rispetto agli uomini.

Si è correlato l'eziologia della Sclerosi Multipla anche alle malattie infettive come virus Epstain Barr, quello della Mononucleosi infettiva, ad Morbillo e Rosolia, ma nessuno nemmeno in questo caso ha dato una risposta certa.

Pertanto quello che lo studio pubblicato su Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry  svolto presso Istituto di Ricerca di Neurologia Buenos Aires (Argentina) in collaborazione con il Professor Francisco Quintana, Harvard (USA),  dimostra che i pazienti con Sclerosi Multipla che hanno consumato una quantità moderata di sale  (da 2 a 4,8 g / die) il progredire della malattia è stato più lento rispetto al gruppo che consumava una quantità di sale superiore.

Al centro del dibattito scientifico nel rapporto tra sodio e immunologia sono le cellule Th17 che in presenza d'eccesso di sodio nell'alimentazione si moltiplicano più facilmente.

Sintesi: anche se esiste questa relazione tra sodio e sclerosi multipla, non abbiamo elementi per dire che il sale/sodio sia la causa della Sclerosi multipla, certo è consigliabile a prescindere la riduzione di sale nell' alimentazione in qualsiasi caso.

Una sola nota, sono andato l'altro giorno a trovare mia cugina e mi dice io il sale non lo uso più in cucina, mentre mangia un pacchetto di patatine fritte! Cugina mia e non, quello che voglio dire che il sale da tavola è il 20% del sale che si assume durante il giorno la maggior parte del sale/sodio arriva dai cibi già pronti ed è su questi che dobbiamo imparare a controllare se vogliamo ridurre l'apporto di sale, leggere le etichette il quantitativo di sale o sodio.

Assunzione raccomandata di sale / sodio: Fabbisogno fisiologico di sale: meno di 2 g /die. Fabbisogno consigliato OMS: 6 g/die  di  sale o 2,4 g di sodio.

Riferimenti: Mauricio F Farez, Marcela P Fiol, María I Gaitán, Francisco J Quintana, Jorge Correale "Sodium intake is associated with increased disease activity in multiple sclerosis" Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry doi:10.1136/jnnp-2014-307928

Post correlati: 

12 commenti:

  1. Quante cose non si conosco di una patologia così importante. Spero tanto che in futuro, la ricerca potrà rispondere a molte di queste domande.

    RispondiElimina
  2. .......e te pareva che le donne non fossero più soggette degli uomini! però campiamo di più, pare (meglio o peggio degli uomini che invece diventano over novantenni non si sa però.. ma che tristezza)

    RispondiElimina
  3. ridurre il sale a prescindere, la salute ne guadagnerebbe, buona settimana

    RispondiElimina
  4. Oddio com'è interessante il tuo blog! Ti seguo senza dubbio... felice di averti scoperto ;-)

    RispondiElimina
  5. Non sapevo tutte queste cose sulla sclerosi multipla, certo nn credo sia causata dal sale..
    Come tu specifichi è bene fare attenzione all' uso di sale ed alle quantità...io aggiungerei anche al tipo di sale. Certo nn fa bene il sale bianco, raffinato che so trova al super e dentro alla maggior parte dei prodotti industriali che consumiamo...ho letto un libro molto interessante, ' il sale fa bene'...già il titolo fa riflettere no? Il sale ha anche tanti sali minerali importanti x il ma organismo, il sale integrale intendo nn quello raffinato e consumato in dosi idonee serve! Certo se poi come dici tu uno mangia pacchetti di patatine ...
    Sei forte Gunther!! Grazie x il tuo lavoro e tutte queste info!! ;-)

    RispondiElimina
  6. La critica che mi si fa giornalmente in famiglia: non salo nulla (a parte l'acqua in ebollizione per la pasta, ma lo faccio a pochi minuti dallo scolarla)! D'accordo, probabilmente esagero ma preferisco omettere.
    Grazie di cuore, Gunther. E' sempre un arricchimento leggere i tuoi pst.
    Un caro abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
  7. Spero tanto che si trovino presto l' origine e, soprattutto, le cure per malattie cosi' tremende come questa.

    RispondiElimina
  8. Meno se ne mette meglio è..anche se è sempre difficile,perchè le cose gustose piacciono a tutti!!! :D
    Buona serata ciao

    RispondiElimina
  9. Io lo dico sempre che il sale che si usa cucinando è talmente poco che non può fare male! Mi hai chiarito un dubbio ... Anche perchè a me non piacciono gli alimenti troppo salati, sono sempre parca nell'aggiungere sale. della correlazione con la malattia non ne avevo mai sentito parlare ma spero tanto che si trovi l'origine al più presto. Grazie Gunther

    RispondiElimina
  10. Molto interessante, ho letto anche il post sulla relazione tra sale e malattie autoimmuni, non lo sapevo...
    Certo è che eliminando cibi già pronti ed industriali si fa già un bel lavoro, riducendo sia il sale ma anche i grassi e gli zuccheri.

    RispondiElimina
  11. ciao Gunther, ben ritrovato
    Riapro il tuo blog dopo le vacanze estive e leggo questo interessante articolo. Faccio ammenda!!!!
    io uso molto il sale purtroppo, nella mia famiglia, di origine toscana, si mangia il pane sciocco e si sala e spezia molto il resto ... Ho la pressione bassa e questo non mi aiuta nel ridurre il sale. E' tutta questione di abitudine, ben lo so, dovrei educare il mio gusto; ma quando assaggio qualcosa di poco salato inorridisco quasi e prendo subito la saliera... ho diverse amiche con questa malattia, è più comune di quanto si creda

    RispondiElimina
  12. Io cucino poco salato e questo post è stato tanto illuminante!

    RispondiElimina

Commenti anonimi e privi d'indentità verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link commerciali saranno rimossi